Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «mola», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Mola

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia

Foto taggate mola

falegname

artigianato in malga
 
Giochi di Parole
La parola mola è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (lo).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: malo (scambio di vocali).
Componendo le lettere di mola con quelle di un'altra parola si ottiene: +ara = alamaro; +sii = amilosi; +[mai, mia] = ammalio; +mal = ammolla; +[era, rea] = amorale; +[ari, ira, ria] = amorali; +pin = amplino; +tue = amuleto; +ani = anomali; +abs = balsamo; +bei = beliamo; +can = calmano; +tac = calmato; +[ciò, coi] = coliamo; +con = colmano; +tac = colmata; +tic = colmati; +toc = colmato; ...
Vedi anche: Anagrammi per mola
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: cola, fola, gola, mala, mela, moca, moda, moka, mole, moli, molo, mora, mota, mula, nola, sola, vola.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: boli, bolo, colf, coli, colo, colt, colò, dolo, eolo, fole, folk, gole, golf, iole, ioli, noli, nolo, poli, polo, sole, soli, solo, tolù, voli, volo, volt, volò.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: ola, moa.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: imola, molla, molta, molva.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: calo, falò, malo, palo, salo.
Parole con "mola"
Iniziano con "mola": molale, molali, molare, molari, molata, molate, molati, molato, molassa, molasse, molazza, molazze, molalità, molarità, molatore, molatori, molatura, molature, molatrice, molatrici, molazzatore, molazzatori, molazzatrice, molazzatrici.
Finiscono con "mola": imola, immola, semola, gramola, mammola, stimola, tremola, racimola, usiamola, finiamola, laviamola, vediamola, facciamola, lasciamola, leggiamola, mettiamola, portiamola, seguiamola, chiudiamola, guardiamola, smettiamola, ammettiamola, ascoltiamola, analizziamola, controlliamola, dimentichiamola.
Contengono "mola": immolai, immolano, immolare, immolata, immolate, immolati, immolato, immolava, immolavi, immolavo, semolata, semolate, semolati, semolato, stimolai, tremolai, cosmolabi, cremolati, cremolato, gramolare, gramolata, gramolate, gramolati, gramolato, immolammo, immolando, immolante, immolanti, immolarci, immolarmi, ...
»» Vedi parole che contengono mola per la lista completa
Parole contenute in "mola"
ola.
Incastri
Inserito nella parola seta dà SEmolaTA; in sete dà SEmolaTE; in grata dà GRAmolaTA; in grate dà GRAmolaTE; in grati dà GRAmolaTI; in grato dà GRAmolaTO; in stiva dà STImolaVA; in stivi dà STImolaVI; in stivo dà STImolaVO; in treno dà TREmolaNO; in trevi dà TREmolaVI; in trevo dà TREmolaVO; in stinte dà STImolaNTE; in stinti dà STImolaNTI; in stivano dà STImolaVANO; in stivate dà STImolaVATE.
Inserendo al suo interno est si ha MestOLA; con del si ha MOdelLA; con est si ha MOLestA; con nel si ha MOnelLA; con uff si ha MuffOLA; con davi si ha MOLdaviA; con lacci si ha MOLlacciA; con leggi si ha MOLleggiA; con licci si ha MOLlicciA.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "mola" si può ottenere dalle seguenti coppie: moa/ala, moca/cala, modacce/daccela, moglie/gliela, moina/inala, mono/nola, moroso/rosola, mosca/scala, moscato/scatola, moscia/sciala, mosco/scola, mosti/stila, mosto/stola, moventi/ventila.
Usando "mola" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: como * = cola; elmo * = ella; fimo * = fila; gemo * = gela; mamo * = mala; memo * = mela; * lare = more; * lari = mori; * laro = moro; * lati = moti; * lato = moto; olmo * = olla; temo * = tela; calmo * = calla; colmo * = colla; esumo * = esula; * ala = molla; * alé = molle; * ali = molli; * ava = molva; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "mola" si può ottenere dalle seguenti coppie: moro/orla, mouse/esula.
Usando "mola" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * alca = moca; * aldo = modo; * alta = mota; * alti = moti; * alto = moto; * algia = mogia; * algie = mogie; * allestì = molesti; * allestiamo = molestiamo; * allestiate = molestiate.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "mola" si può ottenere dalle seguenti coppie: dinamo/ladina, gnomo/lagno, mamo/lama, memo/lame, mimo/lami, minassimo/laminassi, minavamo/laminava, minimo/lamini, remo/lare, rimo/lari, rianimo/lariani, sciamo/lascia, sciassimo/lasciassi, sciavamo/lasciava, stremo/lastre, timo/lati, tomo/lato, tramo/latra.
Usando "mola" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * mamo = lama; * memo = lame; * mimo = lami; * remo = lare; * timo = lati; * tomo = lato; lama * = mamo; lame * = memo; lami * = mimo; lare * = remo; lari * = rimo; lati * = timo; lato * = tomo; lagno * = gnomo; * gnomo = lagno; * tramo = latra; latra * = tramo; ladina * = dinamo; * dinamo = ladina; * minimo = lamini; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "mola" si può ottenere dalle seguenti coppie: mobile/labile, mobili/labili, mobilita/labilità, mobilmente/labilmente, moccio/laccio, modini/ladini, modino/ladino, momenti/lamenti, momentino/lamentino, momento/lamento, monda/landa, monde/lande, monista/lanista, monisti/lanisti, monosi/lanosi, montana/lantana, montane/lantane, montani/lantani, mordi/lardi, mordo/lardo, more/lare...
Usando "mola" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ella * = elmo; fila * = fimo; gela * = gemo; mala * = mamo; mela * = memo; * cala = moca; olla * = olmo; tela * = temo; calla * = calmo; colla * = colmo; esula * = esumo; * inala = moina; * oca = moloc; * tea = molte; * scala = mosca; * stila = mosti; palla * = palmo; stila * = stimo; attila * = attimo; infila * = infimo; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "mola" (*) con un'altra parola si può ottenere: * li = mollai; bob * = bombola; arai * = armaiola; * esci = mescolai; * dure = modulare; * duri = modulari; * limo = molliamo; * lite = molliate; opta * = omoplata; ambii * = ammobilia; * delta = modellata; carabi * = carambolai; * esteri = molesterai; * estimo = molestiamo; riesci * = rimescolai; dedusse * = demodulasse; dedussi * = demodulassi; * editino = mediolatino; * leggeri = molleggerai; dedussero * = demodulassero; ...
Frasi con "mola"
»» Vedi anche la pagina frasi con mola per una lista di esempi.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
† Mola - S. f. (Ar. Mes.) Macine. Aureo lat. Mola per Macine vive in certi dial. Dant. Conv. 117. (C) Conviene anche, che 'l cerchio… vegga il Sole appunto sopra sè girare, non a modo di mola, ma di rota. Fr. Jac. Tod. 2. 25. 2. Il vizio della gola, Più pesante che mola. Buon. Fier. 3. 5. 5. Gran s'insacchi, uve s'incestino, Girin mole, e tin si pestino. E 3. 5. 5. Si rigirin rotando imitatori D'una mola mugnaja.

T. Prov. Tosc. 64. Chi fugge la mola, scansa farina. (Chi schiva le male pratiche, scansa le macchie del vizio.)

2. [Camp.] Mola asinaria, per Macina da grano, girata dalla forza d'un asino. Aureo lat. S. Gio. Gris. Om. Ma chi scandalizzerà uno di questi parvuli, li fa bisogno che la mola asinaria sia sospenduta nel suo collo, e sia dimerso in profondo di mare.

3. [G.M.] Nei seg. es. pare per quella che ora chiamasi Palla della cupola nei sacri edifizi. Pecor. g. 16. n. 2. Al tempo che il detto duomo fu tempio di Marte, non v'era di sopra la detta aggiunta, nè 'I capannuccio, nè la mola sopra: anzi era scoperto di sopra a modo di santa Maria rotonda di Roma. Ivi: Dapoi nella seconda reedificazione di Firenze…, si fece fare il capannuccio di sopra levato in colonne, e la mola, che è di sopra, d'oro. (Forse corruz. di Mole.)

4. [Cont.] Mola manuale. Girata a mano. Porta, Mir. nat. 102. Sottilissimamente alle mole manuali egli (l'antimonio) si sottopone, e si trita; di poi una pignatta nuova posta sopra carboni accesi tutta rosseggi, dentro a cui a poco a poco porrai lo stibio.

5. Trasl. Mola, l'usò Dante a significare Una schiera d'anime beate, che, facendo cerchio al poeta gli si giravano intorno. Dant. Par. 12. (C) A rotar cominciò la santa mola. E 21. Girando sè come veloce mola.

6. Per Dentatura d'animale mostruoso. In Apul. e nella Volg. – Ar. Fur. 17. 59. (M.) Fu per gittarsi, dal dolor confuso, Spontaneamente al vorace orco in gola: E si mosse, e gli corse infino al muso, Nè fu lontano a gir sotto la mola.

7. Ruota da arrotare e affilare coltelli, e sim. Fir. Ruota ass. Cennin. Libr. Art. 49. (Fanf.) Poi va alla mola, e arruotala, e falla ben piana e pulita.

[Cont.] Agr. Geol. Min. Metall. 324. v. Le mole, che si fanno di quel primo sasso (arenario), si portano per lo fiume Visurgi;… egli è anco un'altra sorte di pietra molare. Zonca, Macch. 35. Mola che arruota, e rimettendone un'altra si brunisce.

[Cont.] Serve anche per consumare e foggiare vetro, corallo, e sim. Lana, Canoc. 181. Conviene contornarlo (il cristallo), e ritondarlo perfettamente prima con un ferro o forbice fatta a tale effetto, poi sopra la mola, o ruota, acciò venga ben tondo. Cons. mare, Entr. usc. XLVII. Pietre o mole fatte per lavorare il corallo.

8. [Cont.] Ruota che è sospesa e gira intorno ad un asse orizzontale impiantato in un albero verticale pur girevole, così che la mola abbia due moti di rotazione ad un tempo. Lauro, Agr. Col. 246. Rompi l'oliva con mola sospesa; dipoi, messa tra due dritte tavole o in nuovo sacco, premeralla co 'l torcolo. Spet. nat. III. 175. Quelle (ulive), che si destinano a far dell'olio, s'infrangono sotto la mola; si forma della lor polpa un pastone. E II. 182. Quei poveri schiavi,… s'attaccano alla stanga della mola; e lì a forza di braccia si fan maciullare le canne per ispremerne il sugo.

9. (Anat.) Per Rotella, Osso del ginocchio. Rucell. anat. 131. (M.) Quello (muscolo) che abbranca la mola ovvero la rotella del ginocchio, si inserisce per innanzi nel principio della gamba; ivi ha il ginocchio per legamento.
Mola - S. f. (Zool.) [Bell.] Mola o Pesce mola. Pesce della sezione dei Gimnodonti, il quale vive nel Mediterraneo, e di cui si mangiano le interiora. Da alcuni è detto Pesce luna, e da altri Bottazzo o Tamburo.
Mola - S. f. (Chir.) Massa di carne informe, insensibile, ora molle, ora più o meno dura, che si genera nell'utero in luogo del feto. È in Plin. – Cr. 1. 4. 10. (C) E spessamente si fa nella matrice una infertà, la quale è detta mola, quando nella matrice nasce carne, e bugiarda pregnezza. Circ. Gell. 6. 132. E voi, donne, ancora generate da voi qualche volta nella matrice un pezzo di carne, chiamata da' medici mola. [Val.] Cocch. Op. 3. 74. Evacuazioni uterine periodiche, gli aborti e le mole.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: moicana, moicane, moicani, moicano, moina, moine, moka « mola » molale, molali, molalità, molare, molari, molarità, molassa
Parole di quattro lettere: moka « mola » mole
Vocabolario inverso (per trovare le rime): motocarriola, sartiola, bestiola, viola, moviola, notiziola, pillola « mola (alom) » facciamola, lasciamola, vediamola, guardiamola, chiudiamola, leggiamola, dimentichiamola
Indice parole che: iniziano con M, con MO, iniziano con MOL, finiscono con A

Commenti sulla voce «mola» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze