Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «ove», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Ove

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Ovaio « * » Ovovia]
Parole bifronti [Ovattò « * » Par]
Giochi di Parole
La parola ove è formata da tre lettere, due vocali e una consonante.
È una parola bifronte, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (evo).
Divisione in sillabe: ó-ve. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: evo (rovesciamento).
Componendo le lettere di ove con quelle di un'altra parola si ottiene: +cra = acervo; +[dan, dna] = avendo; +ram = avremo; +bar = bavero; +abs = bavose; +cra = caverò; +can = cenavo; +cra = covare; +tac = covate; +dir = derivo; +don = devono; +dal = doleva; +dir = dovrei; +lev = evolve; +[far, fra] = favore; +gal = gelavo; +[adì, dai, dia] = ideavo; +del = ledevo; +gal = legavo; +alt = levato; +gli = levigo; +ani = nevaio; +tan = nevato; +nel = nevole; ...
Vedi anche: Anagrammi per ove
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: ave, ode, ohe, olé, ore, osé, uve.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: ava, avi, avo, dvd, eva, evi, evo, iva, ivi, uva.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: ve.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: bove, cove, dove, nove, over.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: lev.
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si può avere: voi.
Parole con "ove"
Iniziano con "ove": over, ovest, ovetti, ovetto, overlay, overcoat, overdose, overflow, oversize, ovettini, ovettino, overboost, overdrive, overnight, overbooking.
Finiscono con "ove": bove, cove, dove, dové, nove, giove, muove, nuove, piove, piové, prove, alcove, smuove, spiove, vedove, altrove, laddove, rimuove, ripiove, commuove, ipernove, promuove, centonove, millenove, tiraprove, ventinove, diciannove, trentanove, controprove, duemilanove, ...
Contengono "ove": dovei, dover, fovea, fovee, rover, coverà, coverò, dovere, doveri, dovete, doveva, dovevi, dovevo, novena, novene, novero, piovei, povera, povere, poveri, povero, rovere, roveri, roveti, roveto, coverai, coverei, dovemmo, dovendo, dovermi, ...
»» Vedi parole che contengono ove per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola di dà DoveI; in fa dà FoveA; in cra dà CoveRA (coverà); in pii dà PIoveI; in pro dà PoveRO; in crei dà CoveREI; in gira dà GIoveRA (gioverà); in giro dà GIoveRO (gioverò); in mure dà MUoveRE; in mura dà MUoveRA (muoverà); in muro dà MUoveRO (muoverò); in mute dà MUoveTE; in pira dà PIoveRA (pioverà); in piro dà PIoveRO (pioverò); in pite dà PIoveTE; in piva dà PIoveVA; in pivi dà PIoveVI; in pivo dà PIoveVO; in cremo dà CoveREMO; in crete dà CoveRETE; ...
Inserendo al suo interno stati si ha OstatiVE.
Lucchetti
Usando "ove" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: beo * = beve; dio * = dive; lao * = lave; neo * = neve; * evi = ovvi; pio * = pive; rio * = rive; belo * = belve; bevo * = bevve; calo * = calve; cero * = cerve; coro * = corvè; curo * = curve; laro * = larve; malo * = malve; molo * = molve; olio * = olive; * eolo = ovolo; paro * = parve; salo * = salve; ...
Cerniere
Usando "ove" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ciò = veci; * dio = vedi; * lao = vela; * neo = vene; * reo = vere; * rio = veri; * trio = vetri; * devio = vedevi; * licio = velici; * litio = veliti; * natio = venati; * leggio = veleggi.
Lucchetti Alterni
Usando "ove" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * aie = ovai; * vie = ovvi; * alee = ovale; * arie = ovari; * atee = ovate; over * = verve.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "ove" (*) con un'altra parola si può ottenere: bar * = bovare; con * = covone; * voi = ovovie; aeri * = aerovie; cast * = covaste; ersi * = erosive; fili * = filovie; mani * = manovie; * liti = oliveti; * vira = ovvierà; * viro = ovvierò; * vita = ovvietà; pian * = piovane; scii * = sciovie; ferri * = ferrovie; frane * = foraneve; * lilla = olivella; * virai = ovvierai; tagli * = tovaglie; * linite = olivenite; ...
Rotazioni
Slittando le lettere in egual modo si ha: sci, ira.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "ove"
»» Vedi anche la pagina frasi con ove per una lista di esempi.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Ove, Dove, In dove, Là dove - Ove è un po' più indeterminato, o accenna almeno a spazio più vasto; dove è più determinato, accennando a spazio circoscritto, almeno dalla mente: ove anderemo dopo morte? so dove sono quelli che io cerco: per altre l'eufonia determina meglio d'ogni altra cosa l'uso delle due voci, non ponendosi la prima dopo parola finiente in o. Là dove determina meglio ancora un preciso luogo, essendo che il là accenna proprio un luogo fisso: io men vado là dove mi chiama il dover mio. In dove segna un luogo di capienza come là dove un punto topografico o di superficie: in dove lo riporremo? in dove si è ficcato? [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Ove - Avverbio di luogo. Dove; e non pure di stato di luogo, ma anche fu usato per espressione di moto a luogo. I Lat. distinguevano Ubi da Quo o da Qua. Bocc. Nov. 3. g. 3. (C) Ove fostu stamane poco avanti al giorno? E nov. 1. g. 9. La notte era sì buja e sì oscura, che egli non potea discernere, ove s'andava. Fiamm. 3. 111. O figliuola, ove corri? qual furia ti sospinge?… ove vai tu? aspettami. Dant. Par. 2. Giunto mi vidi, ove mirabil cosa Mi torse 'l viso a sè. Petr. Son. 1. part. I. Ove sia chi per pruova intenda Amore, Spero trovar pietà, non che perdono. E 14. ivi. Vommene in guisa d'orbo senza luce, Che non sa, ove si vada, e pur si parte. Bemb. Rim. 17. Ecco ove giunse prima, e poi s'assise. Ove ne scorse, ove chinò le ciglia, Ove parlò Madonna, ove sorrise.

Nota uso. Fr. Jac. Cess. 128. (M.) Il costume di quelle femmine (di quel paese), ove i mariti andando alla battaglia menano al campo le mogli.

2. [Camp.] Per Là dove. D. 3. 29. Poi cominciò; io dico, e non dimando Quel che tu vuoi udir, perch'io l'ho visto Ove s'appunta ogni ubi ed ogni quando.

3. Usato in vece del relativo ne' casi obliqui. Fiamm. 1. 32. (C) Quanto inganno sotto sè quella pietà nascondeva, la quale… partiasi dal cuore, ove mai poi non ritornò, fittizia si mostrò nel suo viso. Petr. canz. 4. 6. part. I. Ch'assai ti fia pensar di poggio in poggio Come m'ha concio 'l foco Di questa viva petra, ov'io m'appoggio. Cr. 9. 68. 4. L'erba, ove sarà la brina, ovvero la pruina, genera loro infermitade. Dant. Inf. 2. Vegno di loco, ove tornar disio. Davanz. Perd. eloq., c. 4. (Gh.) Mi comanderà che, mandate sane le grette Muse litigatrici, ove io ho sudato d'avanzo, mi consagri a questa più santa ed eroica eloquenza. E c. 9. I versi e le canzoni, ove Materno vuol consumarsi la vita,… non danno a' loro autori onor nè utile.

4. Ove seguito nel contesto da un altro Ove, per In luogo ecc. In un altro ecc. Qua, ecc. Là, ecc. Fra Giord. Pred. ined. 2. 226. (Gh.) Sono dispersi per lo mondo ove uno, ove un altro.

5. Riferito a persona. Fav. Esop. M. 11. (M.) Lo semplice, che si fida, e non pon mente con deliberazione ov'egli (a cui egli) faccia la sua limosina,… Guitt. Lett. Rim. ant. (nota 461. Guitt. Lett.) Perchè d'alcuno modo lui parvente sia quella donna, ov'egli è intenditore (di cui è innamorato).

6. Riferito a scrittura, o a discorso. Vit. S. Gio. Batt. 263. (M.) Là ove io ho detto che Piero e Andrea fossono de' discepoli suoi, non l'ho detto perchè io lo sappia per fermo, ma pensomi…

7. Vale anche A tale età, Stato, che ecc. Petr. Son. 49. part. II. (M.) Pur vivendo veniasi ove deposto In quelle caste orecchie avrei, parlando, De' miei dolci pensier l'antica soma (procedendo negli anni, io sarei giunto a tale età, che senza sospetto avrei potuto raccontare a Laura le mie pene).

8. Di tempo coll'indicat. Dant. Purg. 31. (M.) La bella donna nelle braccia aprissi, Abbracciommi la testa, e mi sommerse; Ove convenne, ch'io l'acqua inghiottissi.

9. Per Quando, Ogni volta che. Bocc. Nov. 9. g. 10. (C) Che che di me s'avvenga, ove tu non abbi certa novella della mia vita, che tu m'aspetti un anno, ed un mese, ed un dì senza rimaritarti.

10. In vece di Purchè, Casochè, Con questo patto che. Bocc. Nov. 9. g. 2. (C) Ove voi mi vogliate di spezial grazia fare di punire lo 'ngannatore, e perdonare allo 'ngannato, io la farò qui in vostra, ed in loro presenza venire. E nov. 7. g. 3. E però quello che ti piace addomanda; chè senza fallo, ov'egli avvenga che io scampi, io lo serverò fermamente.

11. Per A rincontro di che, In cambio di che. Petr. Son. 34. part. I. (M.) Lagrime triste, e voi tutte le notti M'accompagnate, ov'io vorrei star solo. Bocc. Nov. 7. g. 8. Di tanto mi dolgo forte, che la 'nfermità del mio freddo col caldo del letame puzzolente si convenne curare, ove quella del tuo caldo col freddo dell'odorifera acqua rosa si curerà.

[T.] Ove è più prossimo che Dove al lat. Ubi, e più prossimo ancora l'U vivo nel Lucch., raro omai anco nel verso: e gli antichi avevano Du (V.). D. 3. 10. Ma il Du in quel luogo e in altri meglio scriverebbesi D'u; come il com. Dove in più luoghi il senso vorrebbe intendessesi e scrivessesi D'ove. V. DOVE, § 4, 5, 11. Senonchè, avendo l'uso moderno fatto prevalere il Dove all'Ove, se ne fecero perfino i modi Di dove, Da dove. V. DOVE, § 26 e 25. Ove, però, non è morto nel ling. parl. T. Ove sono stato una volta ci posso ritornare.

Col Là prep. T. D. Conv. 96. La terra, là ove il tesoro è nascoso.

II. A che, o A chi. [C. C.] Petr. Son. 189. part. I. Quello, ove questi aspira.

III. Fig., e nel principio del periodo. T. D. Conv. 267. Ov'è da sapere che… E 33. E 211. E 246. E 329. E il Machiav. Op. 6. 120. Dove, nel senso medesimo: corrisponde a E qui.

IV. Tra di luogo e di tempo. [Cors.] D. Conv. 1. 13. Il quale (sole) sorgerà ove l'usato tramonterà.

T. Di tempo col sogg., aff. a Quando, commutandosi le idee di luogo e di tempo, raggiunte nell'idea dello spazio. Ove non sappiano usar la vittoria, si perderanno da sè.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ovattifici, ovattificio, ovattino, ovattò, ovatto, ovazione, ovazioni « ove » over, overbooking, overboost, overcoat, overdose, overdrive, overflow
Parole di tre lettere: out « ove » ozi
Vocabolario inverso (per trovare le rime): volve, evolvé, evolve, devolve, ulve, fulve, vulve « ove (evo) » bove, cove, alcove, dove, dové, laddove, vedove
Indice parole che: iniziano con O, con OV, iniziano con OVE, finiscono con E

Commenti sulla voce «ove» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze