Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «gozzo», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Gozzo

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Gottoso « * » Graal]
Giochi di Parole
La parola gozzo è formata da cinque lettere, due vocali (tutte uguali, è monovocalica) e tre consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: zz.
Divisione in sillabe: góz-zo. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di gozzo con quelle di un'altra parola si ottiene: +sta = sgozzato; +[anni, nani] = ingozzano; +[nati, tina] = ingozzato; +[ivan, navi, vani] = ingozzavo; +[neri, reni] = ingozzerò; +inni = ingozzino; +iran = organizzo; +[anita, natia] = agonizzato; +ivana = agonizzavo; +[areni, arnie, ernia, ...] = agonizzerò; +inani = agonizzino; +anura = aguzzarono; +[opali, palio] = apologizzo; +emine = egemonizzo; +balli = globalizzo; +anura = guazzarono; +[anuri, unari, unirà, ...] = guizzarono; +danni = ingozzando; +[animi, minai, minia] = ingozziamo; +[ameni, anime, emani, ...] = omogenizza; +[moine, noemi] = omogenizzo; +ratta = ragazzotto; +laura = ragazzuolo; ...
Vedi anche: Anagrammi per gozzo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bozzo, cozzo, gonzo, gozzi, mozzo, pozzo, rozzo, sozzo, tozzo.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bozza, bozze, bozzi, cozza, cozze, cozzi, mozza, mozze, mozzi, nozze, pozza, pozze, pozzi, rozza, rozze, rozzi, sozza, sozze, sozzi, tozza, tozze, tozzi.
Con il cambio di doppia si ha: gobbo, goffo.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: sgozzo.
Parole con "gozzo"
Iniziano con "gozzo": gozzovigli, gozzoviglia, gozzoviglio, gozzovigliò, gozzovigliai, gozzoviglino, gozzovigliamo, gozzovigliano, gozzovigliare, gozzovigliata, gozzovigliate, gozzovigliati, gozzovigliato, gozzovigliava, gozzovigliavi, gozzovigliavo, gozzoviglierà, gozzoviglierò, gozzovigliammo, gozzovigliando, gozzovigliante, gozzoviglianti, gozzovigliasse, gozzovigliassi, gozzovigliaste, gozzovigliasti, gozzoviglierai, gozzoviglierei, gozzovigliarono, gozzovigliavamo, ...
Finiscono con "gozzo": sgozzo, sgozzò, ingozzo, ingozzò, bragozzo, berlingozzo.
»» Vedi parole che contengono gozzo per la lista completa
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "gozzo" si può ottenere dalle seguenti coppie: gola/lazzo, gole/lezzo, gomiti/mitizzo, gora/razzo.
Usando "gozzo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: lago * = lazzo; lego * = lezzo; mago * = mazzo; pago * = pazzo; pigo * = pizzo; rigo * = rizzo; rogo * = rozzo; piago * = piazzo; prego * = prezzo; spago * = spazzo; spigo * = spizzo; mitigo * = mitizzo; strapago * = strapazzo.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "gozzo" si può ottenere dalle seguenti coppie: goal/lazzo.
Lucchetti Alterni
Usando "gozzo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * lazzo = gola; * lezzo = gole; * razzo = gora; lazzo * = lago; lezzo * = lego; mazzo * = mago; pazzo * = pago; pizzo * = pigo; rizzo * = rigo; piazzo * = piago; prezzo * = prego; spazzo * = spago; spizzo * = spigo; * mitizzo = gomiti; mitizzo * = mitigo; strapazzo * = strapago.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "gozzo" (*) con un'altra parola si può ottenere: ani * = agonizzo; san * = sgozzano; siam * = sgozziamo; sarno * = sgozzarono.
Frasi con "gozzo"
»» Vedi anche la pagina frasi con gozzo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il gozzo è una tipica imbarcazione tradizionale genovese.
  • Avevo il gozzo pieno di formaggio, non riuscivo a mangiare nient'altro.
  • Il boccone di pane ingerito affrettatamente si bloccò nel gozzo dell'ingordo.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Gozzo - S. m. Ripostiglio a guisa di vescica che hanno gli uccelli sotto il collo, dove si ferma il cibo ch'e' beccano, e di quivi a poco a poco si distribuisce al ventriglio. T. Non da Fauces, quasi Fox; ma aff. a Gula e a Gurges e a Jugulum e a Gurgutium. Onde Gargozza, e il Ven. Gargozzo e Gargatto. Fr. Gosier. Gioven. Tumidum guttur; lat. barb. Gutteria. = Pass. 137. (C) La colomba bianca venne in sull'altare con tre ostie in bocca, le quali ponendo in sul corporaie, versò nel calice, traendosi del gozzo tutto 'l liquore del sangue. Vit. Barl. 16. Io ti dico ch'egli ha nel mio gozzo una preziosa margherita, ch'è più grande ch'uno uovo di struzzolo. Malm. 11. 3. Acciò sicuri omai faccian ritorno Gli uccei cantando il lor falso bordone Incontro al sol, che in questa parte e in quella Fa pel lor gozzo nascer le granella.

2. Per Gola. Morg. S. Greg. (C) Il diavolo vide quello che con bocca potea pigliare, ma non vide quello che gli dovea forare il gozzo. Pallad. Novemb. 15. Scelgansi i becchi che abbian due bargiglioni sotto il gozzo. Dant. Inf. 9. Cerbero vostro, se ben vi ricorda, Ne porta ancor pelato il mento e 'l gozzo. Cr. 1. 3. 2. I venti meridionali… fanno putride febbri, ma non inaspriscono 'l gozzo.

3. [Garg.] Gozzo, Parte della testa di bestia morta che vende il frattagliajo.

4. T. Col mangiare nel gozzo; Appena dopo mangiato.

[G.M.] Col gozzo pieno; Dopo aver mangiato, e non poco. Aver pieno il gozzo.

5. [Val.] Empiersi il gozzo. Mangiare a sazietà, ed anco, come qui, semplicemente Provvedersi di vettovaglia. Pucc. Centil. 71. 66. Usciron fuori Que', ch'eran dentro, per empiersi il gozzo. Fag. Rim. 6. 103. Con due foglie d'alloro e bere al pozzo, Ch'è quanto Apollo a' suoi seguaci dá, Gozzi, te lo dico io, non s'empie il gozzo.

6. [Val.] Passar per il gozzo, detto di liquidi. Beverli. Fortig. Ricciard. 6. 33. Trenta barili ormai per il lor gozzo Eran passati.

7. Non passare dal gozzo in giù dicesi del Ridere che fassi fintamente o per forza. Cavalc. Pungil. cap. 26. pag. 255. (M.) Il ridere per invidia si è falso…; ma come per proverbio si dice: Non passa dal gozzo in giù. (Altro testo dice Non gli va dal gozzo in giù.)

8. (Tom.) Trasl. Ho qualcosa in gozzo (che ho bisogno di dire, ma non posso ora).

9. Fig. [Val.] Lasciare in gozzo, come cosa da doversi smaltire, un male da pagarne le pene. Pucc. Centil. 19. 12. Rispose: Andiam ora a pagare i prezzi, Ch'e' nostri Padri ci lasciâro in gozzo (andavano a esser decapitati).

10. Per Enfiamento di gola morboso. Cr. 9. 73. 1. (C) Sotto la gola delle pecore nasce alcuna volta gozzo per abbondanza d'umori che dal capo discendono. Malm. 1. 66. Gobba e zoppa è costei, orba e mancina; Ha il gozzo, e da due sfregi il viso guasto. [Cont.] Cr. P. Agr. I. 89. Fanno (i venti meridionali) ricadimenti d'infermitadi, e indeboliscono, e muovono l'epilessia, e iuducono sonno, e fanno putride febbri, ma non inaspriscono il gozzo. [Tor.] Targ. Ar. Vald. 2. 330. Gio. Battista Doni registrando i distintivi dei paesi sani, nota che in certi luoghi delle Alpi di Savoia gli uomini hanno voci chiarissime e fortissime a cagione delle perfette acque che bevono, dovecchè in altre Alpi patiscono di gozzi e di gavine, per colpa delle acque troppo crude. T. Targ. Viagg. 10. 334. Acque crude e tartarose, che cagionano loro i gozzi.

11. Forare il gozzo. Far mal pro. (C)

[G.M.] Prov. Tosc. Boccon rimbrontolato non fora gozzo. (Le anime basse non cercano di guadagni onorati. Basta che guadagnino.)

12. [Val.] † Fig., per l'Orlo, la Bocca, l'Orifizio di pozzo, di buca, di fossa, ecc. Fortig. Ricciard. 8. 103. Li traevan nel fondo orrendo e sozzo, E tante volte fêro questo impiccio, Che arrivavano quasi fino al gozzo Dello scavato.

13. (Ar. Mes.) T. de' vetrai. Sorta di vasetto di vetro, il quale ha il collo lungo e stretto, e il corpo tondo a guisa di gozzo, e senza piedi. [Val.] Buonarr. Ajon. 3. 49. E fan gozzi e ampolle da speziali. = Red. Ditir. 44. (C) Quei bicchieri arrovesciati, E quei gozzi strangolati Sono arnesi da ammalati.

14. (Mar.) Barchetta colla quale i pescatori di tonni fanno la guardia sopra la rete detta il bordonaro, per osservare quando vengono i tonni. (Fanf.) [L.B.] Anche ad altri usi; come portare rena, zavorra, e sim. – Rammenta Guscio. V. GOZZANTE.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: governò, governo, governucci, governuccio, governucoli, governucolo, gozzi « gozzo » gozzovigli, gozzoviglia, gozzovigliai, gozzovigliammo, gozzovigliamo, gozzovigliando, gozzovigliano
Parole di cinque lettere: gozzi « gozzo » graal
Vocabolario inverso (per trovare le rime): sbozzò, sbozzo, cozzò, cozzo, accozzò, accozzo, predicozzo « gozzo (ozzog) » bragozzo, ingozzo, ingozzò, berlingozzo, sgozzo, sgozzò, ghiozzo
Indice parole che: iniziano con G, con GO, iniziano con GOZ, finiscono con O

Commenti sulla voce «gozzo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze