Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «cedere», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Cedere

Verbo
Cedere è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo regolare, sia transitivo che intransitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è ceduto. Il gerundio è cedendo. Il participio presente è cedente. Vedi: coniugazione del verbo cedere.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di cedere (arrendersi, ritirarsi, arretrare, capitolare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Cedente « * » Cederebbe]
Giochi di Parole
La parola cedere è formata da sei lettere, tre vocali (tutte uguali, è monovocalica) e tre consonanti. Lettera maggiormente presente: e (tre).
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (erede).
Divisione in sillabe: cè-de-re. È un trisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: recede, recedé.
Componendo le lettere di cedere con quelle di un'altra parola si ottiene: +can = accendere; +san = ascendere; +sos = cedessero; +tot = cedettero; +rom = crederemo; +tre = crederete; +tav = credevate; +[adì, dai, dia] = decederai; +[ali, ila, lai] = decelerai; +idi = deciderei; +din = deciderne; +[ori, rio] = decorerei; +tra = decretare; +[tar, tra] = decreterà; +psi = deperisce; +[par, rap] = deprecare; +tap = deprecate; +afa = efedracea; +[sul, usl] = escludere; +[par, rap] = precederà; +pro = precederò; ...
Vedi anche: Anagrammi per cedere
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cadere, cederà, cederò, cedete, celere, cenere, cerere, federe, ledere, sedere, vedere.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: federa, federi, federo, federò, lederà, lederò, sederi, sederà, sederò.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: edere.
Altri scarti con resto non consecutivo: cere.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: cederei, cederle, cederne, credere.
Parole con "cedere"
Iniziano con "cedere": cederei, cederemo, cederete, cederebbe, cederemmo, cedereste, cederesti, cederebbero.
Finiscono con "cedere": accedere, decedere, eccedere, incedere, recedere, ricedere, concedere, precedere, procedere, succedere, intercedere, retrocedere, riconcedere.
Contengono "cedere": accederei, decederei, eccederei, incederei, recederei, accederemo, accederete, concederei, decederemo, decederete, eccederemo, eccederete, incederemo, incederete, precederei, procederei, recederemo, recederete, succederei, accederebbe, accederemmo, accedereste, accederesti, concederemo, concederete, decederebbe, decederemmo, decedereste, decederesti, eccederebbe, ...
»» Vedi parole che contengono cedere per la lista completa
Parole contenute in "cedere"
ere, cede, edere. Contenute all'inverso: erede.
Incastri
Inserito nella parola dei dà DEcedereI; in rei dà REcedereI; in coni dà CONcedereI; in demo dà DEcedereMO; in remo dà REcedereMO; in rete dà REcedereTE; in conte dà CONcedereTE; in demmo dà DEcedereMMO; in deste dà DEcedereSTE; in desti dà DEcedereSTI; in premo dà PREcedereMO; in prete dà PREcedereTE; in promo dà PROcedereMO; in reste dà REcedereSTE; in resti dà REcedereSTI; in consti dà CONcedereSTI; in presti dà PREcedereSTI.
Inserendo al suo interno est si ha CEDERestE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "cedere" si può ottenere dalle seguenti coppie: ceca/cadere, cefo/fodere, cera/radere, ceri/ridere, cerica/ricadere, cero/rodere, cedrati/ratiere, cedei/ire, cedevole/volere.
Usando "cedere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: accede * = acre; procede * = prore; succede * = sucre; * rete = cedete; fece * = federe; foce * = fodere; vece * = vedere; * rendo = cedendo; * resse = cedesse; * ressi = cedessi; * reste = cedeste; * resti = cedesti; * rette = cedette; * retti = cedetti; elice * = elidere; alluce * = alludere; * egli = cedergli; chic * = chiedere; * ressero = cedessero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "cedere" si può ottenere dalle seguenti coppie: cenetta/attendere, cera/ardere.
Usando "cedere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = cedete; * errai = cederai.
Lucchetti Alterni
Usando "cedere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * cadere = ceca; * fodere = cefo; * radere = cera; * ridere = ceri; * rodere = cero; fodere * = foce; elidere * = elice; acre * = accede; alludere * = alluce; * ricadere = cerica; cederemo * = remore; * aie = cederai; * ratiere = cedrati; prore * = procede; sucre * = succede; * remore = cederemo; * glie = cedergli.
Sciarade incatenate
La parola "cedere" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: cede+ere, cede+edere.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "cedere" (*) con un'altra parola si può ottenere: acni * = accenderei; avvinte * = avvicenderete.
Frasi con "cedere"
»» Vedi anche la pagina frasi con cedere per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il codice della strada impone di cedere la precedenza a chi arriva da destra.
  • E' buona educazione cedere il posto a sedere sui mezzi pubblici alle persone anziane.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Cedere, Arrendersi - L'arrendersi è più spontaneo; il sedere più sforzato. Chi si arrende è come persuaso: chi cede, non ha più forza o potere di resistere; il primo ha dubitato, discusso; il secondo ha combattuto, e tuttavia, almeno in cuor suo, ricalcitra. [immagine]
Piegare, Cedere, Torcere, Storcere, Pieghettare - Piegare e torcere sono attivi e neutri, cedere è neutro soltanto, e storcere e pieghettare soltanto attivi. Per piegare dovrebbesi veramente fare una o più pieghe; così della carta, delle stoffe e simili cose: di quelle pure flessibili ed elastiche come l'acciaio, la balena, che cedono facilmente a urto o pressione leggera dicesi per estensione che piegano perchè pare forse che a premere maggiormente prenderebbero piega; ma ciò non è; esse si spezzano; simili ai caratteri dolci che presi alle buone cedono, ma che alla violente pressione non reggono. Cedere è anco dare addietro; e poi cedere il posto, il passo; cedere al ragionamento, alla forza, più sovente. Torcere è piegare dalla linea retta, e moralmente, dalla retta via: si torce con forza, o si torce da sè per impulso o moto proprio; ma come un primo torcere o passo torto pare non basti, ne consegue un continuo attorcere o attorcersi quasi a spirale; e nonostante il continuo moto, un non progredire, ma compiacersi nel torto, nello scontorto, nel male, o nel non retto, non giusto. Storcere dice forza maggiore insieme e maggiore torsione: torcere l'argomento; ragioni storte. Pieghettare è fare di molte pieghe in una stoffa, per es., in una carta, perchè le pieghe restino: si pieghettano le camicie, i manichini e simili. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Cedere - V. n. ass. Aff. al lat. aureo Cedere. Concedere la preminenza, o Confessarsi inferiore. Dant. Par. 33. (C) Da quinci innanzi il mio veder fu maggio, Che il parlar nostro, ch'a tal vista cede, E cede la memoria a tale oltraggio. Ar. Fur. 29. 18. E nel mancar di fede Tutta a lui la bugiarda Affrica cede.

[Tor.] Giacomin. Nob. Lett. 70. I Spartani, benchè di fortezza superiori agli altri Greci, nello espugnare le città ad altri cedevano.

T. In un paragone. Ar. Fur. 46. 8. Ogn'altra di beltà le cede. – In certi luoghi Dante di vera delicatezza non solo d'affetto ma di stile non cede al Petrarca.

[G.M.] E coll' In. In lealtà non la cede a nessuno.

2. Per Arrendersi, Piegarsi, o sim. Guicc. Stor. 12. 610. (C) Alla volontà del Papa cedette pazientemente il Re. E lib. 17. pag. 121. (M). Se stretto dalla necessità, cedesse a inique condizioni,… non le osserverebbe. Sper. Cur. famil. (Mt.) La donna cedendo ed umiliando conserverà la sua grazia.

(Tom.) Il buono perseguitato cede alla forza malvagia, non s'arrende.

T. Prov. Tosc. 131. A gran speranza il misero non cede.

Alam. Colt. 1. 28. (M.) La tua guardia è il cane, Il cui fedele amor non cede a prezzo (cioè, non si lascia vincer dai doni, ovvero, è inapprezzabile).

5. T. Di corpo che non resiste quant'altri all'impulso, ma si ritrae o ristringe all'impressione ricevuta. Bellin. Disc. Anat. 1. 228. Si vede da ognuno che le cose di cedentissime, cioè pochissimo correnti, diventano repugnantissime al cedere.

[Cont.] G. G. N. sci. XIII. 264. Se dal mezzo di quella (corda)… voi sospenderete qualsivoglia piccolo peso,… la linea AB cederà,… ed in conseguenza allungandosi costringerà i due gravissimi pesi CD a salire in alto. T. Corpo elastico cede.

[Cont.] Di corpi che resistono alla rottura per la coesione delle loro molecole. G. G. N. sci. XIII. 111. Quella resistenza, che hanno tutti i corpi solidi all'esser rotti, dipendente da quel glutine, che tiene le parti attaccate e congiunte, sicchè non senza una potente attrazione cedono e si separano. Michel. Dir. fiumi, III. Se dunque il suolo del piano inclinato sarà men robusto di quello bisogna per resistere alla detta terza spinta, sarà necessitato a cedere, e verrà lacerato, o pure le sue parti, se sono distraibili, verranno dissipate e spinte all'ingiù corrodendosi il suolo. Lauro, Min. Alb. magno, III. 3. Nella pietra prevale il secco, che resiste a chi lo tocca, e non cede in se stesso: per tanto vedendosi come l'effetto del secco è che si sfenda: e perchè non cede in se medesimo alla botta del martello, segue, che si fa in pezzi.

4. [G.M.] Un asse, Un sostegno qualunque cede, se non sta forte e tentenna.

T. Una muraglia comincia a cedere, quando non regge bene.

5. [Cors.] Cedere ad alcuno vale Arrendersi, Piegarsi alle domande, alle proposte, ai suggerimenti di alcuno. Segret. Fior. Comm. 2. 1. Poichè non torna è segno che a lei cede Virginia. Cam. Ed io che ancor non ceda stimo,…

[G.M.] E' non cede (di chi non si lascia persuadere, o seguita a difendersi comechessia).

6. [Cors.] Per Lasciarsi persuadere. Segret. Fior. Disc. 1. 4. Li popoli… sono capaci della verità, e facilmente cedono, quando da uomo degno di fede è detto loro il vero.

7. [Val.] Cedere alla fortuna, Acconciarsi alla necessità. Mach. Lett. fam. 99. Vi ho visto sempre non stare ostinato, ma cedere alla fortuna.

[Val.] Varia uscita. Nel passato Cedè e Cesse. Fortig. Ricciard. 9. 50. Onde assalito poi per ogni parte Cesse al destino suo crudele e fello.

T. Nel discorso fam. Cedè, più com. che Cesse. † Pind. Lucches. Cedèo per Cedè.

8. Cedere al ventre. Lasciarsi trasportare o vincere dalla fame. Salvin. Opp. Cacc. 4. (Mt.) Tosto salta la siepe e al ventre cede.

9. Fig. Per Dar luogo, Ritirarsi. T. D. 1. 26. Quando la mosca cede alla zanzara (di notte estiva). = Ar. Fur. 2. 9. (C) E donde l'uno cede, L'altro aver posto immantinente il piede. Sagg. nat. esp. 24. I liquori…, via via che premuti sono, cedono per ogni verso.

[Cont.] G. G. N. sci. XIII. 14. Tre rivolte del canapo intorno al fuso dell'argano potevano… ritenerlo, che, tirato dall'immensa forza del peso, che ei sostiene, scorrendo non gli cedesse. Biring. Mec. Picc. XXXIX. 114. Perchè dunque deve il peso da trarre necessariamente e cedere e contrastare, non si deve tor tanto grave che non possa cedere nè tanto lieve che non possa contrastare; che se per la propria gravezza non cedesse, o per la leggerezza non contrastasse, non si farebbe impulsione, o projezione alcuna. G. G. N. sci. XIII. 245. Se il corpo arriverà sopra tale (cosa percossa) che ceda alla velocità del percuziente senza resistenza alcuna, tal colpo sarà nullo. E 246. Se il percuziente arriverà con 10 gradi di velocità sopra il percosso, il quale cedendo in parte si ritiri con 4 gradi, l'impeto e percossa sarà come di gradi 6.

[Cont.] Agrippa, Sci. arme, XXV. v. Chi non è sforzato, deve astenersi dal parare, servendosi però del schifare, fuggire, e ceder di persona, e del contrapassare innanzi e indietro.

10. E fig. Buon. Rim. 24. (C) La cagione all'effetto inferma cede, Ed è dall'arte vinta la natura. T. Ar. Fur. 16. 4. Pur dal mal uso è vinta la ragione, E pur l'abitrio all'appetito cede.

11. [Cors.] Per Far copia di sè. Segret. Fior. Comm. 2. 1.

12. Per Venir meno. T. Ar. Fur. 26. 43. Come cede Tosto, ogni altro splendor, che 'l sol si vede.

13. Parlando di mali dicesi Un male cede o non cede a' rimedii, per dire che i Medicamenti hanno, o non hanno forza di superarlo. Red. Lett. (Mt.) Dolori periodici che non vollero mai cedere a forza di medicamento veruno.

14. Att. Concedere, Rinunziare, Rilasciare. M. V. 9. 98. (C) Per lo Re di Francia e suo primogenito rinunziare, trasportare, e cedere ogni lor ragione, e della corona di Francia. Segn. Stor. 7. 198. Non mai avrebbe ceduto Milano al Re, ancorchè fingesse di non curarsene molto. T.Ricc. L. Teofr. Caratt. volg. 1. 101. Ha adocchiato il campetto del suo vicino, e spera che questi, uom dabbene e poco scaltro, sia per cadere, tratto da queste arti nella rete di cederglielo. Cecchi, Comm. 401. Per buon contratti cedè alla Fausta Non solo le ragioni di quel credito Che avea il marito con Rinier, ma aggiunsevi Di più ancora quello della compera Della fanciulla.

T. Cedere il luogo, il terreno, la parte propria. – E per forza e di buona voglia.

In tal senso si unisce anche al terzo caso. Guicc. Stor. 2. 97. (M.) Che Ferdinando cedendo all'amministrazione,… e a tutto quello che perciò potesse pretendere, si partisse. E 4. 74. Restituirla (la Borgogna) con tutti i contadi suoi e pertinenze sue, e cedere alle ragioni che aveva sopra il regno di Napoli.

15. T. Ass. Vendere, con altro patto Dare o Lasciare altrui, in modo che pajasi cedere o per generosità o per necessità. Merce, podere, ceduto per poco.

16. Per Accordare, Concedere, Menar buono. Car. Apol. 44. (M.) Cedendovi che sia latina, e voi cedendo a me che le latine si possono usare.

17. Per Abbassarsi, in senso fig. Ar. Fur. 1. 4. (M.) E vostri altri pensier cedano un poco, Si che tra lor miei versi abbiano loco.

18. Dicesi Non la cedere a uno, e vale Stargli a fronte, Star del pari; ed anche Resistere, Opporsi, Contrastare. (Mt.)

19. Dicesi Cedere il passo, il posto e sim. a qualcheduno, e vale Lasciarglielo, Ritirarsi per rispetto, o per civiltà. (Mt.)

T. Cedere la mano. Nel pr. Dare la mano diritta o il primo posto. Nel trasl. Lasciare ad altri l'onore o il vantaggio.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: cedendoti, cedendovi, cedente, cedenti, cederà, cederai, cederanno « cedere » cederebbe, cederebbero, cederei, cederemmo, cederemo, cedereste, cederesti
Parole di sei lettere: cederà « cedere » cederò
Lista Verbi: cavare, cavillare « cedere » celare, celebrare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): radere, persuadere, dissuadere, evadere, invadere, pervadere, edere « cedere (eredec) » accedere, eccedere, succedere, decedere, recedere, precedere, ricedere
Indice parole che: iniziano con C, con CE, iniziano con CED, finiscono con E

Commenti sulla voce «cedere» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze