Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «ministero», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Ministero

Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
governo (8%), ministro (7%), esteri (7%), istruzione (6%), salute (5%), pubblico (4%), sacerdotale (3%), economia (3%), tesoro (3%), interni (3%), lavoro (3%), burocrazia (3%), portafoglio (3%), trasporti (2%), giustizia (2%), interno (2%), politica (2%), ente (2%), difesa (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola ministero è formata da nove lettere, quattro vocali e cinque consonanti.
Divisione in sillabe: mi-ni-stè-ro. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: miristone, rimestino, sterminio.
ministero si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): sto + inermi; ton + [miseri]; rom + [insite]; tir + [mesoni]; sir + [temino]; tris + [moine]; [ori] + smentì; [orsi] + menti; [sorti] + [meni]; noi + [mister]; [noti] + risme; sino + [metri]; stoni + [meri]; [noir] + [mesti]; [torni] + [mesi]; [nostri] + mie; sim + [intero]; trim + seino; mio + [sentir]; somi + [entri]; [istmo] + [neri]; [miro] + [nesti]; [mirto] + seni; morsi + enti; [mostri] + nei; [mino] + [resti]; monti + [ersi]; smino + [erti]; ...
Componendo le lettere di ministero con quelle di un'altra parola si ottiene: +ram = amministrerò; +hac = armonistiche; +ras = arrossimenti; +[tar, tra] = arrostimenti; +abs = assorbimenti; +sta = assortimenti; +ode = endometriosi; +pie = impensierito; +[par, rap] = impersonarti; +spa = impersonasti; +ape = impersoniate; +[era, rea] = intarsieremo; +gal = integralismo; +gas = integrassimo; +san = internassimo; +[abc, cab] = interscambio; +doc = modernistico; +fon = neofrontismi; +[ila, lai] = orientalismi; +[lao, ola] = orientalismo; +osa = orientassimo; +tap = reimpostanti; ...
Vedi anche: Anagrammi per ministero
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: ministeri.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: ministro.
Altri scarti con resto non consecutivo: minierò, minio, minerò, mine, mino, mistero, mister, miste, misto, misero, mise, mite, mito, miro, mero, intero, inter, iter, nitro, nero.
Parole contenute in "ministero"
ero, mini, stero. Contenute all'inverso: ore.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "ministero" si può ottenere dalle seguenti coppie: miniasse/assesterò, miniassi/assisterò, minidisco/discosterò, minimi/mistero, ministri/triterò.
Usando "ministero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: terministe * = terrò; deterministe * = deterrò; temini * = testerò; tomini * = tosterò; vimini * = visterò; dissemini * = dissesterò.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "ministero" si può ottenere dalle seguenti coppie: ministra/arerò.
Lucchetti Alterni
Usando "ministero" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: testerò * = temini; tosterò * = tomini; ministri * = triterò; * assesterò = miniasse; * triterò = ministri; dissesterò * = dissemini; * discosterò = minidisco; terrò * = terministe; deterrò * = deterministe.
Sciarade e composizione
"ministero" è formata da: mini+stero.
Intarsi e sciarade alterne
"ministero" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: mise/nitro.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "ministero"
»» Vedi anche la pagina frasi con ministero per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Il Ministero dell'agricoltura dovrebbe essere affidato a chi ha lavorato la terra.
  • Il Ministero dell'istruzione ha stanziato parecchi milioni per ristrutturare le scuole.
  • Scusa, sai per caso a chi hanno assegnato il ministero dell'agricoltura?
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Uffizio, Carica, Dignità, Ministero, Impiego, Posto, Uffiziuolo, Impieguccio; Ufficiale, Uffiziale; La dignità, Le dignità - Ufficio dice l'opera o il dovere; carica, il peso, l'obbligo; dignità, l'importanza; ministero, l'amministrazione, la spedizione degli affari; impiego, la persona, il tempo, l'attenzione, la capacità e le circostanze tutte che concorrono in quella cosa; posto dice la situazione gerarchica nella classe in cui si è, a cui s'appartiene: vacare all'ufficio; entrare, coprire una carica; essere o montare in dignità; adempire al ministero; avere, cercare un impiego: far un buono o cattivo impiego di sè e delle cose sue; occupare un posto. Gli'impiegati vanno all'uffizio; perciò l'uffizio è il luogo eziandio ove lavorano essi impiegati ciascuno al loro posto; gli alti impiegati sono in carica, gli altissimi sono in dignità o, assolutamente, dignità, almeno son così detti e creduti: gli uffici pubblici del governo, le segreterie di Stato sono dette collettivamente ministeri. Uffiziolo è piccolo libro di divozione; a Genova è così detto un cerino ravvolto o ripiegato a modo di libro; quest'uffiziolo si suole accendere in chiesa da' ragazzi il dì de' Santi e dei morti in suffragio delle anime. Impieguccio, piccolo e mal retribuito impiego. La dignità è un sentimento naturale di altezza che l'uomo onesto può avere e anco alquanto dimostrare: le dignità invece sono onori conferiti o inerenti a cariche ed alti impieghi di cancelleria o di corte: in quest'ultima classe le maggiori dignità di ciambellano, di scudiere e va dicendo si riducono a nobilitazioni o palliativi degli uffizi di cameriere e di staffiere. Fra ufficiale e uffiziale si fa la differenza che il primo è meglio detto dell'impiegato civile del governo, il secondo del militare, dal sottotenente in su fino al generale: tutto quel corpo è detto uffizialità. [immagine]
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Ministero pubblico - Questa istituzione, di origine moderna, ha per oggetto di agire davanti ai tribunali per la repressione dei delitti e delle contravvenzioni ed assicurare l'azione della giustizia e delle leggi. Fu ignota ai Romani, perchè incompatibile con le loro forme repubblicane e col loro metodo di accusa. Lo fu ancora ai Franchi ed altri popoli barbari che invasero la Gallia. Secondo le leggi saliche e ripuarie, i delitti e le contravvenzioni davano luogo solamente a rifacimento di danni. Filippo il Bello, rendendo sedentario in Parigi il parlamento nel 1302, portò un cambiamento nell'ordine giudiciario; nacque allora il ministero pubblico sotto titolo di gens du roi, e fu primitivamente composto di un procuratore generale e due avvocati regi. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Ministero - e MINISTERIO. S. m. Il ministrare, L'ufficio. Aureo lat. Pass. 118. (C) Soli i preti sono ministri della Chiesa, ed il lor ministerio s'adopera sopra il vero Corpo di Cristo. Mor. S. Greg. Lett. A ricevere il ministerio del sacro altare mi costrinse la virtù della obbedienza. Coll. SS. Pad. 1. 14. 10. Sappia ciascuno, ch'è posto in questo corpo, che sarà diputato a quella ragione (regione ha la stampa); a quello ministerio del quale egli s'avrà fatto parzionevole, e abitatore, stando in questa vita. Car. Eneid. 1. 111. (M.) A tanto ministerio ti propose Di correggere i venti, e turbar l'onde. Segner. Pal. Ap. 8. 8. Ora ad onorificare il suo ministerio, che via tenne egli? [F.T-s.] Liv. Nard. I. 2. Si cognobbe che il ministerio e l'opera del ventre non era sana (Ventris ministerium… haud).

2. [Camp.] Per Ufficio prestato dai famigli. Bib. I. 44. Io starò per lo fanciullo nel ministerio del signore mio, cioè, in vostro servigio (manebo servus tuus in ministerio domini mei).

3. † Per Carico, Incumbenza. Instr. Canc. 17. (M.) Per queste difficultà nelle riscossioni non trovano chi voglia accettare il ministerio, e maneggio dei loro effetti, senza eccessivi salari.

4. Degli Angeli, spiriti ministri a Dio. D. 2. 1. (C) Più addentro vide (Dionigi Areopagita a cui s'attribuisce il libro della Celeste gerarchia) L'angelica natura, e 'l ministerio. Pass. 365. Il quale per ministerio dei santi Angeli riveda certi misterii occulti.

5. T. Senso rel. Per il ministero de' Diaconi distribuire il pane.

T. Ministero episcopale.

T. Bart. Vit. Zucch. 21. 4. 56. Iddio, per abilitarlo a quell'apostolico ministero.

6. Ass. T. Apoc. So il tuo ministero e la tua pazienza.

7. T. Pubblico ministero; L'uffizio del rivendicare dinanzi ai tribunali l'esecuzione della legge, e difendere i giudici dalle cavillazioni delle parti contendenti, e dai loro proprii sbagli o affetti. Il pubblico ministero è personificato nello stesso avvocato della legge; il quale, del resto sovente involge altri e sè in cavillazioni avvocatesche. Il pubblico ministero ricorre in cassazione.

8. T. Ministero, Ass. Troppo intendesi de' ministri del re o del regno o della repubblica. Ministeri che frequentemente si mutano. Il nuovo ministero, il caduto. Il re risponde: Pigliatevela col ministero. Io ho preso questo ministero acciocchè ve la pigliate con esso.

T. Assumere il ministero, Deporlo, Rinunziare al… Si ritira dal suo ministero, intendesi sovente dei ministri regii.

9. T. Per estens. Ministero della maternità, al quale è destinata la donna.

T. Ministero di beneficenza, o affidato dalla città o dallo Stato, o che l'uomo si assume per debito e bisogno del cuore. – Ministero delle arti, delle lettere, quello a cui deve l'ingegno e la mano dell'uomo servire, acciocchè la vita propria e sociale sia indirizzata al suo fine vero. [Camp.] Bib. Job. Prol. I. Ora per ministerio di sposizione, o per montamento di contemplazione, ora per instrumento di moralitade, compiei quest'opera.

10. Per Servigio, quasi fig. S. Bern. Serm. Mis. 11. (M.) Tutte le creature, che sono fatte in tuo ministerio, e utilitade, si convertiranno in giudicio, ed in vendetta di te.

11. † [Laz.] Per Mestiere o Mestiero. St. Lan. Sen. c. 39. Statuimo ed ordinamo, che neuno tegnitore, di qualunque condizione sia e di qualunque colore, possa o vero debbia fare alcuna comunità… con veruno tignitore, od altra persona, del fatto del tégnare (tingere) e d'esso ministerio. Filp. Vill. Vit. med. Tad. A vilissimi ministeri dato e vituperato guadagno.

[T.] Ministerio non è morto in tutto nella lingua scritta, ma del più com. non ha tutti i sensi; ristringesi all'abito del ministrare, piuttosto che concernere l'atto; ha usi piuttosto trasl. che pr; nè nel senso polit. direbbesi Ministerio, segnatam. accennando alle pers. degli stessi ministri.

T. Ministero è l'uffizio, in quanto dovere e facoltà; riguarda l'abit. esercizio, ma può concernere anche il tale o tal modo e atto d'esercitarlo.

II. T. Senso specialm. rel. Dell'uffizio e facoltá. Per il ministero della Chiesa. – Entrare nel ministero ecclesiastico. Maestruzz. 2. 7. 3. Debito a significare l'eccellenzia del suo ministero ovvero del coltivamento (culto) divino. – Debito di sacro ministero. – Fatiche del sacro ministero. – Santo ministero.

Dell'atto. T. Procedere al ministero del battesimo. Più com. All'amministrazione, A amministrare.

III. Senso soc. T. Pallav. Ben. 4. 47. Persona esercitata ne' ministeri della toga, non della spada. – Il plur. concerne gli atti; quando non s'intenda del consiglio di tutti insieme i ministri del re o di repubblica.

T. Delle pers. Comporre un nuovo, Formarlo, Scioglierlo. – I ministeri della pubblica istruzione, avvicendatisi negli ultimi vent'anni in Italia, sono tanti, che il numero, non foss'altro, li fa essere una distruzione.

T. Officine del ministero, possono talvolta dirsi Tane, anco che siano in palazzo.

T. Lo stesso edifizio. Andare al ministero. – Le scale del…

IV. T. Ministero dell'educazione. – Un qualche ministero di carità possono esercitarlo anco i poveri (qui l'atto).

V. T. Modi com. a parecchi de' sensi not. Altezza del ministero. – Ministero imposto, commesso, affidato; l'ultimo è meglio. Chiamato dal suo ministero. – Offre il suo ministero. – Prestare il suo ministero. – Esercitare un… – Era nell'esercizio del suo ministero. – Fedele al suo… – Adempiere il, Soddisfare al… – Rendere onore al proprio ministero. – Mutare ministero. – Mancare al, Tradirlo…
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: minio, miniriforma, miniriforme, miniserie, ministeri, ministeriale, ministeriali « ministero » ministra, ministrante, ministranti, ministrare, ministri, ministro, ministrucci
Parole di nove lettere: ministeri « ministero » minoranza
Vocabolario inverso (per trovare le rime): protesterò, attesterò, disterò, magistero, listerò, mistero, smisterò « ministero (oretsinim) » depisterò, rattristerò, esisterò, desisterò, preesisterò, coesisterò, resisterò
Indice parole che: iniziano con M, con MI, iniziano con MIN, finiscono con O

Commenti sulla voce «ministero» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze