Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «comprendere», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Comprendere

Verbo
Comprendere è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo irregolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è compreso. Il gerundio è comprendendo. Il participio presente è comprendente. Vedi: coniugazione del verbo comprendere.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di comprendere (capire, intuire, intendere, intendersi, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola comprendere è formata da undici lettere, quattro vocali e sette consonanti. Lettera maggiormente presente: e (tre).
Divisione in sillabe: com-prèn-de-re. È un quadrisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
comprendere si può ottenere combinando le lettere di: nerd + [compere, percome]; [pernod, prendo] + [creme, merce].
Componendo le lettere di comprendere con quelle di un'altra parola si ottiene: +sos = comprendessero; +sim = prescinderemmo; +[platine, talpine] = perpendicolarmente; +[sonnetti, stentino] = corrispondentemente.
Vedi anche: Anagrammi per comprendere
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: comprenderà, comprenderò, comprendete.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: compere, come, copre, core, corner, cornee, corde, corre, code, crene, cren, credere, crede, cenere, cene, cedere, cede, cere, open, opere, orde, onde, onere, mere, prede, pendere, pende, pene, pere, rene, edere, nere.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: comprenderei, comprenderle.
Parole con "comprendere"
Iniziano con "comprendere": comprenderebbe, comprenderebbero, comprenderei, comprenderemmo, comprenderemo, comprendereste, comprenderesti, comprenderete.
Finiscono con "comprendere": ricomprendere.
Parole contenute in "comprendere"
ere, rende, prende, rendere, prendere, comprende.
Incastri
Inserendo al suo interno est si ha COMPRENDERestE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "comprendere" si può ottenere dalle seguenti coppie: corico/ricomprendere.
Usando "comprendere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * rete = comprendete; * rendo = comprendendo; * evi = comprendervi; * resse = comprendesse; * ressi = comprendessi; * reste = comprendeste; * resti = comprendesti; * ressero = comprendessero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "comprendere" si può ottenere dalle seguenti coppie: compra/arrendere.
Usando "comprendere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = comprendete; * errai = comprenderai.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "comprendere" si può ottenere dalle seguenti coppie: compi/renderei.
Usando "comprendere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * aie = comprenderai; * mie = comprendermi; * vie = comprendervi; * remore = comprenderemo.
Sciarade incatenate
La parola "comprendere" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: comprende+ere, comprende+rendere, comprende+prendere.
Frasi con "comprendere"
»» Vedi anche la pagina frasi con comprendere per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Possedere il dono di comprendere gli altri è una grande virtù.
  • Il problema è così vasto che sarà impossibile comprendere tutte le conseguenze.
  • La parola comprendere penso che sia sparita dal vocabolario dei nostri politici.
Citazioni
  • Il 10 novembre ottobre 2013, il quotidiano Il Corriere d'Abruzzo, in un articolo sul porto di Giulianova, scrive: "Tutto è migliorabile, chiaramente, per il primo cittadino, che afferma comunque di faticare a comprendere le polemiche scoppiate in questi ultimi giorni, proprio sulla pulizia del bacino portuale".
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Comprendere, Intendere - Il Comprendere è tutta operazione della mente, quando riceve dentro di sè alcuna verità, o idee, valutandone le loro relazioni e conseguenze. - L'Intendere è porgere attentamente l'udito per ascoltare ciò che altri ne insegna e cogliere così il valore dei termini. - L'Intendere è scala al Comprendere [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Comprendere, Intendere, Conoscere, Concepire, Percepire, Capire, Sapere - Chi non percepisce non può comprendere; chi non intende, male o nulla capisce; chi non conosce, mal sa concepire, e ciò così all'ingrosso. A percepire ci va una naturale svegliatezza dello spirito che al minimo tocco risponda; a comprendere, una certa capacità di mente onde abbracciare diversi principii e le loro relazioni e conseguenze; ad intendere basta l'attenzione; a capire un po' di buon senso; a conoscere, l'esperienza: qui noto soltanto le fonti e le cause comuni di questi processi intellettuali. Il concepire è un certo misterioso lavoro dell'immaginazione sulle idee e sulle cognizioni, di cui non si è giunti ancora a conoscere l'arcano meccanismo. Se il concepimento è grande, staccato da un noto filo d'idee, e, dirò così, istantaneo, lo dico un'inspirazione. Tutti questi vocaboli indicano mezzi opportuni, principii, avviamenti al sapere. Si dice però: so e conosco che faccio male; ma l'inclinazione è troppo forte: qui pare che conoscere sia un sapere più intero, più chiaramente compreso; pare che si voglia significare: so per un certo lume d'istinto, e conosco in forza di raziocinio. [immagine]
Raccogliere, Comprendere, Dedurre - Ciò che è raccolto può venire compreso in minore spazio, e dall'intelletto in minor tempo: dalle idee sinteticamente raccolte, e comprese nel loro insieme si possono dedurre sane conseguenze; altrimenti no, o non così bene e facilmente. Raccogliere poi in altro senso ha significato di sommare; dedurre quello di sottrarre, e allora non sono certo affini, ma opposti affatto. [immagine]
Comprendere, Abbracciare - Il primo ha senso più largo; il secondo, più ristretto e più vicino al proprio. L'enciclopedia comprende tutto lo scibile umano; l'uomo tenta abbracciare più di quello che mai possa stringere. La morale comprende il dovere e il diritto; ognuno di questi abbraccia una serie di principii già tante volte definiti, ma non ancora definitivamente determinati. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Comprendere - [T.] V. a. Prendere insieme. E perchè questo non si può senza più o men forza, e perchè il lat. Prehendere porta espressa l'idea di forza, questa si trova sovente anco nella voce it. Non Virg. solo, ma anco in prosa dicevano i Lat. Comprendere.

2. † Nel senso di Prendere arrivando chi fugge e si sottrae. [Camp.] Sol. Epit. Li Trogloditi sono tanto celeri al correre che, inseguendo le fiere, quelle comprendono.

† Raggiungere, fig. [Tav.] Cass. Collaz. 3. 3. In niuno modo potremo aggiugnere alla perfezione, se noi non la sapremo o se, sappiendola, non ci sforziamo di comprenderla per opera. Sim. in Paolo. = Cavalc. Discipl. Spir. 9. (Man.)

† Quindi per Sorprendere. Amm. Ant. 12. 3. 4. (C) [Camp.] Mor. S. Greg. Bibb. Deut. 24. E se fusse (il Re) in peccato compreso, di comune consenso de' rettori e giudici e decreto del popolo è deposto e con morte punito. Bibb. Joan. 8. Compresa in adulterio (deprehensa). Com. Ces. = Gr. S. Gir. 10. (C)

† Cogliere, fig. [Camp.] Mor. S. Greg. Sapere sì afforzare le sue bugie, ch'elli non possa essere compreso nelle sue falsitadi. = Fior. S. Franc. 109. (Gh.)

† Quindi per Convincere, cogliendo in errore, e dimostrandolo. Vit. SS. Pad. 2. 113. (Man.)

3. Di cose. E in questo senso, mezzo fig., comincia a essere vivo. Cr. 5. 19. 17. (C) Se vorrai metter l'olio in un vasel nuovo, il diguazzerai colla morchia cruda ovver calda, e guazzera'lo assai, sicchè la bea. e comprendalo bene.

Franc. Sacch. Op div. 132. (C) Aspido uno serpente che punge co' denti, e lasciavi il veleno; e questo veleno di pelle in pelle va comprendendo tanto che l'uomo s'addormenta, e così dormendo si muore. Circ. Gell. 3. 87. E forse che questa maladetta peste non ha compreso tutto il mondo? [F.T-s.] Br. Lat. Rett. Cic. Usarono… tutto il loro ingegno in malizia, perchè convenia che… li uomini se ne comprendessono di quella ruggine.

T. † Beniv. Canz. Pria che l'ultima notte il cuor comprenda.

4. † Nel seg. trasl., che s'attiene al preced., è aff. a Prendere insieme e intimamente. Ceccher. Az. Ales. Med. 41. (Gh.) Credendosi, per questa sua famigliarità compresa col prencipe, che non gli dovesse esser negata cosa alcuna da lui, per grande e sconvenevole che fosse.

5. Più vivo al modo pass., di sensazione attuale o abituale. T. Essere compreso di freddo. Colum. Ovis quae hieme non comprehenditur. = G. V. 8. 96. 7. (C)Essendo compreso forte di gotte nelle mani e ne' piedi. T. Dicesi non solo Compreso da un dolore, da un male, ma che il dolore, il male comprende la persona tutta.

6. † Come dicesi Prendere una malattia. [Camp.] Din. Din. Mascal. 3. 1. L'animale… che ha compreso malattia, ha questi segnali…

7. Il seg. è passaggio dal sentimento esteriore onde l'uomo è compreso, a quel ch'è tutto interiore. [Val.] Belc. Prat. Spirit. 136. Incontanente tutti e cinque furono dal demonio compresi.

Vend. Crist. (C) Ne fu molto inebriato, e compreso del suo amore. Vit. S. Gio. Batt. – Bocc. Filoc. l. 3. p. 218. (Gh.) Che tu da amore così compreso sia come tu narri.

Ass., men com. [Camp.] Guid. Giud. A. 23. Per la bellezza di Polissena, Achilles fu fortemente compreso; a tanto che non sapea che si fare.

Altra forma sim. Bocc. Filoc. l. 3. p. 216. (Gh.) Generarono un piacere, il quale sì forte comprese il giovinetto cuore, ch'io niuna cosa vedeva che tanto mi piacesse.

Ass.. anco in questa forma. Tav. Dicer. (C) Il dolore del dicapitamento orribile di cotal uomo gli animi nostri… ha compreso. [Camp.] Bin. Bon. 7. 2. Ira comprende l'uomo.

8. Altro è che l'uomo sia compreso da un affetto o passione, e che questa o quello comprenda lui; altr'è ch'egli comprenda in sè un sentimento qualsiasi; com'è da intendere il seg. non com. T. D. 2. 4. Quando per dilettanze, ovver per doglie, Che alcuna virtù nostra comprenda, L'anima bene ad essa si raccoglie (raccoglie tutta la sua attenzione in una speciale facoltà della vita intellettuale).

9. Comprendere nell'affetto persone o cose, è modo di Cic.: e Comprendere nel dice meno di Col.

T. In certo senso può dirsi Comprendere coll'affetto anche sola una persona o una cosa, come si dice Abbracciarla; massime se l'oggetto è grande, degno d'amore grande.

II. 10. Questo signif. spirit., che s'attiene ai sensi not., si collega a un altro signif. corp., che s'attiene ai sensi spirit, da notare poi. Comprendere, dello spazio, ha usi com. T. Curz. Il suo circuito comprende trentadue stadii. = M. V. 5. 73. (C) Questo circuito comprese il poggio e il borgo. T. D. 3. 27. Luce ed amor d'un cerchio lui comprende (il cielo empireo), Sì come questo, gli altri (comprende gli altri cieli). = G. V. 12. 8. 7. (C) Fece comprendere tutto il circuito del detto palazzo e quelli che furono de' figliuoli Petri, e le torri e case de Manieri… comprendendo tutto l'antico Gardingo. Bart. Miss. Mog. cap. 1. (Man.) Fra l'Indo e 'l Gange, anzi assai più oltre che quanto essi comprendono dalle fonti alle foci, ciò che v'è di provincie e di regni… il raccoglie il gran Mogol. [Val.]Vegez. 186. T. Una provincia comprende tante città; una città, tanti abitanti.

G. V. 11. 86. 1. (C) Erano tanta gente, e cavalli, e somieri, e carreggio, che la minore oste teneva più d'una mezza lega, comprendendo tutto il paese.

Di linee che comprendono un angolo. V. COMPRESO.

[Cont.] Di sola lunghezza. G. G. Comp. XI. 225. La distanza traversale tra li punti 140. 140. si vede quante volte questa è compresa nella gran linea proposta.

T. Altra forma. Nel tale spazio, Nei tali limiti, si comprendono tali e tali oggetti.

11. Nel seg., usato come Sost., ha senso di contenenza non materiale. [Cors.] D. 3. 29. In sua eternità, di tempo fuore; Fuor d'ogni altro comprender, come i (gli) piacque, S'aperse in nuovi amor' l'eterno Amore. (Non contenuto da cosa alcuna, non circoscritto. D. 3. 14.)

III. 12. Quando diciamo che il senso o la mente dell'uomo comprende, congiungiamo l'imagine del Prendere, cioè Raggiungere o Afferrare, col sentimento, o coll'intelletto, e l'imagine dell'Abbracciare, Contenere, Ritenere.

Del senso. T. Gell. Appena potetti comprendere gli apici delle lettere. [Camp.] D. 3. 31. La forma universal di Paradiso Già tutta lo mio sguardo avea compresa, In nulla parte ancor fermato fiso.

T. D. 2. 31. Posarsi quelle belle creature… l'occhio comprese. = Ar. Supp. 1. 2. (Man.) [Camp.] Mar. S. Greg. Lo peccato lo quale è commesso nella mente, non puote essere compreso da alcun occhio umano.

Nel seg., non com.., dal senso corp., accenna più espressamente all'intell. [Val.] Ar. Sat. 5. Ma, se tu il bianco, il rosso e 'l ner comprendi, Esamina il consiglio ch'io ti arreco.

13. Segnatam. dell'intelletto, denota gradi varii di conoscenza. T. Cic. Le cose che dall'adolescenza t'insegnarono uomini sapientissimi, e che tu hai nella memoria comprese e acquistatane scienza.

D. 3. 19. (C) E quanto mi convien ritrar (narrare)… Non portò voce mai, nè scrisse inchiostro, Nè fu per fantasia giammai compreso.

T. Cic. Comprendere nella mente. La forma lat. potrebbe tradursi altresì colla mente. Questo dice il primo cogliere, e il pienamente abbracciare; nella, il prendere in modo da poter ritenere.

T. D'ordinario Comprendere è più di Conoscere, Abbracciare la conoscenza di più oggetti insieme, o di più relazioni in un oggetto; e apprenderla in modo da poterla ritenere, e col raziocinio dominarla.

Comprendesi anco da un indizio, o raccogliendo da più indizii; ma Comprendere è più di Raccogliere; può essere l'effetto dell'aver bene raccolto. Intendere riguarda, più specialmente, il significato delle parole; Comprendere, la natura delle idee. T. D. Rim. 240. E' mi convien trattare in pria, S'io vo' trattar di quel ch'odo di lei, Ciò, che lo mio intelletto non comprende, E di quel che s'intende Gran parte, perchè dirlo non potrei. – Sotto al pienamente comprendere son varii gradi di cognizione; e questi talvolta denota la stessa voce comprendere.

T. D. 2. 21. Gloria in excelsis… Dicean. per quel ch'io da vicin compresi, Onde intender lo grido si poteo. = Bocc. Introd. 29. (C) Acciocchè quello che ciascuna dicesse, senza confusione si possa comprendere. [Camp.] D. 3. 30. Non fur più tosto dentro a me venute Queste parole brevi, ch'io compresi Me sormontar di sopra a mia virtute (ch'io superavo la mia naturale potenza).

Franc. Sacch. Nov. 49. (C) E la novella si comprese sì per la terra che…

Bocc. Nov. 15. 24. (C) Per quel poco che comprender pote', mostrava di dovere essere un gran bacalare.

T. D. 2. 17. Quinci comprender puoi ch'esser conviene Amor sementa in voi d'ogni virtute, E d'ogni operazion che merta pene. = E 1. 10. (Gh.) T. E 2. 21. Or puoi la quantitate Comprender dell'amor che a te mi scalda (quand'io dimentico che sei ombra, e a te m'inginocchio. Dice Stazio a Virgilio). E 8. Per lei (per l'esempio di questa donna), assai di lieve si comprende Quanto…

T. Cic. Questo non posso comprendere nell'animo, e neanco sospettando arrivarci. = Petr. Son. 165. (C) Io nol posso ridir; che nol comprendo.

[Camp.] Mor. S. Greg. Questa maestade (di' Dio) non apparisce; imperocchè ella non puote essere compresa da alcuno intendimento mortale. T.Segnatamente i concetti alti e sublimi, non ben si comprendono.

T. Comprendere bene, male; appieno, in parte.

Col Che e col Quanto se ne son visti es. T. Colum. ha Comprendere quale sia…

Ass. T. Comprende vale Comprende bene, facilmente, Ha potenza a comprendere.

T. Far comprendere, Ajutare altri che comprenda, insegnandogli più o men di proposito.

T. Fare è più efficace di Dare a comprendere; che può seguire indirettamente, e senza volerlo noi, anzi contro il volere nostro.

T. Far comprendere può suonare minaccia. Se non la vuole intendere colle buone, gliela farò comprendere io la ragione.

Di pers., abusato, può saper di fr., ma non pare sia barbaro. T. Pochi sono che lo comprendano. (Intendono le parole e le gustano; ma non comprendono il concetto e l'affetto.)

Qui posson recarsi due es. ch'altri spiega in senso di Cogliere; ma e l'uno e l'altro ci ha parte. Vit. S. Franc. 213. (C) Cognoscendo ch'egli era così compreso nel suo pensamento. E 109. (Man.) Impaurito, che si vedea compreso dal padre, sì scoperse ogni veleno e rancore.

14. † Siccome Intendere dicesi della intenzione deliberata, cui deve seguire l'atto (Questo intendo di fare); così Franc. Sacch. 189. (C) Avendo compreso di dar moglie a… Biagio,…

15. Appartiene al senso intell. il Comprendere con parole; e lo dimostra il seg. D. 1. 28. (C) Ogni lingua per certo verria meno (a dir delle pene infernali) Per lo nostro sermone (la lingua degli uomini), e per la mente (umana), C'hanno, a tanto comprender, poco seno. (Virg. Non mihi, si linguae centum sint… omnes scelerum comprendere formas, Omnia poenarum percurrere nomina, possem.) Petr. cap. 6. Che comprender nol può prosa nè verso. Cavalc. Frutt. ling. 21. Le quali tutte predette cose comprendendo in somma, possiamo dire… T. Cic. Comprendere in luminose parole il soggetto.

16. Ha senso ideale il seg. Pass. 74. (C) Comprende questa definizione sufficientemente che cosa è contrizione.

Nel senso appunto aff. a Definire; giacchè la definizione è prova del ben comprendere, e ajuto. [Cors.] Sen. Ben. Varch. 3. 7. Tutte le cose che caggiono in giudizio, si debbono poter comprendere, e non dare al giudice una licenza infinita.

T. Giustizia, nel più generale suo senso, comprende tutte le umane e le religiose virtù. D. 3. 26. (Il bene accende tanto più amore) Quanto più di bontate in lui (sè) comprende.

T. La filosofia comprende la metafisica e la fisica, la morale e la logica. – La metafisica comprende i sommi principii di tutte le scienze. Varr. Nominando la terra, ci si comprendono e la pietra e la rena e altro simile. Rosm. Sotto questa parola Pensare si sogliono comprendere tutti gli atti delle facoltà intellettive.

T. Comprendete nel conto ogni mio dare e avere. – Nel novero degli abitanti d'una città non non si comprendono i forestieri.

T. In un principio sono comprese le norme speciali, in una legge i casi particolari, in un giudizio più rei, in una sentenza più condannati. [Cors.] Pallav. Stor. Conc. 9. 10. 8. Non era stimato disonore del grado cardinalizio il comprenderlo nella prefata sua bolla.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: comprendendo, comprendente, comprendenti, comprenderà, comprenderai, comprenderanno, comprenderci « comprendere » comprenderebbe, comprenderebbero, comprenderei, comprenderemmo, comprenderemo, comprendereste, comprenderesti
Parole di undici lettere: comprenderà « comprendere » comprenderò
Lista Verbi: comportare, comprare « comprendere » comprimere, compromettere
Vocabolario inverso (per trovare le rime): spendere, rispendere, sospendere, rendere, prendere, intraprendere, riprendere « comprendere (erednerpmoc) » ricomprendere, apprendere, riapprendere, rapprendere, sorprendere, arrendere, tendere
Indice parole che: iniziano con C, con CO, iniziano con COM, finiscono con E

Commenti sulla voce «comprendere» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze