Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «lettura», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Lettura

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
libro (37%), scrittura (11%), contatore (4%), amena (4%), veloce (3%), romanzo (2%), relax (2%), biblioteca (2%), piacevole (2%), rilassante (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate lettura

Foto 216496001

In preghiera

Venditrice
Tag correlati: leggere, libro, donna, panchina, giornale, ragazza, seduta, uomo, lettore, borsa, occhiali, mani, due, persona, parco, pagine, prato, anziano, bionda, seduto, tavolo, alberi, libri, sedia
Giochi di Parole
La parola lettura è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: tt.
Divisione in sillabe: let-tù-ra. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di lettura con quelle di un'altra parola si ottiene: +ada = adulterata; +dea = adulterate; +[adì, dai, dia] = adulterati; +oda = adulterato; +[eta, tea] = alettature; +aia = attuariale; +bel = bullettare; +cra = catturarle; +toc = cutrettola; +[far, fra] = feltratura; +fui = fluttuerai; +fan = furlanetta; +fen = furlanette; +ras = lastrature; +[ami, mai, mia] = mulattiera; +mie = mulattiere; +mio = mulattiero; +ani = neutralità; +[csi, ics, sci] = reclutasti; +[sai, sia] = risalutate; +sii = risultiate; +sii = ritualiste; +[avi, vai, via] = rivalutate; +mas = smaltature; ...
Vedi anche: Anagrammi per lettura
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: lettera, letture, vettura.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: vetture.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: letta.
Parole con "lettura"
Finiscono con "lettura": rilettura, autolettura, labiolettura, magnetolettura.
Parole contenute in "lettura"
tura.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "lettura" si può ottenere dalle seguenti coppie: leve/vettura, letta/aura.
Usando "lettura" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: cale * = cattura; pile * = pittura; vele * = vettura; trafile * = trafittura.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "lettura" si può ottenere dalle seguenti coppie: letta/turata, lette/turate, letti/turati, letto/turato.
Usando "lettura" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: pittura * = pile; trafittura * = trafile.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "lettura" (*) con un'altra parola si può ottenere: fiat * = filettatura.
Frasi con "lettura"
»» Vedi anche la pagina frasi con lettura per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il notaio alla presenza delle parti ed eventuali testimoni dà lettura dell'atto.
  • Dopo la mostra i critici si dedicarono alla lettura delle foto.
  • Il suo comportamento all'apparenza strano aveva però una precisa chiave di lettura.
Citazioni
  • L'11 novembre 2013, Corato Live, nell'articolo riguardante la manifestazione culturale che ha coinvolto anche dei bambini nella lettura dei testi, scrive: "Si è conclusa ieri sera la terza edizione di “Fiero del libro”, manifestazione di promozione alla lettura organizzata dalla libreria Secopstore".
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario grammaticale della lingua italiana del 1869
Lettura - Arte di leggere ciò che è scritto. La lettura è la prima conoscenza che si comunica ai fanciulli, perchè essa è la condizione indispensabile di tutte quelle che non possono trasmettersi per mezzo della semplice parola. L'insegnamento della lettura non è cosa di lieve momento, ed ha mestieri d'un metodo speciale e ragionevole per vincerne la difficoltà.

Sul modo di leggere il Salvini scriveva così: Leggerete bene, se non compiterete, come fanno molti, senza le pause a' suoi luoghi, minime, mezzane e massime, corrispondenti alle virgole, mezzi punti e punti fermi, col variare alcun poco alle occasioni il tuono e la voce; e dare alcuna mostra d'intendere quello che si legge col commuoversi un poco nelle figure e negli affetti a volere che gli altri nell'ascoltare ne sien tocchi ancora, ora fermandosi, ora scorrendo con la voce. Chè tutte queste doti del buon leggitore e fanno bene intendere quello che si legge, e agli uditori danno diletto maraviglioso. Ci vuole buon occhio, perchè bisogna andare con esso innanzi per saper unire e staccar le parole secondo il bisogno, e in maniera che se ne vegga il giro dei periodi, de' membri, delle cadenze. Il leggere ha da essere una cosa di mezzo tra il recitare in palco ed il parlare ordinario. Bisogna dar grazia e forza senza affettazione, di mano in mano alla lettura, con articolar bene e scolpir le voci, con torre ogni equivoco, e fare alle volte certe pause e distinzioni giudiziose, ove non sono segnate nelle scritture virgole e punti, e metterli a suo luogo.

I libri di lettura, nota il Parato, sono destinati ad esercizio di lettura corrente pe' fanciulli; ma scarso è il frutto che nelle scuole si raccoglie, se non si adoperano co' più delicati riguardi. Alcuni maestri, contenti di far leggere i ragazzi, non danno spiegazione alcuna delle cose lette; altri si arrestano forse troppo e aggravano la mente dei fanciulli con soverchie osservazioni, meno acconce alla loro capacità; o volendo discendere sino a' loro bambini, non sanno evitare le fanciullaggini e le lunghezze noiose. Or perchè i libri di lettura diano buoni frutti, conviene evitare i difetti non meno che gli eccessi suddetti. I maestri dovranno continuamente aver la mira a svegliare, svolgere e nutrire le intelligenze de' fanciulli con facili interrogazioni e considerazioni, a dirigere il loro spirito di osservazione, a far loro imparare e ritenere i nomi delle cose, avvezzandoli a parlare e aiutandoli a ben pensare, e sopratutto cercando d'introdurre nelle lezioncine verità utili alla morale.

Noi pensiamo che fin dalle prime letture proposte agli allievi, dalla prima all'ultima classe, si debba offerire una serie ordinata di cognizioni, e che si possa, anche in tal modo, ottenere la varietà che diletta senza cadere nel disordine, che confonde. Ordinare e graduare coteste cognizioni nelle classi inferiori e nelle superiori, accomodandole mano a mano all'intelligenza de' discenti, è forse la cosa più difficile ed ardua che vi sia nell'istruzione elementare (1).

(1) La Guida del maestro Elementare Italiano. Gior. Didattico diretto da G. Parato - Anno 1° Torino 1861. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: lettorato, lettore, lettori, lettrice, lettrici, lettucci, lettuccio « lettura » letture, letturista, letturiste, letturisti, leu, leucemia, leucemica
Parole di sette lettere: lettori « lettura » letture
Vocabolario inverso (per trovare le rime): microfrattura, trattura, contrattura, prefettura, sottoprefettura, confettura, congettura « lettura (aruttel) » rilettura, labiolettura, magnetolettura, autolettura, architettura, bioarchitettura, archittettura
Indice parole che: iniziano con L, con LE, iniziano con LET, finiscono con A

Commenti sulla voce «lettura» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze