Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «discendere», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Discendere

Verbo
Discendere è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo irregolare, sia transitivo che intransitivo. Ha come ausiliare sia avere che essere. Il participio passato è disceso. Il gerundio è discendendo. Il participio presente è discendente. Vedi: coniugazione del verbo discendere.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola discendere è formata da dieci lettere, quattro vocali e sei consonanti. Lettera maggiormente presente: e (tre).
Divisione in sillabe: di-scén-de-re. È un quadrisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
discendere si può ottenere combinando le lettere di: nerd + decise; densi + crede; dense + [cedri, credi].
Componendo le lettere di discendere con quelle di un'altra parola si ottiene: +sos = discendessero; +[vito, voti] = condividereste; +[arti, atri, irta, ...] = ricandidereste; +vita = ridiscendevate; +[rossi, sorsi] = ridiscendessero; +entozoi = decondizionereste; +comitato = trecentododicesima; +totemico = trecentododicesime; +[mitotico, timocito] = trecentododicesimi.
Vedi anche: Anagrammi per discendere
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: discenderà, discenderò, discendete, distendere, riscendere.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: dice, diede, dine, dire, iene, idee, idre, scene, sedere, sede, sere, cenere, cene, cedere, cede, cere, edere, nere.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: discenderei.
Parole con "discendere"
Iniziano con "discendere": discenderebbe, discenderebbero, discenderei, discenderemmo, discenderemo, discendereste, discenderesti, discenderete.
Finiscono con "discendere": ridiscendere, condiscendere, accondiscendere.
Contengono "discendere": ridiscenderei, condiscenderei, ridiscenderemo, ridiscenderete, condiscenderemo, condiscenderete, ridiscenderebbe, ridiscenderemmo, ridiscendereste, ridiscenderesti, accondiscenderei, condiscenderebbe, condiscenderemmo, condiscendereste, condiscenderesti, accondiscenderemo, accondiscenderete, ridiscenderebbero, accondiscenderebbe, accondiscenderemmo, accondiscendereste, accondiscenderesti, condiscenderebbero, accondiscenderebbero.
»» Vedi parole che contengono discendere per la lista completa
Parole contenute in "discendere"
ere, scende, discende, scendere. Contenute all'inverso: csi.
Incastri
Si può ottenere da dire e scende (DIscendeRE).
Inserito nella parola rii dà RIdiscendereI; in coni dà CONdiscendereI; in rimo dà RIdiscendereMO; in conte dà CONdiscendereTE; in consti dà CONdiscendereSTI.
Inserendo al suo interno est si ha DISCENDERestE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "discendere" si può ottenere dalle seguenti coppie: dia/ascendere.
Usando "discendere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * scenderete = dite; * scenderesti = disti; spedisce * = spendere; * rete = discendete; ridi * = riscendere; rispedisce * = rispendere; * rendo = discendendo; * resse = discendesse; * ressi = discendessi; * reste = discendeste; * resti = discendesti; tradì * = trascendere; * ressero = discendessero.
Lucchetti Riflessi
Usando "discendere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = discendete; * errai = discenderai.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "discendere" si può ottenere dalle seguenti coppie: idi/scenderei, modi/scenderemo, tedi/scenderete.
Usando "discendere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: scenderemo * = modi; scenderete * = tedi; * modi = scenderemo; * tedi = scenderete.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "discendere" si può ottenere dalle seguenti coppie: disti/scenderesti, dite/scenderete.
Usando "discendere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: discenderemo * = remore; * aie = discenderai; * disti = scenderesti; * remore = discenderemo.
Sciarade incatenate
La parola "discendere" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: discende+ere, discende+scendere.
Frasi con "discendere"
»» Vedi anche la pagina frasi con discendere per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Sul web ci sono interessanti siti per scoprire il discendere della propria stirpe.
  • Discendere dalla scala della soffitta è molto pericoloso.
  • La grande soubrette Wanda Osiris, oltre che per la sua bravura, era famosa per il suo discendere le scale all'inizio dello spettacolo.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Calare, Discendere - Calare è decrescere l'ombra e misuratamente, o il venir giù dall'alto, ma non con precipizio. Il sole cala al tramonto; un globo areostatico cala quando ha cessato di andar in alto. - Discendere dà l'idea di maggior prontezza. - «Un esercito discende da una montagna per invadere un paese.» [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Discendere - V. n. ass. Scendere, Calare, Venire abbasso. Descendere, aureo lat. Dant. Purg. 9. (C) Poi mi parea che, più rotata un poco, Terribil come folgor discendesse. Petr. son. 2. Quando 'l colpo mortal laggiù discese, Ove solea spuntarsi ogni saetta. Bocc. g. 1. f. 7. Verso un rivo d'acqua chiarissima, il quale d'una montagnetta discendeva in una valle…; con lento passo se ne andarono. Sen. Pist. Della quale ancora partita n'è discenduta in questo corpo mortale. Vit. S. Franc. 223. (M.) Un Serafino discendè di cielo.

[Cont.] Lana, Prodr. inv. 72. La palla discenderà, e farà girare la girelletta M. Cell. Scul. 3. Si debbe allentare l'argano tanto che la (forma) discenda nel fondo della fossa.

E col quarto caso. Belc. Vit. Colomb. 343. (M.) E in queste parole discesero il monte, e camminavano per lo piano. [Camp.] D. Inf. 24. Noi discendemmo il ponte dalla testa, Dove s'aggiunge con l'ottava ripa. = Bocc. Filoc. (Mt.) Discendevano l'alpestre monte.

[Cont.] Con la prep. Per. Lana, Prodr. inv. 83. Il moto della palla… doverà essere molto lento, ed il canale poco inchinato, sì che prenderà poco impeto nel discendere per quello, e poco impulso conseguentemente darà all'asta, sì che questa non potrà far muovere il perpendicolo.

T. Del passare da un piano di sopra della casa a un di sotto. Vang. Chi è sopra il tetto non discenda in casa.

T. Da albero, o altro posto più alto. Vang. Zaccheo, in fretta discendi. – Fa' salvo te stesso discendendo di croce.

T. Dell'abbassarsi sino allo sprofondarsi. Vang. Discenderai fino in inferno.

T. Anco di grande spazio di cammino. D. 2. 24. Non ebbe Gedeon compagni Quando in vêr Madïan discese i colli. Hor. Ad mare descendet vates tuus. Vang.I discepoli suoi discesero al mare. – Un cert'uomo discendeva di Gerusalemme in Gerico. = Att. Apost. 89. (Mt.) Discesono in una terra che si chiama Attalia. T. Vang. Discendendo con loro stette in luogó campestre.

[Cont.] Calare coll'occhio dal principio alla fine d'una pagina, d'una colonna, e sim. Vim. Orol. sol. 27. Fatto questo, entrate nella tavola che seguita immediate alla figura presente, e da man sinistra trovarete la prima colonella, qual serve all'altezza del polo da gradi 35, sin'alli 55, per gli orologi orizontali, sempre per ordine discendendo, nella qual cercando trovarete l'altezza del polo, alla qual avete fabricato il vostro gnomone.

2. [Camp.] Per Calarsi ad abitare in pianura dal monte natio. D. Inf. 15. Ma quell'ingrato popolo maligno, Che discese di Fiesole ab antico, E tiene ancor del monte e del macigno.

3. Fig. (Tom.) D. 3. 31. Sua effigie (posta nell'alto) Non discendeva a me per mezzo mista (per aria o altro corpo interposto: io la vedevo come lì prossima. Bello che non il raggio ma l'imagine stessa discenda).

4. [Val.] Discendere al mondo. Detto di Cristo; Umanarsi. Dant. Salm. 2. Non s'approssimeranno a quel che giacque Nell'aspero presepio, allora quando Per noi discese al mondo, e uomo giacque. T. Salm. Inchinò i cieli, e discese.

5. Altra fig. T. Lett. B. Col. 1. La grazia del Santo Spirito discenda nelle anime vostre. La Chiesa: La benedizione di Dio onnipotente su voi discenda e rimanga sempre.

T. Vang. Nessuno ascende in cielo, se non chi discende di cielo. – Io sono il pane vivo che discesi di cielo.

6. [Val.] Tramontare. Fortig. Ricciard. 29. 61. E dove il sol discende e si trattiene, Venir tu non vorrai, dolce mio bene.

[Cont.] Nel signif. astr. vale non solo Andar sotto l'orizzonte, o Tramontare, ma anche Andar sotto il piano equatoriale, nel medesimo signif. usandosi Ascendere e Ascensione. Cit. Tipocosm. 64. Esser quasi una cosa istessa il levar de' l sole co'l principio de' l giorno, e '1 tramontar de' l sole co'l fin de' l giorno; e così l'ascender, e discender de' l solè per il zodiaco con la state, e '1 verno, e l'altre stagioni. Danti, Astrol. 10. Ascendono, e discendono essi segni sopra l'orizonte, per obliquità del zodiaco variamente, così nella sfera retta, come nella obliqua.

[Camp.] D. Par. 20. Quando colui che tutto 'l mondo alluma Dell'emisperio nostro, sì discende Che 'l giorno d'ogni parte si consuma. Così tutti i testi più autorevoli.

7. T. Talora dicesi dell'Entrar nella barca. D. 1. 8. Discese nella barca (perchè la riva più alta). Ma d'ordin. discendesi dalla barca in terra. Vang.Descenderunt in terram.

E per Uscir dalla nave, o barca nel lido. Dant. Inf. 3. (M.) Così sen vanno su per l'onda bruna; Ed avanti che sian di là discese, Anche di qua nuova schiera s'aduna.

8. [Val.] Avventarsi, Scagliarsi, Precipitarsi. Fortig. Ricciard. 8. 105. Rinaldo, inteso questo, come un angue, Sopra i nemici rabbioso discende.

9. T. D'altro che di pers. Vang. Discese una procella di vento nello stagno.

10. E per Distendersi di su in giù. Petr. canz. 9. 2. (M.) Onde discende Dagli alti monti maggior l'ombra.

[Cont.] Baldi, Aut. Er. 23. v. Parimente la rotella e, f, sia in un altro rigolo diritto, che discenda anch'egli a coda di rondine per il lato della cassetta.

11. Per Declinare, Essere inclinato a pendio. Bocc. g. 6. f. 8. (M.) Le piagge delle quali montagnette così digradando giù verso il piano discendevano.

(Tom.) D. 1. 20. Onde la riva intorno più discese (s'abbassa in declivio). Salm. Ascendono i monti, i campi discendono.

12. Per Avvallarsi, Spalancarsi all'ingiù profondamente. Ar. Fur. 13. 126. (M.) Tra 'l muro e l'argine secondo Discende il fosso orribile e profondo.

13. Per Piegare, Volgersi all'ingiù. Dant. Purg. 13. (C) Già discendendo l'arco de' mie' anni, Erano i cittadin miei presso a Colle In campo giunti co' loro avversari (cioè, avendo passata la metà della vita che suol comunemente godere un uomo, il cui corso rassomiglia qui Dante ad un arco che declina e piega dal suo colmo, dopo i quarant'anni).

14. T. Di generazione, che rappresentasi coll'imagine d'acqua corrente. Discende da avi illustri. – Augusto voleva discendere dalla Dea Venere. Virg. Ugurg. Post. 433. Li (sono) discesi per nascimento da Enea, e unde (onde) discese Alba. (Anche di popolo, o di città.) = Dant. Purg. 8. (C) Chiamato fui Corrado Malaspina: Non son l'antico, ma da lui discesi. [Camp.] D. Par. 8. La sua natura, che, di larga, parca Discese, avria mestier di tal milizia Che non curasse di mettere in arca. = Cron. Morell. 217. (C) A onore e loda di virtudiosa, buona e santa vita di noi, e di chi di noi per grazia d'Iddio discenderà. Giov. Gell. Vit. Alf. 9. (M.) Si dice pure universalmente che ella è discesa da Antenore Trojano.

15. T. E d'ogni origine e causa. Dalla discordia discesero le nostre sventure. – Impossibile comprendere nel pensiero del più alto e ampio ingegno tutte le conseguenze che discendono da un principio, tutti gli effetti che da una causa.

16. T. Fig. Discendere a partiti ragionevoli e giusti (Sansov. Conc. polit.). – A concessioni, ad atti di soverchia indulgenza.

T. Ass. Discendere troppo. (Di chi deroga alla dignità propria o alla giustizia.)

17. E fig., parlando di desiderio, voglia, grazia, o sim. Nov. ant. stamp. ant. 4. 5. (C) In cuor di giullare non puote discender signoria di cittade (cioè, non è conveniente che venga). Bocc. Nov. (M.) La qual grazia in noi, e da noi, non è da credere che per alcun nostro merito discenda. Petr. canz. 19. 3. Così dello mio cuore Quando tanta dolcezza in lui discende.

18. [Camp.] Per Inchinarsi al male, Degradarsi, e sim. Boez. IV. Che dunque? dovremo noi discendere con coloro che essere bestie si mostrano? (his ne accedamus).

19. (Tom.) Passare in secrezione. Cresc. 1. 4. L'acqua cotta fa minor inflazione, e più tosto discende… Le gravi acque e pesanti nel ventre si ritengono, nè sì tosto discendono.

20. Per Scapitare, Venir perdendo. Pallad. Febbr. 27. (M.) Discende dalla sua nobiltade. (Il seme di pianta che degenera.)

21. † Trasl. Discendere nel dolore vale Esser preso da dolore. Ar. Fur. 32. 36. (M.) E ripetendo quel che l'avea detto Il cavaliero, in tal dolor discese, Che più non lo potendo sofferire, Fu forza a disfogarlo, e così a dire.

22. Passare a dire d'altra cosa. Bocc. Nov. 3. 1. (M.) Il discendere oggimai agli avvenimenti e agli atti degli uomini non si dovrà disdire. Dant. Conv. 114. Nella seconda discendo a laude spezial dell'anima. Pass. 172. E ancora se volesse discendere alle cose più particolari. Benv. Cell. Oref. 77. Lasciando indietro molte minuzie…, perciò discendo a un altro modo di stampare, detto a vite.

Onde il modo Discendere a' particolari. Pallav. Ist. Conc. 1. 306. (M.) Discendendosi a' particolari sommamente sconvenevoli…

23. Discendere in una causa vale Gettarsi alla parte o alla difesa di alcuno. Guicc. Stor. lib. 15. (M.) Deposte poi le dissimulazioni, discendeva già apertamente nella causa.

24. T. Quasi fig. Discendere nel sepolcro, Morire. Negli usi segnatam. familiari più com. Scendere.

25. E in signif. att., per Fare scendere, Far calare. Cr. 4. 45. 1. (C) E quando il predetto vino, bevendo, si menomerà, anche il detto lardo più giù si discenda. Guicc. Stor. 4. 108. (M.) Purchè avessero facoltà di poterle (le artiglierie) sicuramente discendere in su la ripa del fiume.

26. † N. pass. [Camp.] Discendersi a fare checchessia, per Recarsi ad operare checchessia. Boez. V. Ed ella: Io mi discenderò alla tua volontà, e comincio… (Morem geram tibi).

27. (Mus.) [Ross.] Passare da una nota più acuta ad un'altra più grave; contr. di Ascendere. Zarl. 1. 2. 2. 74. Pitagora… giudicò ch'ogni ottima voce… potesse senza disconcio naturalmente ascendere dal grave all'acuto, o per il contrario discendere per quindici voci. Mart. Es. I. 20. Sono esenti da tal legge li Unisoni, le Ottave, le Quinte, essendo libere di ascendere, o discendere.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: discendendo, discendente, discendenti, discendenza, discenderà, discenderai, discenderanno « discendere » discenderebbe, discenderebbero, discenderei, discenderemmo, discenderemo, discendereste, discenderesti
Parole di dieci lettere: discenderà « discendere » discenderò
Lista Verbi: disattrezzare, disboscare « discendere » discettare, dischiudere
Vocabolario inverso (per trovare le rime): spandere, espandere, accendere, riaccendere, scendere, ascendere, trascendere « discendere (erednecsid) » ridiscendere, condiscendere, accondiscendere, riscendere, fendere, offendere, rioffendere
Indice parole che: iniziano con D, con DI, iniziano con DIS, finiscono con E

Commenti sulla voce «discendere» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze