Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «delitto», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Delitto

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
castigo (29%), perfetto (19%), omicidio (13%), crimine (6%), onore (4%), giallo (2%), oscuro (2%), processo (2%), assassino (2%), passione (2%), efferato (2%), assassinio (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Articoli interessanti e pagine web
Almanacco: Il delitto Pasolini; Il delitto di via Poma; Il delitto Matteotti
Giochi di Parole
La parola delitto è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: tt.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ottile).
Divisione in sillabe: de-lìt-to. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: diletto (scambio di vocali).
delitto si può ottenere combinando le lettere di: tot + [ledi, lide]; tilt + ode.
Componendo le lettere di delitto con quelle di un'altra parola si ottiene: +boa = blattoideo; +sue = delittuose; +ava = diavoletta; +[ave, eva] = diavolette; +[avi, iva, vai, ...] = diavoletti; +ara = dilatatore; +[csi, ics, sci] = discoletti; +rna = dottrinale; +gal = glottidale; +ara = idolatrate; +[sai, sia] = isodattile; +ram = malridotte; +per = prediletto; +rana = attirandole; +[afri, fari, rifa'] = dattilifero; +fame = deflettiamo; +gemi = delegittimo; +anca = denticolata; +[acne, ance, cane, ...] = denticolate; +[acni, cani, cina, ...] = denticolati; +maga = dettagliamo; +vaga = dettagliavo; ...
Vedi anche: Anagrammi per delitto
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: delitti, relitto.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: relitti.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: detto, dito, elio, etto.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: sottile.
Parole contenute in "delitto"
del, itto. Contenute all'inverso: ile, led, ottile.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "delitto" si può ottenere dalle seguenti coppie: delira/ratto, delirasse/rassetto, deliri/ritto, deliro/rotto, delizi/zitto, delizie/zietto.
Usando "delitto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: infedeli * = infetto.
Lucchetti Riflessi
Usando "delitto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ottriate = deliriate.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "delitto" si può ottenere dalle seguenti coppie: ride/littori, riode/littorio.
Usando "delitto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: littori * = ride; littorio * = riode; * ride = littori; * riode = littorio.
Lucchetti Alterni
Usando "delitto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ratto = delira; * rotto = deliro; * zietto = delizie; infetto * = infedeli; * rassetto = delirasse.
Sciarade e composizione
"delitto" è formata da: del+itto.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "delitto" (*) con un'altra parola si può ottenere: * mia = delimitato; * usa = delittuosa; * usi = delittuosi; * uso = delittuoso.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "delitto"
»» Vedi anche la pagina frasi con delitto per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • E' un vero e proprio delitto non poter assaggiare tutte queste leccornie.
  • E' un delitto avere delle capacità e non utilizzarle per il bene della società.
  • Il commissario prese la sua vecchia bicicletta e si allontanò dal luogo del delitto.
Libri
  • Delitto e castigo (Scritto da: Fëdor Dostoevskij; Anno 1865)
Titoli di Film
  • Il delitto del signor Lange (Regia di Jean Renoir; Anno 1935)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Colpa, Delitto, Peccato, Fallo, Misfatto, Mancanza - Colpa è un atto volontario che contraffà alle leggi, alla civiltà, alla convenienza; ma significa più specialmente l'imputazione che se ne fa altrui; e si riferisce a cose non troppo gravi; perché allora piglia nome e qualità di Delitto. - Ogni detto o fatto contro la legge divina si chiama Peccato. - Alcuni pensano che Misfatto sia Delitto grave; ma la voce, in sé stessa, non suona altro se non Cosa mal fatta: è vero per altro che nell'accezione dei più suona Delitto grave; ma è vero altresì che nell'uso comune si ode raramente tal voce, la quale è riserbata solo allo stile elevato. - Fallo, ha propriamente significato negativo, ed è quando si trascura volontariamente di fare ciò che vuole, o il nostro dovere, o le regole del decoro, della ragione o dell'uso. - La Mancanza è anch'essa negativa; ma è meno grave del Fallo in quanto può non procedere da mala volontà. [immagine]
Delitto, Crimine, Misfatto - Delitto è qualunque trasgressione grave alla legge, e per la quale la legge pone adeguata pena. - Crimine è voce legale, usata a significare delitto atroce e gravissimo, che nella lingua più scelta suol dirsi Misfatto. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Colpa, Difetto, Fallo, Peccato, Delitto, Misfatto, Reato, Eccesso, Demerito, Errore, Scelleraggine, Mancamento - « Nel difetto cade l'uomo o per poca avvertenza, o per manco di forza, ma senza vera malizia. Fallo è atto in cui si manca alle regole del decoro, o della ragione, o dell'uso. Può essere un esercizio, a dir così, del difetto. Peccato, dice il Passavanti, è ogni detto, o fatto, o desiderio contro la legge di Dio. Delitto è peccato contro la legge umana segnatamente. Misfatto è delitto grave. Colpa è fallo, o delitto, o difetto, secondo i casi; ma esprime segnatamente l'imputazione che se ne fa a tale o tale persona. Reato è lo stato dell'uomo di cui la colpa è riconosciuta vera ». Romani.

Difetto non indica un solo atto, ma una frequente ricorrenza del medesimo, prodotta talvolta da cause organiche, e tal altra da mala abitudine cangiata in natura: chi non può dir bene la r, la s, per es., ha difetto di pronunzia, contratto il più delle volte per mala abitudine da bambino. L'eccesso, se è di cosa non dannosa, può essere più difetto che colpa o vizio; ma se la materia ne è grave, può riescire delitto e misfatto; un eccesso d'allegria, di loquacità, può essere biasimevole; ma gli eccessi dei Neroni e dei Caligola immergevano nel lutto pressochè tutto il mondo. Demerito non è sempre colpa; molte volte il demerito è immaginario, e sta solo nella fantasia di chi vuol trovarlo: molti v'hanno che, demeritando dal mondo, molto meritano presso Dio: vero demerito è quello che avvilisce, per azioni colpevoli o turpi, meritamente l'uomo che le commette. L'errore, a parlare rigorosamente, non è di necessità colpa o peccato: può divenirlo se è volontario e grave; del resto, errare humanum est. La scelleraggine è delitto moralmente mostruoso; ma come niuno diventa in un istante scellerato, la scelleraggine non è qualificata, se non quando è fatta dallo scellerato; commessa da un altro, può essere scusabile in parte o per ignoranza o per impeto di passione. Mancamento è fallo o colpa leggera proveniente dal mancare a regola o precetto; se fosse grave, il vocabolo mancamento non sarebbe sufficiente, e bisognerebbe chiamarla con altro de' surriferiti vocaboli. [immagine]
Sceleraggine, Attentato, Delitto, Sceleratezza - Sceleratezza vale forse meglio a significare l'abito; la sceleraggine, l'atto: ma comunemente si scambiano. Delitto è meno: l'uomo abitualmente virtuoso può commettere un delitto per accecamento di passione o trasporto; la sceleraggine importa malvagità consumata, e deliberata volontà nel farla. L'attentato è delitto sì, ma più sceleraggine macchinata, e impresa non consumata sempre col fatto; punibile però sempre pel deliberato animo che a quello moveva. [immagine]
Enorme, Grande, Atroce (delitto) - Grande, che non è piccolo; enorme, che passa la misura comune, la norma, quasi l'andamento della maggior parte, ed ha qualche cosa di strano che fa maravigliare, o a meglio dire raccapricciare. Atroce, è quel delitto o crimine che vien perpetrato con crudeltà. Gran delitto sarebbe il sedurre, l'ingannare l'innocenza, la semplicità confidente; enorme il perdere con parole e più con atti il sacro rispetto dovuto ai genitori; atroce è più o meno sempre l'assassinio. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Delitto - e pl. † DELITTA. [T.] S. m. [Can.] Atto ingiusto e dannoso alla società, volontariamente commesso. = Ar. Fur. 14. 89. (C) Cominciò andar la notte cogli amanti, Indi coi ladri a fare ogni delitto. T. Solo in faccia al suo delitto. – Delitto grande. Cic. e Hor. lo fanno corrispondere a Pena e a Supplizio; ed è celebre il Trattato dei delitti e delle pene. – Corpo del delitto, Quel che ne costituisce la materiale e essenziale prova innanzi alla giustizia; a diff. degli Indizii e delle Circostanze. – Con partic. Delitto di lesa maestà. – Delitto contro le persone, le proprietà. – Ces. Maggiore. – Delitto enorme, Capitale; Delitto di sangue; comune, punito dalle leggi comuni a un dipresso ai pop. civ., a distinguerlo dal Politico, la cui gravità e la pena sono sovente misurate da circostanze spec. o dai pregiudizii o dalle passioni de' governanti.

2. In senso men lato il Delitto oggidì si distingue dal Crimine; e questo è più grave trasgressione di legge più importante al vivere sociale; laddove il Delitto (più grave però della sempl. Contravvenzione) è punito con le pene che diconsi Correttive. Diff. che nel ling. giurid. si dovrebbe osservare; conforme all'orig. di Linquo. Onde T. Isid. Lieve delitto; ma non si direbbe Crimine o Misfatto leggiero.

3. Nel senso mor. è meno usit. oggidì; ed è trad. troppo letter. dal salmo il seg. Vit. S. Ant. (Man.) Non ti ricordare, o Signore, de' delitti della mia gioventù. Canig. Rist. 122. Remission delle 'nique delitta, Ch'i' ho commesso, a tutte l'ore chero (chieggo). In questo senso suona più grave di Peccato; nè Delitto direbbesi il veniale.

Ma perchè il male mor. è da ultimo sempre soc., nel seg. le idee si congiungono. Segn. Stor. 9. 244. (C) Stimarono che il giudizio divino avesse loro a quel tempo riservata la pena de' loro commessi delitti. T. Prov. Tosc. 83. Chi delitto non ha, rossor non sente.

T. Chi è minacciato o rimproverato troppo acremente, risponde: Non ho commesso un delitto. Chi si scusa: Che delitto c'è egli?… Quindi per iron. e per cel.: Vedete un po' che delitto!

4. Di fallo nelle opere dell'ingegno, l'usa due volte Hor., ma noi non lo potremmo se non per cel. o per iperb. T. Non conviene fare un delitto di qualche voce nuova o straniera che usi scrittore corretto del resto, quand'essa bisogni e giovi al suo intento.

In altro senso. T. Certe tragedie sono atrocità letterarie insieme e morali, delitti contro il senso comune. Anche la pittura dell'Innocenza può essere, in questo rispetto, un delitto.

5. Modi com. a più d'uno tra i sensi not. T. Ces. Commettere un delitto, più com. che Farlo. – Ov. Confessare. – Scusare. – Hor. Difendere.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: deliriamo, deliriate, delirino, delirio, delirò, deliro, delitti « delitto » delittuosa, delittuosamente, delittuose, delittuosi, delittuosità, delittuoso, delizi
Parole di sette lettere: delitti « delitto » delizia
Vocabolario inverso (per trovare le rime): extraprofitto, approfittò, approfitto, superprofitto, sfitto, tragitto, egitto « delitto (ottiled) » relitto, derelitto, afflitto, inflitto, conflitto, slitto, slittò
Indice parole che: iniziano con D, con DE, iniziano con DEL, finiscono con O

Commenti sulla voce «delitto» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze