Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «ozio», il significato, curiosità, forma del verbo «oziare» sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Ozio

Forma verbale
Ozio è una forma del verbo oziare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di oziare.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Oziai « * » Oziò]
Giochi di Parole
La parola ozio è formata da quattro lettere, tre vocali e una consonante.
Divisione in sillabe: ò-zio. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: oziò.
Anagrammi
Componendo le lettere di ozio con quelle di un'altra parola si ottiene: +tan = antozoi; +tac = azotico; +dir = idrozoi; +pin = opzioni; +psi = ospizio; +[dan, dna] = oziando; +can = ozonica; +con = ozonico; +rna = raziono; +alt = tiazolo; +tap = topazio; +col = zoolico; +gol = zoologi; +spa = zoopsia; +[capi, paci, pica] = apocizio; +[anna, nana] = azionano; +[anta, nata, tana] = azionato; +vana = azionavo; +[nera, rane, rena] = azionerò; ...
Vedi anche: Anagrammi per ozio
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: odio, olio, ozia.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: zio, ozi.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: ozino.
Parole con "ozio"
Iniziano con "ozio": oziosa, oziose, oziosi, ozioso, oziosità, oziorinco, oziosacce, oziosacci, oziosetta, oziosette, oziosetti, oziosetto, oziorinchi, oziosaccia, oziosaccio, oziosaggine, oziosaggini, oziosamente.
Finiscono con "ozio": prozio, negozio, negoziò, equinozio, rinegozio, rinegoziò, sclerozio, sacerdozio.
Contengono "ozio": lozione, lozioni, mozione, nozione, nozioni, pozione, pozioni, adozione, adozioni, emoziona, emozione, emozioni, emoziono, emozionò, decozione, decozioni, devozione, devozioni, emozionai, nozionale, nozionali, rimozione, rimozioni, commozione, emozionale, emozionali, emozionano, emozionare, emozionata, emozionate, ...
»» Vedi parole che contengono ozio per la lista completa
Parole contenute in "ozio"
ozi, zio.
Lucchetti
Usando "ozio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: ano * = anzio; lao * = lazio; pio * = pizio; indio * = indizio; luteo * = lutezio; stano * = stanzio; divoro * = divorzio; patrio * = patrizio; distano * = distanzio.
Lucchetti Riflessi
Usando "ozio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: lazzo * = lazio; marzo * = mario; pizzo * = pizio; renzo * = renio; terzo * = terio; vizzo * = vizio; spazzo * = spazio; vitalizzo * = vitalizio; pastorizzo * = pastorizio; generalizzo * = generalizio.
Cerniere
Usando "ozio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * neo = zione.
Lucchetti Alterni
Usando "ozio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: coro * = corozi; nego * = negozi; * ateo = oziate; equino * = equinozi.
Sciarade incatenate
La parola "ozio" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: ozi+zio.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "ozio" (*) con un'altra parola si può ottenere: cane * = coazione; cani * = coazioni; * rane = orazione; * vane = ovazione; * vani = ovazioni; * arno = oziarono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "ozio"
»» Vedi anche la pagina frasi con ozio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Amo l'ozio, stare sul divano, dormire sino a tardi al mattino.
  • Non sopporto e mi deprime passare le giornate nell'ozio assoluto.
Proverbi
  • L'ozio è il padre di tutti i vizi.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Quiete, Requie, Ozio, Riposo, Inazione, Tranquillità, Pace, Calma - Ha Ozio chi ha tempo di molto da stare senza far nulla, più che ad onesto riposo convengasi. - L'Inazione può essere cagionata sia da ozio che da riposo; non è mai assoluta se si tratta di ente che si muova per virtù propria, come l'uomo, l'animale; ma si dice di questi che stanno nell'inazione, quando non agiscono per il fine a cui devono tendere, o almeno per un nobile fine qualunque. - Requie è più di Riposo, per l'idea forse del Riposo eterno della tomba a cui si suole accompagnar l'uomo appunto con un Requiem. La Quiete vien dopo l'agitazione fisica o morale. - Tranquillità non importa così necessariamente quest'idea anteriore. La Tranquillità fisica dipende in gran parte dal temperamento; la morale, dalla coscienza del diritto e dalla verità e giustizia della propria causa. Il giusto posa tranquillo in Dio dell'avvenire suo. - La Calma viene dopo la tempesta, la Pace dopo la guerra: la Calma può essere tutta dell'animo, perciò nostra, intima, individuale; la pace si riferisce anco alle persone che ci stanno attorno, alla famiglia agli amici. Vivere in pace con tutti, si dice più sovente che Vivere in pace con noi stessi; abbenchè, se personifichiamo le nostre passioni, vediamo essere anche esse acerrimi nemici i quali c'innovano guerra quasi continua. (Zecchini). [immagine]
Ozio, Oziosità, Oziosaggine - Ozio è lo stato di chi sta senza far nulla, o per riposarsi dalle fatiche, o per aborrimento al lavoro. - Oziosità, che è la qualità astratta di Ozioso, è la viziosa inclinazione all'ozio, ed altresì il fare o dir cose di niuna utilità col solo fine di passar il tempo; e anche quelle cose pigliano il nome di Oziosità: «Certi discorsi accademici sono vere oziosità;» cioè cose da gente oziosa. Ozio è la consuetudine viziosa dell'aborrimento allo studio e al lavoro. - [Ozio può talora, massime nella lingua scritta, avere buon senso, come di Riposo dal lavoro, e anche Tempo libero da cure più urgenti e più continue per darsi ad altre, e quindi anche Agio. - «Ancora se' tu a tempo di farti dotto con facilità, avendo e principii, e maestro, e ozio, e ingegno. » (Casa). - «Aveano ozio e sicura pace.» (Idem). - «Godersi gli ozii della pace - gli ozii campestri - autunnali.»

«Altri dormîro ed altri stêr vegghianti,
Compartendo tra lor gli ozii e gli studii.»
Ariosto.


Oziosità è sempre Ozio vizioso; Oziosaggine suona anche maggior biasimo, dicendo Ozio più prolungato e più vuoto; ma non si userebbe come Oziosità nel senso di Cose oziose secondo l'esempio del Fanfani. G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Quiete, Requie, Ozio, Riposo, Inazione, Tranquillità, Pace, Calma - Ha ozio chi ha tempo di molto da stare senza far nulla, più che ad onesto riposo convengasi: l'inazione può essere cagionata sia da ozio che da riposo; non è mai assoluta se si tratta di ente che si muova per virtù propria, come l'uomo, l'animale; ma si dice di questi che stanno nell'inazione quando non agiscono per il fine a cui devono tendere o almeno per un nobile fine qualunque. Requie è più di riposo, per l'idea forse del riposo eterno della tomba a cui si suole accompagnar l'uomo appunto con un requiem. La quiete vien dopo l'agitazione fisica o morale; tranquillità non importa così necessariamente quest'idea anteriore; la tranquillità fisica dipende in gran parte dal temperamento; la morale, dalla coscienza del diritto e dalla verità e giustizia della propria causa: il giusto posa tranquillo in Dio dell'avvenire suo. La calma vien dopo la tempesta, la pace dopo la guerra: la calma può essere tutta dell'animo, perciò nostra, intima, individuale; la pace si riferisce anco alle persone che ci stanno attorno, alla famiglia, agli amici: vivere in pace con tutti si dice più sovente che vivere in pace con noi stessi; abbenchè, se personifichiamo le nostre passioni, vediamo essere anche esse acerrimi nemici i quali c'innovano guerra quasi continua. [immagine]
Sfaccendato, Disoccupato, Ozioso, Inerte, Pigro, Scioperato, Poltrone, Infingardo, In ozio, Accidioso; Scioperatezza, Scioperataggine, Pigrezza, Pigrizia, Poltronaccio, Poltroncione - Lo sfaccendato naturalmente è quello che non ha più faccende, che non ha più da fare, o che non vuole più far nulla; il disoccupato non ha proprio più occupazione, e molte volte ben suo malgrado: tanti sono i disoccupati in cerca di lavoro e d'impiego, che degli sfaccendati d'abitudine non si tien più conto. L'ozioso non vuol lavorare, e direi quasi che alla lunga non può più: la pessima abitudine dell'ozio snerva l'anima e l'uccide; uccide però le buone sementi e fa sviluppare portentosamente le cattive; così nell'acqua marcida, nel fango sgusciano fuori mostruosi, schifosi insetti. L'inerte pare non possa muoversi; la materia in lui incatena lo spirito, il corpo è di piombo, e l'anima, debilissimo spirito, a smuoverlo menomamente non vale. Il pigro è lento a muoversi; dice però meno che inerte; il poltrone non vuol muoversi: dice meno ancora: al poltrone è caro il dolce far niente; al pigro ripugna il lavoro; all'inerte è quasi impossibile lo scuotersi. L'infingardo infinge, come dicemmo, di non sapere, di non potere per non darsi brighe e crucci da cui abborre; l'accidioso, in genere, è colui che fa, parla, opera ogni cosa mal volentieri: obbligato a fare, fa male e di mala grazia, e in onta di chi lo costringe ad operare; a tutti costoro piace meglio stare in ozio che decorosamente, onestamente occuparsi. Poltronaccio, peggiorativo; poltroncione, accrescitivo di diminutivo; come a dire più che poltroncino: vocaboli però che tanto valgono quanto il suono della voce, l'atto ecc. li fa significare, cioè molto o assai più poco che non pare. Scioperato, quasi chi sciupa il tempo e l'opera: la scioperatezza è il vizio suo; chè più invecchiato dicesi con vocabolo dispregiativo scioperataggine; il che potrebbe anche far credere, come per altre parole cadenti similmente in queste due desinenze, che il primo avesse da indicare atto particolare; il secondo abito. [immagine]
Ozio, Oziosaggine, Oziosità, Ozii - Ozio, il padre dei vizii; oziosità, lo stato dell'ozioso; oziosaggine, la pigrizia, la mala voglia, e proprio il vizio dell'ozioso. Stare all'ozio è non lavorare, non occuparsi in qualche cosa, potendolo fare: poltrire nell'oziosità, compiacersi nell'oziosaggine è di chi ha perduto ogni idea della missione dell'uomo; egli è per ciò che in questo stato si degrada, abbruttisce. Ozio per tempo è usato: così ozii, per agi, riposi; o i temporanei della villeggiatura e delle vacanze dopo il lavoro dell'anno; o quelli della vecchiaia dopo di avere speso nel lavoro tutta la vita: in quest'ozio, o in questi ozii l'uomo che ha sempre lavorato, dall'occupazione totalmente non cessa; ma o studia, o insegna, o si crea un qualche che da fare: onde la mente e le forze del corpo trovino un uffizio e un geniale alimento. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ozieremmo, ozieremo, oziereste, ozieresti, ozierete, ozierò, ozino « ozio » oziorinchi, oziorinco, oziosa, oziosacce, oziosacci, oziosaccia, oziosaccio
Parole di quattro lettere: ozia « ozio » pace
Vocabolario inverso (per trovare le rime): annunziò, annunzio, preannunziò, preannunzio, pronunziò, pronunzio, internunzio « ozio (oizo) » sacerdozio, negozio, negoziò, rinegozio, rinegoziò, equinozio, sclerozio
Indice parole che: iniziano con O, con OZ, iniziano con OZI, finiscono con O

Commenti sulla voce «ozio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze