Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cateratta», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cateratta

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola cateratta è formata da nove lettere, quattro vocali e cinque consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: tt. Lettere più presenti: ti (tre), a (tre).
Anagrammi
cateratta si può ottenere combinando le lettere di: [atte, tate, teta] + carta; tac + [attera, attrae, retata, ...]; ace + tratta; [carte, certa, cetra, ...] + tata.
Componendo le lettere di cateratta con quelle di un'altra parola si ottiene: +hiv = architettava; +bis = cabarettista; +sir = caratterista; +pin = incaprettata; +[hip, phi] = paratattiche; +[csi, ics, sci] = riattaccaste; +esce = accatasterete; +sino = contestataria; +cric = raccattatrice; +[veci, vice] = riaccettavate; +cavi = riattaccavate; +scese = accatastereste; +[cessi, scesi] = accatasteresti; +crisi = caratteristica; +razzi = caratterizzata; +rizze = caratterizzate; +rizzi = caratterizzati; +[rizzo, rozzi] = caratterizzato; +pario = caratteropatia; +[operi, piero] = caratteropatie; +muchi = macchiettatura; +porri = portacaratteri; +[polis, polsi] = spettacolarità; +[limone, meloni, monile] = articolatamente; ...
Vedi anche: Anagrammi per cateratta
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cataratta, cateratte.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: cara, carta, cerata, cera, certa, atea, atra, aerata, aera, arata, tetta, teta, tratta, tata, erta, rata.
Parole contenute in "cateratta"
era, atta, ratta. Contenute all'inverso: eta, tac, tar, tare.
Lucchetti
Usando "cateratta" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: bacate * = baratta; bucate * = buratta.
Lucchetti Alterni
Usando "cateratta" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: baratta * = bacate; buratta * = bucate.
Intarsi e sciarade alterne
"cateratta" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: cara/tetta.
Definizioni da Cruciverba
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Maglia, Cateratta - La maglia è piccola macchia che si forma nell'occhio e disturba o sconcerta la vista. La cateratta è una pellicola che lo ricopre tutto quanto; essa appanna, annebbia la vista e a poco a poco la toglie totalmente addensandosi. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Cateratta (naturale) - Caduta o precipizio nel canale o letto di un fiume, cagionata da scogli od altri ostacoli i quali trattengono la corrente e fanno cader l'acqua con gran rumore ed impeto. Tali sono le cateratte del Nilo, del fiume Torneo, che dalle genti del paese si varcano sopra piccolissime barche. La più celebre di tutte è quella di Niagara nel Canadà. [immagine]
Cateratta (artificiale) - Presso i Chinesi e gli Egizj l'acqua era trattenuta nei canali per mezzo di grosse traverse di legno poste l'una sull'altra, introdotte in un fabbricato di pietre; il resto del canale era soltanto un fosso non murato. L'invenzione delle cateratte a doppie porte pella navigazione de' fiumi o dei canali, prende data (secondo il Padre Frisi, autore italiano) dal 1481. Sulla Brenta presso Padova furono stabilite le prime da due ingegneri di Viterbo. Poco tempo dopo, Leonardo da Vinci fece un'ottima applicazione di questa bella ed utile scoperta, che indi fu di modello a tutti i lavori di simil genere. Egli stabilì la comunicazione dei due canali di Milano, mediante sei cateratte successive, che compensavano una differenza di livello di circa sedici a diciotto metri. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Cateratta - e CATARATTA. S. f. Apertura fatta per pigliar l'acqua, e per mandarla via a sua posta, che si chiude e si apre con imposta di legno, e sim.[G.M.] Cataracta è in Plin. – Gr. Καταράκτης, da Καταῤῥάττειν, che dicevano anche del cadere le acque con impeto. = G. V. 11. 58. 2. (C) Fu loro insegnato d'entrare per la fogna, ovvero cateratta della gora delle mulina. [Camp.] Guid. G. V. 4. Ancora questo fiume (Xanto) per corsi artificiosamente composti e per nascose cateratte di sotterra correndo. [Val.] Cocch. Bagn. 32. Il qual fosso finisce… alla cataratta del Serchio. Ant. Com. Dant. Etrur. 2. 122. S'appiccò a una punta d'aguto della cateratta, e rimase così appiccato. [Tor.] Targ. Rag. Valdin. 1. 53. L'avanzo dell'acque, le quali hanno depositato fra gl'argini della colmata il loro mescuglio terrestre, si scarica in padule, per mezzo di aìcuni opportuni scoli muniti di cateratte. Grand. Relaz. Fucecch. p. 19. Si costuma di tenere le cateratte chiuse l'estate, perchè la scarsezza delle medesime acque non pregiudichi alla salubrità dell'aria, con ridurre tutta la superficie del lago in un pantano fecondo di cattivi vapori, e di fetide esalazioni.

[Cont.] Bart. C. Arch. Alb. 296. 20. Ficcate le travi e bene ordinate, metti le tavole su da alto dalle teste, e fa che elle scendino sino nel fondo per i canali delle travi, un lavoro così fatto il vulgo lo chiama cateratte. Gugl. Nat. fiumi, 72. Una cateratta che vi calasse fra i suoi incastri sino al pelo, o un poco sotto il pelo dell'acqua.

[Cont.] Cr. B. Naut. med. V. 534. Gli antichi nel formare i porti… lasciavano certe cataratte, archi, o scolatori fatti in tal maniera che l'acqua del mare vi entrava e gli rinfrescava continovamente. E 546. Lasciavano gli antichi, fin da' fondamenti della fabbrica, nelle braccia o corni del porto, ed ove la traversia non potesse nuocere, alcuna di queste cataratte i cui lumi o vôlte un solo piede s'alzavano sopra la superficie dell'acqua… non essendo la cima de' vôlti delle cateratte più alta che un piede sopra la superficie del mare, non può causar maretta nè restia dentro del porto, poscia che l'onda si rompe ne' contorni della cateratta e la maggior parte torna a rietro.

2. Quella Porta, la cui imposta s'alza e s'abbassa, detta anche Cateratta o Canale. È in Plin. [Val.] Ant. Pucc. Guerr. Pisan. 4. 14. Volendo rifuggir ne la cittade, Le guardie mandâr giù la cateratta. Vegez. 151. Nella cui entrata si ponga una cateratta, che penda con funi ed anella di ferro, che, se i nemici v'entrano, lasciatala cadere, vi rimangano rinchiusi. Varch. Stor. 2. 121. Uno di essi (leoni) rotta con incredibile forza la cateratta… ammazzò una leonessa. Buonarr. Ajon. 3. 18. Quelle genti appiattate usciro al sole Per una cateratta a una a una.

3. Cateratte diconsi le Cadute precipitose che fanno dall'alto alcuni grandi fiumi, come il Nilo nell'Abissinia, il Niagara nel Canadà, ecc. (Fanf.) Aureo lat. [Val.] Poliz. Stanz. 28. Con tal tumulto, onde la gente assorda, Dall'alte cataratte il Nil rimbomba.

4. Diconsi anche le Buche fatte ne' palchi o per salire sul tetto, o per entrar nelle colombaje che per lo più si chiudono con ribalta. Bocc. Nov.77. 35. (C) La donna postasi a giacere boccone sopra il battuto, il capo solo fece alla cateratta di quello.

5. Dicesi per simil. l'Apertura delle trappole da prender topi, che s'apre e si serra con un'assicina incanalata, detta anch'essa Cateratta. Franc. Sacch. Nov. 76. (C) Pongono la trappola in terra, e quella posta in terra, aprono la cateratta: aperta la cateratta, il topo esce fuori, e corre per la piazza.

6. † Per Abbaino. Sig. Viagg. Sin. 60. (M.) La maggior parte delle vie di Domasco sono coperte o di tetto, o in vôlta, abbiendovi cateratte, che rendono lume assai.

7. † Per Caratteri magici, nel num. del più. Maestruzz. 2. 14. (C) Bocc. Nov. 77. 28. E nov. 85. 16. T. Se non è err. o nel Bocc. cel. perCarattera. V. in CARATTERE.

8. T. Per iperb., di pioggia grande e che duri. Dal gr. Καταῤῥήγνυμι, che vale Rompere, come in Virg. Tantus se nubibus imber Ruperat. – Si sono aperte le cataratte del cielo. = G. V. 11. 2. 1. (C) Per divino consentimento aperte le cateratte del cielo. E appresso: Crescendo la piova spronatamente, e oltre al modo usato, che pareano aperte (e forse ch'erano) le cateratte del cielo. [Val.] Ros. Sat. 6. Credea del ciel le cateratte sciolte. [G.M.] E Segner. Crist. Instr. 1. 23. 7.

T. Chi si abbandona a un profluvio di parole, o anco di dottrina importuna: Apre le sue cataratte.

9. A cateratte o A cataratte aperte, detto pure del Piovere, vale Dirottamente, Stemperatamente. Car. Lett. ined. v. 1. lett. 3. p. 9. in fine. (Gh.) Il Molza non ho veduto otto giorni sono per le medesime piogge che non potreste credere come vengano giù a cataratte aperte.

[G.M.] E d'altro che di pioggia. Il sangue gli veniva giù a cateratte (in gran copia).

10. (Chir.) Quell'Addensamento del cristallino, della sua membrana, o del fluido di Morgagni, i cui segni principali sono: diminuzione progressiva e lenta, e l'estinzione quasi assoluta della vista ed una macchia di color vario, secondo i casi, e situata immediatamente dietro la pupilla, la quale conserva la sua mobilità. (Mt.) T. Dall'imagine del serrame che chiudeva le porte. = Tac. Dav. Stor. 3. 360. (C) Collegiarono che la luce non era perduta, e levandogli le cateratte, vedrebbe. Lib. cur. malatt. Siccome avviene in febbre continua, che termina per flusso di sangue, e nelle cateratte calde simigliantemente avviene. [Val.] Cocch. Op. 1. 20. Quella cecità, che dagli antichi si chiama suffusione, e volgarmente cataratta, non in altro consiste che… E Bagn. 208. Varia cecità nuvolosa o suffusione o glaucoma o cataratta che dir si voglia.[G.M.] Segner. Crist. Instr. 1. 19. 13. Con destrezza simile a quella di un valente cerusico nel levare le cateratte, che, senza offendere l'occhio, ne squarcia il velo. T. Benev. Nuov. Prop. E. 178. Non posso capire perchè la vera cateratta indifferentemente non si formi nella camera anteriore e maggiore dell'aqueo.

T. Levare, Abbassare la cateratta. – Operazione della cateratta.

11. E trasl. [Val.] Bart. Simb. 244. Verità possente a rischiarar gli occhi dell'anima togliendone le cateratte di qualche antica ignoranza.

12. (Anat.) [Val.] Le Valvole delle arterie, delle vene, del cuore. Bart. Simb. 239. Dentro alle vene il fedel ministero delle cateratte o chiusure o sostegni o valvole.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Cateratta - s. f. Ecluse. Quell'artefatto di legname, o di muraglia, per pigliar l'acqua, e mandarla via a sua. posta; che si apre e chiude con una o più imposte di legno. Si adopera talora nella difesa di una piazza per mandar l'acqua al fosso e svolgerla, e per le inondazioni artificiali.

Le cateratte possono essere naturali ed artificiali. Quelle, che si fanno per ritener le acque diconsi più comunemente calle, e talvolta chiuse, serre. Quelle, che attraversano i fiumi o torrenti, sono dette più particolarmente pescaie, se sono di muro, e se sono di legno, steccaie. Il sostegno è propriamente quell'artefatto che serve a frenare la velocità dell'acqua per comodo della navigazione, e si chiude con ventola o portoni. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: catenina, catenine, catenoide, catenoidi, catenona, catenone, catenoni « cateratta » cateratte, caterina, catering, caterpillar, caterva, caterve, catetere
Parole di nove lettere: catenoidi « cateratta » cateratte
Vocabolario inverso (per trovare le rime): ultracompatta, ricompatta, ratta, baratta, maratta, cataratta, imbratta « cateratta (attaretac) » fratta, catafratta, rifratta, sfratta, gratta, rigratta, tratta
Indice parole che: iniziano con C, con CA, iniziano con CAT, finiscono con A

Commenti sulla voce «cateratta» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze