Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «dimora», il significato, curiosità, forma del verbo «dimorare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Dimora

Forma verbale
Dimora è una forma del verbo dimorare (terza persona singolare dell'indicativo presente; seconda persona singolare dell'imperativo presente). Vedi anche: Coniugazione di dimorare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola dimora è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (aromi).
Divisione in sillabe: di-mò-ra. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: adromi, diramo, diramò, idroma, madori.
dimora si può ottenere combinando le lettere di: rom + [adì, dai, dia]; [dio, odi] + ram.
Componendo le lettere di dimora con quelle di un'altra parola si ottiene: +[ere, ree] = aderiremo; +[ave, eva] = aderivamo; +bei = adibiremo; +ano = adorniamo; +[ore, reo] = aerodromi; +nei = amerindio; +[eta, tea] = amidatore; +tai = amidatori; +fan = anfidroma; +fen = anfidrome; +fin = anfidromi; +fon = anfidromo; +[ali, ila, lai] = armadioli; +[lao, ola] = armadiolo; +ani = armadioni; +can = armandoci; +san = armandosi; +tan = armandoti; +van = armandovi; +[era, rea] = arrediamo; +[ari, ira, ria] = arridiamo; +[out, tuo] = autodromi; +ben = bandiremo; ...
Vedi anche: Anagrammi per dimora
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: dimore, dimori, dimoro, divora.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: timore, timori.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: dima, dirà, dora.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: dimorai, dimorfa.
Parole con "dimora"
Iniziano con "dimora": dimorai, dimorano, dimorare, dimorate, dimorato, dimorava, dimoravi, dimoravo, dimorammo, dimorando, dimorante, dimoranti, dimorarvi, dimorasse, dimorassi, dimoraste, dimorasti, dimorarono, dimoravamo, dimoravano, dimoravate, dimorassero, dimorassimo.
»» Vedi parole che contengono dimora per la lista completa
Parole contenute in "dimora"
ora, mora. Contenute all'inverso: aro, rom, aromi.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "dimora" si può ottenere dalle seguenti coppie: dire/remora.
Usando "dimora" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: vidimo * = vira; * moraleggi = dileggi; * afa = dimorfa; mordi * = mormora; * moraleggia = dileggia; * moraleggio = dileggio; * aera = dimorerà; * aero = dimorerò; * moraleggerà = dileggerà; * moraleggerò = dileggerò; * moraleggiai = dileggiai; * moraleggino = dileggino; * aerai = dimorerai; * aerei = dimorerei; * aiate = dimoriate; * moraleggerai = dileggerai; * moraleggerei = dileggerei; * moraleggiamo = dileggiamo; * moraleggiano = dileggiano; * moraleggiare = dileggiare; ...
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "dimora" si può ottenere dalle seguenti coppie: ledi/morale, lidi/morali, redimo/rare.
Usando "dimora" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: morale * = ledi; morali * = lidi; * redimo = rare; * ledi = morale; * lidi = morali; rare * = redimo.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "dimora" si può ottenere dalle seguenti coppie: dileggerà/moraleggerà, dileggerai/moraleggerai, dileggeranno/moraleggeranno, dileggerebbe/moraleggerebbe, dileggerebbero/moraleggerebbero, dileggerei/moraleggerei, dileggeremmo/moraleggeremmo, dileggeremo/moraleggeremo, dileggereste/moraleggereste, dileggeresti/moraleggeresti, dileggerete/moraleggerete, dileggerò/moraleggerò, dileggi/moraleggi, dileggia/moraleggia, dileggiai/moraleggiai, dileggiammo/moraleggiammo, dileggiamo/moraleggiamo, dileggiando/moraleggiando, dileggiano/moraleggiano, dileggiante/moraleggiante, dileggianti/moraleggianti...
Usando "dimora" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * remora = dire; mormora * = mordi; vira * = vidimo; * area = dimorare; * atea = dimorate.
Intarsi e sciarade alterne
"dimora" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: dir/moa.
Intrecciando le lettere di "dimora" (*) con un'altra parola si può ottenere: * eri = dimorerai; * sai = disamorai; * sano = disamorano; * savi = disamoravi; * steri = dimostrerai; * stimo = dimostriamo; * sante = disamorante; * santi = disamoranti; * sarti = disamorarti; * sassi = disamorassi; * sarei = disamorerai.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "dimora"
»» Vedi anche la pagina frasi con dimora per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • La dimora grande o piccola, lussuosa o misera è una necessità per l’uomo. Essa è il rifugio e la tana in cui può essere veramente se stesso.
  • La dimora del senzatetto è una panchina nel parco o alla stazione.
  • Molto spesso i cittadini confondono la dimora ed il domicilio con la residenza.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Dimora, Soggiorno - Il Grassi pone così bene la differenza tra queste due voci, che mi piace il recar qui tutto il suo articolo: «L'idea della durata è la concomitante dei due vocaboli; ma in Soggiorno è stretta entro certi limiti, in Dimora è indefinita. Soggiorno ebbe origine dal soffermarsi per un giorno in alcun luogo; e quel lepidissimo ingegno del Berni, nel creare un nuovo vocabolo da contrapporre a Soggiornare, lo trasse da notte:

Non so dir se sonnotta o se soggiorna.

«Dimorare è avere stanza ferma in un luogo, e Soggiornare è averla per a tempo. La terra è soggiorno del cristiano; la sua dimora è in cielo; l'infelice proscritto in terra straniera fa soggiorno più o meno doloroso in questo o in quel luogo, ma sospira pur sempre la sua antica dimora: i soldati in guerra viva soggiornano nei luoghi di posata, posti lungo le vie militari, ma dimorano ne' quartieri, nelle guarnigioni.

«Dimora e Soggiorno sono talvolta posti per indugio, dice la Crusca; ma conviene aggiungere che in questo traslato, Dimora dinota astrattamente tardanza di tempo e d'azione, e Soggiorno tardanza d'azione; anzi non ha forza se non parlando di gente che si soffermi camminando. Abbiamo in Dante:

Come s'accorse d'alcuna dimora
Ch'io faceva dinnanzi alla risposta,
Supin ricadde e più non parve fuora.


«Ognun sente che Soggiorno non potrebbe qui reggere in luogo di dimora: ma Soggiorno è proprio nel passo seguente di G. Villani: «Senza soggiorno andarono popoli e cavalieri di Firenze in Mugello», cioè senza soffermarsi per via. [immagine]
Dimora, Indugio, Ritardo, Dilazione - Dimora, quando significa il metter del tempo in mezzo, è voce dello stile tanto o quanto elevato, e si riferisce a periodo non troppo lungo: è come dire che colui che dovrebbe operare, resta fermo dov'è, senza darsene cura. - Indugio è non solo il differire e il metter tempo in mezzo, ma è altresì lo spender molto più tempo del necessario. - La Dimora riguarda il cominciare: l'Indugio il finire. - Ritardo è quando la cosa che doveva esser fatta per quel dato giorno, si protrae a un termine assai più lungo. - «Il lavoro dovrà esser finito il dì 20, e ogni giorno di ritardo ci sarà una multa di cinque lire.» - La Dilazione è quando si differisce da un giorno all'altro, aspettando tempo più opportuno. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Abitazione, Casa, Domicilio, Alloggio, Albergo, Abitacolo, Ospizio, Ricettacolo, Residenza, Dimora - L'abitazione è il luogo qualunque ove uno dimora; la casa è anche l'abitazione, ma più l'edifizio. Domicilio è il sito ove civilmente o commercialmente si dichiara aver residenza.

« Residenza è il luogo dove l'uomo si sa che risiede, è dimora stabile. Si può bene avere residenza in un luogo, il domicilio in altro, la dimora in un terzo. La residenza d'un giudice di villaggio può essere in un paese, il suo domicilio nel paese vicino, la dimora in una delle circostanti campagne ». Robaud.

« Abitacolo è quasi disusato tranne nello stile biblico o giocoso. Albergo è luogo pubblico a ricovero de' viaggiatori che pagano. Alloggio è propriamente de' militari; ma dicesi anco degli altri. L'ospizio è ordinariamente gratuito, e accoglie poveri e viandanti. Ricettacolo è qualunque sia luogo ricevente persona o cosa ». Gatti. [immagine]
Dimora, Soggiorno, Stanza, Stazione - «La dimora è più lunga o più breve; il soggiorno debb'essere di un giorno almeno. Non si soggiorna nè più anni, nè un'ora sola. Stanza, per atto di stare, è poetico ormai: ed è generico; non riguarda propriamente nè il tempo, nè l'abitudine di dimorare. Stazione significa l'atto e il luogo di fermata lungo le strade; ovvero nelle chiese, dove innanzi agli emblemi della Passione si fermano i fedeli a pregare». Romani.

Stanza coi verbi fermare e porre può usarsi anche in prosa, ma nello stile elevato. Di stazioni abbiamo ora quelle lungo le ferrovie. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Dimora - S. f. Permanenza, quel Tempo che corre mentre si sta in un luogo. Dant. Purg. 17. (C) E prenderai Alcun buon frutto di nostra dimora. Lab. 48. Se tu se' nella prigione eterna, senza dubbio più dura dimora credo che vi sia, che qui non è. Alam. Colt. 4. 98. Cotal della famiglia il vecchio padre Saprà qual di costui prenda dimora.

Onde Far dimora vale Dimorare. Rim. ant. Guid. Cavale. 70. (Mt.) Lo qual da Marte viene, e fa dimora. Dant. Par. 6. Tu sai ch'e' fece in Alba sua dimora Per trecent'anni.

T. Far dimora in un luogo, presso un tale.

2. [Val.] Stare a dimora, Dimorare. Foscol. Lett. 33. Fate che possa stare a dimora a Torino.

3. T. D'azione rispetto al tempo. D. 1. 10. Quando s'accorse d'alcuna dimora Ch'i' faceva dinnanzi alla risposta. Vang. Moram faciente. [Camp.] Bib. Mat. 25. E facendo dimora lo sposo a venire, addormentârsi tutte e dormirono (Moram autem faciente sponso).

Bocc. Nov. 36. 6. (C) Siccome a colei, a cui la dimora lunga gravava.

[Cont.] G. G. Lett. Mont. lun. III. 150. Non diffido da lei scusa, e perdono della dimora, e silenzio tenuto per questo tempo.

4. T. Tardanza dannosa. Prov. Tosc. 270. Al ben far non far dimora, Perchè presto passa l'ora.

5. Trarre dimora. Dimorare. Bemb. Asol. 1. (Mt.) Dolci ed oneste dimore traendo.

6. Per Fermata, Pausa. Onde Non far dimora, Non fermarsi. Bern. Orl. 3. 4. 5. 6. (C) Non fanno al canto pausa, nè dimora. Chiabr. Rim. 2. 337. (Man.) Dunque ogni affar tralascia, Piglia la sega e l'ascia, E rompi ogni dimora.

7. Levar dimora. Spacciarsi. Ricord. Malesp. 182. (Mt.) Lieva ogni dimora, e va contro al nimico tuo, e non gli lasciare più prendere campo.

8. Pel Luogo ove si dimora, che dicesi anche Domicilio, Abitazione, Stanza, Albergo. Bocc. g. 7. f. 4. (C) Inverso la loro usata dimora con lento passo ripresero il cammino.

9. [Camp.] In questa dimora, avverb., per In questo mentre, In questo mezzo tempo, e sim. Aquil. III. 11. In questa dimora pensò Catilina di fare uccidere Cicerone.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: dimissioniamo, dimissioniate, dimissionino, dimissionò, dimissiono, dimmela, dimmi « dimora » dimorai, dimorammo, dimorando, dimorano, dimorante, dimoranti, dimorare
Parole di sei lettere: dimisi « dimora » dimore
Vocabolario inverso (per trovare le rime): riesplora, mora, innamora, disinnamora, disamora, commemora, remora « dimora (aromid) » mormora, canora, ignora, pignora, signora, sissignora, nossignora
Indice parole che: iniziano con D, con DI, iniziano con DIM, finiscono con A

Commenti sulla voce «dimora» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze