Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «gala», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Gala

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Gal « * » Galla]
Giochi di Parole
La parola gala è formata da quattro lettere, due vocali (tutte uguali, è monovocalica) e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (ala), un bifronte senza capo né coda (la).
Divisione in sillabe: gà-la. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: alga (spostamento di una lettera).
Componendo le lettere di gala con quelle di un'altra parola si ottiene: +ove = agevola; +tai = agliata; +[neo, noè] = agonale; +noi = agonali; +giù = aguglia; +bei = albagie; +bio = albagio; +[ire, rei] = algeria; +sei = algesia; +[ali, ila] = allagai; +ile = allegai; +[neo, noè] = alogena; +[ciò, coi] = alogica; +sos = assalgo; +big = bagagli; +odi = dialoga; +idi = dilagai; +fen = falange; +fin = falangi; ...
Vedi anche: Anagrammi per gala
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cala, gaia, gale, gara, gasa, gela, gola, mala, pala, sala.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: balì, cale, cali, calo, calò, falò, hall, male, mali, malo, pale, pali, palo, sale, sali, salo, salì, salò, tale, tali, vale, vali.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: ala, gal.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: galea, galla.
Antipodi (con o senza cambio)
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si può avere: lago.
Parole con "gala"
Iniziano con "gala": galani, galano, galante, galanti, galateo, galagone, galagoni, galalite, galaliti, galassia, galassie, galattica, galattici, galattico, galaverna, galaverne, galanteria, galanterie, galantuomo, galattiche, galattagoga, galattagogo, galattofaga, galattofagi, galattofago, galattofora, galattofore, galattofori, galattoforo, galattogena, ...
Finiscono con "gala": regala, segala, bengala, lingala, poligala, martingala.
Contengono "gala": regalai, regalami, regalano, regalare, regalata, regalate, regalati, regalato, regalava, regalavi, regalavo, agalassia, agalassie, regalacci, regalammo, regalando, regalante, regalanti, regalarci, regalarla, regalarle, regalarli, regalarlo, regalarmi, regalarne, regalarsi, regalarti, regalarvi, regalasse, regalassi, ...
»» Vedi parole che contengono gala per la lista completa
Parole contenute in "gala"
ala, gal.
Incastri
Inserito nella parola rei dà REgalaI; in remi dà REgalaMI; in rete dà REgalaTE; in reti dà REgalaTI; in rendo dà REgalaNDO; in resse dà REgalaSSE; in ressi dà REgalaSSI; in reste dà REgalaSTE; in resti dà REgalaSTI; in ressero dà REgalaSSERO.
Inserendo al suo interno bel si ha GAbelLA; con ile si ha GALileA; con assi si ha GALassiA; con leggi si ha GALleggiA.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "gala" si può ottenere dalle seguenti coppie: gai/ila, game/mela, gasa/sala, gaso/sola.
Usando "gala" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alga * = alla; bega * = bela; foga * = fola; * lame = game; * lare = gare; maga * = mala; olga * = olla; paga * = pala; saga * = sala; urga * = urla; voga * = vola; belga * = bella; burga * = burla; colga * = colla; * ala = galla; * alé = galle; * ali = galli; * lambì = gambi; * lamia = gamia; * lanci = ganci; ...
Lucchetti Riflessi
Usando "gala" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * allea = galea; * allega = galega; * allena = galena; * alvina = gavina; * alvine = gavine; * alzare = gazare; * alzatore = gazatore; * alzatori = gazatori; * alzatrice = gazatrice; * alzatrici = gazatrici.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "gala" si può ottenere dalle seguenti coppie: draga/ladra, droga/ladro, maga/lama, nega/lane, riga/lari, strega/lastre, toga/lato, triga/latri, vaga/lava, viga/lavi, voga/lavo.
Usando "gala" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * maga = lama; * nega = lane; * riga = lari; * toga = lato; * vaga = lava; * viga = lavi; * voga = lavo; lama * = maga; lane * = nega; lari * = riga; lato * = toga; lava * = vaga; lavi * = viga; lavo * = voga; * tag = alata; ladra * = draga; ladro * = droga; * draga = ladra; * droga = ladro; * triga = latri; ...
Lucchetti Alterni
Usando "gala" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alla * = alga; bela * = bega; fola * = foga; * mela = game; * sola = gaso; olla * = olga; urla * = urga; vola * = voga; bella * = belga; burla * = burga; colla * = colga; porla * = porga; sfila * = sfiga; tolla * = tolga; sparla * = sparga; svella * = svelga; accolla * = accolga; * licia = gallici; * linea = galline; * oppia = galoppi; ...
Sciarade incatenate
La parola "gala" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: gal+ala.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "gala" (*) con un'altra parola si può ottenere: * il = gialla; par * = pagarla; rei * = regalia; * beli = gabellai; * oppi = galoppai; punì * = pugnalai; seni * = segnalai; * beltà = gabellata; * belva = gabellava; punta * = pugnalata; punte * = pugnalate; punti * = pugnalati; punto * = pugnalato; senno * = segnalano; senta * = segnalata; sente * = segnalate; senti * = segnalati; sento * = segnalato; * lincei = gallinacei; * linceo = gallinaceo; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "gala"
»» Vedi anche la pagina frasi con gala per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il salone principale della villa era stato allestito per la serata di gala.
  • Ad una cena di gala occorre presentarsi con abbigliamento appropriato.
  • Una semplice gala di velluto nero ha reso l'abito molto elegante.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Trina, Ricamo, Gala - Trina è generalmente Lavoro di refe o di fil di seta artificiosamente intrecciato, per modo che formi vago disegno. Serve, più che altro, per guarnizione. - Il Ricamo è Lavoro fatto con l'ago, e a disegno, su panni, drappi, e simili materie, come fazzoletti, camicini, ecc. Sopra alcuni abiti di cerimonia si fanno anche ricami d'oro. - [La Gala è Trina piuttosto larga, o, come suol dirsi, alta, impiegata per ornamente di vestiti e specialmente intorno al collo, o dappiedi, o sul petto delle camicie da uomo. La Trina può essere di seta, d'oro, di cotone o di lino. - La Gala non è tale che quando s'adopra per ornamento dei vestiti o è foggiata in modo da mettersi al collo: la Trina è sempre Trina anche quando è in pezza. G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Gala, Gale; Vestire in gala, Vestire in abito di gala - «La gala è quella striscia di trina, o tela, o altro che le donne portano sulla baverina o a' fazzoletti o in fondo al vestito; e gli uomini allo sparo della camicia». Tommaseo.

Vestire in gala è vestire con più ricercatezza del solito, è mettersi attorno ciò che si ha di meglio: vestire in abito di gala è metter quell'abito o costume speciale che porta la circostanza: l'abito di gala è un vestito tagliato un po' all'antica con ricami qualche volta, e vuol la spada, i manichini, la cravatta bianca e gli scarpini per accompagnamento: ora, perchè mai questo costume, già passato di moda e antiquato piuttosto che no, è riputato vestito di gala a preferenza dei moderni? - forse perchè i padri, gli avi nostri eran più rigorosi seguaci della etichetta di quello che nol siamo noi. Gala e gale è tutto ciò che adorna in modo più vistoso la persona; ma è parola che passa di moda come le feste e le etichette a cui si riferiva: ora non si fa più gala che a corte, e poche volte all'anno: in questi tempi di calcoli, di speculazioni, di progetti, le gale e le etichette sono o paiono anacronismi. [immagine]
Gala, Lusso, Sfoggio, Sfarzo, Pompa - Gala, nel senso che ha ancora adesso, è festa, e il vestito che a questa compete: le donne però amano e ameranno sempre le gale e gli abbigliamenti, poichè, per qualsiasi progresso faccia l'educazione e l'istruzione loro, le trine, i nastri, i merletti, e tutto ciò che appunto fa gala, sarà ognora per esse un gran che. Il lusso non istà soltanto negli abiti, ma e negli arredi, e nelle livree, e in tutto che può denotare ricchezza e sontuosità. Sfoggio è lusso ostentato: il lusso è in gran parte per sè, per i proprii comodi, per le agevolezze e le dolcezze del vivere: lo sfoggio è in gran parte per l'apparenza: molti per isfoggiare agli occhi del mondo si privano, se non del necessario, di que' comodi almeno che fanno più dolce il vivere: chi ha poco ama sfoggiare per essere creduto da più che non è; è questa l'ambizione de' mediocri. Lo sfarzo sta nell'ampiezza del vestito più che nella ricchezza e nel buon gusto: lo sfarzo pare più insolente dello sfoggio; con questo si vuol piacere, con quello imporre alla moltitudine. La pompa sta nell'apparato; si può far pompa di tutto, anche della miseria; pompa d'iniquità, d'impudente cinismo fa l'iniquo, lo scellerato, l'uomo perduto, in una parola: far pompa è metter in vista ciò che si ha, ciò da cui credesi trarre una gloria qualunque. Il lusso, se sta ne' dovuti limiti, è distinzione degna del ricco; il lusso di questo fa vivere le classi laboriose e indigenti: lo sfoggio pecca d'ambizione; lo sfarzo, di scialacquo; la pompa, di vanagloria. [immagine]
Gala, Trina, Guarnizione, Gallone - Gala, come vedemmo due articoli più in sù, è una specie di guarnizione di trina o d'altro: guarnizione è generico, ed è ogni cosa che per guarnire abito o altro s'adatti ad esso con certo garbo e certe misure. La trina può esser di filo d'oro, d'argento, di seta o di refe. Il gallone, che può eziandio servire d'ornamento, è striscia d'oro, d'argento, di seta, o di cotone fatta a passamano, con cui si guerniscono pianete, piviali, mobili e livree. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Gala - S. f. Ornamento, Abbellimento di vestimento in generale, Fregio, Foggia. V. l'orig. in GALANTE. Sen. Ben. Varch. 1. 10. (C) Qualche volta sono in pregio grandissimo le gale e l'attillature, e si bada solo a ornare la bellezza del corpo, manifesto argomento della bruttezza dell'animo. Segn. Lett. Pros. Fior. 4. 3. 30. (Man.) Io sono a Parigi vestito a duolo pel re di Spagna, come qui veste ognuno: la gala però funebre ammette certi veli bianchi, come le rasce bianche sul nero a' mortorii. T. Segner. Pred. 389. Il mondo già si è avanzato a tanto splendore di abiti, di gioje, di gale… che quando ancor possedessimo doppie entrate, appena ci basterebbono.

2. T. È tutto in gala, È tutta in gala. Del vestire; quasi sempre in senso non di lode.

3. T. Pranzo di gala. Di principi o signori, dato per cerimonia, con forme e vestiti di cerimonia.

T. C'è gala a Corte. Ricevimento di cerimonia, con vestiti, quasi da maschere, richiesti a ciò.

T. Passeggio di gala. Dove si sfoggi più lusso, in certe occorrenze più solenni o più liete.

T. Vettura di gala, che adoprasi nelle occorrenze solenni.

4. Sfoggio. Ciriff. Calv. 1. 35. (C) E traevan coregge i rubaldoni Alcuna volta per ischerzo o gala, Che cavavan la polver tra' mattoni, E spazzavano le tre ogni gran sala.

5. T. Mezza gala; Quando nelle feste pubbliche gli ufficiali dello Stato si mettono vesti che sono un che di mezzo tra quelle di tutta gala e le altre d'ogni giorno.

6. T. Fam. trasl. Parlare in gala; con eleganza, non senza affettazione. E così Scrivere.

[A.Con.] Negli atti e nelle parole e nello stile affettare eleganza: Stare sempre in gala.

7. T. Fam. Di cosa che segua o facciasi più abbondante o lieta del solito: È gala.

8. Far gala, Esser in gala, fig., vale Stare allegramente, Sguazzare. Ciriff. Calv. 1. 31. (C) E mentre che il convito era più in gala… Morg. 2. 26. Qui son genti stanotte comparite, Che, come noi, avranno fatto gala.

9. Far gala vale anche Far pompa, Darsi vanto. Corsin. Stor. Mess. 1. 15. (M.) Si faceva gala de' misfatti. E 4. 436. O sia perchè la consuetudine… gli facesse far gala di mostrar disprezzo della propria generosità.

10. [Fanf.] Fare gala di. Gloriarsene, Farsene bello. Magal. Lett. 18. Gloriosa virtù l'umiltà, delle cui divise fa gala di racconciarsi la sua maggior nemica, la superbia. E altrove: Io non fo gala della barbarie nello scrivere, ma non la fo nemmeno di quella che qui si chiama purità.

11. Per Ornamento che portavano le donne sul petto alquanto fuor del busto; ed era una striscia di trina o di pannolino bianco sottile lavorato o trapunto con ago. Lab. 170. (C) Non ti diranno… s'egli è il meglio alla cotale roba mutar le gale, o lasciarle stare.

12. (Tom.) Quella che circonda le berrette delle donne. E quella Striscia di trina o tela, o altro, che le donne portano sulla baverina o a' fazzoletti o in fondo al vestito; e gli uomini allo sparo della camicia.

T. Fazzoletto con le gale. – Dar la salda alle gale.

13. T. Essere, Andare in gran gala; o in occorrenza insolita, o, per solito, con lusso e eleganza oltre al bisogno e al conveniente.

14. [M.F.] Andare una cosa a gala. Essere fatta alla grande, con isfoggio. Morg. Magg. 19. 79. Veggo la cosa stasera va a gala, Poichè al lume del torchio ceneremo.

15. Star sulle gale vale Attendere agli ornamenti, agli abbellimenti, e alle fogge. Cecch. Dot. 2. 4. (C) E per non perdere La maggioranza stanno più sul mille, E sulle gale, sull'usanze che Quelle delle gran doti.

† Dicesi anche nel senso medesimo Essere in su le gale. Leop. Cap. 4. (Man.) Conosco un cittadin già molto brullo, Ch'ora è paffuto, e tutto in su le gale.

16. A gala, post. avverb. e fig. [Val.] Elegantemente. Fortig. Ricciard. 5. 45. Vestito anch'egli a gala ed allegrezza.

17. † Di gala, posto avverb., vale Francamente, Allegramente, Prestamente. Alleg. 229. (C) Quei malumori, li quali potrebbono, assalendoci a lor posta, darci la terzana, la quartana o la continova, la quale, di gala dandoci la stretta senza licenza, ci manderebbe tra' più senza processo. E 270. Quest'altra settimana Verrò di gala a star da voi e lui, Per servir ugualmente ad ambedui. Buon. Sat. 91. (Man.) E così fuggirai la foce mala Che Buffalmacco fe' passare a nuoto Il maestro a cui la beffa fe' di gala.

[Val.] Di gala. Destramente, Alacremente. Buonarr. Ajon. 2. 55. Vibrando l'aste i cavalier' di gala.

18. Cantar di gala. Cantare spontaneamente per allegria. Buon. Tanc. (Mt.) Gratterò tanto il corpo alla cicala Che… E' ti parrà ch'ella canti di gala.

19. Con gala, post. avverb., vale Con garbo, Con bel modo. Cas. Rim. 1. 7. (M.) Chi lo vuol far con gala,…

20. (Mar.) [Fin.] Gala di bandiere. Disposizione di bandiere e di fiamme fra gli alberi e le cime dei pennoni che adornano la nave in segno di festa. Havvi la piccola gala e la gran gala.

[Fin.] In gala. Bastimento in gala vuol dire Addobbato e adornato colle bandiere e colle fiamme.

[Fin.] Far gala. Adornare la nave con bandiere. V. Gala di bandiere in questo medesimo §.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: gaia, gaiamente, gaie, gaiezza, gaiezze, gaio, gal « gala » galagone, galagoni, galalite, galaliti, galani, galano, galante
Parole di quattro lettere: gaio « gala » gale
Vocabolario inverso (per trovare le rime): nanocefala, macrocefala, microcefala, idrocefala, mesocefala, autocefala, bufala « gala (alag) » regala, segala, poligala, bengala, lingala, martingala, maiala
Indice parole che: iniziano con G, con GA, iniziano con GAL, finiscono con A

Commenti sulla voce «gala» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze