Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «bugiardo», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Bugiardo

Aggettivo
Bugiardo è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: bugiarda (femminile singolare); bugiardi (maschile plurale); bugiarde (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di bugiardo (falso, insincero, menzognero, ipocrita, ...)
Nomi Alterati e Derivati
Diminutivi: bugiardino, bugiardetto, bugiardello. Accrescitivi: bugiardone. Dispregiativi: bugiardaccio.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola bugiardo è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: bu-giàr-do. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
bugiardo si può ottenere combinando le lettere di: ugo + bardi; giù + [bardo, borda, brado]; [giro, rigo] + baud; duo + [briga, garbi]; [duro, udrò] + biga; udì + garbo; [duri, rudi] + boga; [dio, odi] + burga; [dogi, godi] + ruba; [giudò, guido] + bar; grido + [bau, bua]; rubo + diga; bui + [drago, droga, godrà, ...]; [buri, rubi] + [doga, goda]; brugo + [adì, dai, dia]; big + arduo; bigo + [dura, udrà].
Componendo le lettere di bugiardo con quelle di un'altra parola si ottiene: +sta = sbugiardato; +[caci, ciac, cica] = bugiardaccio; +[mesi, mise, semi] = disambiguerò; +cash = guardaboschi; +[arare, arerà] = guardarobiera; +errai = guardarobieri; +[ansimo, simona, smanio] = disambiguarono; +sememi = disambigueremo; +[cercarsi, ricresca, scarceri] = carbosiderurgica; +ricresci = carbosiderurgici; +ricresco = carbosiderurgico.
Vedi anche: Anagrammi per bugiardo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bugiarda, bugiarde, bugiardi.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: buia, buio, biro, bardo, baro, bado, giro.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: sbugiardo.
Parole con "bugiardo"
Iniziano con "bugiardo": bugiardona, bugiardone, bugiardoni.
Finiscono con "bugiardo": sbugiardo, sbugiardò.
Parole contenute in "bugiardo"
bug, già, ardo, bugia.
Sciarade incatenate
La parola "bugiardo" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: bugia+ardo.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "bugiardo" (*) con un'altra parola si può ottenere: san * = sbugiardano; siam * = sbugiardiamo; sarno * = sbugiardarono.
Frasi con "bugiardo"
»» Vedi anche la pagina frasi con bugiardo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Non farmi passare per un bugiardo, perché ti ho detto sempre la verità.
  • Non darmi del bugiardo, lo sai che non è assolutamente vero!
  • Un uomo bugiardo incallito alla fine si autoconvince di quello che dice, sebbene sia una bugia.
Titoli di Film
  • L'affascinante bugiardo (Regia di Harmon Jones; Anno 1951)
  • Jakob il bugiardo (Regia di Peter Kassovitz; Anno 1999)
Canzoni
  • Bugiardo incosciente (Cantata da: Mina; Anno 1969)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Mendace, Menzognero, Mentitore, Bugiardo - Mendace significa non solo colui che mentisce, ma anche la cosa che non è vera, ed è diversa dalla sua apparenza; accenna l'abito e non l'atto. - Menzognero è colui che attualmente dice una menzogna, ma anche questo ha spesso dell'abituale. - Mentitore è chi mentisce in atto, e lo fa con rea intenzione. - Mentitore è sempre parola ingiuriosa: le altre due no. - [Bugiardo accenna meglio all'abito di dire il falso, ed è quindi più dispregiativo. - Di bambini però, non cadrebbero opportuni i primi. - Mentitore più spesso, anzi quasi solamente, di persone; Mendace, più delle cose che delle persone; Menzognero e Bugiardo, tanto di cose quanto di persone. G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Mentire, Dire il falso, Dir bugia; Menzognero, Mentitore, Mendace, Bugiardo - Mentire è nascondere la verità, non dirla; è poi dire il falso scientemente; talvolta però il falso si dice anco per ignoranza del vero, per disattenzione, e credendo dire la verità: ma se è detto scientemente ed apposta, è più di mentire: i falsi testimonii non solo mentono, ma dicono e giurano il falso: dir bugia è l'atto e la pratica del mentire: bugie sono quelle de' fanciulli, dei servi; sono o tentativi di discolpa, ordinariamente scoperti di poi, o spiritose invenzioni per mascherare cosa vera: ma la bugia ha le gambe corte. Dir bugia, e per l'entità della cosa, e per la poca importanza di chi la dice, è meno degli altri. Mentire è il genere, gli altri due sono specie di esso. Menzognero, aggettivo, di cosa e di persona: discorso, contegno menzognero, quello che non è naturale, ma affettato e finto. Mentitore, sostantivo, di persona; mentitore, chi mente, chi dice bugia con parole: Bugiardo, chi ha l'abito e la riputazione di mentitore; chi dice le bugie con franchezza e facilità: la commedia del Goldoni intitolata il Bugiardo non si potrebbe intitolare il Mentitore. Mentitore è voce e imputazione più solenne; bugiardo è voce più famigliare, ma imputazione non meno pungente. Mendace è forma poetica: mendace, di persona o di cosa che ha in sé ed esprime qualche cosa di falso: mendace la cosa che non è ciò che all'apparenza promette o sembra essere. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Bugiardo - e † BUGIADRO. [T.] Agg. Pers. che dice bugia in atto, o bugie per abito. O fig. Cosa che pare voglia mostrarci il falso per vero. Quantunque mentire assai volte sia più grave che dire bugia; Bugiardo suona più dispr. che Mentitore o Mendace oMenzognero, e per l'uscita dispr., e perchè denota il vizio abituale.

Di pers. sovente anche Sost. T. Siete un bugiardo dice più che senza l'Un; dice che quella è la qualità abituale, il titolo proprio. Prov. Tosc. 153. Da principe bugiardo libera nos, Domine. = Buon. Rim. 27. (C) Che s'ogni donna lievemente cade A creder al bugiardo la menzogna Che con falsi argomenti persüade.

T. Ar. Fur. 17. 106. L'astuta e bugiarda meretrice. = Cron. Morel. 268. (C) Non sii scorto per bugiardo. T. Prov. Tosc. 299. Il bugiardo vuole avere buona memoria (per non si contraddire). = Luig. Pulc. Frott. (C) E si conosce prima Un bugiardo, ch'un zoppo. T. Prov. Tosc. 300. E 298. Al bugiardo non è creduto il vero. [G.M.] Altro sim. Il bugiardo conosciuto, Da nessuno è mai creduto. = Fior. Virt. cap. 22. 103. (C) T. Prov. Tosc. 299. Fa' parlare un bugiardo e l'hai colto. [M.F.] Fag. Comed. Chi è bugiardo in una cosa è in tutte le altre (sospettato). T. Prov. Tosc. 298. Chi è bugiardo è ladro (capace d'ogni vizio vile. Bugia è Furto del vero, ricchezza somma). [M.F.] Fag. Com. T. Peggio il bugiardo che il ladro. [G.M.] Chi è bugiardo ha tutti i mancamenti.

2. Falso dice la cagione, Bugia l'espressione. Dant. Inf. 1. (Man.) Al tempo degli Dei falsi e bugiardi. Tass. Ger. 11. 29. E 23.(C) Ch'egli (il diavolo) è bugiardo e padre di menzogna.

† Nel seg., per Falso, in senso inusit. [Camp.] Volg. Pist. S. Gir. 277. Crescendo, volano fuor de nidi, e ritornano ai padri loro, lasciando il bugiardo padre.

Cr. 1. 4. 10. (C) Bugiarda pregnezza.

3. Di cose, ma in quanto riguardano la pers. Dittam. 2. 9. (C) Se bugiadre fur le lingue.

Dittam. 4. 19. (C) Promesse false e bugiadre. Bocc. Nov. 77. 34. Se tu volessi a queste cose trovare scuse bugiarde. T. Lodi, Lusinghe, Cerimonie bugiarde. – Augurii, Vaticinii.

T. Sguardi, Cenni, Lagrime bugiarde, che dicono il contrario del vero. – Artifizi.

4. Segnatam. delle arti dell'ingegno. T. Ar. Fur. 37. 6. Scrittori bugiardi, invidi ed empi. – Poesia, Pittura bugiarda. – Bugiarda cetra. Hor. Mendaci lyra.

Esser bugiardo come o più d'un epitaffio (per l'esagerazione delle lodi che profanano i sepolcri). [M.F.] Serd. Prov. T. Prov. Tosc. 364. [G.M.] Più bugiardo delle gazzette.

5. Fig. Di cose, quando l'apparenza non corrisponde alla sostanza. Dant. Purg. 19. (C) Scoversi la vita bugiarda (del mondo ingannatore). T. Grandezze, Apparenze bugiarde. – Bugiarde speranze del mondo.

T. Bugiarda imagine, colore. Fag. Com. 5. 439. Bisogna credere che gli specchi sian bugiardi, come è quello dove v'affacciate voi che non vi mostra bella. Dello specchio, Ovid.

T. Essere più bugiardo della luna (mutabile, e che però mai non dice il medesimo).

[A.Con.] Belle ciriege! Ma le sono bugiarde: hanno il baco.

6. Pere bugiarde, Che pajono acerbe e sono mature. Buon. Tanc. 1. 1. (C) (In altro senso.) T. R. burl. 140. [Cont.] Spet. nat. III.19. Le pere più stimate come la buoncristiana,… la bugiarda. E IV. 5.

7. Nel fatto, e di pers. e di cosa. [Cors.] Dant. Inf. 28. A Ceperan, là dove fu bugiardo Ciascun Pugliese (mancò di fede al Re nella battaglia). T. Chi troppo si fida nell'uomo con fini umani, scopre da ultimo che l'uomo è bugiardo.

T. In questo senso può dirsi Bugiardo verso uno, come Pers. Mendax in; Bugiardo a, come Mendax, in Ov. col Dat. – Anche:Fu bugiardo meco. – M'è riuscito bugiardo.

T. Amico bugiardo. – Bugiardo amore.

8. T. Far bugiardo una persona o il suo detto o lo scritto, Smentire co' fatti quel ch'essa afferma. – Si può sbugiardare anco in sole parole; e non provando il contrario. Chi fa bugiardo, non rimprovera se non con l'opera stessa. [Tav.] Cass. Collaz. 11. cap.10. Se noi diremo che noi non pecchiamo, noi facciamo bugiardo Dominedio. T. Domin. Gov. fam. 23.

Anco in senso buono. [M.F.] Far rimanere bugiardo alcuno, Fare che non si avveri quel ch'altri aveva detto o pronosticato di te. Fag. Rim. (Il medico aveva spedito quel malato) Ma e' l'ha fatto rimaner bugiardo (cioè, è guarito). = Car. Lett. Tomit. 34.p. 55. (Gh.) Le piacque… oltra modo, sentire che V. S. Rev. avesse già scritto di ritornare, perchè con questo solo ha fatti bugiardi quelli che dicevano che la gravezza del mal del Duca era finta.

9. Modo d'asseverare. Senec. Pist. p. 393. (Gh.) Tiemmi bugiardo, s'egli ancor non domanda di montare in alto.

[G.M.] Anco: Dimmi bugiardo, se la cosa non è come la narro io.

10. T. Per cel. si dá del bugiardo a bambino o altra pers. con cui s'abbia domestichezza, s'egli per cel. dice cosa non vera, o, se vera troppo, che intendasi confessare negando.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: bugiardetti, bugiardetto, bugiardi, bugiardina, bugiardine, bugiardini, bugiardino « bugiardo » bugiardona, bugiardone, bugiardoni, bugie, bugigattoli, bugigattolini, bugigattolino
Parole di otto lettere: bugiardi « bugiardo » buglossa
Lista Aggettivi: buddista, buffo « bugiardo » buio, bulbifero
Vocabolario inverso (per trovare le rime): dardo, stendardo, portastendardo, codardo, beffardo, infingardo, baiardo « bugiardo (odraigub) » sbugiardo, sbugiardò, maliardo, gagliardo, vegliardo, bigliardo, biliardo
Indice parole che: iniziano con B, con BU, iniziano con BUG, finiscono con O

Commenti sulla voce «bugiardo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze