Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «litigare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Litigare

Verbo
Litigare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, intransitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è litigato. Il gerundio è litigando. Il participio presente è litigante. Vedi: coniugazione del verbo litigare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola litigare è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: li-ti-gà-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: elargiti, rilegati, taglieri.
litigare si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): tir + [agile]; [irti] + [gale]; ili + [grate]; gli + [irate]; giri + [alte]; tigri + alé; ligi + [arte]; tigli + [era]; tre + [agili]; [eri] + tagli; [erti] + [agli]; [ile] + [grati]; [lite] + [agri]; [lire] + gita; [irite] + gal; gel + [atrii]; gite + [lari]; [ergi] + [alti]; [greti] + [ali]; [egli] + [arti]; gilet + [ari]; gerli + tai; erigi + alt; ligie + [tar].
Componendo le lettere di litigare con quelle di un'altra parola si ottiene: +oso = aerologisti; +gel = alleggeriti; +sol = allegoristi; +tan = artigliante; +sta = artigliaste; +[ari, ira, ria] = artiglierai; +[eri, ire] = artiglierei; +[ari, ira] = artiglieria; +[ire, rei] = artiglierie; +abs = bersagliati; +can = cartilagine; +oca = categoriali; +[dan, dna] = deraglianti; +odo = dietrologia; +eco = elogiatrice; +[ciò, coi] = elogiatrici; +boa = erogabilità; +fan = filigranate; +[neo, noè] = genitoriale; +noi = genitoriali; +ogm = germogliati; ...
Vedi anche: Anagrammi per litigare
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: litigate, mitigare.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: lite, lige, lire, lare, tigre, tiare, tare.
Parole con "litigare"
Finiscono con "litigare": rilitigare.
Parole contenute in "litigare"
gare, liti, litiga. Contenute all'inverso: agi, era, agiti.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "litigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: limi/mitigare, litigai/ire, litigata/tare.
Usando "litigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * areata = litigata; * areate = litigate; * areato = litigato; mili * = mitigare; * rendo = litigando; * resse = litigasse; * ressi = litigassi; * reste = litigaste; * resti = litigasti; * ressero = litigassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "litigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: lisi/istigare, litigata/atre, litigato/otre.
Usando "litigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = litigata; * erte = litigate; * erto = litigato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "litigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: litiga/area, litigata/areata, litigate/areate, litigato/areato, litigai/rei, litigando/rendo, litigasse/resse, litigassero/ressero, litigassi/ressi, litigaste/reste, litigasti/resti, litigate/rete.
Sciarade e composizione
"litigare" è formata da: liti+gare.
Sciarade incatenate
La parola "litigare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: litiga+gare.
Frasi con "litigare"
»» Vedi anche la pagina frasi con litigare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Nelle riunioni di condominio non si fa altro che litigare invece di parlare dei problemi reali.
  • Non ho voglia di litigare con te su questo discorso che si preannuncia incandescente sia nella forma che nei contenuti!
  • Quando non si ha pazienza e non si è un po' accondiscendenti è facile litigare.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Bisticciare, Gattigliare, Fare un battibecco, Tipizzarsi, Litigare, Stare a tu per tu - Il Bisticciare è un discutere e contraddirsi familiarmente, ripetendo spesso le parole medesime con qualche calore, ma senza veleno. - Gattigliare è il parlare animato e confuso di più persone che contendano, ma senza ira. - Fare un battibecco è il contraddirsi di due o più persone, che ciascuna vuol aver ragione; e dà sempre idea di vivacità e prontezza. - Tipizzarsi è Contendere con motti acuti, e spesso ingiuriosi; ma più che altro è proprio di ragazzi. - Litigare è il Contendere con parole gravi e irose per cosa di qualche momento, presa la metafora dalle liti de' tribunali. - Stare a tu per tu è il contendere e disputare, ribattendo sempre le accuse e le ragioni del nostro avversario. Generalmente si dice dell'inferiore che risponde al superiore. - «Non si perita mica, anzi sta a tu per tu col maestro.» - Fu detto anche per Stare alla prova con alcuno, in qualche arte o disciplina, ma ora è fuor d'uso. [immagine]
Questionare, Disputare, Litigare, Altercare, Stare a tu per tu - Il Questionare si fa fra due o più persone che non si trovano d'accordo, e ciascuna vuol far prevalere la propria opinione; il perchè spesso intervengono acerbe parole. - Si Disputa tra persone che non sono d'accordo nel valutare un fatto, nel giudicare un lavoro, o simili, per vedere, dicendo ciascuno la sua, di persuadere l'uno o altro, e di venire alla conoscenza del vero. - Litigare è quando si vuol far valere il proprio diritto che crediamo conculcato da altri. Si fa generalmente dinanzi ai Tribunali, ma spesso è tra particolari, e allora è fatto con modi acerbi e spesso ingiuriosi. - Altercare è il riprendersi l'un l'altro di errore, l'uno affermando, l'altro negando, e generalmente batte su cose familiari e di poco conto. - Stare a tu per tu, si dice dell'inferiore che, ripreso dal superiore, gli risponde con molta sicurtà cosa per cosa, quasi dicendogli che lo riprende a torto. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Contendere, Disputare, Questionare, Contradire, Tenzonare, Altercare, Litigare, Dibattere, Discutere, Contestare - Disputare è ragionare contraddittoriamente per sostenere un'opinione, un punto di diritto, un interesse; disputano gli avvocati dinanzi ai tribunali, e le loro orazioni, con più modesto vocabolo, diconsi dispute: si disputa da tutti più o meno, quando si è di contrario sentimento, ma la civiltà vuole che le parole e il tuono della voce non passino certi limiti: se la disputa degenera in contesa, si passa facilmente a detti ingiuriosi o pungenti; e da questi l'orgoglio ferito facilmente passa ai fatti. Contraddire è proprio trovar a ridire su ciò che altri asserisce, e asserire talvolta il contrario: molti hanno sgraziatamente questo vizio, cagionato sovente da cattiva educazione; e i giovani prestamente se ne correggerebbero se sapessero a che mali passi può condurre. Questionare è propriamente agitare una questione, ma nell'uso si scambia sovente con disputare con fuoco e veemenza. Tenzonare sarebbe in questo senso disputare con una certa testardaggine ed ostinazione; ma è poco usato: è voce poetica che vale battagliare o battersi, ma più specialmente in singolare tenzone. Altercare è disputare per cose da nulla il più sovente, e alzando il tuono della voce; l'altercare è delle donnicciuole e de' facchini. Litigare è propriamente far causa o lite davanti ai tribunali: la lite debb'essere decisa secondo la giustizia e da chi ne ha l'autorità: i famigliari e fanciulleschi litigi a cui si dà tanta importanza, sono decisi o devono esserlo dai genitori o altri superiori che hanno, per ciò fare, autorità e prudenza sufficiente. Dibattere è fare di ogni argomento, di ogni ragione, di ogni parola una questione; pesarle, bilanciarle ad una ad una; è cedere in certo modo passo a passo il terreno. Discutere è quasi uno scuotere, vagliare la cosa, onde ne emerga, ne soprannuoti il vero: nel dibattimento entrano parole di molti, nella discussione si vantaggia colla varietà degli argomenti. Contestare un diritto, una ragione, è non menarla buona, è accingersi a provarla illusoria, a confutarla. [immagine]
Tincionare, Tenzonare, Litigare, Bisticciare; Litigone, Litigatore, Litigioso, Letichino - Tincionare è il vernacolo toscano di tenzonare; è dirsi ragioni con qualche alterazione e stizza: come vernacolo, e perciò come esprimente alterco e ragioni di persone che non hanno d'ordinario interessi, questioni gravi, dice meno del suo tipo, tenzonare: questo esprime un battagliare vero o finto; e la singolare tenzone era duello a morte fra gli antichi cavalieri: or si tenzona anco per interessi, per puntigli; si tenzonava or son pochi anni per gare letterarie; ora per questioni politiche, che è un più nobile, degno, opportuno questionare, perchè da questo ne emerge l'utile, il vero. Litigare davanti ai tribunali è una cosa; litigare in casa o con altri è più grave che il bisticciare; questo sarà di casi domestici, d'invidiette tra fratelli o sorelle, di piccole gelosie a cagione di preferenza o simili; l'altro è per motivi più gravi, più serii; però saranno parole più risentite e rancori più lunghi. Litigatore, chi litiga davanti a' tribunali; litigone colui che ama litigare ed ha per le liti un tal gusto, che sempre ne ha in campo qualcheduna in tribunale o fuori: v'hanno proprio delle persone, pare incredibile! di un gusto siffatto: litigioso è l'uomo che ha liti e vi si compiace; e il punto di litigio. Letichino, chi litiga e s'incaponisce arrogantemente sulle più minute cose pel gusto di avere a che dire e discutere. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Litigare - V. n. ass. Contendere, Contrastare. Aureo lat. Libr. Am. G. Torn. 38. (M.) M. V. 9. 81. (C) Pass. 236. Contendendo o litigando, e pertinacemente le sue parole, o vere o non vere ch'elle sieno, difendendo e affermando. Cavalc. Med. mor. 69. Non litigar coll'uomo linguoso, e non giugner legne al fuoco suo. T. Ap. Il fedele del Signore non conviene che litighi. [Camp.] Bib. Eccles. 8. Non litigare con l'uomo potente, acciò che tu non caggi nelle mani sue. (Non litiges cum homine potente.)

T. Prov. Tosc. 262. Il diavolo non litiga mai solo. (Neanche i tristi, quando non hanno occasione, non provocano discordie.)

2. T. Contendere con parole aspre; in questo senso Litigarsi. – Si litigavano marito e moglie. Anco disputare senza offesa nè ira ma alquanto veementemente.

3. T. Nel senso forense. S'è messo a litigare.

E a modo di sost. T. Prov. Tosc. 150. Il litigare è uno smagralitigatori e ingrassavvocati.

4. [Fanf.] Att. Stat. Calim. 61. Non ostante che altra volta fosse dinanzi a' consoli il piato litigato o sospeso…

T. Non com. in questo senso. T. Prov. Tosc. 169. Non flagellare il morto, non litigare il torto (per difendere il torto anche fuor di giudizio).

T. Litigare i salari (per i). Dall'una o dall'altra parte; o negarli, o volerli scemare; o richiederli o volerli crescere.

T. F. Filip. da Siena. Non voglio che gli sia domandato nè chiesto nè litigato. Qui potrebb'essere come impers.: Non gli sia mossa lite.

5. T. Nel senso del fr. Disputer. La donna quando è bella è litigata. Canti Umbr.

Segn. Stor. 4. 109. (M.) Si turbò alquanto il duello, andando innanzi e indietro i patrini litigando quel punto il quale essendo stato rimesso nel principe… furono contenti i patrini nostri che…

6. Trasl. T. Fu detto di due significati della medesima voce che Si litigano tra loro. Il sim. può dirsi d'ogni idea e cosa contradittoria.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: litiga, litigai, litigammo, litigando, litigano, litigante, litiganti « litigare » litigarono, litigarsi, litigasse, litigassero, litigassi, litigassimo, litigaste
Parole di otto lettere: litigano « litigare » litigata
Lista Verbi: lisciare, listare « litigare » litografare, livellare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): obbligare, riobbligare, rigare, brigare, sbrigare, irrigare, intrigare « litigare (eragitil) » rilitigare, mitigare, castigare, investigare, istigare, fustigare, navigare
Indice parole che: iniziano con L, con LI, iniziano con LIT, finiscono con E

Commenti sulla voce «litigare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze