Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «corvo», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Corvo

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Articoli interessanti e pagine web
Almanacco: Debutta nelle sale "Il corvo"
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Corto « * » Cosmo]

Foto taggate corvo

Sempre più in alto

Corvo
 
Giochi di Parole
La parola corvo è formata da cinque lettere, due vocali (tutte uguali, è monovocalica) e tre consonanti.
Divisione in sillabe: còr-vo. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di corvo con quelle di un'altra parola si ottiene: +ala = arcavolo; +ala = colorava; +[ali, ila, lai] = coloravi; +[ali, ila, lai] = coloriva; +ili = colorivi; +ani = coronavi; +ano = coronavo; +ano = covarono; +[sua, usa] = oscuravo; +[eta, tea] = overcoat; +[api, pia] = provocai; +[hip, phi] = provochi; +[eta, tea] = revocato; +[ave, eva] = revocavo; +nei = ricevono; +[ali, ila, lai] = ricolavo; +[eri, ire, rei] = ricovero; +[sai, sia] = rosicavo; +sei = rovescio; +psi = scoprivo; +spa = sporcavo; ...
Vedi anche: Anagrammi per corvo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cervo, coevo, cormo, corno, corpo, corro, corso, corto, corvi, corvè, curvo, torvo.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: porvi, torva, torve, torvi.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: covo, coro.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: dovrò.
Incastri
Inserendo al suo interno ace si ha COaceRVO; con azza si ha CORazzaVO; con rode si ha CORrodeVO; con rosi si ha CORrosiVO; con ruga si ha CORrugaVO; con regge si ha CORreggeVO; con retti si ha CORrettiVO; con rompe si ha CORrompeVO; con rutti si ha CORruttiVO; con rispetti si ha CORrispettiVO; con risponde si ha CORrispondeVO; con responsabilizza si ha CORresponsabilizzaVO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "corvo" si può ottenere dalle seguenti coppie: cose/servo, cora/avo, coralità/alitavo, corata/atavo, corazzerà/azzeravo, corbe/bevo, corda/davo, cordata/datavo, cordati/dativo, corde/devo, cordonati/donativo, core/evo, corner/nervo, cornetta/nettavo, corpi/pivo, corposa/posavo, corregge/reggevo, correlati/relativo, corresponsabilizza/responsabilizzavo, corri/rivo, corrida/ridavo...
Usando "corvo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ceco * = cervo; * vota = corta; * voti = corti; * voto = corto; seco * = servo; * votino = cortino.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "corvo" si può ottenere dalle seguenti coppie: coramina/animavo.
Usando "corvo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ovale = corale; * ovali = corali; * ovata = corata; * ovate = corate; * ovetti = coretti; * ovetto = coretto; * ovoide = coroide; * ovoidi = coroidi.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "corvo" si può ottenere dalle seguenti coppie: cori/voi, corta/vota, corti/voti, cortino/votino, corto/voto.
Usando "corvo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * bevo = corbe; * davo = corda; * devo = corde; * pivo = corpi; * rivo = corri; * rovo = corro; * atavo = corata; * datavo = cordata; * dativo = cordati; * posavo = corposa; * ridavo = corrida; * ridevo = corride; * rivivo = corrivi; * rodavo = corroda; * rodevo = corrode; * alitavo = coralità; * nettavo = cornetta; * reggevo = corregge; * rompevo = corrompe; * azzeravo = corazzerà; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "corvo" (*) con un'altra parola si può ottenere: * pi = coprivo; * ola = coloravo; * oli = colorivo; dea * = decoravo; sta * = scortavo; acre * = accorrevo; * pian = coprivano; * spia = cospiravo; rida * = ricordavo; risi * = ricorsivo; sola * = scoloravo; soli * = scolorivo; scia * = scorciavo; dissi * = discorsivo; spora * = scorporavo; * spiati = cospirativo; * stinge = costringevo; saggia * = scoraggiavo.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "corvo"
»» Vedi anche la pagina frasi con corvo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il corvo ha il piumaggio così nero che l'aggettivo "corvino" è usato per indicare capelli nerissimi.
  • Come vorrei trovarmi su un'isola invasa da uccelli come il corvo.
Libri
  • Il corvo (Scritto da: Edgar Allan Poe; Anno 1845)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Corvo - Antica macchina da guerra, mediante la quale si aggrappavano i vascelli per montare all'arrembaggio. I Romani se ne valsero con profitto nel loro primo combattimento navale contro i Cartaginesi. Questa macchina, o mano di ferro, fu perfezionata da Agrippa per mezzo di un grosso cavo che si reggeva da una estremità al pezzo di legno a cui pendeva il corvo, dall'altra ad un argano che cominciava ad agire appena la nave nemica era stata aggrappata, e la tirava a se con gran violenza.

Il corvo demolitore dei Diadi era una macchina adoprata per aggrappare e tirar giù le pietre di un muro. [immagine]
Dizionario compendiato di antichità del 1821/1822
Corvo - Era una Macchina, che inventarono i Romani, e tenevano attaccata alla prua delle Navi da guerra. Questa Macchina era una specie di Grue tenuta sospesa in alto per mezzo di corde ec., ed alla sua estremità aveva un pesantissimo cono di ferro, che si faceva cader con violenza sulle navi dell'inimico per sfondarne la coperta e l'impiantito, e serviva come di oncino per aggrapparle.
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Corvo - S. m. (Zool.) [De F.] Uccello grosso, e di color nero, che si pasce di carname, d'insetti e di frutta. Presso i filosofi naturalisti Corvo è nome generico, che denota queste altre specie: la Cornacchia comune, la Mulacchia, la Cornacchia ammantata, la Taccola, la Ghiandaja, la Ghiandaja nocciolaja, la Gazzera comune, la Gracchia, il Corvo crestato. = Aureo lat. Bocc. Nov. 90. 1. (C) Infra molte bian che colonne aggiugne più di bellezza un nero corvo che non farebbe un candido cigno. Petr. son. 176. Qual destro corvo, o qual manca cornice Canti il mio fato. Alam. Colt. 1. 8. E con mill'altri poi l'ingorda pica, L'importuna cornice, il corvo impuro. Red. Oss. an. 150. Nella cavità parimente del ventre de' corvi reali, e di que' corvi minori che sono chiamati cornacchie, e di quei più piccoli…, ho osservato raggirarsi lombrichi simili a quelli delle cicogne.

2. T. Contr. a Colomba, questa come simbolo di lieto candore. Dat veniam corvis, vexat censura columbas.

3. E trasl., per Anima brutta di peccato. Ar. Fur. 3. 11. (M.) Col corpo morto il vivo spirto alberga, Sin ch'oda il suon dell'angelica tromba, Che dal ciel lo bandisca, o che ve l'erga, Secondo che sarà corvo o colomba.

4. T. Quasi ideale del canto infausto e spiacevole. R. Burl. 292. Rassembra corbo nel cantare.

5. T. Dalla nerezza delle sue penne tolgonsi imagini a significare il colore nero forte. [G.M.] Più nero d'un corvo (di chi ha la pelle scura, di chi è moro).

6. T. Corvi, più per cel. che per disprezzo, di preti, perchè vestiti di nero.

7. T. Gli è il corvo delle male nuove Chi annunzia con le parole e con la presenza, Chi porta o è creduto portare sventura.

[M.F.] Fag. Comm. Non voll'io Essere il corvo delle male nuove.

8. Modi e Locuz. proverb. di vario significato. Prov. Non veder un corvo in un catin di latte. Lo stesso che Non veder un bufolo nella neve. (V. BUFOLO, § 7.) Serd. Prov. (Mt.)

[M.F.] Proverbio vivo. Fag. Rim. Di cavarsi Gli occhi corvo con corvo mai non usa.

T. Prov. Dal mal corvo mal uovo. (Da tristi genitori figliuoli tristi. Non sempre.)

T. Prov. Tosc. 324. Dove son carogne, son corvi. (La presenza di certa gente è mal segno.)

Esser più raro che i corvi bianchi. Prov. che vale Esser rarissimo. Cecch. Dot. 2. 5. (Mt.) Ma io credo che questi tali sien più rari ch'e' corvi bianchi. Fag. Comm. 5. 297. (Gh.) Di queste femmine (troppo modeste) che abbiano un così bel difetto, o non se ne trovan più, o, quando si trovino, son rare come i corvi bianchi.

Aspettare il corvo. Aspettare chi non tornerà Lasc. Parent. a. 4. s. 10. (Gh.) Fabio è rinchiuso,… e debbe aspettar ch'io torni a metter le scale; ma, per dio! ch'egli aspetterà il corvo.

9. (Art. mil. ant.) [Camp.] Strumento di guerra uncinato per trarre a sè checchessia. Diz. mar. mil. Usavano i Romani in battaglia altre sorta d'instrumenti detti Fustiboli, Arcobaliste, Mezze fionde, Grue, Corvi…

[Cont.] Flor. Dif. off. piazze, III. 8. I Corvi ancora, o quelle mani di ferro, mandati giù dalle machine, ne tiravano a loro per forza la maggior parte.

(Mar.) [Cont.] Pant. Arm. nav. 378. La machina, che si chiamava corvo, era un ponte, o trave lungo quattro braccia, e tre palmi largo, il quale stava alla prora ritto a somiglianza d'una colonna, e sospeso con una fune, che, essendo allentata, lo lasciava cadere sopra i vascelli inimici più vicini, nei quali, con un ferro acutissimo, che aveva nell'estremità, si ficcava di maniera, che gli fermava, e poi i soldati, per scale fabricatevi a questo effetto, passavano nei vascelli de gl'inimici.

10. (Astr.) Costellazione dell'emisfero meridionale. [F.T-s.] Aless. Piccol. Stell. Fiss. 28. Sono in tutto in esso (corvo) sette stelle. = Tass. Mond. cre. g. 2. § 33. (Gh.) Qui l'Idra, e 'l Vaso, e 'l Corvo, e 'l gran Centauro,…

[Cont.] Barbaro, Arch. Vitr. 396. La mano della vergine, nella quale è il corvo.

11. (Ar. Mes.) Specie di grossa tanaglia per alzar le incudini. (Mt.)

12. Corvo, aggiunto di Pelame, o sim. Nero, Del color del corvo. (Fanf.)

13. Aggiunto di Fico. [M.F.] Fico corvo. La Celidora. Capit. Fichi corvi, sampieri, albi e dottati; E pere, e mele…

14. [Cont.] Pesce corvo. Cit. Tipocosm. 229. Il pesce corvo, la merla, la cromi, il barbone, l'alfeste, lo scaro.
Gran Dizionario Teorico-Militare del 1847
Corvo - s. m. In lat. Corvus, Corax. In franc. Corbeau. Macchina militare adoperata dai Greci e dai Romani, e fatta di una trave mobile appesa ad un castello, colla quale afferravano e tiravano a se le macchine dei nemici. Ebbe questo nome dal graffio o uncino di ferro, fatto a modo di becco di corvo, del quale era armata l'estremità superiore della trave. Sembra essere la stessa macchina, che il lupo e la gru, e non differirne che per la forma del becco. Vitruvio chiama pur Corvo demolitore, in lat. Corvus demolitor, una macchina per abbattere e diroccare le mura, della quale non abbiamo la descrizione.

Corvo venne altresì chiamata una macchina militare navale posta in uso dai Romani al tempo della prima guerra punica. Essa era, secondo Polibio, composta di una forte antenna lunga tre braccia, la quale infissa sulla prora della nave poteva liberamente alzarsi ed abbassarsi secondo il bisogno. La nave aveva in cima una carrucola, entro la quale girava una corda da cui pendeva una tavola armata di punte di ferro: la corda era raccomandata ad un anello posto in cima all'albero della nave, e quando questa era giunta accosto alla nave nemica, si liberava la corda, la quale lasciava cader la tavola sulle sponde di questa, piantandosi fortemente colle punte sopra nominate. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: corvée, corvetta, corvi, corvina, corvine, corvini, corvino « corvo » cosa, cosacce, cosacchi, cosacci, cosaccia, cosaccio, cosacco
Parole di cinque lettere: corvi « corvo » cosca
Vocabolario inverso (per trovare le rime): conservò, conservo, crioconservò, crioconservo, osservò, osservo, protervo « corvo (ovroc) » torvo, curvo, curvò, ricurvo, incurvo, incurvò, coadiuvo
Indice parole che: iniziano con C, con CO, iniziano con COR, finiscono con O

Commenti sulla voce «corvo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze