Dizy - dizionario Informazioni utili sulla parola italiana «giorno», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. login/registrati

contest - guida

Giorno

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
notte (45%), luce (6%), sole (4%), (3%), giornata (3%), dopo (3%), oggi (2%), domani (2%), diurno (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Misure del tempo [Ora « * » Settimana]
Giochi di Parole
La parola giorno è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: giór-no.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: ignoro, ignorò, orgoni.
Componendo le lettere di giorno con quelle di un'altra parola si ottiene: con bea = aborigeno; con bah = abroghino; con ama = agronomia; con dna = androgino; con dal = andrologi; con tap = angiporto; con abc = bancogiro; con bar = brigarono; con ace = cagionerò; con ace = cariogeno; con can = carognoni; con col = cronologi; con set = gestirono; con ani = gioiranno; con [agi, gai, già] = giorgiano; con avo = giovarono; con tic = giroconti; con toc = giroconto; ...
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: giorni.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: giro, gino.
Parole con "giorno"
Finiscono con "giorno": aggiorno, aggiornò, soggiorno, soggiornò, buongiorno, oggigiorno, mezzogiorno, perdigiorno.
Parole contenute in "giorno"
orno.
Incastri
Inserendo al suo interno già si ha GIORgiaNO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "giorno" si può ottenere dalle seguenti coppie: gip/porno, gioco/corno, giorgia/giano.
Usando "giorno" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: maggior * = magno; peggior * = pegno.
Lucchetti Alterni
Usando "giorno" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * giano = giorgia; magno * = maggior; pegno * = peggior; * ateo = giornate.
Intarsi e sciarade alterne
"giorno" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: gin/oro.
Intrecciando le lettere di "giorno" (*) con un'altra parola si può ottenere: * sta = giostrano; maga * = maggiorano; magi * = maggiorino; mili * = migliorino; * staro = giostrarono; * stava = giostravano; sogna * = soggiornano; sogni * = soggiornino; sognava * = soggiornavano.
Definizioni da Cruciverba
  • Muore tutte le sere!
  • Oggi è quello in corso
  • Il tempo necessario affinché la Terra ruoti
Frasi con "giorno"
»» Vedi anche la pagina frasi con giorno per una lista di esempi
Esempi d'uso
  • Giorno dopo giorno, quel vecchio signore ha accumulato una fortuna.
  • Il giorno in cui la mia migliore amica sposò l'uomo di cui ero follemente innamorata, fu il peggiore della mia vita.
  • Un giorno o l'altro mi farà sicuramente arrabbiare.
Proverbi
  • A ogni giorno la sua fatica.
  • Roma non fu fatta in un giorno.
  • È meglio vivere un giorno da leone che cento anni da pecora
  • Un giorno senza sorriso è un giorno perso.
  • La donna bisogna praticarla un giorno, un mese e un'estate per sapere che odore sa.
  • La luna di gennaio fa luce come giorno chiaro.
  • Tanti galli a cantar non fa mai giorno.
  • Una mela al giorno toglie il medico di torno.
Libri
  • L'isola del giorno prima (Scritto da: Umberto Eco; Anno 1994)
  • Il giorno (Scritto da: Giuseppe Parini; Anno 1763)
  • Il giorno più lungo (Scritto da: Cornelius Ryan; Anno 1962)
  • L'ultimo giorno di un condannato a morte (Scritto da: Victor Hugo; Anno 1829)
  • Il giorno del giudizio (Scritto da: Giovanni Battista Angioletti; Anno 1926)
  • Il giorno della civetta (Scritto da: Leonardo Sciascia; Anno 1961)
  • È fatto giorno (Scritto da: Rocco Scotellaro; Anno 1954)
Titoli di Film
  • Quel pomeriggio di un giorno da cani (Regia di Sidney Lumet; Anno 1975)
  • La donna del giorno (Regia di George Stevens; Anno 1942)
  • Jazz in un giorno d'estate (Regia di Aram Avakian e Bert Stern; Anno 1960)
  • Dave - Presidente per un giorno (Regia di Ivan Reitman; Anno 1993)
  • Maledetto il giorno che t'ho incontrato (Regia di Carlo Verdone; Anno 1992)
Canzoni
  • Il primo giorno di primavera (Cantata da: Dik Dik; Anno 1969)
  • Ogni giorno di più (Cantata da: Gazosa; Anno 2002)
  • È ancora giorno (Cantata da: Adriano Pappalardo; Anno 1972)
  • E io verrò un giorno là (Cantata da: Patty Pravo; Anno 2009)
  • Il giorno (Cantata da: Umberto Balsamo; Anno 1980)
  • Il giorno della mia festa (Cantata da: Marina Rei; Anno 2002)
  • Notte e giorno (Cantata da: Barbara Boncompagni; Anno 1983)
  • Un giorno nuovo (Cantata da: Cristiano De André; Anno 2003)
  • Un giorno insieme (Cantata da: Nomadi; Anno 1973)
  • Un giorno tu mi cercherai (Cantata da: Equipe 84 e The Renegades; Anno 1966)
  • Come un giorno di sole (Cantata da: Michele Zarrillo; Anno 1988)
  • Il giorno dell'indipendenza (Cantata da: Alice; Anno 2000)
  • Un giorno d'amore (Cantata da: Daniele Stefani; Anno 2002)
  • Il giorno perfetto (Cantata da: Gianluca Grignani; Anno 1999)
  • Maledetto il giorno (Cantata da: Syria; Anno 2001)
  • Venti chilometri al giorno (Cantata da: Nicola Arigliano e Peter Kraus; Anno 1964)
  • Lasciarsi un giorno a Roma (Cantata da: Niccolò Fabi; Anno 1998)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Oggi, Oggidì, Al giorno d’oggi, Alla giornata, Giorno per giorno - Oggi segna il giorno che corre presentemente; e di rado si usa a significare in generale il tempo presente, che suole significarsi col modo Oggidì, ma con un poco più di larghezza. - Idea di larghezza anche maggiore è nell'Al giorno d'oggi. - Il modo Alla giornata sul dirsi di cosa che si ripete quasi tutti i giorni. - Giorno per giorno si dice di ciò che si fa per le necessità giornaliere, senza pensare al domani. - «Vive giorno per giorno.» [immagine]
Giorno, Di giorno in giorno, A giorni, In giorno in giorno - Di giorno in giorno si riferisce a cosa che si crede dover accadere prossimamente. - «Si aspetta di giorno in giorno.» - Il modo A giorni indica che la cosa avverrà tra pochissimi giorni. - «Il libro uscirà a giorni.» - Quando una donna gravida ha compito il termine della gravidanza, suol dirsi che è in giorno, o In giorno in giorno, cioè che può partorire da un momento all'altro: la qual'idea si suol significare anche con la frase: «Tutti i giorni son suoi, o Ogni giorno è il suo.» [immagine]
Giorno, Giornata - Giorno si riferisce puramente allo scorrer del tempo. - «È cosa che si fa in un giorno.» - Invece Giornata si riferisce a ciò che si fa nel corso del giorno: «Ci vuole tre giornate di lavoro;» e si dice per questo Giornata anche una battaglia campale. [immagine]
A giorno, Di giorno, A notte, A bujo, Di notte - A giorno significa tempo, e vale Quando la notte finisce e comincia il giorno. - «A giorno mi levo, e mi metto a studiare.» - Di giorno vale Nel corso del giorno, quando ci si vede. - «Questi lavori bisogna farli di giorno.» - E così A notte, vale Al cominciare della notte. - «Arrivò a notte.» - Di notte vale Nel corso della notte. - «Viaggiavano di notte.»

A bujo e A notte differiscono in questo, che il primo significa Appena calato il sole, il secondo, Quando ogni luce del giorno è spenta. [immagine]
Giorno, dì - Giorno si intende propriamente per quelle ore che il sole sta sull'orizzonte, ed è contrapposto a Notte. Da tutte parti saettava il giorno, disse Dante. - «Alzati, è giorno.» - è tutto il corso delle 24 ore. Ciò dicesi per istretta proprietà; ma nell'uso si scambiano. [immagine]
Giornata, Alla giornata, Al giorno d’oggi - Giornata si disse anche per il corso naturale del tempo, onde il modo avverbiale Alla giornata, cioè Spesso, Quasi ogni giorno. - «Son cose che avvengono alla giornata.» - C'è ora chi l'usa per Al presente, Nel tempo che corre attualmente; ma con poca proprietà; e a significar tale idea si dice Al giorno d'oggi. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Il, Ogni (giorno) - Il giorno, come già si osservò (art. 1567) è opposto di la notte; e abbenchè significhi uso, abitudine, non ha la forza di quell'ogni così assoluto; onde lavorare, passeggiare il giorno, vale che si è usi a lavorare e a passeggiare più di giorno che non di notte; ma non significa che ogni giorno assolutamente si passeggi e si lavori: dicesi però, mangiare una, due o tre volte il giorno, e qui vale proprio ogni, ma importa eziandio che è il giorno e non la notte che si mangia ordinariamente. Il può dirsi d'un giorno speciale della settimana e allora val proprio ognuno di quei giorni: l'operaio lavora ogni giorno ed è pagato il sabbato; meglio per lui se lo fosse il lunedì. [immagine]
Il giorno, A giorno, Di giorno, Nella giornata, In tutto il giorno; La notte, A notte, Di notte - Il giorno è opposto a la notte; lavorare il giorno e riposare la notte è conforme al voto della natura; pure molti invertono quest'ordine, ma non senza loro danno. A giorno, vale sul fare del giorno, quando aggiorna; così a notte, sul far della notte, quando annotta. Di giorno, vale durante il giorno, cioè quando il sole rischiara il nostro emisfero, che ci si vede chiaro; così di notte, quando è scuro e che a vedervi chiaro ci va il lume di lucerna o di candela. Nella giornata e in tutto il giorno sono affinissimi, meno quando col primo s'intendono quelle otto, dieci o dodici ore di lavoro che compongono la giornata dell'operaio. [immagine]
Giorno, Giornata, Dì - Giorno opposto a notte; in senso di luce è opposto a tenebre, oscurità; aggiorna, spunta il giorno, si fa chiaro. Giornata indica lo spazio intero d'un giorno, il lavoro che suol farsi o può farsi in un giorno: in linguaggio storico, giornata vale gran fatto d'armi: venir a giornata, giornata campale. Di è lo stesso che giorno, ma ha usi suoi proprii come per le date: addì... e poi vi è lunedì, martedì e tutti i giorni della settimana, meno il sabbato e la domenica i quali hanno altra desinenza. [immagine]
A giorno, A giornata, Alla giornata, Di giorno in giorno - A giorno, al mattino appena è giorno; a giornata indica e il modo in cui uno s'acconcia a lavorare, e quello con cui è pagato; alla giornata, di giorno in giorno, quasi eventualmente: di giorno in giorno però differisce da alla giornata in questo, che esso esprime proprio ciò che dice, e l'altro lo esprime a un dipresso; p. e. se io dico vi scriverò ciò che accade di giorno in giorno, vale vi terrò informato di ciò che ogni giorno accaderà; se dico soltanto alla giornata, significa bensì ciò che accade in quel tempo, ma non così precisamente il ragguaglio degli avvenimenti di ogni giorno uno dopo l'altro. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Giorno - E' antichissimo l'uso di far corrispondere ciascun giorno della settimana ad un pianeta. Erodoto ed altri scrittori attribuiscono agli Egizj l'origine di questo costume. V'hanno alcuni però che la riferiscono a' Caldei, a Zoroastro ed a Itaspe.

Vi sono due sorta di giorni, cioè l'artificiale e il naturale. Il primo è il tempo della luce, che è determinato dal sorgere e tramontare del sole e dalla permanenza di questo astro su l'orizzonte. Il secondo, chiamato pure giorno civile, è lo spazio di tempo che pone il sole a fare una rivoluzione intorno alla terra; o per parlare con maggior precisione, è il tempio che impiega la terra a fare una rivoluzione sulla sua asse. Le diverse nazioni cominciano il giorno in differenti modi. Gli antichi Babiloniesi, i Persi, i Sirj, e varj altri popoli dell'Oriente, quelli che abitano le isole Baleari, i Greci moderni ec:, lo principiano al sorgere del sole. Gli antichi Ateniesi e gli Ebrei lo principiavano anzi al tramonto. Così avviene degli Austriaci, dei Boemj, dei Marcomani, degli Slesj, de' Chinesi ec: Gli Umbrj e gli Antichi Arabi, egualmente che i maderni astronomi, lo cominciano alle ore dodici meridiane. Gli Egizj, i Romani, i Francesi, gl'Inglesi, i Belgi, gli Spagnuoli, i Portoghesi ec: alle ore dodici di notte. Anche gli antichi Egizi lo principiavano da mezza notte. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: giornatella, giornatelle, giornatina, giornatine, giornatona, giornatone, giorni « giorno » giostra, giostrai, giostraia, giostraie, giostraio, giostrammo, giostrando
Parole di sei lettere: giorni « giorno » giotto
Dizionario inverso (per trovare le rime): infornò, inforno, vapoforno, elettroforno, altoforno, sfornò, sforno « giorno (onroig) » aggiorno, aggiornò, soggiorno, soggiornò, perdigiorno, oggigiorno, buongiorno
Indice parole che: iniziano con G, con GI, iniziano con GIO, finiscono con O

Commenti sulla voce «giorno» | sottoscrizione


Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.

 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze