Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «dispensare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Dispensare

Verbo
Dispensare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è dispensato. Il gerundio è dispensando. Il participio presente è dispensante. Vedi: coniugazione del verbo dispensare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola dispensare è formata da dieci lettere, quattro vocali e sei consonanti.
Divisione in sillabe: di-spen-sà-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: dispenserà (scambio di vocali), espandersi.
dispensare si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): sir + espande; psi + darsene; pin + [ardesse]; spin + [esedra]; essi + prenda; [ersi] + [spande]; spesi + [darne]; [persi] + densa; seni + spread; [nessi] + [padre]; [pensi] + sarde; [spensi] + [arde]; [erse] + spandi; [perse] + snida; [presse] + dina; spense + [ardi]; [perisse] + [dan]; dir + [espanse]; nerd + asepsi; perdi + [nasse]; spider + [anse]; dine + [pressa]; densi + [aspre]; [dirne] + spesa; pendi + ressa; spendi + [arse]; prendi + [asse]; eden + [prassi]; dense + [aspri]; rende + passi; ...
Componendo le lettere di dispensare con quelle di un'altra parola si ottiene: +[ori, rio] = depressionari; +sos = dispensassero; +non = dispenseranno; +ton = presentandosi; +[est, set] = presidentessa; +vita = antidepressiva; +[veti, vite] = antidepressive; +viti = antidepressivi; +[vito, voti] = antidepressivo; +como = compendiassero; +eroi = depressionarie; +moro = predominassero; +pero = riappendessero; +[osti, sito, tosi] = stipendiassero; +etino = antidepressione; +pinta = disappanneresti; +terme = predeterminasse; +[metri, mitre, timer, ...] = predeterminassi; ...
Vedi anche: Anagrammi per dispensare
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: dispensate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: dispense, disse, dipesa, dipese, diesare, dinar, dina, dine, dire, densa, dense, dare, issare, issa, iper, iena, iene, spense, spesare, spesa, spese, sere, penare, pena, pene, pesare, pesa, pere, pare.
Parole contenute in "dispensare"
pensa, pensare, dispensa. Contenute all'inverso: era, psi, ras.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "dispensare" si può ottenere dalle seguenti coppie: dispensai/ire, dispensata/tare, dispensatore/torere.
Usando "dispensare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * areata = dispensata; * areate = dispensate; * areati = dispensati; * areato = dispensato; * rendo = dispensando; * resse = dispensasse; * ressi = dispensassi; * reste = dispensaste; * resti = dispensasti; * retore = dispensatore; * retori = dispensatori; * ressero = dispensassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "dispensare" si può ottenere dalle seguenti coppie: dispensi/issare, dispenserà/areare, dispensata/atre, dispensato/otre.
Usando "dispensare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = dispensata; * erte = dispensate; * erti = dispensati; * erto = dispensato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "dispensare" si può ottenere dalle seguenti coppie: dispensa/area, dispensata/areata, dispensate/areate, dispensati/areati, dispensato/areato, dispense/aree, dispensai/rei, dispensando/rendo, dispensasse/resse, dispensassero/ressero, dispensassi/ressi, dispensaste/reste, dispensasti/resti, dispensate/rete, dispensati/reti, dispensatore/retore, dispensatori/retori.
Usando "dispensare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * torere = dispensatore.
Sciarade incatenate
La parola "dispensare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: dispensa+pensare.
Intarsi e sciarade alterne
"dispensare" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: dinar/spese, din/spesare.
Intrecciando le lettere di "dispensare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = dispensatrice.
Frasi con "dispensare"
»» Vedi anche la pagina frasi con dispensare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • È sempre pronta a dispensare consigli a tutti noi!
  • Ho deciso di dispensare il mio dipendente da quel gravoso compito.
  • Mi comunicarono che era arrivato il momento di dispensare i pasti all'asilo.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Abrogare, Rivocare, Derogare, Surrogare, Dispensare - e i loro sostantivi in zione.

« Il primo è l'atto di rivocare e d'abolire una legge per autorità del legislatore: il secondo è propriamente l'abolizione di una legge nuova: il terzo è il tor via qualche parte della legge (a me pare voglia anche dire: agire o lasciare agire per poco in un dato modo, abbenchè la legge lo vieti): il quarto denota la giunta di una clausola ad essa legge: e il quinto è il sospendere l'effetto della legge in un caso particolare o in favore di alcune persone ». Cardinali. [immagine]
Compartire, Far parte, Ripartire, Scompartire, Spartire, Distribuire, Dividere, Dispensare, Partire - Dividere è generico; è far più parti di ciò che trovavasi intero, di ciò che non faceva che una massa, un tutto. Compartire è dividere secondo certe norme e proporzioni. Distribuire è dividere in modo che a ciascuno ne tocchi un poco. Far parte ad uno o ad alcuni è non volere che questi ne restino privi; è dare altrui alcun che di cosa nostra o d'altri. Dispensare è dare una parte o razione con una certa misura e regolarità. Spartire è assolutamente fare le parti. Scompartire indica divisione di luogo, di superficie: da ciò scompartimento; ripartire è dare le parti secondo l'accordo e le regole prestabilite. Partire è dare o assegnare le parti fatte. Si distribuiscono elemosine ai poveri; si fa parte agli amici; si scomparte ai ragazzi: nel compartire, chi divide ha egli pure la sua parte; nello spartire può averla se ha interesse nell'affare, o se l'ha meritata coll'opera sua o in altro modo; ma sparte anche un terzo, un arbitro per esempio: fra negozianti e socii si fa un giusto riparto a norma del capitale esposto da ciascheduno: si partono le prede, e ognuno de' predatori mette la mano sulla parte toccatagli. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Dispensare - V. a. e N. ass. Compartire, Distribuire, Dar la parte; e talvolta anche semplicemente Dare. Aureo lat. G. V. 11. 66. 3. (C) I consoli della detta arte… facessero offerta… per dispensare a' poveri di Dio. Segner. Mann. Marz. 30. 3. (M.) Quelli c'hanno cavato del loro danaro profitto grande, non l'han cavato finchè hanno ritenuto il denaro, ma l'han cavato quando l'han dispensato abbondantemente ne' poveri, nelle chiese, ne' chiostri.

[Cont.] Pant. Arm. nav. 96. Poichè si sarà provveduta l'armata copiosamente di vettovaglie buone, si doverà aver cura che siano consignate fedelmente, ben conservate, e utilmente dispensate.

2. Per Scompartire ed Assegnare a piacer proprio. Ovid. Pist. (C) Allora le fatali sirocchie, le quali dispensano li mortali avvenimenti, dovevano a ritroso volgere le mie fila.

[Cont.] Vas. V. Pitt. Scul. Arch. II. 246. Dopo il Brunellesco, fu tenuto (Michelozzo) il più ordinato architettore de' tempi suoi, e quello che più agiatamente dispensasse ed accomodasse l'abitazioni de' palazzi, conventi, e case: e quello che con più giudicio le ordinasse meglio. E III. 98. Aveva Guglielmo bello spirito, ingegno, e grandissima pratica nel maneggiare i vetri, e massimamente nel dispensare in modo i colori che i chiari venissero nelle prime figure, ed i più oscuri di mano in mano in quelle che andavano più lontane. Bandi Fior. XLVIII. 3. La terra, e materia cavata di quelle, per tutto il mese di luglio la deva aver posta e dispensata ragionevolmente ne' più bassi luoghi di dette vie e strade, ove più ne fusse bisogno per accomodarle meglio.

3. † Per Concederc, Rendere accessibile. Car. Rim. 4. 4. (Ediz. d'Aldo 1572.) (M.) Tu sol m'apri e dispensi Parnaso, e tu mi desta, e tu m'avviva Lo stil, la lingua, i sensi.

4. Per Consumare o Spendere, parlandosi di tempo. Tansillo, Rim. Il più dell'ore in opre si dispensa. Maestruzz. Jac. de' Servi nelle Canz. (M.) Così le notti mie lieto dispenso. Alam. Colt. 2. 46. In qualche opra gentil dispense il tempo (dispensi). † Car. Lett. 1. 45. (Ediz. d'Aldo 1574.) Il Cenami… si deliberò che dispensassimo la giornata tutta sul monte predetto. Castigl. Cortig. lib. 1. Ar. Fur. 28. 85. Ma de la notte, a sospirar l'offese, Più, de la Donna, ch'a dormir, dispensa. E 43. 50. Ha poco tempo; e 'l poco c'ha, dispensa Con gran misura, e invan nol lascia gire.

5. E parlandosi di parole. Petr. cap. 7. (Mt.) E col tempo dispensa le parole.

6. Parlandosi di spazio di luogo vale Farlo, Misurarne il passaggio. Ar. Fur. 32. 60. (M.) Dietro non gli galoppa, nè gli corre Ella, che adagio il suo cammin dispensa.

7. Per Amministrare. (Senso vang.) Stor. Barl. 39. (M.) Il tesoro del suo signore non avea trattato nè dispensato come doveva. Zibald. Andr. 19. (C) Io voglio moglie, perchè mi dispensi i fatti di casa.

8. Per Amministrare in senso di Conferire, e sim. Pass. 105. (M.) Si sottomette al Ministro della Chiesa, cioè al prete, il quale ha a dispensare il sacramento della penitenza.

9. Per Porre in opera, Impiegare. Ar. Fur. 35. 37. (M.) In benefizio il tuo valor dispensi Del più fedel d'ogni fedele amante.

10. Per antifr. T. Dispensare scappellotti, pugni, frottole, bugie.

T. Medici che dispensano la morte; femmine, che il contagio.

11. T. Nel senso del basso lat. che valeva Provvedere con la mente e con l'opera. Prov. Tosc. 170. Chi mal pensa, mal dispensa.

[Camp.] Per Ordinare. Com. Boez. IV. Che alli rei evengano cose prospere, credo questo essere dispensato, cioè, ordinato, da Dio.

12. Senso sim. Petr. son. 40. (C) Amor, tu che i pensier nostri dispense. (Sovr'essi poi li governi a tuo modo.)

13. Per Abilitare altrui, liberandolo da impedimento, indotto per lo più da legge civ. o canon. Bocc. Nov. 13. 11. (C) Nel difetto della troppa giovane età dispensi con lui, e appresso nella dignità il confermi. (Accompagnato al Con è oggidì inusit.) Pallav. Stor. Conc. 1. 98. Bocc. Nov. 100. 19. A suo potere voleva procacciar col Papa, che con lui dispensasse che un'altra donna prender potesse, e lasciar Griselda. Dant. Par. 5. Ma perchè santa Chiesa in ciò dispensa, Che par contro lo ver ch'i' t'ho scoverto. G. V. 12. 98. 1. E fu dispensato il detto… matrimonio per Clemente Sesto. (Così non com.) G. V. 12. 112. Ti facesti dispensare al Papa di potere tôrre per moglie la tua cugina. † G. V. 5. 16. 3. La fece uscire del monistero, e dispensò in lei, ch'ella potesse essere al secolo, e usare il matrimonio. T. Ass. Facoltà di dispensa. [Camp.] D. 3. 12.

14. Trasl. Car. Lett. 1. 292. (Ediz. d'Aldo 1574.) (M.) Benchè io conoscessi dal canto di lei, che la grandezza dell'umanità e della gentilezza sua avesse potuto dispensare ogni mia indegnità, e abilitarmi a tutti i suoi favori, non però li gustava interamente. Così non com.

15. [M.F.] Per estens. Segner. Pred. 18. 4. E, dispensando alla sua naturale severità, mangiava lietamente. = Guicc. Stor. 1. 81. (M.) Doversi, dispensando per la salute pubblica e per la necessità alla disposizione della legge,… costringere….

16. [M.F.] † Dispensare una cosa, ecc. Liberare dalla osservanza di essa. Ricciard. 5. 68. Entrano in refettorio, e in cima in cima Siedono tra il guardiano e i superiori. Si dispensa il silenzio, per la stima La qual si debbe a così gran signori.

17. In senso di Perdonare, Scusare. Gal. Sist. 371. (Mt.) Io non ve lo prometto per oggi, e vi prego a dispensarmi sino a domani.

18. N. pass. In senso aff. a Farsi lecito di tralasciare. T. L'uomo si dispensa da cosa che deve fare o non fare; e si esime segnatam. da cosa che è da fare.Esimersi non è d'uso antico, nè nel parlato è comune; e sarebbe meno inteso dai più. Esentarsi cade dove abbia luogo idea d'esenzione. Ma anco il dispensarsi è oggidì sovente abusato, non solo nel senso di Sottrarsi ad un obbligo, ma in gen. di Tralasciare. Diranno: Non posso dispensarmi dal dirle… e la cosa da dire è più capriccio che obbligazione. = Pros. fior. P. 4. V. 2. pag. 272. (M.) Venendo adunque un pover uomo a Firenze citato costassù, non ho voluto tralasciare questa congiuntura, non mi dispensando però di rispondervi doman l'altro, giorno della nostra posta, alla vostra gentilissima che ho ricevuta stasera. Red. Ins. 119. Per lo che volentieri mi dispenso ora di parlarne più a lungo. Salvin. Pros. Tosc. 2. 46. (Gh.) Non si dispensava dall'obligazion della rima, e nello stesso tempo veniva a nasconderla. [Tor.] Targ. Tozz. G. Not. Aggrandim. 3. 66. Non posso per altro dispensarmi dal ricopiare alcuni passi del Veritiero Elogio, che ne scrisse Michelangelo Buonarroti il Giovine.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: dispensabile, dispensabili, dispensai, dispensammo, dispensando, dispensano, dispensante « dispensare » dispensario, dispensarono, dispensasse, dispensassero, dispensassi, dispensassimo, dispensaste
Parole di dieci lettere: dispensano « dispensare » dispensata
Lista Verbi: disossare, disostruire « dispensare » disperare, disperdere
Vocabolario inverso (per trovare le rime): addensare, condensare, ricondensare, pensare, ripensare, compensare, ricompensare « dispensare (erasnepsid) » osare, dosare, metamorfosare, chiosare, curiosare, anchilosare, posare
Indice parole che: iniziano con D, con DI, iniziano con DIS, finiscono con E

Commenti sulla voce «dispensare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze