Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «articolo», il significato, curiosità, forma del verbo «articolare» associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Articolo

Forma verbale
Articolo è una forma del verbo articolare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di articolare.
Parole Collegate
Nomi Alterati e Derivati
Diminutivi: articolino, articoletto. Accrescitivi: articolone. Vezzeggiativi: articoluccio. Dispregiativi: articolaccio.
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
giornale (20%), determinativo (15%), il (10%), sportivo (4%), trentuno (3%), indeterminativo (3%), abbigliamento (2%), primo (2%), legge (2%), prodotto (2%), scolastico (2%), uno (2%), pezzo (2%), grammatica (2%), merce (2%), nome (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola articolo è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: ar-tì-co-lo. È un quadrisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: articolò.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: colatori, colorati, colorita, locatori, loricato, ricolato.
articolo si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): [orto] + [alci]; loto + [acri]; [loro] + [cita]; ito + [carlo]; [ori] + [colta]; [irto] + [calo]; [ilo] + [corta]; loti + [acro]; litro + oca; toc + [orali]; [coro] + [alti]; [corto] + [ali]; [cool] + [atri]; colto + [ari]; cloro + tai; [ciò] + [altro]; cito + [laro]; [ciro] + [alto]; [corti] + [lao]; orcio + alt; coli + [arto]; colti + [aro].
Componendo le lettere di articolo con quelle di un'altra parola si ottiene: +[leu, lue] = allocutorie; +lui = allocutorii; +pil = allotropici; +can = anatroccoli; +[dan, dna] = articolando; +[ami, mai, mia] = articoliamo; +sta = ascoltatori; +gas = astrologica; +pet = caprioletto; +ogm = cologaritmo; +don = colorandoti; +[csi, ics, sci] = coloristica; +più = copulatorii; +[par, rap] = corporalità; +gin = crogiolanti; +dee = decoloriate; +pie = eliotropica; +gel = glicerolato; +tag = graticolato; ...
Vedi anche: Anagrammi per articolo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: articola, articoli.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: arto, arco, aiolo, ricolo.
Parole con "articolo"
Iniziano con "articolo": articolone, articoloni.
Finiscono con "articolo": disarticolo, disarticolò.
Parole contenute in "articolo"
col, tic, arti, colo, artico. Contenute all'inverso: tra.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "articolo" si può ottenere dalle seguenti coppie: arre/reticolo.
Usando "articolo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: operarti * = opercolo; liberarti * = libercolo.
Lucchetti Riflessi
Usando "articolo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: vira * = viticolo.
Lucchetti Alterni
Usando "articolo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * reticolo = arre; opercolo * = operarti; libercolo * = liberarti; * ateo = articolate; * avio = articolavi; * astio = articolasti.
Sciarade e composizione
"articolo" è formata da: arti+colo.
Sciarade incatenate
La parola "articolo" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: artico+colo.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "articolo" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arno = articolarono; * atre = articolatore; * atri = articolatori; * atrii = articolatorii; * atrio = articolatorio; pareggi * = particolareggio.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "articolo"
»» Vedi anche la pagina frasi con articolo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • L'articolo 88 del tuo catalogo di alzate per torte è davvero utile.
  • L'articolo scritto sul giornale locale riguarda mio zio cardinale.
  • Nella mia città sono già iniziati i saldi estivi e io non vedo l'ora di trovare il mio articolo preferito a un prezzo più basso.
Citazioni
  • Il 13 novembre 2013, il quotidiano L'Unità, in un articolo su Angelino Alfano, scrive: "Il direttore di “Panorama” ha preannunciato un articolo che si presume poco lusinghiero nei confronti del vicepremier".
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario grammaticale della lingua italiana del 1869
Articolo - Chiamansi articoli le parolette che si premettono a' nomi per indicare quando le cose o le persone, di cui si parla, siano determinate, e quando no. Il perchè vi hanno articoli determinativi ed articoli indeterminativi, che si accordano in genere e numero co' nomi cui si premettono.

Pare che la voce articolo, osserva il Cerutti, derivante dal latino articulus, sia stata presa da' grammatici nel senso diminutivo di membro, come si direbbe con altra parola italiana particella; e che così sia stata detta, perchè è composta d'una sola sillaba, ed è qual piccolo membro della proposizione.

Altri dicono che articulus sia preso nel senso di giuntura, nel quale non si discerne tal significato.

Gli articoli determinativi sono il, lo, la, i, gli, le, perchè si prepongono a' nomi esprimenti un oggetto già determinato.

E qui nota il Castrogiovanni, che siffatti articoli servono a determinare non solamente gl'individui, ma altresì i generi e le specie. Cosi dicendo: l'uomo tende alla felicità secondo ragione, per l'uomo s'intende quell'essere che è chiamato uomo; ond'è che in tali casi l'articolo il, lo, la, premesso ad un nome comune, semprechè con questo s'intenda significare tutto un genere o tutta una specie determinata, equivale ad ogni; sicchè l'uomo tende, è come dire ogni uomo tende; e dicendo gli uomini tendono s'intendono tutti gli uomini.

Gli articoli il e i si premettono a' nomi maschili, che incominciano per consonante, che non sia s impura. Es. Il libro - i libri al plurale.

Lo si mette avanti al nome maschile che incomincia per vocale o per s impura, e fa al plurale gli, come: lo spirito, gli spiriti.

I nomi maschili che cominciano per z possono avere l'articolo il e lo, i e gli, come piace meglio allo scrittore. Es. lo zolfo, lo zio - ed il zolfo, ed il zio; ma al plurale è meglio usare gli e non i.

La e le si usano co' nomi femminili comincianti per vocale o per consonante. Es. La donna, la educatrice (le donne, le educatrici al plurale).

Gli articoli lo, la, le, innanzi a vocale si troncano in l' apostrofato. Es. l'anima, l'onore, l'ecclissi.

Indeterminativi si dicono gli articoli un, uno e una perchè si prepongono a' nomi esprimenti un oggetto non ancora precisamente determinato.

Un si premette a' nomi maschili che non cominciano per s impura, come: un albero, un fiore.

Uno si usa col nome maschile che comincia per s impura. Es. uno spirito, uno sparviere.

Una si pone innanzi a' nomi femminili che cominciano per consonante. Es. Una carta, una gerla. Innanzi a vocale si tronca in un' apostrofato. Es. Un'anima, un'ombra. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Articolo - e † ARTICULO. [T.] S. m. (Anat.) Propr. Nodo, Giuntura dell'ossa nel corpo degli animali, e il luogo dove le ossa si congiungono insieme per agevolezza del moto delle membra. [Cont.] G. G. L. cand. lun. Fare ad essi animali ogni loro membro, muscolo, ed articolo. [Camp.] Volg. Metam. VIII. La magrezza avea logori gli articoli (articulos). Serm. sacr. 24. Nel quale (corpo di Cristo) non rimase nè membro, nè articolo dove non fosse afflitto. = Red. nel Diz. di A. Pasta. (Mt.) Talvolta… de' versamenti fuora de' canali stessi alla volta delle parti più deboli, quali appunto sono gli articoli. E Lett. fam. 2. 299. (Man.) Del dolore svegliato intorno agli articoli. Cocch. Bagn. Pis. 201. (Gh.) Avviene che le più cellulose parti degli ossi, che sono le più vicine agli articoli, ricevano e ritengano in soverchia abbondanza il mal digesto umore. Bellin. disc. 1. 24. (Man.) L'ossa chi non sa quanto del continuo s'agitino e si girino ai lor nodelli o articoli? E 181. Trovar la necessità di tutti gli ossi, loro articoli, e lor congegnatura.

2. T. Da questo venne il senso gramm. e logico e pratico, cioè dall'imagine di Giuntura insieme e di Distinzione di parte che annoda altre parti, e ne spiega e agevola i moti. Onde Cic.: Parole che, quasi articoli, commettono le membra del discorso.

Articolo. T. gramm. Parola declinabile, che aggiunta a Nome o Pronome determina e distingue la cosa accennata, e sono: il, lo, i, gli, la, le. T. L'articolo s'accorda col nome, fa corpo con certe prep.: congiungendosi al verbo ed all'avv. li fa diventare nomi. In origine è pronome, e talvolta ne tiene le veci; certi pronomi fan vece d'articolo. Quintil. La nostra lingua (latina) articoli non richiede, e però nelle altre parti del discorso l'uso loro si sparge. = Fir. Disc. lett. 319. (C) Gli articoli che ha la lingua nostra. T. Salv. Avvert. 53. Que' nomi che dell'articolo son capaci. Varch. Lez. Accad. 246. Se gli pone comunemente l'articolo dinanzi e dicesi il caldo. = Salv. Avvert. 2. 2. 11. (C) Non si potrebbe dar l'articolo ai così fatti (nomi) se non quando… Varch. Quest. Alchim. (Man.) Molte dizioni cominciano da quest'articolo arabo Al.

3. Siccome l'idea di Giuntura porta seco l'idea delle parti congiunte, e però nell'atto dell'unire ajuta a discernerle; Articolo anco ai Lat. valeva Divisione di cose; e, nel senso gramm., Particella del discorso più o meno compita, cioè ora inciso, ora membro.

De' discorsi, segnatam. scritti, le partizioni maggiori soglionsi fare in Capi o Capitoli, le minori in Articoli; e questi suddividersi in Paragrafi o Numeri, o Capiversi. Può l'Articolo essere alquanto lungo, il Capitolo breve, ma l'ordinaria è la diff. not. T. La Somma di S. Tommaso è divisa in parti, le parti in questioni, le questioni in articoli, e in ciascuno articolo più materia è trattata, e più questioni sciolte, e con metodo più scientifico che in molti trattati moderni.

[Cam.] Adr. Plut. Op. 390. Quello che voi, nutriti nello studio di filosofia, più volte udiste, ho ridotto sotto certi articoli di comparazioni, ristretti in brevi parole.

4. Talvolta non è divisione materiale, ma distinzione de' capi, d'idee. T. Fr. Giord. Pred. 230. Queste parole proposte s'adattano coll'articolo che avemo (abbiamo) cominciato e non l'avemo ancora compiuto. (Gh.) Passerò a rispondere ad uno degli articon della vostra lettera. T. Rispondesi anco a discorso di viva voce, articolo per articolo, cioè Partitamente e in forma determinata.

T. Gli articoli delle leggi moderne sono partizioni più brevi.

Articoli di capitolazione, di patto pubblico o privato, d'atto legale. Guicc. Stor. 6. 775. (Man.) Alla quale furono aggiunti tre articoli non commessi nella capitolazione, ma posti in scrittura separata. Galil. Lett. Uom. Ill. 1. 27. Avendo io fermo proponimento di non mutare articolo alcuno essenziale di quelli che… mi son stati proposti.

T. Not. Malm. 655. Piantare una partita è inserire o descrivere nel libro di negozio una parte o articolo o capo di scrittura che dá debito o credito a chi s'aspetta.

5. Per estens. Non di scritto nè di discorso. Tav. Pist. S. Bern. 4. (C) Quando venissi a quest'articolo di contemplazione, che sopra essa non debbi (debba) essere lunga dimora.

6. Per estens. ancora maggiore, di parti che formano un tutto. T. Un giornale è diviso in articoli, i quali, se politico, trattano di materie diverse, anche fuori della politica; se letterario o scientifico, possono vagare per tutto lo scibile e per il nescibile.

T. Ne' politici, quelli che chiamano barbaramente articoli di fondo, potrebbesi dire generali o principali, secondo i casi.

7. E perchè le cose che distinguonsi in qualsia modo, s'intende che debbono essere più attentamente considerate, però Articolo vale Parte o Punto importante.

Nel senso teol. Passav. 138. (Gh.) Dee sapere almeno quali sono li articoli della fede. Introd. Virt. 25. (Man.) Ammaestrato dalla filosofia, di tutti li articuli della fede. Segner. Crist. Instr. 1. 3. 17. T. Com. Dant. 1. 249. Avesse ignorato l'articolo della Resurrezione.

T. Modo com. Questo è, o non è un articolo di fede; cioè essenziale alla Religione che crediamo, e però il crederlo necessario a salute. – Fam. Di cosa a cui non solo non sia debito credere, ma sia meglio non credere: Non è un articolo di fede cotesto. – Negano la fede; e poi per Articoli di fede spacciano le loro negazioni e distruzioni.

Assol. Trat. Spir. 56. (Man.) Non sapere gli articoli (è peccato di negligenza), non li comandamenti.

In senso men alto. [Val.] Car. Lett. 1. 3. Voi che avete lo scrivere per articolo di sostanza nell'amicizia, e scrivere per consuetudine e diletto, mi fate meravigliare a star tanto che non ci diate almen nuova di voi. E 223. E fam. 2. 181. Questi complimenti non sono articoli necessari all'amicizia. = E 1. 51. (Man.) Dal mio (canto) mi scuso con questo che lo scrivere, secondo il mio dogma, non è articolo d'amicizia se non quando importa o all'uno o all'altro che si scriva. [Val.] Ros. Sat. 1. E se dei Re non fosse infra gli articoli Che non stien mai senza c… allato.

Di punto non essenziale, ma pur notabile e grave. G. V. 6. 25. 2. (Man.) Dovesse venire al detto concilio a scusarsi di tredici articoli provati contro a lui, di cose fatte contro alla fede. T. Malisp. Stor. Fior. 111. Federigo de' detti 13 articoli essere colpevole. = G. V. 7. (Man.) Convinte in più articoli di resía di fede.

Car. Lett. fam. 1. 28. (Man.) Vegga di ritrarre il parere delle LL. SS. Ill. circa quest'articolo della riduzion del concilio. [Val.] Mach. Lett. fam. 276. Quell'esperienza che m'han dato sessant'anni ch'io non credo che mai si travagliassino i più difficili articoli che questi, dove la pace è necessaria e la guerra non si può abbandonare. = Car. Lett. 2. 196. (Man.) Di tutto mi rimetto al giudicio di quelli che meglio hanno esaminato quest'articolo (della tragedia in gen.) Tolom. Lett. 3. 1. Non trattiamo qui ora quest'articolo rettoricamente. T. Targ. Rag. Agric. 78. A quest'articolo si riducono anche le difese dai fiumi e torrenti. = Cecch. Spir. 2. 1. (Man.) Questo è punto legale: è un articolo, che ci vuole dello studio sopra. M. V. 2. 24.

In senso più lato e più ideale. T. Giuliano: Non si possono tutti gli articoli e nelle leggi e ne' decreti del senato comprendere.

Articolo di ragione si dice nelle cause tanto civili che criminali la Questione legale che si prende ad esaminare senza riguardo al fatto speciale. (Man.) Arnob. Articolo della causa.

[Can.] Articolo di prova testimoniale, nel ling. forense il Fatto specifico che una delle parti si dispone a provare con testimoni.

8. Nel. seg. modo non com. Pare che Articolo stia per Artifizio simile a quelli degli avvocati; sul fare d'Amminicolo. [M.F.] Cecch. L. M. V. 2. 39. Io condurrò là dentro Ton di Bartolo. E gli dirò che quella è monna Papera. Come potrà ei far, con tanti articoli, Ch'e' non ceda a Gualfredi?

9. Siccome del senso corp. Articolo può corrispondere a Estremità, e siccome aobiam visto associarvisi l'idea gen. di Punto; così avevano gli stessi Lat. la locuz. Articolo di tempo; e a noi segnatam. è com. Essere, Trovarsi in articolo di morte. [Cors.] Pallav. Stor. Conc. 9. 7. 9. Niuno debba essere battezzato se non in articolo di morte. = Fr. Giord. Pred. 45. (Gh.) Quasi sempre stava in articolo di morte.

Men com. coll'art. Serd. Stor. 2. 64. (Man.) Nello stesso articolo della morte si gloriava delle prove fatte contro gli ucciditori.

Ancora men com. colla partic. In sul. [Tav.] B. Giamb. Oros. 192. Istando in sullo articolo della morte.

D'altre estremità dolorose, inusit. [Tav.] Dial. S. Greg. 3. 28. Sopravvenendo lo articolo della persecuzione. S. Bonav. Speech. Spirit. 164. 1. 23. Ti converta a Lei siccome a sicurissimo rifugio in tutti gli articoli e strettezze delle necessitadi. [Val.] Lett. Greg. IX. a Fed. II. 97.

Meno inusit. il seg. Cavalc. Espos. simb. 1. 476. (Man.) Ministro proprio di questo sagramento (del battesimo) è il sacerdote; ma in articolo di necessità non solamente il diacono, ma eziandio qualunque laico.

† Assol. [Cam.] Gian. Op. 2. 207. Guarda a che articolo m'ha condotto la fortuna!

† D'altro tempo in gen. [Camp.] Volg. Bib. 1. 7. Nell'articolo di quel di entrò Noè nell'arca. = Car. Lett. Tomit. 85. (Man.) Io ebbi la vostra dell'11 in quell'articolo che M. Giuliano montava a cavallo. Ai Lat. In articulo, assol., valeva Sull'atto.

10. Dall'idea di Giuntura a quella di Congiuntura ci portano i suoni stessi. Onde Articolo valeva Opportunità di tempo e d'altre circostanze. Plaut. Commoditatis omnes articulos scio. † Fr. Giord. Pred. 93. col. 2. (Gh.) Abbiamo veduto i casi e li articoli nei quali c'è lecito parlare.

11. † Nel seg. pare Congiuntura di luogo (se la lez. non è errata). [Cam.] Giov. Vill. 7. 106. Vidde la congiunzione a dì 28 di Marzo, essendo la detta congiunzione nell'articolo angolo di ponente.

12. Dall'idea di parte e particella pare che venga l'uso d'Articolo in senso di Cosa di non grande importanza; non com. [M.F.] Cecch. L. M. v. 2. 45. Metton l'esca, allievano a loro spese gli uccellini che cantino, li zimbelli, le reti e mille articoli.

13. Dal senso di cosa stante da sè venne forse il moderno non bellissimo degli Articoli di commercio, del Negoziare in tali e tali articoli; che è però men barbaro di Oggetto: ma potrebbesi dire Capi, e altrimenti.

14. Nel seg. pare che possa collegarsi di senso col sopra not.; ma il trasl. viene dal signif. ordinario degli articoli delle dita; e dalla forma delle dita venne quella dei numeri romani forse. [M.F.] † C. Bart. Mis. Dist. 130. Chiamansi ancora questi numeri semplici diti; et questo dico così per l'uso della pratica da farsi, sì per la differenzia che è da loro a gli altri che dipendono da loro aggiuntovi il zero, i quali non più diti ma articoli si chiamano.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: articoliamo, articoliate, articolini, articolino, articolista, articoliste, articolisti « articolo » articolone, articoloni, articolucci, articoluccio, artide, artiere, artieri
Parole di otto lettere: articoli « articolo » artiglia
Vocabolario inverso (per trovare le rime): gipsicolo, graticolò, graticolo, praticolo, bieticolo, reticolo, viticolo « articolo (olocitra) » disarticolo, disarticolò, deserticolo, gesticolo, gesticolò, testicolo, palafitticolo
Indice parole che: iniziano con A, con AR, iniziano con ART, finiscono con O

Commenti sulla voce «articolo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze