Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «felicità», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Felicità

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Terminanti con l'accento sulla a [Federerà « * » Feltrabilità]
Giochi di Parole
La parola felicità è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: fe-li-ci-tà. È un quadrisillabo tronco (accento sull'ultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: filetica.
felicità si può ottenere combinando le lettere di: lift + caie; tifi + [alce, cale, cela]; fili + [tace, teca]; [lite, teli] + ciaf; feti + [alci, cali]; [elfi, file] + taci; fieli + tac; tic + [afeli, fiale]; ceti + fila; [celi, cile, elci] + [fati, fiat, tifa]; celti + fai; [cefi, feci] + [alti, lati, tali]; felci + tai.
Componendo le lettere di felicità con quelle di un'altra parola si ottiene: +[far, fra] = affilatrice; +[ari, ira, ria] = artificiale; +doc = dolcificate; +tre = elettrifica; +rna = facilitarne; +sta = facilitaste; +[ari, ira, ria] = faciliterai; +[eri, ire] = faciliterei; +tai = facilitiate; +cra = falciatrice; +[dan, dna] = falcidiante; +sir = felicitarsi; +tir = felicitarti; +con = filotecnica; +cru = fucilatrice; +san = salificante; +tre = tereftalici; +spam = amplificaste; +[boro, orbo] = botriocefali; +[erti, irte, iter, ...] = elettrificai; +[mano, noma] = emolinfatica; +[mino, nomi] = emolinfatici; ...
Vedi anche: Anagrammi per felicità
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: felci, feci, feta, elica, elia, elci, licia.
Parole con "felicità"
Iniziano con "felicita": felicitarci, felicitarmi, felicitarsi, felicitarti, felicitarvi, felicitazione, felicitazioni.
Finiscono con "felicita": infelicità.
Parole contenute in "felicita"
cita, lici, elici, felici. Contenute all'inverso: ile, tic, cile.
Incastri
Si può ottenere da feta e lici (FEliciTA).
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "felicità" si può ottenere dalle seguenti coppie: felice/cecità.
Usando "felicità" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * citano = felino.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "felicità" si può ottenere dalle seguenti coppie: felice/eccita, felini/incita.
Cerniere
Usando "felicità" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: licitare * = refe.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "felicità" si può ottenere dalle seguenti coppie: felino/citano.
Usando "felicità" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: felice * = cecità.
Sciarade incatenate
La parola "felicità" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: felici+cita.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "felicità"
»» Vedi anche la pagina frasi con felicità per una lista di esempi.
Proverbi
  • I soldi non fanno la felicità, figuratevi la miseria...
  • I soldi non fanno la felicità, ma la imitano benissimo...
Libri
  • La felicità domestica (Scritto da: Lev Tolstoj; Anno 1859)
  • Quella strana felicità (Scritto da: Manlio Cancogni; Anno 1985)
Titoli di Film
  • La felicità porta fortuna - Happy Go Lucky (Regia di Mike Leigh; Anno 2008)
  • La ricerca della felicità (Regia di Gabriele Muccino; Anno 2006)
Canzoni
  • Donna Felicità (Cantata da: I Nuovi Angeli; Anno 1971)
  • La felicità (Cantata da: Paola Turci; Anno 1996)
  • Felicità (Cantata da: Al Bano e Romina Power; Anno 1982)
  • I colori della felicità (Cantata da: Wilma De Angelis e Tanya; Anno 1962)
  • La felicità (Cantata da: Simona Molinari con Peter Cincotti; Anno 2013)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Felicità, Contento, Contentezza, Letizia - La Felicità è il puro astratto della parola Felice. - Il Contento è la interna satisfazione dell'animo che nulla desidera. - La Contentezza è la significazione esteriore del contento. - La Letizia è la contentezza significata con parole, con atti e con ogni dimostrazione. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Beatitudine, Felicità, Contento, Contentezza - Beatitudine è lo stato de' beati, e perciò, parola tutta ascetica; essa non può trovarsi che nella comprensione e nel godimento di Dio. La felicità, dicesi, non è fatta per l'uomo quaggiù, è uno stato più immaginario che reale; l'uomo può avere qualche momento di felicità quando giunge a soddisfare qualche suo gran desiderio; ma un'ondata di desiderii maggiori tosto la sommerge: la soddisfazione di qualche bisogno o desiderio può renderci contenti, ma non felici: la felicità è adunque un'idea troppo complessa per essere appunto mai altra cosa che un'idea. Il contento è la pace interna del cuore; nella contentezza questa soddisfazione trapela all'esterno, sul volto, negli atti; si dirà: segni, moti di contentezza e non di contento, o almeno non così bene. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Felicità - [T.] S. f. Nel senso più alto. (Rosm.) È il godimento del bene assoluto. [Fanf.] Zanott. Fil. Mor. 1. 6. La felicità esser posta nella somma di tutti i beni che convengono alla natura dell'uomo. – In senso men ampio. (Rosm.) Consiste nell'amore e nel godimento del bene. [Fanf.] Zanott. Fil. Mor. 1. 1. Tutto quello che l'uom si propone come ultimo fine in qualunque azione, va a riporsi sotto il nome di felicità

2. In senso rel. che è il più alto. T. La Chiesa: Intercessori della felicità sempiterna. Trat. Cosc. S. Bern. Aspirare alla felicità e beatitudine promessa. = D. Giov. Cell. 7. 10. (C) Cavalc. Med. cuor. Quanto maggiormente, per lo bene, e per le virtuti, e per acquistare dono di beatitudine e di felicitade, dovemo patire persecuzione sanza mormorare. T. La celestiale dicesi più propriam. Beatitudine; giacchè; Beato, colla sua forma di part., denota insieme la causa e l'effetto della felicità, e però dice più (Rosm.) La santità e felicità delle creature proviene dalla cognizione pratica che hanno di Dio, e dalla glorificazione che quindi a lui dánno.

3. In senso men alto, ma prossimo a quello. [Tor.] Giacomin. Nob. lett. 6. Essendo la felicità sommo bene e fine ultimo, ed essendo la felicità operazione virtuosa, quella virtù sarà migliore e più nobile, che ne darà felicità migliore e più perfetta.[Camp.] D. Conv. III. 15. E quinci nasce quella felicità, la quale definisce Aristotele… dicendo che è operazione secondo virtù in vita perfetta. = Lib. Sent. Arr. (C) Felicità sì è un atto che procede da perfetta virtù dell'anima, e non del corpo. D. Purg. 17. Altro bene è, che non fa l'uom felice; Non è felicità, non è la buona Essenzia, d'ogni ben frutto e radice. T. Cic. E' fu felice; se può nel misfatto essere alcuna felicità – Ne' due sensi not. più propriam. cadrebbero gli epit. Piena, Intera felicità. [B.] Ar. Fur. 32. 24. Somma.

4. Del sentimento. Amet. 100. (C) Grand'ora dimorai In non provata mai felicitate.

5. Per il sentimento del benessere differisce Felicità da Fortuna. All'uomo fortunato seguono cose piacevoli ed utili: la felicità è lo stato dell'animo pienamente contento. Può l'uomo essere fortunato e non felice: felice e non fortunato; godere di quel poco che ha, e di quel molto, che Dio gli dá, non godere. La fortuna è bene esteriore, la felicità bene interno. T. Cic. Felicità e prosperità nelle cose onorate. Prov. Tosc. 132. Nella felicità ragione, nell'infelicità pazienza. E ivi: Nella felicità gli altari non fumano. E 131. A maggior felicità minor fede. = Tac. Dav. Ann. 11. 141. (C) Correal giardino: trovala per terra stramazzata a piè di Lepida sua madre, che nella felicità l'abborriva e nella miseria n'ebbe pietà. Fir. As. 136. (Man.) Nè mi parrà mai esser donna, nè vivere certamente, insinattantoch'io non la fo tombolar giù di tanta felicità. (Tombolare,triviale.) T. Ar. Sat. 1. Felicitade estima (essere corteggiato). Cic. Di capitano.

T. Felicità de' popoli. Plin. ep. De' tempi.

6. T. La personificavano i Rom., e un tempio le eresse Lucullo: ma nel senso più alto ell'era davvero ignota dea. Così Beato ai Rom. valeva Ricco. – Ai Crist. N. pr. di donna, senza accento, come S. Trinita, e sim.; e nelle Segrete della Messa invocansi, dopo la consacrazione, altri santi, Cum Marcellino, Petro, Felicitate. Ed è in un'ant. iscr.

7. Ma siccome Fortuna è la condizione costante e abit., ed è tale o tale esito fortunato; Felicità similm.: e però porta le forme Una, Alcuna, e il pl. Giov. Gell. Vit. Alf. 84. (Man.) E senza esser pur ferito un de' suoi (il che fu una felicità maravigliosa), le ruppe tutte. Tac. Dav. Post. 426. (C) Si dava (il tit. d'imperat.) al generale, principal comandatore dell'esercito, quando, per qualche fatto egregio o felicità, i soldati gridavano io, io. Bocc. Nov. 98. 31. Il quale, sopra ogni sua felicità, e più che la propria vita, l'amava. Pandolf. Gov. fam. 156. (Gh.) Appresso a' signori le promesse sono obligo, le prestanze sono doni e danno… E però stimatevi a felicità, se non vi costano le conoscenzie de' signori. T. Giamb. XLI. Non essendo cosa alcuna più dolce che lo avere con chi tu possa conferire le tue felicitati e le tue disavventure. G. Bentiv. Lett. L'esperimentare gli effetti della regia benignità è la maggiore felicità che io sia in tempo alcuno mai per estimare. Quest'è più pagano che la Felicità di Lucullo. Meglio il Redi, che non è cardinale, [Cors.] Lett. 1. 437. Il Signore Iddio renda a V. S. Eccell. duplicate quelle felicità che Ella mi augura nelle sante Feste di Natale. T. Ter. Tutte le buone felicità. Cecch. Comm. Ded. Pregandole (da Dio) ogni felicità, umilmente me le raccomando. Sarà meglio adoprarlo, se non per cel. e iron., con senso di disapprovazione. Le felicità del mondo durano poco.

8. Sovente iron. di cel. T. È una felicità, quando, condannato a leggere cose nojose, potete almeno serbarvi la facoltà di farvele leggere nel tempo e nel modo che pare a voi.

T. Di cosa molesta, escl. Che felicità!

9. Forma d'augurio. T. Tutte le felicità, per l'anno novello, per molt'anni.

A chi sternuta. Felicità! (Fanf.)

10. Senso intell. Sagg. Nat. esp. 97. (C) Secondo che ultimamente ha con mirabile felicità praticato il Boyle.

Vasar. Op. lett. ded. 1. 23. (C) Stato affezionatissimo a tutti quelli che di lei (dell'arte) hanno preso il medesimo piacere, e l'han saputa con maggior felicità, che forse non ho potuto io, esercitare.

Red. (Annot.?) Ditir. 76. (Man.) Colla stessa felicità scrive ancora nella materna sua lingua. Segr. Fior. Art. Guerr. 1. 7. (C)Con quanta felicità i suoi concetti descrivesse.

11. Senso corp. [Tor.] Red. Lett. 1. 25. Io me ne vaglio (dell'acqua del Tettuccio) con sicura felicità contro tutte le itterizie, le quali rimangono infallibilmente debellate con grandissima facilità e prestezza.

T. Plin. ep. Le campagne son fertili e grasse; ma questa felicità della terra si stracca per colpa de' coltivatori inetti.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: felice, felicemente, felici, felicissima, felicissime, felicissimi, felicissimo « felicità » felicitarci, felicitarmi, felicitarsi, felicitarti, felicitarvi, felicitazione, felicitazioni
Parole di otto lettere: fegatoso « felicità » fellonia
Vocabolario inverso (per trovare le rime): prolificità, scientificità, ascientificità, logicità, illogicità, pubblicità, ciclicità « felicità (aticilef) » infelicità, famelicità, anglicità, metallicità, diabolicità, simbolicità, iperbolicità
Indice parole che: iniziano con F, con FE, iniziano con FEL, finiscono con A

Commenti sulla voce «felicità» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze