Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «elemento», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Elemento

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
chimico (24%), chimica (5%), naturale (4%), componente (4%), base (4%), fondamentale (3%), disturbo (3%), pezzo (3%), particella (2%), quinto (2%), particolare (2%), cosa (2%), mento (2%), unico (2%), parte (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola elemento è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti. Lettera maggiormente presente: e (tre).
Divisione in sillabe: e-le-mén-to. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
elemento si può ottenere combinando le lettere di: note + mele; emo + lente; temo + lene; [meno, nome] + tele; olé + mente; nel + meteo; [elmo, melo, mole] + ente.
Componendo le lettere di elemento con quelle di un'altra parola si ottiene: +[sai, sia] = elemosinate; +gas = gelosamente; +ram = lamenteremo; +gas = legamentose; +[armi, mari, mira, ...] = alimenteremo; +[capi, paci, pica] = ampelotecnie; +crac = conclamerete; +[ansi, nasi, sani] = elemosinante; +[assi, issa] = elemosinaste; +sazi = leziosamente; +[apri, pari, pira, ...] = manipolerete; +[mais, siam, sima] = mielosamente; +[afri, fari, rifa'] = nefelometria; +ferì = nefelometrie; +[rivo, rovi, viro] = violenteremo; +marmi = alimenteremmo; +[adira, arida, darai, ...] = anteromediale; +[carni, crani] = cantileneremo; +draga = deregolamenta; +[gradi, grida] = deregolamenti; +[drago, droga, godrà, ...] = deregolamento; ...
Vedi anche: Anagrammi per elemento
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: elementi.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: clemente, clementi.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: elee, eleo, elmo, lento, meno.
Parole con "elemento"
Finiscono con "elemento": semielemento, microelemento, oligoelemento, radioelemento, termoelemento.
Parole contenute in "elemento"
mento. Contenute all'inverso: mele.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "elemento" si può ottenere dalle seguenti coppie: elea/amento, elegiaci/giacimento.
Lucchetti Alterni
Usando "elemento" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * giacimento = elegiaci.
Frasi con "elemento"
»» Vedi anche la pagina frasi con elemento per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il miglior elemento di quella formazione era senza dubbio Rivera.
  • L'elemento di cui si nutre la terra è l'acqua. L'uomo vi aggiunge il concime.
  • Durante l'esercitazione di laboratorio di chimica non riuscivo ad individuare il secondo elemento del composto da esaminare.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Principio, Elemento - Il Principio è la causa prima, è ciò per cui le cose esistono. - Elementi sono i corpi semplici che entrano nella composizione della materia. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Lettera, Elemento, Carattere - La lettera è l'elemento di cui si compongono sillabe, parole, discorso, scrivendo e stampando; ma nel parlare non puonnosi pronunziare da sole, elementarmente, che le cinque vocali; le altre lettere sono d'una sillaba, e anche di due. Il carattere, in questo senso, è una specie di lettera o di segno che equivale a lettera o parola. I Cinesi non hanno lettere propriamente, ma tanti caratteri, o segni, o gruppi, per quante parole ha la lingua loro. Un carattere, in tipografia, è il complesso delle lettere tutte, maiuscole e minuscole, in numero competente e regolare di ognuna di esse; dei punti, delle virgole, degli accenti, della così detta quadratura, delle distanze ecc.; il tutto in proporzione e fatto sull'istesso punto o corpo, e della medesima fondita per la più. [immagine]
Principio, Cominciamento, Elemento - Il principio può essere più considerato in astratto; il cominciamento sempre più materialmente, e per conseguenza quello ha senso più intimo; questo senso più esterno; il principio vitale comincia ad agire nell'animale prima che proprio la sua vita cominci: principio d'ogni cosa è Dio, abbenchè nell'ordine materiale si vedano ogni dì cominciare e finire dagli uomini. L'elemento è principio per la limitata intelligenza dell'uomo, poichè ei non può andare più in là; perciò, com'egli è obbligato a principiare da quelli per acquistare la conoscenza delle cose, li disse principii; gli elementi del discorso sono le parole; ma l'elemento della parola è l'idea. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Elemento - e † ELIMENTO e † ALIMENTO. (Di queste varietà V. più sotto.) [T.] S. m. Un de' principii dell'ente reale o ideale. Aureo lat. T. Cic. Quegl'inizii (per tradurre il greco vocabolo) son detti elementi. = Fir. Disc. lett. 309. (C) Quanto una cosa semplice sia più da essere lodata e tenuta cara, che le cose composte, lo dimostrano gli elementi, principio di tutte le cose naturali. – L'elemento è un principio componente, ma non è il principio producente; o se talvolta, non sempre il principio è come la causa degli elementi; questi non sarebbero senza quello. Esso è che ne costituisce l'omogeneità o questa adopra per dare all'ente unità. Onde il But. Par. 13. (C) Gli elementi, cioè materia conforme. Non è dunque assurda l'etim. che taluni gli dánno di Alo e altri di Oleo (onde le belle parole Inolescere, Indoles, Exolescere, Abolere); sebbene altri potrebbe vederci affinità con le forme del gr. Αἴρω, che più s'accostano a questo suono. E di qui avrebbe ragione l'idiot. Alimento, Elimento.

2. Elementi de' corpi, nella scienza mod., Le sostanze semplici o avute per semplici, dalla cui combinazione il corpo è formato. T. Zolfo e ossigeno, elementi dell'acido solforico; azoto, ossigeno e potassio, del salnitro. Quello che nell'es. seg. è detto dei già creduti elementi semplici, fuoco, aria, acqua, terra; la scienza mod. lo viene in altro rispetto a riconoscere vero sublimemente. = M. Aldobr. 1. 1. (C) Questi quattro alimenti si rimutano tutto giorno l'uno a natura dell'altro.

3. L'es. preced. ci conduce ai seg. accennanti all'opinione degli ant. [Cont.] Fausto da Long. Meteor. 3. Gli elementi sono detti corpi mobili, generativi, semplici, e sono quattro: terra, acqua, aere, fuoco. = D. Par. 7. (C) Ma gli elementi che tu hai nomati, E quelle cose che di lor si fanno, Da creata virtù sono informati (L'aere, il fuoco,… L'acqua e la terra e tutte lor misture). M. Aldobr. 1. 1. Che tutte le cose, dalla luna in giuso, fossero fatte per la virtù di questi quattro alimenti. Col. Ab. Isaac, cap. 43. E come nella loro ministrazione darà la virtù alli quattro elimenti che sono nel corpo nostro. T. Sen. fa corrispondere ai quattro elementi, il caldo, il freddo, l'umido, il secco, ch'erano distinzioni da' medici usate, de' temperamenti umani nella vita del microcosmo. – Fin quasi a' dì nostri, certi notai, in certi luoghi incominciavano i testamenti: Rendo l'anima a Dio e il corpo ai quattro elementi.

Non di tutti e quattro. Bemb. Asol. 3. 260. (Gh.) Nè crederebbe che frondi più belle che alga, o campi più vaghi che di rena,… o altre elementa che terra ed aqua… vedessersi in alcun luogo. T. Plin. Questo elemento (l'acqua) domina gli altri tutti. = Ciriff. Calv. 1. 25. (C) Nello alimento arson del fuoco. – Del fuoco anco in Gioven. – Cr. 1. 2. 1. L'aere, secondo Avicenna, è uno degli elementi delle cose generate.T. Ilar. Il sale contiene l'elemento dell'acqua e del fuoco. Plin. dice il sale stesso Elemento.

Per estens. Fiola de' quattro elementi. (Fis.) [Gher.] Ne' cataloghi di strumenti di fisica, una boccetta o canna cilindrica chiusa, entro cui quattro differenti liquidi stagnano l'uno sull'altro, secondo lor varie gravità specifiche, ben separati e distinti fra loro, i quali, nell'agitare la boccetta, si mescolano perfettamente insieme, ma tornano a separarsi riposta la boccetta in quiete: serve ad illustrazione di una primaria legge d'idrostatica: bisogna che i liquidi non abbiano azione chimica sensibile fra sè.

Cade qui a qualche modo il seg. [Gher.] Elemento (di pila). Un elemento, ossia una coppia di pila voltiana, di pila termo-elettrica. V. Coppia della pila, e Coppia termo-elettrica in COPPIA, §

[Gher.] Elemento (di Seebeck). Coppia termoelettrica di bismuto e di antimonio.

[Gher.] Elemento rame, zinco, negativo, positivo, liquido od umido: sono i pezzi solidi, e la sostanza liquida o umida, dei quali consta ciascuna coppia della pila voltiana, o, meglio, ciascun elemento di essa, del quale, come della pila intera, i medesimi vengono ad essere i più semplici o primi elementi.

4. Quello che è necessario e ordinario alla vita. T. L'aria, elemento vitale. – L'aria, elemento degli uccelli; l'acqua, de' pesci.

T. I verseggiatori dicevano l'acqua, segnatam. del mare, Il liquido, il mobile, l'infido elemento.

Fig. T. Trovarsi nel proprio elemento, Esserne fuori; del luogo, della condizione, delle occupazioni, de' discorsi, de' diletti, che più si confanno all'uomo, o che più gli sono frequenti e cari.

5. Quindi Red. Annot. Ditir. 65. (C) Essere il quinto elemento, è un modo proverbiale toscano che vale Esser cosa necessarissima. E appresso: I Fiorentini nelle cose umane sono il quinto elemento. (Così diceva Bonifazio VIII, buon chimico in certe cose, ma i danni dell'analisi sostenne in sè.) Borgh. Fir. Disf. 303. (Man.) Volle per questa via fare Viterbo gran cosa, e quasi il quinto elemento in Toscana.

Per cel. Red. Ditir. 15. (C) Son le nevi il quinto elemento Che compongono il vero bevere.

† Omesso il Quinto, e sottint. o questo o Principale, o sim. G. V. 11. 87. 3. (C) Condivano con li lor traffichi gran parte del traffico della mercatanzia de' Cristiani, ed erano quasi uno alimento. E 7. 144. 7. (Man.) Turcimanni v'avea di tutte le lingue, sì ch'ell'era quasi come un alimento al mondo. T. Ant. Pucc. Capit. Mercato vecchio al mondo è alimento.

† D'ogni pers. Franc. Sacch. Nov. 21. (C) Dalla cui morte, io scrittore, e molti altri che erano per lo mondo, ne portarono dolore, perocchè egli era uno elemento a chi in Ferrara capitava. T. Nei C. pop. tosc., lodando bellezza di donna, Con tanto alimento, ch'io recherei a questa idea; corrotta insieme e adoprata abusivam. la voce.

6. Degli elementi che compongono l'universo, della loro azione, e delle parti e del tutto d'esso universo. T. Tert. Gli elementi del mondo. =Bocc. Lett. Pin. Ross. 271. (C) In ogni parte il cielo, il sole e le stelle possiamo vedere, e il beneficio della varietà de' tempi, e degli elementi usare. T. Segnatam. nel verso dicevasi Pugna, Ira degli elementi, L'ordinaria o straordinaria commozione della natura. Nelle bufere combatte l'aria colla terra e coll'acqua, il fuoco del cielo colla terra e coll'uomo; onde dicevasi Pugnar cogli elementi, Esporsi alle intemperie e ai pericoli, in viaggi, segnatamente marittimi. Ma tuttavia potrebbesi Armonia degli elementi, in senso più ampio e più vero.

T. D. (3. 29.) dice che la caduta degli Angeli Turbò il soggetto de' vostri elementi, Lucifero scende folgoreggiando (2. 12), e fa fuggir le acqueterrestri, e la terra salire in alto (1. 34), e egli, co' suoi diventano potestà dell'aria e delle tenebre (2. 5.). Volg. 2. Pietr. Il calore discioglierà gli elementi.

T. In Girol. e in altri, Elementi sono il sole e la luna; il sole, Padre d'ogni mortal vita (D. 3. 22.); e gli astri, la maggiore e più feconda parte del creato visibile.

7. Sensi spec., che ci conducono al mondo spirit. T. Svet. dice la D quarta lettera degli elementi. Buommat. Ling. tosc. 18. Questo carattere A, posto nella scrittura, non è altro che un segno col quale s'accenna quel suono che si fa o può fare con la voce nel profferir l'elemento. – Nella formazione de' vocaboli, le vocali sono elementi per solito più commutabili delle consonanti. = Salv. Avvert. 1. 3. 1. 6. (Man.) Si ragiona da lui (Aristotele), che gli elementi, così chiamano le lettere dalla voce pronunziate, che gli elementi, dico, non tanto consonanti… come vocali, la materia sieno della sillaba; e la sua forma, quella propria disposizione e quell'ordine d'essi elementi, da' quali risulta quel proprio suono che da tutte altre sillabe la rende differente.

T. Per estens. La sillaba è un elemento del vocabolo; così come, in senso più ampio, Il vocabolo è un elemento della proposizione; l'inciso un elemento del periodo: e, in gen., può esserci Elementi composti, i quali fan parte d'un tutto più complesso; elementi più o men semplici, primigenii: ma gli elementi primi primi rimangono, e rimarranno sempre, arcani all'uomo; e dovrebbero rammentarselo coloro che credono spiegar tutto con dei Cioè, e il Cioè confondono con il Perchè e con il Come.

Della voce scritta. Buomm. tratt. 3. cap. 2. (Man.) Non terrei dannabile l'opinion di coloro, che distinguono elemento da lettera, perchè, strettamente e propriamente parlando, elemento del parlare è una semplice voce, che si forma dagli uomini con un solo spingimento di fiato. E perciò dicono questi tali, che per elemento s'intende la voce, e per lettera il carattere che la contrassegna. Ma in questo senso Fir. Disc. lett. 309. (C) I suoi elementi (dell'alfab. tosc.) siano più presto stati invenzione della natura, che dell'arte. (Polid.) Elemento, Parte del carattere e della lettera, quando questi siano formati di più linee, le cui varie piegature perciò diconsi elementi.

(Mus.) [Ross.] Lo stesso che Intervallo, in quanto serve alla formazione degli accordi, e questi a costituire l'armonia. P. Artusi in Mart. St. Diss. 2. 295. Elemento si chiama quello, del quale ogni individuo si compone, e perchè ogni cantilena si compone di consonanze e dissonanze, vengono perciò chiamate elementi, e sono seconda, terza, quarta, quinta, sesta, settima, ottava.

8. T. Senso ideale, giacchè Elemento, e come principio dell'ente e come principio della cognizione, ha il doppio senso del gr. Στοιχεῖον. A questo appartiene il modo di dire Elemento di linea, di superficie, di solido; Parte infinitamente piccola, di cui figurasi composto il solido, la superficie, la linea. Cotesta non è che astrazione. (Rosm.) Astrarre è considerare un elemento della cosa in sè, separato dagli altri. E: Si distingue in ragionamento a priori e a posteriori: il primo è quello che si fa sull'idea dell'essere in universale, senz'altro elemento. T.Elementi del giudizio, del paragone.

(Rosm.) La ferma persuasione è uno degli elementi della certezza.

T. Quintil. Aristotile pose dieci elementi, intorno ai quali tutte le questioni pare che possan versare (le categorie o predicamenti).

9. Gli elementi delle scienze e delle arti sono le prime regole che derivano dai principii; o, più in gen., le prime notizie. T. Cic. Elementi puerili. – Maestro degli elementi. Hor. Come gli insegnanti carezzevoli dánno chicche a' fanciulli, perchè vogliano apprendere i primi elementi. = Bocc. Vit. D. 10. (Man.) Avendo già i primi alimenti delle lettere impresi (appresi). T. Dare gli elementi d'un'arte. – Avere. Ov. Riceverli. – Studiarli, Saperli.

Di discipline spec. Segner. Pred. Pal. Ap. 3. 12. (Man.) Istruire di bocca propria i fanciulli nei primi elementi della dottrina cristiana. T. Elementi del calcolo = Gal. Mem. lett. 1. 267. (Man.) Chi sarà, che, intendendo questi puri elementi di Astronomia, non conosca che, se Iddio avesse fermato il moto del sole, in cambio d'allungare il giorno, l'avrebbe scemato e fatto più breve?

[Cont.] Michel. Dir. fiumi, II. È manifesto per gli elementi meccanici…, che il peso totale o assoluto del solido D (di Meccanica).

T. Elementi, I principali risultati delle osservazioni, secondo le quali si computano e fanno le tavole del moto degli astri. Seguono alla locuz. le parole determinanti: Del sistema solare o Dell'orbita, trattandosi di pianeta. Ma la determinazione può omettersi quando il senso sia chiaro.

T. Trattato degli elementi d'una scienza o arte. Libro d'elementi. Hor. Il libro stesso insegna gli elementi. – Compilare gli elementi. – Molti libri han per titolo: Elementi di grammatica, e sim.

10. Quasi fig. T. Ap. Ebr. Dovendo, per il tempo, essere voi i maestri, abbisognate che vi s'insegnino gli elementi primi delle parole di Dio; e vi siete fatti bisognosi non di cibo solido ma di latte. Esso Ap. chiama Elementi quelli della Legge mosaica in rispetto alla perfezione cristiana.

T. Hor. Resta ch'io mi regga e conforti con questi elementi (di moralità). – Elemento morale suol dirsi, e non è gallic., la parte che ha la moralità nella cosa di cui si tratta; scienza, arte, educazione politica.

T. Religione, primo elemento d'educazione. – Elemento di male non si direbbe che per abus., giacchè il male è negazione. Hor. Son da radere via gli elementi della prava cupidigia, e da formare le tenere menti con esercizi severi. (Ma Radere non è pr. Nè direi con Gioven. Elementi de' vizi.)

Senso sim. non com. Maestruzz. 1. 1. (C) Sagramento è materiale elemento sottoposto agli occhi di fuori, il quale per l'ordinamento segna, e per la similitudine rappresenta, e per la sua santificazione dá invincibile Grazia.

11. Altre fig., concernenti il mondo civ. T. Ov. Piccola fu, se si rechi ai primi elementi, Roma. – Elementi etnografici, Le origini varie d'una stessa nazione, Le schiatte varie che l'hanno formata.

T. Segner. Crist. Instr. 3. 392. Favorire… i matrimonii, e chi ha moglie e figli; che sono il primo elemento delle repubbliche. – Elementi politici d'una costituzione. – Elemento politico, in senso anal. al dichiarato nel § preced., per distinguerlo dal mor. o dal rel., e troppo spesso ve lo contrappongono i furbi gonzi. – Elementi di bene pubblico, di pubblica prosperità. – Esaminando a uno a uno gli elementi della civiltà, si giunge viemeglio a conoscere quel ch'è in essi turbato e scomposto.

12. Modi com. a parecchi de' sensi not. T. Elemento principale dell'ente, della sua azione; dell'idea, d'un tutto ideale. – Mistura di stranieri elementi; Discernere i varii elementi, Scomporre la cosa o l'idea ne' suoi elementi. – Vedere in quali elementi si risolve la cosa. – A quali elementi l'idea o le idee si possano ridurre. – Raccorre gli sparsi elementi.

T. Elementi non solo d'ente reale e ideale, ma dell'azione d'un ente. – Elementi non solo di scienza, ma d'arte; non teorici solo, ma e pratici. – Essere agli elementi, e nel pr. e nel fig. Ai principii delle idee o delle cose; ancora addietro. – Uscire degli elementi, Avanzarsi nella notizia o nella pratica.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: elegismi, elegismo, elei, elementare, elementari, elementarità, elementi « elemento » elemosina, elemosinai, elemosinammo, elemosinando, elemosinano, elemosinante, elemosinanti
Parole di otto lettere: elementi « elemento » elencano
Vocabolario inverso (per trovare le rime): spruzzamento, rintuzzamento, cementò, cemento, fibrocemento, vetrocemento, supercemento « elemento (otnemele) » semielemento, oligoelemento, radioelemento, termoelemento, microelemento, implemento, implementò
Indice parole che: iniziano con E, con EL, iniziano con ELE, finiscono con O

Commenti sulla voce «elemento» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze