Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «livello», il significato, curiosità, forma del verbo «livellare» associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Livello

Forma verbale
Livello è una forma del verbo livellare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di livellare.
Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere livello (basso, alto, superiore, buono, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
alto (8%), superiore (7%), passaggio (7%), piano (6%), primo (5%), basso (5%), altezza (4%), stadio (4%), grado (4%), mare (3%), acqua (3%), livella (3%), fiume (2%), guardia (2%), quota (2%), liquido (2%), medio (2%), obiettivo (2%), base (2%), terzo (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola livello è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: ll. Lettera maggiormente presente: elle (tre).
Divisione in sillabe: li-vèl-lo. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: livellò.
Anagrammi
Componendo le lettere di livello con quelle di un'altra parola si ottiene: +[dan, dna] = livellando; +[ami, mai, mia] = livelliamo; +[tar, tra] = rivoltella; +tre = rivoltelle; +auna = alluvionale; +vana = livellavano; +[erme, mere] = livelleremo; +base = sollevabile; +[basi, isba] = sollevabili; +cono = violoncello; +tacca = accoltellavi; +menta = livellamento; +candì = livellandoci; +mandi = livellandomi; +snida = livellandosi; +ressa = livellassero; +[massi, sisma] = livellassimo; +[zaini, zinia] = livellazioni; ...
Vedi anche: Anagrammi per livello
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: divello, lavello, libello, livella, livelle, livelli, pivello.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: divella, divelle, divelli, pivella, pivelle, pivelli.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: velo.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: sollevi.
Parole con "livello"
Finiscono con "livello": dislivello, multilivello, sottolivello.
Parole contenute in "livello"
live, vello. Contenute all'inverso: evi, lev, levi, olle.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "livello" si può ottenere dalle seguenti coppie: lidi/divello, lino/novello, litri/trivello.
Lucchetti Alterni
Usando "livello" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * novello = lino; novello * = noli; * ateo = livellate; * avio = livellavi; * astio = livellasti.
Sciarade incatenate
La parola "livello" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: live+vello.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "livello" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arno = livellarono; * atre = livellatore; * atri = livellatori.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "livello"
»» Vedi anche la pagina frasi con livello per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Pur di mantenere un certo livello di benessere, c'è chi è disposto a tutto.
  • Il livello dell'acqua in piscina era insufficiente per permettere il tuffo.
  • Dopo un'ora di discussione, il livello di attenzione in sala era calato.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Livello-Cerchio - Questo istrumento, immaginato da Lenoir nel 1820, forma per le sue combinazioni quattro distinti istrumenti. Come livello, ha il gran pregio di essere solidissimo e non aver bisogno di rettificazione veruna: una volta messo a segno, è immutabile; il cerchio solo che trascina il livello può dirigersi verso quanti punti si voglia, e ciò senza niente scomporre la bolla d'aria. Un'altro suo gran vantaggio si è quello, che con un oggetto chiamato alidade, sostegno, diviene atto alla misurazione degli angoli semplici e doppi. [immagine]
Livello - Gl'Inglesi dicono level, voce che come l'italiana è formata dalla latina livella, avente il medesimo significato.

E' un istrumento di matematiche, che serve a tirare e a determinare delle linee parallele all'orizzonte. Giova pure a far conoscere la differenza di altezza in un terreno disuguale o in un corpo posato in modo non eguale.

Vi sono livelli di varie sorta, che hanno ciascuno il rispettivo inventore. Il livello d'aria, che si attribuisce a Thevenot, e questo dimostra la linea di livello per mezzo di una bolla d'aria rinchiusa con qualche liquore in un condotto di vetro di cui le estremità siano chiuse ermeticamente. - Il livello a bolla d'aria è atto a determinare esattamente quel punto di livello a poca distanza; è stato molto perfezionato in Francia verso la metà del secolo scorso da Chezy. - Il livello da acqua, che si deve a Mariotte, fu in appresso perfezionato da Villard nel 1789 - V'è anche un livello di riflessione, fatto con uno specchio d'acciajo o altra materia consimile: questo è inventato da Cassini. - Il livello a piombo, o a perpendicolo, fa conoscere la linea orizzontale mediante una linea verticale descritta dal suo filo a piombo, e se ne tiene per inventore Picard. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Livello - S. m. Stato d'un piano orizzontale, o di parecchi punti che sono nel medesimo piano. (Fanf.) T. Plin. Structuram ad normam, et libellum fieri, et ad perpendiculum respondere oportet. Vitr. Normarumque, et librationum, et linearum directiones. = Buon. Fier. 3. 5. 2. (C) Sopra il livel dell'acqua Lo conficcò. Sagg. nat. esp. 26. Dove arrivato col suo livello, dopo alcuni libramenti si fermerà. [Cont.] G. G. Gall.. XII. 16. L'acqua discacciata si eleva e innalza sopra il primo suo livello, al quale alzamento essa altresì, come corpo grave per sua natura, resiste. T. Grand. Relez. Fucecch. 2. 7. Tutti quei terreni, i quali sopra il primo antico livello del padule avevano meno d'un braccio di caduta,… saranno soggetti all'inondazione. = Gal. Op. lett. 6. 388. (Man.) E se, dopo levata la pianta e livello, si vorrà sopra la pianta disegnare tutte le mutazioni,… Corsin. Ist. Mess. l. 1. p. 24. (Gh.) San Gio. de Ulúa, isola piccola, più di rena che di terra, il cui suolo tanto poco sopra il livello dell'acqua s'innalzava,…

Onde A livello, posto avverb., vale Allo stesso livello, Allo stesso piano. Serd. Stor. 3. 126. (C) Con minori pezzi, acconci da' nostri a livello dell'acqua, furono messi in fondo molti navilii. Sagg. nat. esp. 66. Questi con esatta diligenza si scompartiscano in gradi per modo, che i termini delle decine uguali dell'uno e dell'altro tornino fra di loro a livello.

[Cont.] A livello. Lo stesso che Orizzontalmente. Pant. Arm. nav. 90. I pezzi, che stanno sotto alla tolda,… tirando a livello sopra la superficie dell'acqua, non solo colpiscono i vascelli nel vivo, ed in luoco pericoloso, ma ancora colgono sempre più d'una persona. G. G. Fort. XI. 851. E chiamasi a livello, quasi ad libellam, cioè in bilancio e che non inchini più ad una che ad un'altra parte. Cr. B. Proteo mil. II. 32. Faremo che il braccio A, guardi a livello uno de' luoghi, che hanno ad essere misurati.

[Cont.] Scam. V. Arch. univ. I. 337. 17. Il quale (stromento) communemente osservano d'adoperare i capimastri non solo in Italia, ma quasi per tutte le parti di là da' monti, per metter a livello i piani, e le cornici, e l'altre parti de gli edifici.

E A livello, fig. [Cors.] Bart. Vit. Caraf. 1. 9. Non mancarono alcuni, a' quali non dava nel genio il tenore del suo governo, che avrebbon voluto più a livello dei loro dettami che del giusto dovere.

T. Un piano è più basso o più alto del livello d'un altro piano; non arriva a quel livello. – Un corpo non sta coll'altro a livello.

2. Trasl. Stare, Essere, Mettere a livello, di uguaglianza o precisa o a un dipresso, nel senso e intell. e mor. e soc. Trovarsi sul livello medesimo. Non è da abusarne, chè troppo lo dicono que' di Francia.

Di livello, contrapposto. Segner. Crist. Instr. 1. 21. 1. (M.) Chi non sa ritirare altri dal vizio con la correzione fraterna, che ha ciò per fine, si guardi almeno d'incitarvelo con lo scandalo, che di livello si oppone alla correzione.

[Cont.] Fuori di livello. Non orizzontalmente, Obliquo all'orizzonte. Rusc. Prec. mil. 19. Pigliata la mira dove vuoi, farai tanti palmi costiero,… quanti palmi trovi esser il pezzo fuori di squadra, o di livello.

3. Profilo di livellazione. (Fanf.)

[Cont.] G. G. Par. Dopo levata la pianta e livello, si vorrà sopra la pianta disegnare tutte le mutazioni da farsi, per ritrarre il giudizio delle spese e dei danni e delli acquisti.

4. (Ar. Mes.) Livello o meglio Livella chiamasi Quello strumento con cui si livella. (Mt.) [Cont.] Può essere ad acqua, a canocchiale, od a specchio. Barbaro, Arch. Vitr. 341. Questo (livellare l'acque) si suol fare con tali strumenti: con lo traguardo, con i livelli da acqua.

[Cont.] Il livello a bolla d'aria. Mont. Livella diot. 4. Livello francese, inventato già più anni, ove si servono d'un pezzo di canna di vetro lunga mezzo piede in circa, piena d'acquavite, e chiusa ermeticamente in modo che vi resti tant'aria dentro quanto è un grano di fave ordinarie, perchè posata questa canna sopra un piano orizontale, l'aria sudetta non si muove; ma se il piano declina, ella si muove verso la parte più alta.
Livello - S. m. (Leg.) Censo che si paga al padrone diretto de' beni stabili da chi ne gode il frutto. Lat. Canon, Canon emphyteuticus. (Dal celt. Léve, Rendita di case o di terre. In fr. Lévée, Raccolta. O Libellus.) (Mt.) Sirmondo: Interveniente libello, seu scriptura. Così Libello di ripudio, d'accusa. Fr. Giord. Pred. R. (C) Non pagano l'annuo e pattuito livello. † Alleg. 86. Egli partecipa delle male qualità di noi altri mondani assai più che 'l suo, c'ha nel ciel casa a livello.

Dare a livello. V. DARE.

Tenere a livello. Possedere con titolo di livello. V. TENERE.

2. Lo stesso Contratto d'enfiteusi, e par anche la Possessione goduta a quel titolo. Segner. Penit. instr. verso il fine. (M.) Se avete tagliato alberi fruttiferi, o in altra maniera danneggiati quei beni, de' quali avete solamente l'usufrutto, come sono i fitti e livelli.

3. In alcuni luoghi d'Italia vale Assegnamento che si faccia a taluno su' beni che si lasciano in proprietà ad altri. (Mt.)

[T.] L'enfiteusi non si rinnovava se non mutato il possessore; il livello a certi tempi, anche senza. Notai che rogavano livelli (qui lo stesso contratto). – Rendita di livelli (qui l'effetto). – Casa gravata di livello. – Affrancamento di canoni enfiteusi, livelli, censi (qui l'obbligo).
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: livelleresti, livellerete, livellerò, livelli, livelliamo, livelliate, livellino « livello » livia, livida, lividamente, livide, lividetta, lividette, lividetti
Parole di sette lettere: livelli « livello » livonia
Vocabolario inverso (per trovare le rime): quello, tuello, bertuello, stuello, vello, lavello, divello « livello (ollevil) » multilivello, sottolivello, dislivello, pivello, crivello, crivellò, trivello
Indice parole che: iniziano con L, con LI, iniziano con LIV, finiscono con O

Commenti sulla voce «livello» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze