Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «finito», il significato, curiosità, forma del verbo «finire» aggettivo qualificativo, associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Finito

Forma verbale
Finito è una forma del verbo finire (participio passato). Vedi anche: Coniugazione di finire.
Aggettivo
Finito è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: finita (femminile singolare); finiti (maschile plurale); finite (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di finito (completato, terminato, concluso, risolto, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
terminato (27%), iniziato (10%), lavoro (9%), completato (7%), ultimato (5%), concluso (5%), compito (4%), tutto (3%), stop (2%), fatto (2%), infinito (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola finito è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (tini).
Divisione in sillabe: fi-nì-to. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: tifino, tifoni.
Componendo le lettere di finito con quelle di un'altra parola si ottiene: +afa = affiatino; +oca = citofonai; +can = confinati; +tag = fagottini; +hac = fatichino; +[tar, tra] = fattorini; +ode = fenditoio; +hac = fichtiano; +ace = fiocinate; +oca = fiocinato; +dna = fiondanti; +dea = fiondiate; +rom = fitormoni; +gag = foggianti; +[est, set] = fonetisti; +ara = foniatria; +[era, rea] = foniatrie; +cra = fraticino; +gas = gonfiasti; +[era, rea] = ierofanti; +tag = infagotti; ...
Vedi anche: Anagrammi per finito
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: finirò, finita, finite, finiti, finivo.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: linite, liniti, pinite, piniti, rinite, riniti.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: finto.
Altri scarti con resto non consecutivo: fino.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: sfinito.
Parole con "finito"
Iniziano con "finito": finitore, finitori.
Finiscono con "finito": sfinito, definito, infinito, rifinito, indefinito, ridefinito, semifinito, predefinito.
Contengono "finito": definitomi, definitore, definitori, definitosi, rifinitore, rifinitori, definitoria, definitorie, definitorii, definitorio.
»» Vedi parole che contengono finito per la lista completa
Parole contenute in "finito"
fin, ito, fini. Contenute all'inverso: tini.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "finito" si può ottenere dalle seguenti coppie: fiacca/accanito, file/lenito, fimo/monito, finii/ito, finimenti/mentito, finiremo/remoto, finivi/vito, finivo/voto.
Usando "finito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: confini * = conto; * torà = finirà; * toro = finirò; sconfini * = sconto; * torci = finirci; * torti = finirti; * tosca = finisca; * tosco = finisco; * tosse = finisse; * tossi = finissi; * toste = finiste; * tosti = finisti; grafi * = granito; passafini * = passato; * toscano = finiscano; * orice = finitrice; * orici = finitrici.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "finito" si può ottenere dalle seguenti coppie: fioca/aconito, finga/agito, finse/esito, finirà/arto, finire/erto, finirò/orto.
Usando "finito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * otica = finca; * otite = finte; * otiti = finti; * otiche = finche; * otre = finire; * ottura = finitura.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "finito" si può ottenere dalle seguenti coppie: rifinì/tori, serafini/toserà.
Usando "finito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: tori * = rifinì; * serafini = toserà; toserà * = serafini.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "finito" si può ottenere dalle seguenti coppie: finirà/torà, finirci/torci, finirò/toro, finirti/torti, finisca/tosca, finiscano/toscano, finisco/tosco, finisse/tosse, finissi/tossi, finiste/toste, finisti/tosti.
Usando "finito" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * monito = fimo; granito * = grafi; * accanito = fiacca; * voto = finivo; conto * = confini; * remoto = finiremo; * turato = finitura; * ureo = finiture; sconto * = sconfini; passato * = passafini.
Sciarade e composizione
"finito" è formata da: fin+ito.
Sciarade incatenate
La parola "finito" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: fini+ito.
Frasi con "finito"
»» Vedi anche la pagina frasi con finito per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Sono andata ad assistere ad un concerto all'aperto. Finito lo spettacolo, ho avuto difficoltà ad uscire a causa della calca.
  • Quando un lavoro è finito, è sempre bene chiedersi se si poteva fare meglio.
  • Il lavoro che mi era stato assegnato, per fortuna, è finito in maniera soddisfacente.
Canzoni
  • Tutto è finito (Cantata da: Nilla Pizzi; Anno 1951)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario grammaticale della lingua italiana del 1869
Finito (modo) - Due sono i modi de' verbi più generalmente considerati, cioè: modo Finito e modo Infinito o Indefinito.

Sono i verbi di modo Finito quando hanno le loro variazioni, che ci fanno discernere in ciascun tempo le persone ed i numeri, come pingo (io) suoni (tu) batte (egli) raccontiamo (noi) rompeste (voi) navigarono (coloro).

Il modo Finito è di quattro specie: Indicativo, Imperativo, Soggiuntivo e Condizionale. (V. queste parole ed Infinito), [immagine]
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Esaurito, Finito, Esausto, Rifinito - Esaurito suona Che è ridotto in difetto della cosa per averla consumata a poco a poco; ma questa voce si usa solo come participio nelle voci del verbo Esaurire. Per es.: «La città aveva esaurito tutti i mezzi di difesa.» Non è per altro bene elegante. - La voce Esausto, invèce, anch'essa participio di Esaurire, si usa solo a modo di adjettivo: Uomo esausto di forze; ed ha più efficacia di Esaurito, perchè questo pare che denoti il corso del consumare, l'altro la consumazione già compiuta. - Finito si dice di una cosa già consumata. - Rifinito di una persona esausta di forze, o per stanchezza o per malattia. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Finire, Perire; Finito, Perito, Andato; Se n’è andato - Finisce una cosa, giunta che sia al suo temine; finisce un ordine di cose quando giunge l'ultima di esse, e questa medesima al suo ultimo fine: finisce la vita, nè si può dire: l'uomo finisce in tutto: ed ecco che la ragione intima della lingua, ignota a noi il più delle volte, ma che racchiude per certo un senso arcano e mistico, direi quasi, non meno dei geroglifici antichi, ci dà un'alta lezione di morale, di filosofia: finisce la vita, l'uomo finisce di vivere, ma l'uomo non finisce in tutto come dicemmo; ei comincia in quel punto una nuova esistenza in un altro ordine di cose. Perisce una cosa quando gli manca l'alimento, la cura necessaria a conservarla: i poverelli periscono talvolta di fame; perisce una pianta se gli manca quell'umore benefico che la ristora; perisce a poco a poco la memoria delle maggiori cose se l'istoria non le registra nelle sue carte; perisce l'istoria stessa, o per lo meno certi periodi storici, quando, per la loro antichità, o per essersi perduti i monumenti che gli attestavano, passano nell'ordine dei miti, delle favole; così la mitologia. Finito indica meglio una fine naturale; perito, una violenta. Dell'uomo, e di altra cosa viva dicesi: è andato, è andata, quand'è in pericolo della vita, e che non v'ha più alcuna o almeno pochissima speranza di salvarla. Se n'è andato, vale, è morto; e dicesi dell'uomo in ispecie, quasi accennando che è andato in altro luogo, all'altro mondo e simili. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: finiste, finisti, finita, finite, finitezza, finitezze, finiti « finito » finitore, finitori, finitrice, finitrici, finitudine, finitudini, finitura
Parole di sei lettere: finiti « finito » finiva
Lista Aggettivi: finanziato, fine « finito » finlandese, fino
Vocabolario inverso (per trovare le rime): lenito, invelenito, incancrenito, insignito, incognito, incarognito, grugnito « finito (otinif) » definito, predefinito, ridefinito, indefinito, semifinito, rifinito, infinito
Indice parole che: iniziano con F, con FI, iniziano con FIN, finiscono con O

Commenti sulla voce «finito» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze