Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «fianco», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Fianco

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
destro (27%), lato (23%), anca (7%), sinistro (5%), corpo (3%), spina (3%), porgere (3%), prestare (3%), dorso (2%), vicino (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate fianco

sensualità femminile
  
Giochi di Parole
La parola fianco è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: fiàn-co. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: cafoni, cofani, fonica.
fianco si può ottenere combinando le lettere di: fin + oca; con + fai; [ciò, coi] + fan.
Componendo le lettere di fianco con quelle di un'altra parola si ottiene: +tai = afanitico; +ara = anaforica; +[ari, ira, ria] = anaforici; +[aro, ora] = anaforico; +bar = anfibraco; +ram = anfimacro; +[out, tuo] = antifuoco; +poa = apofonica; +[pio, poi] = apofonici; +boh = bofonchia; +oca = cacofonia; +eco = cacofonie; +rea = cafoneria; +ree = cafonerie; +sim = cafonismi; +[tar, tra] = canforati; +cra = canforica; +[far, fra] = caraffino; +[far, fra] = caraffoni; +bio = cinofobia; +blu = confabuli; +tre = conferita; ...
Vedi anche: Anagrammi per fianco
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bianco, fiacco, fiasco, franco.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bianca, ciance.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: fino, fico, fano.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: sfianco.
Parole con "fianco"
Finiscono con "fianco": sfianco, sfiancò, affianco, affiancò, battifianco.
Parole contenute in "fianco"
Contenute all'inverso: naif.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "fianco" si può ottenere dalle seguenti coppie: fiaba/banco.
Usando "fianco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ancona = fina; mafia * = manco; * ohi = fianchi.
Lucchetti Riflessi
Usando "fianco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * occhi = fianchi.
Cerniere
Usando "fianco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ancore * = refi.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "fianco" si può ottenere dalle seguenti coppie: fina/ancona.
Usando "fianco" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ateo = fiancate.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "fianco" (*) con un'altra parola si può ottenere: san * = sfiancano; sarno * = sfiancarono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "fianco"
»» Vedi anche la pagina frasi con fianco per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Stai al fianco delle persone che hanno bisogno di sostegno. Sarà utile non solo a chi riceve, ma anche a te stesso.
  • Stiamo lavorando fianco a fianco e non litighiamo, miracolo!
  • Il fianco destro della montagna è esposto a raffiche di vento.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Fianco, Lato - Fianco è parte a destra o a sinistra del corpo animato giù verso le anche; e si trasferisce figuratamente a significare le parti laterali di edifizio o di corpi inanimati. - Lato è uno de' limiti che determina la figura in lunghezza e larghezza; e figuratamente si piglia per Fianco. Per traslato si dice pure i fianchi delle navi, di una fortezza, di un esercito. [immagine]
Fianco (a), Di fianco, Al fianco, A’ fianchi, A lato, Da lato - A fianco e Al fianco si dice parlando di persona, a cui altri sia appresso, ma non dirimpetto, o di cosa che sia appesa ad una delle parti del corpo. - «Ha la spada al fianco; Gli camminava a fianco.» - Il modo Di fianco indica positura: « La sua casa è di fianco alla mia;» nel qual caso, per accennare maggior vicinanza, si dice Da lato. - Il modo avverbiale A lato si dice tanto parlando di persona, quanto per accennar positura. - A' fianchi si intende dello stare o andare appresso a una persona o più. - « Sempre gli era a' fianchi.» [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Lato, Fianco; A lato, A fianco, A fianchi (stare) - Fianco, dell'uomo e di cosa personificata o quasi: ne' fianchi della nave si ripongon le merci che dessa trasporta da un paese ad un altro; fianco di collina ubertoso di utiliveti, di viti e simili. Lato è termine più geometrico, e si dice di cosa considerata più materialmente. Cosa isolata ha e può considerarsi da più lati: poi le cose hanno un lato buono e talvolta uno cattivo. A fianco dice maggior vicinanza o aderenza che a lato: i soldati hanno a fianco la sciabola, a lato il fucile. Star a fianco è proprio lì, di costa, toccare la persona; perciò stare a fianchi vale uno spesso pregare, sollecitare, importunare quasi. Stare da un lato o dall'altro della persona è stargli di qua o di là a una distanza congrua e discreta. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Fianco - S. m. Quella parte del corpo che è tra le cosce e le costole. (Fanf.) Il Menag. dal gr. Λαγὼν, gr. barb. Phlagnion. Il Ferr. da Iliacum. Belg, Lanke. Ger. Lanke e Flanke. Ted. ant. Lancha. Altri lo deriv. dal lat. Flaccus. Nel ted. med. il Fianco, Krenke, che vale anche Malato; e nel ted. mod. Weiche, Molle. Forse aff. a Anca; e questo aff. alle voci che rendono imagini di curvatura. Bocc. Nov. 48. 6. (C) Le vide a' fianchi due grandissimi e fieri mastini. E 89. 9. Gl'incominciò colla stecca a dare i maggior colpi del mondo ora nella testa e ora ne' fianchi. Petr. canz. 42. 1. Che l'uno e l'altro fianco Della fera gentil mordean sì forte, Che in poco tempo la menâro al passo. E cap. 1. Con arco in mano, e con saette a' fianchi. Pallad. Febbr. 37. Le scrofe… si vogliono scegliere, che abbiano i fianchi lati.

T. Vang. Aperse con lancia il fianco di lui (di G. C.).

2. E fig. Tutto il corpo. Petr. Son. 14. (C) Indi traendo poi l'antico fianco…, Quanto più può col buon voler s'aita. E canz. 26. 5. Onde 'l cor lasso riede Col tormentoso fianco. E. 29. 3. Al qual, come si legge, Mario aperse sì il fianco.

3. (Tom.) Per Grembo materno. Onde il famoso verso in tanti modi rivoltato dall'Alfieri. I figli che usciranno dal tuo fianco. – Quei che uscir denno dal tuo fianco figli.

4. Per simil. Lato, Canto, Banda di checchessia. Dant. Inf. 12. (C) Quale è quella ruina che nel fianco Di qua da Trento l'Adice percosse. E Purg. 7. Tra erto e piano era un sentiero sghembo, Che ne condusse in fianco della lacca. Tac. Dav. Stor. 2. 281. Vittoriosi per fianco urtarono, e per mezzo fenderono la battaglia degli Ottoniani. Ar. Fur. 32. 51. Domandò ad un, che le passò dal fianco, La figliuola d'Amon, chi la donna era.

Detto d'una città. [B.] Ar. Fur. 45. 75. – E d'un fiume. Ivi. 9. 18. Fianco destro.

5. Alzare il fianco, Far buon fianco, o Far un fianco reale, vagliono Mangiare assai e del buono, e s'intende per lo più in conversazione. V. ALZARE, § 23. M. Bin. Rim. burl. 217. (C) In giucare, in dormire, alzare il fianco. Varch. Suoc. 3. 4. Forse abbai per la fame. Hai tu ancora alzato il fianco?

Buon. Fier. 2. 2. 4. (C) Dove se nulla di fiorito ha l'oste, Tutto vi si distende a far buon fianco. Cecch. Incant. a. 3. s. 3. (Gh.) Vedete di cavarne (denari) il più che voi potete, acciocchè a spese sue noi ci possiamo trovare a far un fianco reale insieme in casa la signora.

6. Aver a' fianchi alcuno, fig. Avere chi ti pareggi o t'imiti. T. Ar. Fur. 26. 43. Molti ecceda in questo (nel vincere l'avarizia) E nessun prima e pochi n'abbia a' fianchi.

7. Avere alcuna cosa ai fianchi, nel senso di Avere eguali. V. AVERE AI FIANCHI.

8. Avere migliori fianchi. Aver maggior forza, più lena. Pallav. Ist. Conc. 1. 175. (Mt.) Avvenendo che gl'idioti, sì come s'avvisano, che chi ha più di ragione abbia più di gagliardia, e però introdussero pazzamente il duello; così pensino che la verità abbia una forza magica di chiuder la bocca all'avversario ne' combattimenti di lettere, e non sanno che in essi più grida, non chi ha miglior causa, ma miglior fianchi.

9. Battersi il fianco, dicesi fig. per Mostrar di sentir duolo o dispiacere d'alcuna cosa; lo stesso che Battersi l'anca. Buon. Sat. 90. (Man.) Ma se non frena le sue voglie scempie, S'ingoja il tutto in sei dì, nè pensa al fine. Si batte il fianco poi, pela le tempie.

10. Essere a' fianchi ad alcuno, fig. Sollecitarlo, Stimolarlo. Car. Lett. Tomit. 74. (M.) Quando no, al ritorno che sarà fra quattro giorni, li sarò a' fianchi: e non sarà se non bene che V. E. ne li scrivesse due parole. [G.M.] In questo senso anche Stare a' fianchi, che dice più.

11. Essere per fianco ad una cosa, Starle da lato, da canto. Buon. Fier. Intr. 1. (C) Aprir per tempo la prima la porta, E poi questo rastrel che l'è per fianco.

T. Vedere per fianco.

12. [Camp.] † Porsi mente a' fianchi, fig., per Considerare chi ci sta da lato a consigliere. D. Conv. IV. 6. Ponetevi mente, nemici di Dio, a' fianchi, voi che le verghe de' reggimenti d'Italia prese avete, e guardate chi a lato vi siede per consiglio.

13. Scostarsi dal fianco altrui, fig. Essere di costumi diversi da quelli degli altri. Non usit. Dant. Par. 19. (Mt.) Che dal fianco dell'altre non si scosta.

14. Stare, o Essere al fianco ad uno, Essergli indivisibil compagno e inseparabile. Tac. Dav. Ann. 6. 115. (C) Il principe fece morire due, i più antichi di sua famiglia, statigli a Rodi e in Capri sempre al fianco. Red. Son. (Mt.) Sedea quel superbissimo signore Sopra un trofeo di strali, e l'empia Morte Stavagli al fianco.

15. [Camp.] Ventilare il fianco, per Battere l'ali, D. 3. 31. Porgevan della pace e dell'ardore Ch'elli acquistavan ventilando il fianco. (Parla degli Angeli.)

16. Dal fianco, Per fianco, posti avverb. Lateralmente. V. § 3.

Per fianco, fig., vale anche Incidentemente, Indirettamente. Tac. Dav. Ann. 14. 186. (C) Per fianco biasimò i tempi di Claudio.

T. Di fianco (dall'uno dei lati). Assalire, Investire, Minacciare di fianco.

17. T. Con le mani a' fianchi. (Attitudine di corruccio e di rimprovero.)

[G.M.] Mettersi le mani su' fianchi; dice più corruccio che a' fianchi; ed in questo senso è forse più com.

[B.] Ar. Fur. 31. 17. Non tener le mani al fianco… (Non istare in ozio.) T. Più com. A' fianchi. – Star con le mani a' fianchi.

18. [A. Con.] Essere o Stare o Moversi un corpo di fianco all'altro. Non dall'un de' lati, non di sotto o di sopra. A fianco dice più propr. la prossimità.

19. (Med.) Mal di fianco o del fianco vale lo stesso che Colica, che si dice anche semplicemente Fianco. Petr. cap. 7. (C) Fianchi, stomachi, febbri ardenti, fanno Parer la morte amara più che assenzio. Volg. Ras. Sogliono mandar via e dissolvere le ventositadi, che noi nominammo nel capitolo della colica, cioè del mal di fianco. E altrove: Filonio, che è buono a coloro che hanno il male del fianco. Cr. 1. 4. 13. L'acqua, che è molto calda, dissolve la colica, cioè il mal del fianco. Volg. Mes. Vale alle infirmità fatte dal flemma, come è lo male di fianco. Car. Matt. 6. O patisce di fianco o d'epiglotta. [Val.] Fortig. Ricciard. 12. 101. Par ch'abbiano la doglia o il mal di fianco.

20. (Vet.) Regione del corpo del cavallo situata tra le coste, i reni, e le anche. (Mt.) [Camp.] Din. Din. Masc. I. 9. Sono (i cavalli spagnuoli) distesi nel collo, e con la testa picciola ed asciutta, e non sono molto ne' fianchi (non hanno fianchi assai rilevati).

21. (Archi.) Porta del fianco si dice Quella che è nella facciata principale, ma da uno de' lati. Lasc. Sibill. 5. 4. (C) Io per la porta del fianco la condussi in casa mia. [G.M.] Adesso più com. Porta di fianco. – Entrò in chiesa dalla porta di fianco; da una delle porte di fianco.

Fianchi delle ripe de' ponti. Le parti estreme, o vogliamo dire Termini dei medesimi ponti. Loro ufizio è di sostenere il peso degli archi che vi si posano sopra. Baldin. (M.)

Fianchi degli edificii e muraglie. Le parti laterali, ovvero quelle che formano gli angoli de' medesimi edifizi. Car. Lett. Tomit. 111. (M.) Con questa occasione mutandosi o crescendosi il disegno, vi aggiungono non so che stanze di più, ed è opinione ancora d'alcuni che vi si debbono aggiugnere i fianchi.

T. Vas. I. 302. Rifarle (le mura) con fianchi e baluardi intorno intorno.

22. Fianco, in Architettura militare, dicesi quel Lato che congiunge la faccia del bastione alla cortina. Galil. Mem. lett. 1. 29. (M.) Concludiamo adunque, ogni corpo di difesa il quale deve fiancheggiare una cortina, per lo discorso fatto, dover essere composto di quattro linee, cioè di due fianchi e due faccie. Magal. Lett. Non riscaldi le piastre e i chiodi nell'arrotarsi sulla piazza, non tormenti il terrapieno, e tutto il fianco del bastione.

23. (Mil.) Fianco s'usa, per modo di analogia, per Lato d'un battaglione, d'un esercito, ecc., a distinzione del termine Fronte o Coda. Segr. Fior. Art. guerr. lib. 2. (M.) Sappiate che quando io dirò o testa o fronte, vorrò dire la parte dinanzi; quando dirò spalle, la parte di dietro; quando dirò fianchi, la parte da lato.

24. (Mar.) [Fin.] Lato, Parte laterale esterna del bastimento. T. Il vento fa andare la barca di fianco.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: fiancheggiavate, fiancheggiavi, fiancheggiavo, fiancheggino, fiancheggiò, fiancheggio, fianchi « fianco » fiandra, fiandre, fiasca, fiascai, fiascaia, fiascaie, fiascaio
Parole di sei lettere: fiamme « fianco » fiasca
Vocabolario inverso (per trovare le rime): rimbiancò, rimbianco, nasobianco, sbiancò, sbianco, sciancò, scianco « fianco (ocnaif) » affianco, affiancò, battifianco, sfianco, sfiancò, calanco, spalanco
Indice parole che: iniziano con F, con FI, iniziano con FIA, finiscono con O

Commenti sulla voce «fianco» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze