Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Descrizione del modo di dire Essere l'operaio dell'ultima ora. Significato ed esempi di utilizzo dell'espressione. Cosa vuol dire.



Modi di Dire

Essere l'operaio dell'ultima ora


Descrizione
È riferito a chi sopraggiunge per ultimo e reclama, esige i medesimi meriti, compensi, benefici di chi era arrivato prima.

L'origine del modo di dire deriva da una parabola del Vangelo secondo Matteo, nella quale si parla di un uomo che recluta, personalmente e più volte durante la stessa giornata, operai per lavorare nella sua vigna.

Terminata la giornata, l'uomo paga in modo eguale sia coloro che hanno lavorato per poche ore, quindi giunti per ultimi, sia quelli che hanno lavorato per l'intera giornata, quindi giunti per primi, inoltre, questi vengono anche pagati per ultimi. Chiaramente, gli operai interessati, lamentano la cosa come un'ingiustizia ma l'uomo fa notare che la paga è di quanto inizialmente pattuito e che quindi non aveva fatto nessun torto.

Il messaggio della parabola punta al senso di umiltà richiesto per entrare nel regno di Dio. Gli ultimi arrivano a una preziosissima consapevolezza, quella di non meritare quanto coloro che li hanno preceduti, i primi, invece, hanno la "presunzione" di pensare di "dover meritare" di più rispetto agli altri. Questa posizione è contraria allo spirito di umiltà, ecco perché la storia termina con la seguente famosa affermazione "Così gli ultimi saranno i primi, e i primi ultimi".
Navigazione
Dizionario: parabola, operaio, essere
Altri modi di dire: Spirito di patata; Prendere quel che passa il convento; Andare in Emmaus
Vedi anche: Coniugazione di essere (sono, sei, è, ero, eri, fui), Aggettivo ultimo, Esempi con operaio


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze