Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «fiera», il significato, curiosità, forma dell'aggettivo «fiero», associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Fiera

Forma di un Aggettivo
"fiera" è il femminile singolare dell'aggettivo qualificativo fiero.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
campionaria (13%), belva (10%), mercato (7%), levante (5%), mostra (5%), est (3%), animali (3%), sagra (3%), esposizione (3%), vanità (3%), agricola (2%), orgogliosa (2%), paesana (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia

Foto taggate fiera

Kazakhistan

Foto 513986001

Kazakistan
Giochi di Parole
La parola fiera è formata da cinque lettere, tre vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (rei).
Divisione in sillabe: fiè-ra. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: farei, rafie.
Componendo le lettere di fiera con quelle di un'altra parola si ottiene: +[aro, ora] = aerofari; +tao = aerofita; +ito = aerofiti; +oro = aerofori; +[far, fra] = afferirà; +[far, fra] = afferrai; +fan = affinare; +fan = affinerà; +fon = affinerò; +ton = anfoteri; +tic = artefici; +[csi, ics, sci] = asferici; +uro = aurifero; +sob = biosfera; +tic = cifriate; +con = corifena; +[del, led] = defilare; +din = definirà; +gip = epigrafi; +[sua, usa] = eufrasia; ...
Vedi anche: Anagrammi per fiera
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: fibra, fiere, fieri, fiero.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: piero, sieri, siero.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: fiderà, filerà.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: darei, farei, parei, sarei.
Parole con "fiera"
Iniziano con "fiera": fieramente.
Finiscono con "fiera": gonfierà, soffierà, graffierà, sgonfierà, annaffierà, innaffierà, mongolfiera, rigraffierà.
Contengono "fiera": gonfierai, soffierai, graffierai, sgonfierai, annaffierai, gonfieranno, innaffierai, soffieranno, graffieranno, rigraffierai, sgonfieranno, annaffieranno, innaffieranno, rigraffieranno.
»» Vedi parole che contengono fiera per la lista completa
Parole contenute in "fiera"
era. Contenute all'inverso: rei.
Incastri
Inserito nella parola grafi dà GRAFfieraI.
Inserendo al suo interno ori si ha FIoriERA.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "fiera" si può ottenere dalle seguenti coppie: fidenti/dentiera, filetti/lettiera, fin/nera, fiocchi/occhiera, fischi/schiera, fieli/lira, fievole/volerà.
Usando "fiera" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erano = fino; mafie * = mara; rafie * = rara; buffi * = bufera; scalfì * = scalerà; schifi * = schiera; dimorfi * = dimorerà; * raramente = fieramente.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "fiera" si può ottenere dalle seguenti coppie: fide/edera, filosi/isolerà, fimosi/isomera, finirò/orinerà, fissi/isserà, fitta/attera.
Usando "fiera" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * arena = fina; * arene = fine; * areni = fini; * areno = fino; * areale = fiale; * areata = fiata; * areati = fiati; * areato = fiato; * arno = fieno; * arengo = fingo.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "fiera" si può ottenere dalle seguenti coppie: rafie/rara.
Usando "fiera" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * rafie = rara; rara * = rafie.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "fiera" si può ottenere dalle seguenti coppie: fino/erano.
Usando "fiera" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: bufera * = buffi; * lira = fieli; rara * = rafie; scalerà * = scalfì; dimorerà * = dimorfi; fingo * = ingoierà; * fieramente = raramente.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "fiera" (*) con un'altra parola si può ottenere: * di = fiderai; * li = filerai; del * = defilerà; condi * = confiderai; * danzi = fidanzerai; * occhi = fioccherai; sogli * = sfoglierai; * brilli = fibrillerai; pressi * = prefisserai; rischi * = rifischierà; slacci * = sfilaccerai; * ancheggi = fiancheggerai; * schietti = fischietterai; scarichi * = scarificherai; plastichi * = plastificherai.
Frasi con "fiera"
»» Vedi anche la pagina frasi con fiera per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Hai tutte le ragioni del mondo per essere fiera di quei ragazzi!
  • Alla fiera fiera dell'est, è un brano musicale molto famoso cantato da Angelo Branduardi.
  • A Milano per Sant'Ambrogio si tiene la tradizionale fiera degli "O' Bei O' Bei".
Espressioni e Modi di Dire
  • Alla fine della fiera
Libri
  • La fiera navigante (Scritto da: Livio Garzanti; Anno 1990)
  • La fiera della vanità (Scritto da: William Makepeace Thackeray; Anno 1843)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Fiera, Mercato - Mercato, oltre il significato di Luogo di città o terra dove si compra o vende ogni mercanzia, specialmente di cose da mangiare, ha quello di Concorso di popolo in questo o quel paese, in giorni della settimana determinati, per comprare, vendere e far contrattazioni. - «Venerdì è mercato; non posso lasciar Firenze.» - La Fiera è, per dir così, mercato universale, che dura uno o più giorni, per certe occasioni di feste, dove concorrono molte persone da varii paesi per far compre, vendite e contratti. - «La fiera di Prato. - La fiera di Sinigaglia.» [immagine]
Animale, Bestia, Fiera, Belva, Bruto - Animale è appellativo comune a tutti gli enti organici che hanno sentimento, compreso l'uomo; onde Dante fece chiamar sè stesso:

O animal grazioso e benigno

Ma adesso dell'uomo non si direbbe, se non per dispregio, benchè gli scienziati dicendo, p. es., tutti gli animali, ci comprendano anche l'uomo. - Bestia si dice più che altro degli animali di qualche grandezza, specialmente quadrupedi; onde i mulattieri chiamano Bestia quella da soma, e i contadini chiamano le Bestie i bovi, le vacche, i vitelli e gli asini o cavalli che hanno nella stalla. - « Vo a far l'erba per le bestie. » - E Bestia si dice anche all'uomo per atto di iroso dispregio. - Fiere sono quelle bestie che vivono alla foresta, e difficilmente si addomesticano, e assaltano e divorano gli altri animali e anche l'uomo, che sogliono chiamarsi Bestie feroci. - Bruto è nome generico di ogni animale privo di ragione e non addomesticato.

[Detto d'uomo, Bestia pare il men forte; poi vien l'animale, poi la fiera, poi il bruto. Bestia, chi non sa, chi fa male. L'Animale dice parole e fa atti che pare impossibile vengano da un essere dotato di ragione. Fiera, d'uomo che fa atti da belva, da bestia feroce: Bruto, di chi nella ferocia o nella cecità delle passioni mostra spento in lui o non mai acceso il moccolino della ragione. Chi per ira va in bestia può, inferocendo, divenire una fiera o una belva; sarà sempre un animale, ma non è proprio un bruto. La sozzura del vizio che accieca e imbestia, fa scendere sino ad azioni da bruto. - Fiere son pe' poeti tutte le bestie che abitano pe' boschi; belve soltanto le feroci. Quindi la belva, anche fra gli uomini, è più temibile della fiera. - La fiera può correre al sangue; la belva anela a quello e se ne inebria. La fiera uccide, sbrana e divora; la belva gioisce dello sbranare, del lacerare, del leccare il sangue voluttuosamente. - G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Bestia, Bruto, Animale, Fiera, Belva - Animale è ogni ente dotato d'un'anima sensitiva; l'uomo è un animale ragionevole; animale irragionevole la bestia: dicendo però l'animale o gli animali, assolutamente, intendesi sempre di significare col primo la parte materiale dell'uomo che viene guidata soltanto da' suoi istinti; col secondo, le bestie. Bestia poi è ogni animale privo di ragione: bestia perciò dicesi l'uomo, quando, trascinato dalla foga delle passioni, alla voce della ragione non bada: bestia, d'ordinario degli animali di qualche grandezza, feroci o domestici ch'essi siano: anzi d'un bel cane, o cavallo, o anche leone, o tigre, osservabile per il bello sviluppo delle membra, dicesi: è una bella bestia. La parola animale, essendo più generica, serve a denotare le grandi divisioni degli animali stessi in quadrupedi, volatili, acquatici, ecc.: animaletto, bestiolina, diconsi indifferentemente d'ogni sorta d'animale, purchè piccolo e gentile. Bruto, l'animale d'istinti più bassi e grossolani, e di minore intelligenza fornito: brutale perciò, l'uomo che discende ad atti, o modi, od eccessi contrarii alla nobile natura sua: chi soddisfa bestialmente ai naturali appetiti merita piuttosto nome di bruto che d'uomo. Fiera, è bestia di natura non domabile e d'istinto crudele, carnivora e vorace: nella parola fiera avvi l'elemento di fierezza e di ferocia. Belva è fiera di corpo immane e di gran forza e ferocia; è parola piuttosto poetica, perciò ha dell'esagerato: belve però si direbbero i mostri creati dall'immaginazione de' poeti. Oltre a bruto, di cui demmo qui sopra il senso traslato, bestia e animale ne comportano anch'essi qualcheduno: bestia dicesi chi non ha o chi non vuole far senno: animale, chi vive senza dignità, decoro, e pulizia che ad uomo convengonsi. [immagine]
Fiera, Mercato, Emporio, Mercatale; Far mercato, Far bottega, Far mercimonio - E prima d’ogni altra cosa notiamo che emporio è quel luogo dove abbondano e affluiscono di continuo le mercanzie: Londra, Marsiglia, Genova, Livorno, sono fra i principali emporii dell’Europa. Il mercato è più frequente della fiera; ma non sempre, e dovunque, quotidiano; nei paeselli e cittaduzze di provincia v’è mercato una o due volte la settimana; la fiera ricorre d’ordinario una o due volte l’anno nei paesi dov’è statuita, e può esser tanto ricca di merci quanto un emporio; più del mercato lo è certamente; le fiere di Sinigaglia, di Beaucaire, di Lipsia sono rinomatissime per la quantità e l’importanza degli affari che vi si fanno. Mercato, fiera, è il luogo ove si raccoglie la roba che si mette in vendita, e la roba stessa: emporio, il luogo soltanto. Far mercato di qualche cosa, è farne contrattazione o commercio venale; ha senso piuttosto cattivo che buono; v’ha perfino chi fa vil mercato dell’onore, della fede; ma in un secolo di grande effervescenza com’è il nostro, ogni eccesso sia in male che in bene è possibile. Far bottega ha eziandio questo senso o presso a poco; ma nel far bottega è più apparente sfrontatezza e impudenza. Far mercimonio è far vile o almen basso mercato di cosa degna di miglior sorte: è sempre maniera dispregiativa. Far fiera è comperare o vendere qualche cosa sulla fiera stessa; fiera è detto per celia l’oggetto ivi comperato, per minuto che sia; far fiera è il ciarlare più che a mezza voce che fanno un quattro o cinque donne in mezzo alla via, sulla piazza: in Toscana è vivo il proverbio: «tre donne fanno una fiera, e due un mercato».

«Può il mercato essere o piazza o loggia o contrada; se più vasto o in forma di campo, dicesi mercatale. Mercato vecchio e nuovo di Firenze: mercatale di Prato». Polidori. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Fiera - Viene dal latino forum (piazza pubblica, luogo ove si tiene il mercato.) La fiera non diversifica dal mercato se non pel concorso di maggior numero di mercanti e compratori richiamati dalle franchigie ed esenzioni di dazj di che godono le fiere. L'uso di questi e di quelle, dove si faceva il principale e più esteso commercio, era tanto antico presso i Romani quanto la stessa Roma. Alcuni ne riferiscono l'istituzione a Romolo; altri al re Servio Tullio. Durarono le fiere sino sotto gli imperatori. La più vecchia dei popoli moderni, secondo le cronache del secolo X, fu stabilita in Aquisgrana da Carlomagno, e trasferita da Carlo il Calvo a S.Dionigi. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: fienile, fienili, fieno, fienosa, fienose, fienosi, fienoso « fiera » fieramente, fiere, fierezza, fierezze, fieri, fieristica, fieristiche
Parole di cinque lettere: fieno « fiera » fiere
Vocabolario inverso (per trovare le rime): scudiera, ripudierà, tripudierà, studierà, ristudierà, teiera, copriteiera « fiera (areif) » annaffierà, innaffierà, graffierà, rigraffierà, soffierà, mongolfiera, gonfierà
Indice parole che: iniziano con F, con FI, iniziano con FIE, finiscono con A

Commenti sulla voce «fiera» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze