Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «eccezione», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Eccezione

Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di eccezione (deroga, favore, privilegio, strappo, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola eccezione è formata da nove lettere, cinque vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: cc. Lettera maggiormente presente: e (tre).
Divisione in sillabe: ec-ce-zió-ne. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
eccezione si può ottenere combinando le lettere di: ozi + cecene; zie + [ceceno, eccone]; zoee + [cenci, cince]; ozene + ceci.
Componendo le lettere di eccezione con quelle di un'altra parola si ottiene: +tuta = eccettuazione; +[montassi, smistano] = coscienziosamente; +[mulinato, mutilano, ultimano] = telecomunicazione.
Vedi anche: Anagrammi per eccezione
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: accezione, eccezioni.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: accezioni.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: eccone, ecco, eone, cene, cioè, cine, zone.
Parole contenute in "eccezione"
zio, ione, zione. Contenute all'inverso: noi.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "eccezione" si può ottenere dalle seguenti coppie: eccedenti/dentizione, eccedevo/devozione, eccedi/dizione.
Usando "eccezione" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: contrae * = contraccezione.
Lucchetti Riflessi
Usando "eccezione" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: conce * = concezione.
Lucchetti Alterni
Usando "eccezione" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * dizione = eccedi; * devozione = eccedevo; * dentizione = eccedenti; * alee = eccezionale.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "eccezione"
»» Vedi anche la pagina frasi con eccezione per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Non sempre in fotografia la regola dei terzi è valida, alcune volte si può fare un'eccezione!
  • Ti prego papà, fai un'eccezione per una volta e lasciami rientrare tardi stasera!
  • L'ufficio del personale ha deciso di fare un'eccezione all'orario di apertura e chiusura stabilito.
Citazioni
  • Il 14 novembre 2013, il quotidiano Il Sole 24 Ore, in un articolo sulla perfetta forma fisica che si raggiunge con gli "anta", scrive: "L'eccezione alla regola è l'italiano Luca Parmitano, che ha da poco concluso la missione Volare e che di anni ne ha 37".
Proverbi
  • L'eccezione conferma la regola.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario grammaticale della lingua italiana del 1869
Eccezione - In grammatica è la prova d'una irregolarità o meglio la determinazione delle parole che sfuggono alla regola. Qualche volta l'eccezione forma una regola secondaria sotto una regola più estesa, la quale può anch'essa ammettere altre eccezioni. (V. Figure). [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Eccezione - S. f. L'eccettuare. V. anco ECCETTUAZIONE. Aureo lat. Bocc. Nov. 20. 5. (C) Sopra questi aggiugnendo… certi punti della Luna, e altre eccezioni. Cron. Morell. Che sanza niuna eccezione egli è da presumere gran fermezza, gran sollecitudine… Maestruzz. 2. 54. Ma questo ancora riceve molte eccezioni. T. Guicc. Stor. 1. 426. Allegava (il re di Francia)… quella eccezione, espressa nell'accettazione della protezione, di non pregiudicare alle ragioni della Chiesa, doversi intendere… Red. Lett. fam. 3. 191. Si ricordi al tempo della bagnatura di vietare totalmente, e senza niuna eccezione al sig. Principe… lo andare in Arno. [F.T-s.] Cocch. Cons. II. 221. Grano buono nostrale, e superiore ad ogni eccezione. [Tor.] Targ. Ar. Vald. 1. 278. Siccome però non tutti gli anni regnano l'epidemie ne' luoghi palustri, così potrebbe parere ad alcuno, che la causa dell'epidemie non dipenda dai paduli, e perciò fa di mestieri convalidare questa proposizione con autorità, ed esempi maggiori d'ogni eccezione. [Cam.] Borgh. Selv. 45. Nè nell'eccezione dei cibi, nè nelle solennità dei giorni, nè nella circoncisione convenghiamo coi Giudei.

T. Tutti senza eccezione. – Salvo poche eccezioni.

[G.M.] Della pers. stessa. Tutti son belli in quella famiglia: egli solo è l'eccezione.

2. Maggiore d'ogni eccezione. Dicesi di Persona circa il merito o la fede, o l'autorità, ecc., della quale non si può addurre eccezione veruna. Baldinuc. Op. v. 4. p. XIX. (Gh.) Autori maggiori d'ogni eccezione. Bertin. Fals. scop. 13. Testimonii maggiori d'ogni eccezione.

3. Fare eccezione. Eccettuare. Amet. 42. (C) Con dritta lista a ciascun sua ragione Di dar gli piace; e fa sì che Astrea Giusta, non fa d'alcuno eccezïone.

4. T. Di quelle eccezioni che oppongonsi a una norma generale per sottrarre da essa il caso speciale, e talora anco per infermare la verità e la giustizia di essa norma; ond'Eccezione par che diventi affine a Obbjezione. Stat. Com. Cec. c. 2. I presenti statuti inviolabilmente osservare, ogni eccezione e gavillazione (cavillazione) rimossa.

T. Principio che non ha eccezione. – Qui non cade eccezione. – Fare eccezione al principio. – In via d'eccezione.

T. Coll'A. Eccezione alla legge.

T. Legge d'eccezione, Tempo d'eccezione; fuori della condizione e de' casi ordinarii. Meglio che l'inelegante e fr. Eccezionale.

5. Condizioni, Patto, Limitazione. Sen. Pist. 30. (Mt.) La vita ci è data con questa eccezione, che ci converrà di necessità venire alla morte.

6. (Leg.) Ciò che oppone il reo acciocchè sia rigettata la domanda dell'attore. (C)

[Cont.] Cons. mare, 16. Quando in alcuna causa dopo la domanda è proposta per il reo eccezione declinatoria di giudizio, i Consoli avanti che in altro si proceda, conoscano di quella eccezione.

Maestruzz. 1. 58. (C) Quando ella addimanda. che 'l suo marito le sia renduto, avvegnachè 'l marito opponga lo 'mpedimento del parentado, in prima si dee rendere il marito alla donna, che si cognosca della eccezione del marito. E 2. 4. Alcuna volta non si procede directe contro al criminale peccato, ma per modo di eccezione. E 2. 24. L'uno (caso) si è, se quella che raddomanda cadde in fornicazione, ed egli visse castamente, sicchè quella non abbia alcuna eccezione. Tac. Dav. Perd. eloq. 412. (Man.) Chi leggerebbe que' fasci d'allegazioni, che sopra dell'eccezione, e formula per M. Tullio, o Aulo Cecina leggiamo?

[Cont.] In signif. analogo, nelle cause d'onore. Muzio Duello, I. 20. Molte volte accade che altri richiede altrui a battaglia, e che il richiesto non accetta la disfida, ma risponde con alcuna eccezione, opponendo o che egli la querela non intende, o che ella a lui non tocca, o che la persona del richieditore è infame, o ha altro carico, o non è pari di condizione, o altre cose tali.

7. Dare eccezione ad una persona o ad una cosa, vale Apporle, Criticarla. Lipp. Malm. 2. 38. (C) Per me non saprei darle eccezïone.

[Cors.] Dare eccezione ad un giudice vale Escluderlo come sospetto o incompetente. Bart. Pov. Cont. 6. Lecito è per appellare, anzi prima d'aver sentenza, dare eccezione al giudice.

T. Dare eccezione a un testimone. (Non lo ammettere al deposto.) E così, Eccezione a un documento, a una prova.

8. [Cont.] Opporre eccezione. Stat. Sen. Lan. I. 206. Remessione, mutamento di termine, soddisfacimento di tutto o di parte, escomputo o compensamento, o vero alcun'altra eccezione opponere o vero protestare non si possa se non solamente per scrittura dannata o vero cancellata, la quale scrittura dannata o vero cancellata sia prova del pagamento del devito, il qual si contenesse ne la detta scrittura dannata o vero cancellata.

9. Patire eccezione, dicesi di una regola, o sim., che ha limitazione per esempii ad essa contrarii. Borgh. Raf. Don. costan. nella Dedicat. (Gh.) Pur crederò che in alcuni generosi spiriti… patisca questa regola eccezione. Red. Vip. 1. 71. (C) Questo insegnamento ha patito eccezione in un virtuoso e nobilissimo gentiluomo, di abito di corpo gracile piuttosto che no.

T. Ogni regola patisce la sua eccezione. Non solo di regole propriam. o di leggi, ma d'ogni principio in gen. E così fam. Un uomo fa eccezione alla regola, se è altro da quello che d'ordinario sembra che i pari suoi abbiano a essere.

10. T. Modo avv. A eccezione. Più sempl. Eccetto. Coll'art. All'eccezione è gallic. più manifesto.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: eccettuino, eccettuò, eccettuo, eccezionale, eccezionali, eccezionalità, eccezionalmente « eccezione » eccezioni, ecchimosi, ecchimotica, ecchimotiche, ecchimotici, ecchimotico, eccidio
Parole di nove lettere: eccettuai « eccezione » eccezioni
Vocabolario inverso (per trovare le rime): slavizzazione, relativizzazione, corporativizzazione, collettivizzazione, decollettivizzazione, accezione, contraccezione « eccezione (enoizecce) » fotorecezione, nocicezione, ricezione, telericezione, radioricezione, concezione, propriocezione
Indice parole che: iniziano con E, con EC, iniziano con ECC, finiscono con E

Commenti sulla voce «eccezione» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze