Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «calo», il significato, curiosità, forma del verbo «calare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Calo

Forma verbale
Calo è una forma del verbo calare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di calare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola calo è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ola), un bifronte senza capo né coda (la).
Divisione in sillabe: cà-lo. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: calò.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: cola (scambio di vocali), colà (scambio di vocali), loca.
Componendo le lettere di calo con quelle di un'altra parola si ottiene: +bui = abulico; +cra = acclaro; +[csi, ics, sci] = accolsi; +tac = accolta; +tic = accolti; +toc = accolto; +udì = acidulo; +[ali, ila, lai] = allocai; +col = allocco; +[gai, già] = alogica; +tre = alterco; +gin = anglico; +[ari, ira, ria] = arcolai; +rii = arilico; +sta = ascolta; +sto = ascolto; +[iva, vai, via] = avicola; +[evi, vie] = avicole; +ivi = avicoli; +voi = avicolo; +ben = balcone; +[abc, cab] = balocca; ...
Vedi anche: Anagrammi per calo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: caco, cado, caio, cala, cale, cali, capo, caro, caso, cavo, celo, colo, culo, falò, malo, palo, salo.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: balì, gala, gale, hall, mala, male, mali, pala, pale, pali, sala, sale, sali, salì, tale, tali, vale, vali.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: cablo, calco, caldo, callo, calmo, calvo, calzo, carlo, scalo.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: cola, fola, gola, mola, nola, sola, vola.
Testacoda
Togliendo la lettera iniziale e aggiungendone una alla fine si può ottenere: aloe.
Parole con "calo"
Iniziano con "calo": calore, calori, caloria, calorie, calosce, calotta, calotte, calorica, calorici, calorico, calorosa, calorose, calorosi, caloroso, caloscia, calosoma, calosomi, calocchia, calocchie, caloriche, calottino, caloriferi, calorifero, calorifica, calorifici, calorifico, calorigena, calorigene, calorigeni, calorigeno, ...
Finiscono con "calo": scalo, scalò, cicalo, cicalò, ricalo, dancalo, eliscalo, aeroscalo, antiscalo, attaccalo, capiscalo, caposcalo, idroscalo, intercalo, intercalò.
Contengono "calo": scalone, scaloni, scalopi, scalopo, accalora, accalori, accaloro, accalorò, alcalosi, decalogo, scalogna, scalogne, scalogni, scalogno, scaloppa, scaloppe, acalorica, acalorici, acalorico, accalorai, alcaloide, alcaloidi, boccalona, boccalone, boccaloni, bracalona, bracalone, bracaloni, decaloghi, acaloriche, ...
»» Vedi parole che contengono calo per la lista completa
Parole contenute in "calo"
Contenute all'inverso: ola.
Incastri
Inserito nella parola acri dà ACcaloRI; in acro dà ACcaloRO; in brani dà BRAcaloNI.
Inserendo al suo interno can si ha CALcanO; con col si ha CALcolO; con dan si ha CALdanO; con din si ha CALdinO; con amai si ha CALamaiO; con amar si ha CALamarO; con appi si ha CALappiO; con care si ha CALcareO; con unni si ha CALunniO; con vari si ha CALvariO; con pesti si ha CALpestiO; con pezzo si ha CApezzoLO; con stagno si ha CAstagnoLO; con usando si ha CAusandoLO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "calo" si può ottenere dalle seguenti coppie: cachi/chilo, caco/colo, cado/dolo, camaglio/magliolo, cameo/meolo, camiti/mitilo, cani/nilo, caos/oslo, capendo/pendolo, capi/pilo, capino/pinolo, capo/polo, carica/ricalo, carico/ricolo, carol/rollo, casa/salo, casca/scalo, cascato/scatolo, casco/scolo, casi/silo, casino/sinolo...
Usando "calo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alca * = allo; * loco = caco; * loda = cada; * lode = cade; * lodi = cadi; * lodo = cado; * lord = card; * lori = cari; * loro = caro; ceca * = celo; coca * = colo; moca * = molo; orca * = orlo; osca * = oslo; pica * = pilo; poca * = polo; teca * = telo; urca * = urlo; * lochi = cachi; * logli = cagli; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "calo" si può ottenere dalle seguenti coppie: cagna/anglo, caos/solo, caro/orlo, caso/oslo, cause/esulo.
Usando "calo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * olia = caia; * olio = caio; * olino = caino.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "calo" si può ottenere dalle seguenti coppie: bica/lobi, coca/loco, daca/loda, dica/lodi, fioca/lofio, roca/loro.
Usando "calo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: lobi * = bica; loco * = coca; loda * = daca; lodi * = dica; * bica = lobi; * coca = loco; * daca = loda; * dica = lodi; * roca = loro; loro * = roca; lofio * = fioca; * fioca = lofio.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "calo" si può ottenere dalle seguenti coppie: cachi/lochi, caco/loco, cada/loda, cadano/lodano, cade/lode, cadi/lodi, cadiamo/lodiamo, cadiate/lodiate, cado/lodo, cagli/logli, caglio/loglio, cambi/lombi, cambrico/lombrico, campi/lompi, campo/lompo, cantano/lontano, cantra/lontra, cantre/lontre, cappa/loppa, cappe/loppe, card/lord...
Usando "calo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: allo * = alca; * dolo = cado; * nilo = cani; * oslo = caos; * pilo = capi; * polo = capo; * silo = casi; * solo = caso; * volo = cavo; celo * = ceca; molo * = moca; orlo * = orca; oslo * = osca; pilo * = pica; polo * = poca; telo * = teca; urlo * = urca; * chilo = cachi; callo * = calca; * ciò = calci; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "calo" (*) con un'altra parola si può ottenere: * gi = caglio; si * = scialo; * gin = caglino; san * = scalano; sci * = scalcio; san * = scanalo; sto * = scatolo; * band = cablando; * arno = calarono; * cela = calceola; * magi = camaglio; * nane = canalone; * nani = canaloni; * lori = cloralio; * urto = curatolo; siam * = scaliamo; baite * = baciatelo; bario * = barcaiolo; * carne = calcarone; * carni = calcaroni; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "calo"
»» Vedi anche la pagina frasi con calo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Da mesi sono a dieta, ma calo pochissimo nonostante cerchi di non trasgredire.
  • Se calo una scala reale nel poker la vittoria è assicurata.
  • Causa un calo di zuccheri sull'ultima salita ho faticato in maniera incredibile.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Nolo, Prestito, A nolo, A vettura, A calo - Nolo è propriamente il pigliare da alcuno una cosa che serva a' nostri bisogni, pagandogli un tanto per l'uso che se ne fa: Tinozze a nolo, Pianoforti a nolo. - Quando da altri ci facciamo dare del denaro, o altri oggetti che ci mancano al nostro bisogno, per renderglieli a certo tempo, e del denaro pagando il frutto, quello è il Prestito; e si fanno le frasi Prendere o Dare a prestito, e Prendere in prestito. - Parlandosi di veicoli da riportarli dopo adoprati, si dice Prendere o Dare a vettura. - E trattandosi di cose che si consumano con l'uso, come le candele, si dice Prenderle o Darle a calo, pagando quel tanto che se ne consuma; e si dice anche di certe cose da mangiare, come di una forma di cacio, o simili. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Calo - S. m. Da CALARE. Calata, Scesa, e L'atto del calare. Soder. Ort. e Giard. 21. (Gh.) Il che si procurerà con alzar la terra da un lato, perchè scoli dall'altro, e, con il colmarlo nel mezzo, abbia il calo dalle due bande in una fossa che riceva l'acque,…

2. [G.M.] Il gettare la rete e scorrere con essa per un tratto del fiume. Al primo calo chiappò una bella reina.

[G.M.] Fare uno, due, più cali.

3. Trasl. Diminuzione di peso. [Cont.] Biring. Pirot. VI. 13. Li cali della materia secondo che l'è o vecchia, o nuova, o ramigna, o fina di stagno, che di queste qualcuna vi calarà cinque, e qualcun'altra sei e sette e otto per cento. = Red. Esp. nat. (M.) Una di esse era scaduta due grani e mezzo dal primo peso, e l'altra era scemata tre grani, e tal prova l'ho fatta e rifatta molte volte, e sempre è tornato il calo del peso di due grani e mezzo. Salvin. F. B. 2. 1. 18. Il calo si dice delle mercanzie che scemano di peso. Magaz. Cultiv. Tos. 47. (Gh.) Fuggirai ogni pericolo di riscaldarlo (il grano) e di calo per topi ed altro. E p. 96. lin. 1. Ed a conoscere ciò, bisogna, quando i pezzi s'innestano su la figura, pesarli pezzo per pezzo; così poi, nel cavare la cera, ripesarla, e facendo il calo di quella, vede l'artefice se n'è rimasa fra l'anima e la cappa, e quanta n'è uscita. T. Pegolott. Prat. Merc. 3. 197. Del calo che farà l'oro tuo ad affinarlo.

4. T. Calo, del torcetto che portasi alla processione, od altri lumi di cera che servono a illuminazione. Prendere a calo, Patteggiar di pagare quel tanto a un dipresso che sarà consumato nell'uso della cosa.

[G.M.] Pagare il calo della cera.

T. Fig. fam. Gli uomini, e le donne non van prese a calo; servirsene, pagare l'uso, e rimandarli via.

5. Per Diminuzione di valore delle monete, o delle mercanzie. G. V. (Mt.) Si feciono di nuovi soldi… e costava d'ovraggio e calo soldi sei di piccioli per lira. [Val.] Algar. Op. 3. 313. Era notabile dagli uni alle altre la disproporzione ed il calo.

6. Rifare il calo vale Compensare la perdita, Ridurre la cosa scemata alla sua giusta quantità. Sassett. Lett. 159. (Man.) El'acqua benedetta ha grandissima virtù in rifar il calo della polvere che fanno (i garofani) col tempo.

7. Per Diminuzione d'altezza. G. V. 9. 335. 3. (C) Trovaro i maestri che 'l calo d'Arno da Fiorenza in fin laggiù era cencinquanta braccia.[Val.] Algar. Op. 3. 140. Tal calo (delle acque del Baltico) non è già in ragione di un mezzo piede in 348 anni,… ovvero di un piede al secolo, come dice…

8. [Cont.] Pendenza, Caduta. Leo. da Vinci, Moto acq. I. 12. Se il fiume mettea acqua, che valea un braccio di calo per miglio…, è necessario che tutto il fiume che passa per lo lago abbia ancor lui un braccio di calo per miglio.

9. Trasl. Dichinamento, Abbassamento, Diminuimento. Franc. Sacch. Rim. 37. (C) E 'l regno degli Assirii fe' tal calo, Che que' di Media, ch'eran lor suggetti, Divennon re. Dittam. 2. 20. E proprio quando questo venne al calo. G. V. 12. 40. 7. Se cerchi addietro, troverai il cominciamento del calo della potenza del romano imperio. Buon. Fier. 2. 4. 20. Non scorse poi di sue bellezze il calo.

10. [Mor.] Fare un calo. Di persona che o per dispiaceri, o per malattie, o per età dá giù notevolmente. = Salvin. Fier. Buon. 1. 18. (M.) D'uomo che ha dato, come si dice, nelle vecchie, ed è diminuito di forze e di sanità (si dice): Da alcun tempo in qua egli ha fatto un gran calo.

T. Tr. Anco di ricchezze e potenza. D. 3. 15. Contrappone il Montar su d'uno stato al suo calo. – Questo, che par voce della plebe mod., dicesi in paradiso.

11. [Val.] Far tara e calo. Diminuirne l'importanza. Metaf. Fag. Rim. 6. 199. A molte cose fai la tara e il calo, Che tu non conti e non le stimi un pelo.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Calo - s. m. Déchet. Consunzione del metallo dentro la fornace, mentre si fonde, la quale è per lo più computata al quattro per cento. Calo di abbeveramento, Abreuvage. Quella quantità di metallo, che assorbe la fornace in cui si fonde, la prima volta che ella si adopera, o nuova sia o soltanto riattata. Questo calo è per lo più computato all'uno e mezzo per ogni centinaio di bronzo.

Calo di lavorazione. Quello che si toglie sopra ogni centinaio di peso di salnitro greggio presentato al saggio dai salnitrai in loro danno, il quale suole comunemente essere il due sopra ogni centinaio di peso. Questo calo si somma poi con quello delle materie estranee, e si diffalca dal peso totale del nitro greggio per avere in fine il peso netto del nitro puro, contenuto nel greggio sperimentato. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: calmieriate, calmierino, calmierò, calmiero, calmino, calmò, calmo « calo » calocchia, calocchie, calore, calori, caloria, calorica, caloriche
Parole di quattro lettere: cali « calo » cane
Vocabolario inverso (per trovare le rime): linko, fustibalo, cembalo, archicembalo, clavicembalo, gravicembalo, cimbalo « calo (olac) » attaccalo, cicalo, cicalò, ricalo, dancalo, intercalo, intercalò
Indice parole che: iniziano con C, con CA, iniziano con CAL, finiscono con O

Commenti sulla voce «calo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze