Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «dipingere», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Dipingere

Verbo
Dipingere è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo irregolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è dipinto. Il gerundio è dipingendo. Il participio presente è dipingente. Vedi: coniugazione del verbo dipingere.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di dipingere (colorare, pitturare, acquerellare, affrescare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani

Foto taggate dipingere

Da grande farò il pittore!

lavorazione ceramica

Cappello di pittrice fiorentina
Giochi di Parole
La parola dipingere è formata da nove lettere, quattro vocali e cinque consonanti.
Divisione in sillabe: di-pìn-ge-re. È un quadrisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
dipingere si può ottenere combinando le lettere di: pii + gender; piri + degne; gip + redine; gin + deperì; ring + piede; giri + pende; pigi + rende; pigri + eden; [iper, peri, ripe] + degni; peni + gride; [ergi, regi] + pendi; geni + perdi; [pegni, pigne] + [dire, idre, ride]; pregni + dei; [nepe, pene] + gridi; pregne + idi; genepi + dir.
Componendo le lettere di dipingere con quelle di un'altra parola si ottiene: +sos = dipingessero; +mas = disimpegnare; +mas = disimpegnerà; +[amo, moa] = reimpiegando; +[mais, siam, sima] = disimpegnerai; +[mesi, mise, semi] = disimpegnerei; +[alvo, lavo, vola] = prediligevano; +vita = ridipingevate; +somme = disimpegneremo; +meste = disimpegnerete; +[rossi, sorsi] = ridipingessero; +smossa = disimpegnassero; +stimavate = dispregiativamente.
Vedi anche: Anagrammi per dipingere
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: dipingerà, dipingerò, dipingete.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: dine, dire, iper, pigre, pere, nere.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: dipingerei, dipingerle.
Parole con "dipingere"
Iniziano con "dipingere": dipingerebbe, dipingerebbero, dipingerei, dipingeremmo, dipingeremo, dipingereste, dipingeresti, dipingerete.
Finiscono con "dipingere": ridipingere.
Contengono "dipingere": ridipingerei, ridipingeremo, ridipingerete, ridipingerebbe, ridipingeremmo, ridipingereste, ridipingeresti, ridipingerebbero.
»» Vedi parole che contengono dipingere per la lista completa
Parole contenute in "dipingere"
ere, pin, dipinge. Contenute all'inverso: regni.
Incastri
Inserito nella parola rii dà RIdipingereI; in rimo dà RIdipingereMO.
Inserendo al suo interno est si ha DIPINGERestE.
Lucchetti
Usando "dipingere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * rete = dipingete; * rendo = dipingendo; * evi = dipingervi; * resse = dipingesse; * ressi = dipingessi; * reste = dipingeste; * resti = dipingesti; * ressero = dipingessero.
Lucchetti Riflessi
Usando "dipingere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = dipingete; * errai = dipingerai.
Lucchetti Alterni
Usando "dipingere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * aie = dipingerai; * mie = dipingermi; * vie = dipingervi; * remore = dipingeremo.
Sciarade incatenate
La parola "dipingere" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: dipinge+ere.
Intarsi e sciarade alterne
"dipingere" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: dine/pigre.
Frasi con "dipingere"
»» Vedi anche la pagina frasi con dipingere per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Vorrei avere l'estro di un pittore, per poter dipingere il paese dei miei sogni.
  • Nel dipingere le persiane, distrattamente ho rovesciato il barattolo della vernice.
Proverbi
  • Non bisogna dipingere il diavolo più brutto di quello che è.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Dipingere - e † DIPÌGNERE e † PÌNGERE. [T.] V. a. Rappresentare la forma d'un oggetto con linee e colori. Depingo aureo lat. Nel lat. più com. Pingere; nell'it. il verbo Dipingere è più com. che Pingere; rimasto al verso; ma, per contr., Pittura è più com. e ha usi più varii che Dipintura. [Mil.] Cennin. Tr. pitt. 1. Giotto rimutò l'arte del dipignere (dalla maniera greca)…, e ridusse al moderno. (Qui come Sost.) T. Vas. 2. 201. Imparare a disegnare e a dipingere. Bemb. Asol.2. 122. Il dipintore bene potrà, come che sia, la bianchezza dipignere delle nevi; ma la freddezza non mai. Prov. Tosc. 120. Chi dipinge il fiore, non gli dá l'odore. (L'arte, per quanto faccia, non agguaglia mai la natura.) = Varch. Lez. 214. (C) Diceva d'Apelle, che egli aveva dipinte quelle cose che non si potevano dipignere. Bocc. Nov. 8. 7. Saprestemi voi insegnar cosa alcuna, che mai più non fosse stata veduta, la quale io potessi far dipignere nella sala di questa mia casa? (All'avaro nella Nov. rispondesi: Dipingetevi la Cortesia. A certi liberali potrebbesi: Dipingetevi la Libertà.)

2. Di luoghi e di fatti. Dittam. 5. 27. (C) Un'isola dipingi.

[Cont.] Buonarr. M. V. Lett. 6. La Vostra Signoria mi manda a dire che io dipinga, e non dubiti di niente. Io rispondo che si dipigne col cervello e non colle mani; e chi non può avere il cervello seco, si vitupera; però fin che la cosa mia non si acconcia, non fo cosa buona.

T. Nep. Dipingendosi la battaglia di Maratona. Fed. La storia de' topi e delle donnole che suolsi dipingere nelle taverne. – Certuni che dipingono fatti storici, rammentano i dipintoruzzi di code di sorici. V. DIPINTORUZZO.

3. Di pers. [F. T-s.] Salvin. Lett. Alessandro Magno diceva che voleva solamente esser dipinto da Apelle. È in Cic. e in Hor. T. S'è fatto dipingere (il suo ritratto). – Dipingere persona in tale o tale attitudine. = C. pop. tosc. (Ner.) L'arte del marinar la vorrei fare, Dipingerti vorrei nelle mie vele. T. Hor. Tu sai fare un cipresso; che fa cotesto, se chi paga, e chi tu devi dipingere, è un naufrago?

[Mil.] † Dipingere in carne, Colorire al naturale le carni. Cennin. Tr. pitt. 179.

4. Del corpo o dello spazio su cui si dipinge. T. Dipingere quadri, una tavola. Vas. II. 201. Gli fu dato a dipingere la cappella di S. Girolamo. – Dipingere le pareti, il soffitto, la facciata, una camera.

5. Generi di pittura. T. Dipingere a olio, a fresco, a tempera, all'acquerello. Pitturare riguarda segnatam. la parte su cui si dipinge, e sovente vale Distingerla con colori e imagini più all'ingrosso. Non ha molti de' trasl. di Dipingere, specialm. de' più delicati.

Dipingere a olio, Con colori stemperati con olio. Borgh. Rip. 174. (C) Bern. Rim. 1. 3. Era dipinta a olio, e non a fresco.

[Cont.] Dipingere a colla. Cit. Tipocosm. 497. Dipingere, o a guazzo, o con colla, o a oglio, o in fresco, o a chiaro e scuro, o a colori.

[Cont.] Dipingere a tempera. Lana, Pitt. 160. Il dipingere a tempera (così chiamato perchè i colori si stemperano con acqua) (ora, meglio, con aceto e con ovo) si faceva anticamente sopra tavole di legno.

[Cont.] Lana, Pitt. 160. Volendo dipingere a guazzo sopra la tela, e cartone, se li dá prima sopra l'imprimitura di creta stemprata con colla di ritagli, sopra la quale, dopo che sarà asciutta, si mettono i colori macinati con acqua, e stemprati con la medesima colla di ritagli, overo con la tempera fatta con ova.

A fresco, Dipingere sull'intonaco non rasciutto. Borgh. Rip. 170. (C) A chi vuol dipignere a fresco, è di mestiero intonacare tanto muro quanto basta per lavorare un giorno.

[Cont.] In fresco. Men com. Vas. V. Pitt. Scul. Arch. I. 85. Dipinse in fresco nella vôlta della tribuna maggiore la Nostra Donna col figliuolo in braccio,… Molte altre figure, che erano per la chiesa in fresco, furono… coperte di bianco.

[Cont.] Dipingere a secco. Sul muro già asciutto. Vas. V. Pitt. Scul. Arch. III. 219. Un Refettorio, il quale dipinsero parte a fresco, parte a secco.

A sgraffio, o A graffio, di quelle pitture, o di que' disegni fatti per lo più nelle facciate delle case, tratteggiando con isgraffiare l'intonaco fresco per cavarne il chiaroscuro. Malm. 4. 74. (C) A piè d'un tempio, ch'è dipinto a graffio.

[Cont.] Dipingere sul marmo, sul vetro, sui metalli; nei due ultimi la pittura si compie dal fuoco che dá alle polveri sparse dalla mano dell'artefice i previsti colori che prima non avevano. Lana, Pitt. 164. Dipingere sopra un marmo, e poscia far penetrare i colori dentro di esso marmo profondamente sì, che segato in molte lastre, in ciascuna di esse comparisce la medesima pittura tanto dall'una parte, quanto dall'altra. Spet. nat. VI. 76. Si è trovata pur l'arte di dipignere esteriormente sul vetro, e di colorirne eziandio l'interiore, inserendo nella sua medesima composizione… qualsivoglia colore. Lana, Pitt. 164. Dipingere sopra i metalli, come sopra il rame, e sopra l'argento, con colori di smalto, facendo per mezzo del fuoco, che esso smalto si unisca inseparabilmente al metallo.

T. Dipingere in legno, in tela, in porcellana, in carta, in avorio. Anco gli ant. Dipingevano la scultura; e non era barbara cosa a vedere. In Luca della Robbia quest'arte è piena di grazia.

[Mil.] Cell. Oref. 216. Dipingere di chiaro e scuro. Ora più com. In o A chiaroscuro.

[Cont.] Dipingere a botte. Lana, Pitt. 161. Il terzo modo si chiama dipingere a botte, il che si fa non conducendo il pennello dall'una parte all'altra sopra la tela; ma appuntandolo, e dando varie botte sopra di essa; e questo modo si suole usare da valenti maestri, quando in pochi colpi vogliono formare una pittura.

Dipingere alla macchia, senz'avere dinnanzi l'oggetto. (Baldin. Voc. Dis. Macchia); quasi Cogliere il vero di furto, di volo. Malm. 1. 96. (Gh.) (Qui equivoco tra il pittore e l'assassino; e c'è de' pittori assassini.)

Cas. Lett. 69. (C) Anche Michelagnolo dipinse, a principio, de' fantocci.

6. T. È da dipingere, cosa naturale o pers., singolarmente bella nel gen. suo, da corrispondere colla realtà a un'ideale concetto, e da vincerlo in alcuna parte.

T. Cominciato, Finito di dipingere. – Una cosa è dipinta col fiato, per dire ch'ella è fatta con somma diligenza, squisitezza, morbidezza. = Vasar. Baldin. (C)T. Maniera di…

T. Darsi al dipingere (qui è come Sost.), all'arte.

T. Sa, Non sa dipingere, Conosce o no l'arte.

7. Fig., di colori naturali; se pure è fig., e il senso della voce non sia, in orig., più gen. T. Lucr. Il tempo di primavera dipingeva di fiori l'erbette verdi. Apul.La Primavera di fiori gemmanti dipinge ogni cosa. [Giust.] Arrigh. IV. Non in ogni tempo e' fiori cuoprono il prato, nè la verde erba sempre dipigne la terra.Più ass. T. D. 2. 7. Non avea pur Natura ivi dipinto (quel prato, con erbe e fiori) Ma di soavità di mille odori Vi facea un incognito indistinto. Prov. Tosc.187. Marzo tinge (la terra di verde), April dipinge (di fiori).

T. Lucr. Vediamo le conchigliuzze dipinger la terra.

T. D. 3. 27. Di quel color che, per lo sole avverso, Nube dipinge da sera e da mane, Vid'io… il ciel cosperso. (È il colore che dipinge.)

[F. T-s.] Aless. Piccol. Stell. Fiss. 4. Le quarantotto imagini stellate (costellazioni), le quali dipingono e rendono così bello e adorno l'ottavo cielo. [Camp.]D. Par. 23. Tra le ninfe eterne (le stelle) Che dipingono il ciel per tutti i seni. = Poliz. Stanz. 1. 1. (C) T. D. 3. 18. Quei che dipinge là, non ha chi 'l guidi (Dio, che le forme di Spiriti raggianti dipinge e ordina in sensi arcani).

Rifl. Dipingersi per Colorirsi, in senso però quasi fig. di Abbellirsi. D. Rim. 19. (C)

8. Fig. [Camp.] Recare le imagini degli oggetti al senso visivo. D. Par. 23. E come ambo le luci mi dipinse Il quale e 'l quanto della viva stella, (quand'io vidi, nella bellezza e nella intensità della sua luce, Maria). T. Non solo dunque La luce dipinge di sè gli oggetti, e Gli oggetti si dipingon di lei; ma essa Dipinge nell'occhio le imagini, e Le imagini e gli oggetti stessi nell'occhio si dipingono. – È, essa, fotograficamente dipinge.

T. Nè questo solo è l'uso fig. oltre all'att.; ma nel corpo che le riflette, le imagini dei corpi si dipingono; con più ardita fig., Si dipingono i corpi stessi, nello specchio, nell'acque, e sim.

9. Dipingere e Dipingersi parte del corpo o il corpo tutto, la pers., con colori, o per bizzarria o per vanità. T. Virg. Gli dipinge di more sanguigne la fronte e le tempie. Eg. Regg. Pr. 153. Fardo, per lo quale le femmine si dipingono vermiglie e bianche. Girol. Con biacca il viso. = Tratt. Gov. Fam. 89. (Man.) Portare oro, ariento, gemme…; dipignersi e farsi vana, e per piacere ad altri che a suo marito, è peccato grave. Marc. Pol. Viag. 207. (Gh.) I maschi e le femine (della provincia di Chaugigu) si dipingono tutti a uccelli e a bestie… e ad altri divisamenti; e dipingonsi il volto e le mani e 'l corpo e ogni cosa: e questo fanno per gentilezza; e chi più n'ha di queste dipinture, più si tiene gentile e più bello.

10. Del color naturale del volto umano. T. Lucr. Dipingere di pallore. = Petr. Canz. 18. 4. (C) Vedete ben, quanti color' dipigne Amor sovente in mezzo del mio volto. (In mezzo, non bello. Par che l'Amore si divertisse a dipingergli il naso.) [Camp.] Dipingersi di un qualche affetto dell'animo, Lasciarlo apparire sul viso e negli atti della persona, è in quest'esempio che si può stendere ad altri usi sim. D. Purg. 2. Di maraviglia, credo, mi dipinsi. = E Inf. 24. (Gh.) E di trista vergogna si dipinse. E 4. (C) L'angoscia delle genti, Che son quaggiù, nel viso mi dipigne Quella pietà che tu per tema senti (credi essere in me timore). E del proprio timore T. E 9. Quel timor che viltà di fuor mi pinse. (Ma qui forse vale Sospinse.)

11. Trasl. L'uomo dipinge colla parola; e il seg. è passaggio tra le due idee. Leop. Cap. 23. (Man.) Per dipingere un uomo in lieto stato Col pennel della lingua… (Non bello.) T. Pl. M'hai proprio con le parole dipinta la forma. [Camp.] D. Purg. 29. Ma guarda Ezechiel, che li dipigne (gli animali simbolici) Come li vide dalla fredda parte Venir con vento, con nube e con igne. T. Petr. Son. 267. L'alte bellezze Pinger cantando. Cic. Dámmi la Britannia a dipingere co' tuoi colori, col pennello mio. – Descrivere non sempre è Dipingere; e si può Dipingere in breve, con sola una parola, un uomo, un fatto e, meglio ancora che Dipingere, Scolpire. – Dipingonsi con parole le cose esterne, l'uomo, l'indole sua; affetti, virtù. – Me lo avete dipinto vale Dalle vostre parole conosco l'uomo qual è.

T. Imagine, Epiteto che dipinge.

T. L'uomo con parole dipinge se stesso; talvolta, anco non volendo e contro volere, si offre a conoscere. – Egli ha detto una parola che lo dipinge.

T. L'uomo si dipinge ne' fatti e co' fatti. Il secondo dice più.

T. Dipingere le cose co' gesti, che sono una specie di parola. – Egli ha un gesto che dipinge.

T. Dipingere co' suoni. – Certe voci, segnatam. nelle lingue antiche, col suono dipingono. – Dante co' suoni dipinge più vivamente che il Tasso. – Certi musicanti badano colle armonie non a dipingere, ma a lucidare, le idee. [Ross.] Algar. 3. 37. Si rimangono soltanto scolpite nella memoria dell'universale quelle arie che dipingono, o esprimono, che chiamansi parlanti.

12. Più espressam. questo trasl. vale Rappresentare ad altri le cose non sempre secondo verità; usando a ciò arte più o meno deliberata: giacchè anco in colori si può Dipingere in caricatura. T. A come me l'avete dipinto, io dovrei giudicarlo un gran che, un gran balordo. = Tac. Dav. Stor. 3. 312. (C) L'apparecchio e l'allegria… gli furon dipinte maggiori del vero. Red. Lett. 2. 120. Dipignesse la cosa più bella che non era. Tass. Ger. 5. 35. La causa del reo dipinse onesta. Alam. Gir. 6. 96. Che, come frale e vile, il dipingeste. – Modo prov. Bern. Orl. 2. 23. 1. Per saper se 'l dimonio è come pare; S'egli è sì brutto com'egli è dipinto.

T. Dipingere in belli, in neri colori; dice più che Dipingere con: questo è un usare i colori a tal fine; l'In è un far vedere la cosa così colorata.

13. Altra fig. attenente alla preced. T. La fama dipinge le cose altre dal vero.

T. Cic. La mente dipinge a sè col pensiero le cose. – L'imaginazione gli dipinge gli oggetti alterati.

14. Aff. a Scrivere nel seg. Prov. Salom. 5. (Man.) Figliuol mio, non dimenticare la legge mia… Légalati intorno al collo e dipignila nel cuor tuo. T. Di chi scrive esatto, dicesi Par che dipinga. V. l'altra voce DIPINGERE, che è da sè.

† Per Scrivere in senso di Registrare. Stat. Calim. 88. (Man.)

15. † Ricamare. Acu pingere e Pingere ass. Aureo lat. Ang. Metam. 6. 346. (Man.) Poi ne fece una tela, ove dipinta Avea del re l'ingiuria infame e stolta. Ovid. Simint. 2. 22. Ch'ella le dipignesse (le lane) con l'ago. E 25.

16. Dall'essere il dipingere un'arte vengono i modi fam. seg. Aver dipinto, ovvero Averla fatta a pennello, dicesi di Chi ha detto o fatto che che sia in quel modo appunto che da noi si desiderava. Varch. Ercol. 1. 189. (Gh.) Tac. Dav. Post. 439. (C) E Ann. 2. 41. Varch. Suoc. 2. 1. 40. (Gh.) Bisognerà dipignertene uno, se questo non ti contenta (degli sposi).

17. Modi com. a parecchi de' sensi not. Taluni di questi esempi concernono un solo senso, ma possonsi distendere ad altri, come verremo accennando. Siccome il Bern. Orl. 3. 9. 13. (C) Pingendo la sua faccia in quel colore Che fa la rosa; così Dipingere in colori, che è ass., direbbesi della pittura proprio; con epit. o altre voci, dicesi, e del Colorire e del Colorare att. e rifl., de' corpi e del corpo umano; e ne' sensi trasl. not. Ma col Di, Dipingere di rosso, di bianco, vale Dare a tutto o a parte d'un corpo quel solo colore. Questo anche dicesi Dipingere in rosso, in bianco; che forse talvolta può dire un po' più.

[Val.] Pucc. Centil. 50. 80. Qui non bisogna che molto dipinghi. (Prima pers. Che io dipinga, inusit.) T. Dipingere molto o poco, e nel pr. e del descrivere. = Car. Apol. 102. (C) Imitano, dipingendo, le pitture degli altri, e non il naturale o il vivo delle cose stesse. T. Anco degli scrittori. E così i modi seg. Dipingere al naturale, al vivo. Questo è più, perchè c'è una fedeltà morta, e lo dicono i fotografi e i traduttori. Dipingere fedelmente dice la diligenza; Dipingere al verodice la diligenza felice. Dipingere dal modello, dal vero: il modello non è sempre vero, perchè falsato dall'attitudine o dall'occhio e dall'anima di chi osserva.Dipingere di memoria, Di maniera. – In grande, in piccolo, in miniatura: modi che comportano anche usi trasl. E così Dipingere il ritratto. Cic. La vita d'alcuno.

T. Non si potrebbe dipingere… Non vi saprei dipingere, diciamo del Descrivere, del Dare a conoscere con parole.
† Dipingere - e † DIPÌGNERE. [T.] V. a. e Rifl. Contr. di Pingere nel senso di Scrivere (V. DIPINGERE, § 14), cioè Scorbiare. – Chi non pensasse che Spegnere (ai Tosc. Spengere) è troppo aff. al gr. Σβέννυμι, crederebbe che Spegnere abbia attenenza con questo Dipingere, quasi Dis-pingere. Vit. S. Gir. 107. (C) Quello che si scrive nella carta nuova, malagevolmente si dipigneràe.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: dipingendo, dipingente, dipingenti, dipingerà, dipingerai, dipingeranno, dipingerci « dipingere » dipingerebbe, dipingerebbero, dipingerei, dipingeremmo, dipingeremo, dipingereste, dipingeresti
Parole di nove lettere: dipingerà « dipingere » dipingerò
Lista Verbi: dipanare, dipendere « dipingere » diplomare, diradare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): rimpiangere, compiangere, infrangere, cingere, accingere, recingere, fingere « dipingere (eregnipid) » ridipingere, spingere, respingere, sospingere, stringere, astringere, restringere
Indice parole che: iniziano con D, con DI, iniziano con DIP, finiscono con E

Commenti sulla voce «dipingere» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze