Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «interrogare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Interrogare

Verbo
Interrogare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è interrogato. Il gerundio è interrogando. Il participio presente è interrogante. Vedi: coniugazione del verbo interrogare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di interrogare (chiedere, domandare, ascoltare, consultare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola interrogare è formata da undici lettere, cinque vocali e sei consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: rr. Lettera maggiormente presente: erre (tre).
Divisione in sillabe: in-ter-ro-gà-re. È un pentasillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
interrogare si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): [irto] + [regnare]; torri + [genera]; [noir] + tergerà; [nitro] + ergerà; [giro] + [entrare]; ring + [roteare]; tingo + [errare]; tre + [arginerò]; [erto] + girarne; [retro] + [argine]; note + garrire; nero + tigrare; [entro] + [girare]; erri + [argento]; [rotei] + ranger; [retori] + [grane]; errori + tenga; riterrò + nega; [neri] + garrote; errino + [grate]; [rientro] + [agre]; [ergo] + [erranti]; nego + [arretri]; [negro] + [errati]; gite + narrerò; [ergi] + [tornare]; [greti] + [errano]; [erigo] + trarne; [girerò] + [entra]; ...
Componendo le lettere di interrogare con quelle di un'altra parola si ottiene: +sos = interrogassero; +ito = interrogatorie; +gnomi = irreggimentarono.
Vedi anche: Anagrammi per interrogare
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: interrogate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: interrare, interra, intero, intera, intere, integre, iterare, iter, irrogare, irroga, ioga, nero, nera, nere, negare, nega, negre, terrore, terra, terre, terga, terge, trae, toga, tare, errore, errare, erra, erre, erogare, eroga, eroe, erga, erge, rare.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: interrogarle.
Parole contenute in "interrogare"
erro, gare, inter, terrò, rogare, interro, interroga. Contenute all'inverso: ago, era.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "interrogare" si può ottenere dalle seguenti coppie: intere/erogare, interrogai/ire, interrogata/tare, interrogatore/torere.
Usando "interrogare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * garetta = interrotta; * garette = interrotte; * areata = interrogata; * areate = interrogate; * areati = interrogati; * areato = interrogato; * rendo = interrogando; * evi = interrogarvi; * resse = interrogasse; * ressi = interrogassi; * reste = interrogaste; * resti = interrogasti; * retore = interrogatore; * retori = interrogatori; * ressero = interrogassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "interrogare" si può ottenere dalle seguenti coppie: interrogata/atre, interrogato/otre.
Usando "interrogare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = interrogata; * erte = interrogate; * erti = interrogati; * erto = interrogato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "interrogare" si può ottenere dalle seguenti coppie: interrotta/garetta, interrotte/garette, interroga/area, interrogata/areata, interrogate/areate, interrogati/areati, interrogato/areato, interrogai/rei, interrogando/rendo, interrogasse/resse, interrogassero/ressero, interrogassi/ressi, interrogaste/reste, interrogasti/resti, interrogate/rete, interrogati/reti, interrogatore/retore, interrogatori/retori.
Usando "interrogare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * mie = interrogarmi; * vie = interrogarvi; * torere = interrogatore.
Sciarade e composizione
"interrogare" è formata da: inter+rogare, interro+gare.
Sciarade incatenate
La parola "interrogare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: interro+rogare, interroga+gare, interroga+rogare.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "interrogare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = interrogatrice.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "interrogare"
»» Vedi anche la pagina frasi con interrogare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Dobbiamo interrogare ancora altri due studenti entro stamattina.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Domandare, Interrogare, Chiedere, Richiedere, Cercare, Ricercare, Esigere, Domanda, Domandita, Chiesta, Richiesta, Ricerca, Petizione, Interrogazione, Quesito - Domandare è generico; gli altri non sono che specie del domandare: si domanda per sapere, per ottenere; domando scusa, domando che ora è; molti libri son fatti per domande e risposte. Chiedere è domandare con una certa premura e instanza: chiedere perdono; chiedere un impiego; la limosina: qui, domandare sarebbe meno efficace, e dimostrerebbe minor desiderio o necessità di ottenere. Richiedere è chiedere di nuovo, e quasi chiedere con doppio calore: uno richiede un favore, e già si fa promettere che gli verrà accordato: si richiede un imprestito, una parola di protezione, di interposizione che può salvare talvolta l'onore e la vita. L'interrogare è per avere una risposta: il domandare può avere per solo scopo la curiosità: l'interrogare è più grave: il giudice interroga l'accusato sulle circostanze del suo delitto; il padre interroga il figlio intorno a qualche sua scappata: l'interrogare, per conseguenza, dimostra una certa autorità, onde non si dirà molto propriamente, il figlio interrogò il padre; ma il figlio domandò, o al più chiese e richiese a suo padre. Per cercare, in questo senso, bisogna domandare dov'è l'oggetto cercato, e interrogare chi può averlo veduto: cercate e troverete; domandate e vi sarà dato: queste due frasi hanno senso affine, e stanno bene a questo modo in progressione del loro valore. Ricercare è più di cercare, è cercare accuratamente; è interrogare ogni angolo, ogni persona per avere o trovare la cosa voluta: fate, dicono i teologi, una diligente ricerca di tutti i vostri peccati; ed è come se dicessero: guardate bene nella vostra coscienza, interrogatela rigorosamente. Esigere, oltre il senso di riscuotere danaro, significa sempre volere o pretendere in ragione di una certa autorità o ragione legittima o illegittima che sia: l'orgoglioso esige rispetto; l'incivile cortesie; l'avaro, inviti e regali; si esige per lo più ciò che meno si è disposti a dare: altra delle anomalie che nell'uomo s'incontrano.

«In molti casi in cui cade il verbo chiedere, l'uso a chiesta sostituisce domanda. Domanda, diciamo, non: chiesta d'aiuto; domanda d'una grazia e simili. Domandita, in alcuni dialetti toscani, è l'atto del domandare, non in quanto è affine ad interrogare, ma in quanto è affine a chiedere. Chiesta ha qualche senso speciale. Chiesta d'una fanciulla in isposa: chiesta che fanno gl'impiegati al governo, della carta, della legna necessaria per gli uffizii. Richiesta è più forte. Le domande replicate e calde diventan richieste. Nelle cose importanti ha luogo richiesta assai meglio che domanda. Aver richiesta, aver molte richieste, dicesi delle cose che sono in credito, e sono desiderate e ricercate. Queste dicesi anco ricerca; se non che ricerca è più raro, e s'applica non a diritti, ma alle persone e alle cose soltanto. Ricerca poi dicesi delle indagini che si fanno di persone o di cose; le quali indagini suppongono di necessità molte domande e richieste, ma non sono tutt'uno con esse. Petizione, ognun sa che è domanda presentata all'autorità giudiziaria o civile (o a qualunque altra). Petizioncella, e petizioncina, e interrogazioncella direbbesi; gli atri non soffrono diminutivo». Tommaseo.

Il quesito è una domanda speciale, riguardante per lo più oggetto o proposizione scientifica, la quale richiede non una risposta in genere, ma una soluzione esatta secondo i principii della scienza, le regole dell'arte, o le giudiziose induzioni del criterio. Al quesito: quale sarebbe il mezzo o i mezzi di guarire radicalmente la società dalla piaga del pauperismo? Se io rispondo - non lo so - faccio si una risposta, ma non isciolgo il quesito. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Interrogare - [T.] V. n. Con parole o altri segni Domandare da altri una risposta di parole o altri segni. Aureo lat., da Inter rogo. T. La partic. suppone colloquio o corrispondenza tra due o più. Domandare è più gen. Domandasi anche con un lungo discorso; s'interroga con più brevi parole. Poi Domandare è sovente aff. a Chiedere. (V. queste due voc.) Segner. Gli domandarono da mangiare… Nel meglio del desinare, si fecero ad interrogarlo se conoscesse un certo Antimo.

2. Di colloquii in gen. T. All'Interrogare fa riscontro l'idea del Rispondere. Vang. Se v'interrogherò non mi risponderete. Pl. A quel che t'interrogo rispondi. – Li udiva e li interrogava.

T. Buomm. Ling. Tosc. 308. Dicendo alcuna cosa che a noi paia chiarissima, lo interrogheremo, quasi concludendo il nostro intendimento e diremo: Adunque? volendo inferire: Che concludi: che pretendi perciò? – Insistere interrogando. Cic. Interrogando incalzare.

T. Cic. Interrogare non tanto per intendere quanto per confutare.

3. Sovente è atto di potestà o autorità; e rammenta il lat. Rogare legem. T. Liv. Sententias. – Interrogare del voto, dell'opinione, coloro che hanno diritto e dovere di darla, acciocchè ne segua un effetto.

T. Il magistrato interroga. = Tac. Dav. Ann. 15. 210. (C) Fece interrogare il centurione, venuto cogli ambasciadori, in che stato fosse l'Armenia. T. Plin. paneg. Que' che primi erano interrogati. = Tac. Dav. Ann. 15. 222. (C) Nerone mandò G. Silvano, tribuno d'una coorte di guardia, a interrogare Seneca.

T. Plin. ep. Interrogare i testimoni a carico degli imputati, – in favore. L'accusato domanda d'essere interrogato in modo non suggestivo. Questo es. rioffre la dist. tra Domandare e Interrogare. – Interrogare con frode, con violenza, con tortura.

T. Vang. Interrogate diligentemente del fanciullo (dice Erode, uomo diligente).

4. T. Interrogasi taluno, non per sapere cosa da lui, ma per accertarsi che sa: idea d'esame, in altro senso dal giurid. Lo scolaro, interrogato dal maestro, domanda che voglia dire quella interrogazione. Anche qui porgesi chiara la dist. tra i due verbi. Il maestro, Il giudice, Il superiore interroga. Ma del maestro, usando il nome invece del verbo, dicesi più spedito, Domanda e Risposta.

5. Modi. T. Cic. Interrogare in latino. – In tale o tal forma. Vang. Interrogava con molte parole. – In iscritto. – Con segni, con cenni. – Saper interrogare è arte difficile e parte di scienza.

6. Per estens. Idea d'esame, d'autorità, di giustizia. T. Ps. Il Signore interroga il giusto e l'empio. E: Gli occhi di Lui interrogano i figli degli uomini. Sap. Interrogherà Dio le opere vostre, e i pensieri scruterà.

T. Interrogare la volontà di Dio, che si manifesti per modi sopranaturali o naturali.

T. De' Pagani. Interrogare gli Dei, gli oracoli loro. – Gli auguri. – Gli augurii, Gli auspizi.

7. Il preced. già tiene del fig. Altre fig. più espresse. T. Vang. Interrogate le Scritture. Agost. Interrogate l'Apostolo.

T. Interrogare i codici. I documenti. La storia. I monumenti.

T. Interrogare la tradizione. I secoli passati.

T. La legge. – La natura. – L'esperienza. – L'esperienza interroga la natura.

T. L'occhio interroga, cerca sapere la verità delle cose, e l'intimo delle intenzioni. – Lo sguardo, interrogato, risponde.

T. Interroga i polsi, a sentire se c'è febbre, vita, sanità.

T. Interrogare gli altrui pensieri, e con esame espresso, e cercando d'indovinarli. – Interrogare il cuore. Il cuore proprio. La coscienza altrui e la prooria. – Interrogare se stesso.

8. Modi com. a parecchi de' sensi not. Accoppiamento di preposizioni. T. Ar. Fur. 17. 24. Interrogollo poi della cagione Di quella festa, e s'ella era solenne, Usata ogn'anno, oppure impresa nuova Del re ch'i suoi veder volesse in pruova. Rispose il cavalier… Vang. Interrogava dell'ora in cui stette meglio. E: Mentr'era solo, lo interrogarono della parabola.

T. Interrogare sopra tale o tal fatto, materia, dice più determinatamente il soggetto.

Senza prep., per ell. T. V'interrogherò anch'io una parola. V. INTERROGATO part. al § 2. – Che mi interroghi?, può valere Perchè, e anche quarto caso per modo d'ell.

9. Con partic. T. Cic. L'interrogava chi fosse. Vang. In qualunque città entrerete, interrogate chi in essa sia degno, e ivi rimanete. E: L'interrogò qual fosse il primo precetto di tutti. Magal. Relaz. 57. L'interrogò il sig. Carlo in che cosa avessero il maggior lusso i Chinesi.

T. Vang. Interrogato da' Farisei quando viene il regno di Dio.

T. Vang. Lo interrogavano come ci avesse veduto. – L'interrogò come fosse che…, dove andasse.

T. Vang. Se alcuno v'interroga perchè lo sciogliete… Varr., col Perchè.

T. Vang. Lo interrogò se punto vedesse. E: Interrogo voi s'egli è lecito in sabato ben fare o male. Cic., col Se, V. es. dell'Ar. nel § preced.

10. Col Dire o altra voce sim. poi. T. Vang. Lo interrogavano dicendo se sia lecito…

T. Subito appresso le parole di chi parla. Vang. Lo interrogò Pilato: Tu sei il re de' Giudei? (senza soggiungere disse o dicendo). E: Di nuovo lo interrogò: Chi cercate?

11. Ass. T. Vang. Interroga coloro che ndirono quel che ho ad essi parlato. E: Interrogate lui; gli ha l'età: esso parli di sè. E: Non hai bisogno che alcuno t'interroghi. E: Conobbe che lo volevano interrogare. E: Temevano interrogarlo. Salvin. Odiss. volg. 480. Nè dir posso parola, o interrogare, Nè in faccia rimirare. – D'esame, Interrogare sta da sè: Oggi sarete interrogato. In queste interrogazioni poi domandasi tale o tal cosa. – Atto dell'interrogare. – Il Reid colloca fra le operazioni sociali quelle d'interrogare, attestare, promettere. [G.M.] Socrate ammaestrava interrogando.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: interrogandoli, interrogandolo, interrogandomi, interrogano, interrogante, interroganti, interrogarci « interrogare » interrogarla, interrogarle, interrogarli, interrogarlo, interrogarmi, interrogarono, interrogarsi
Parole di undici lettere: interrogano « interrogare » interrogata
Lista Verbi: interpretare, interrare « interrogare » interrompere, intersecare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): rogare, abrogare, drogare, erogare, derogare, prorogare, arrogare « interrogare (eragorretni) » irrogare, surrogare, vogare, allargare, riallargare, slargare, targare
Indice parole che: iniziano con I, con IN, iniziano con INT, finiscono con E

Commenti sulla voce «interrogare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze