Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «pare», il significato, curiosità, forma del verbo «parere» sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Pare

Forma verbale
Pare è una forma del verbo parere (terza persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di parere.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola pare è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (era), un bifronte senza coda (rap).
Divisione in sillabe: pà-re. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: apre (spostamento di una lettera), arpe (spostamento di una lettera), pera (scambio di vocali), rape (scambio di consonanti).
Componendo le lettere di pare con quelle di un'altra parola si ottiene: +oda = adopera; +[dio, odi] = adoperi; +odo = adopero; +[tau, tua] = apature; +ani = apirena; +nei = apirene; +noi = apireno; +voi = apivore; +[amo, moa] = aporema; +mio = aporemi; +spa = apparse; +pro = apporre; +spa = appresa; +pos = appreso; +don = aprendo; +tai = apriate; +noi = arpione; +gas = asperga; +sos = asperso; +cra = caparre; ...
Vedi anche: Anagrammi per pare
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bare, care, dare, fare, gare, lare, mare, pace, pale, pane, para, pari, paro, paté, pavé, pere, pure, rare, tare.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bara, bari, baro, barò, cara, card, cari, caro, dark, darà, darò, fard, fari, faro, farà, farò, gara, hard, kart, lari, laro, mari, marò, rara, rari, raro, sara, sari, sarà, sarò, tara, tari, taro, tarò, vara, vari, varo, varò, yard, zara.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: par.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: padre, parei, pareo, parie, parse, parte, parve, paure.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: aera, cera, mera, nera, pera, sera, vera.
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si possono ottenere: rapa, rape, rapi, rapo, rapì.
Testacoda
Togliendo la lettera iniziale e aggiungendone una alla fine si ottengono: area, aree, arem.
Parole con "pare"
Iniziano con "pare": parei, pareo, pareli, parerà, parere, pareri, parerò, paresi, parete, pareti, pareva, parevi, parevo, pareggi, parelio, paremia, paremie, paremmo, parendo, parente, parenti, parerai, parerei, paresse, paressi, pareste, paresti, paretai, parecchi, pareggia, ...
Finiscono con "pare": appare, bipare, dopare, lupare, pepare, pupare, rapare, campare, compare, crepare, gaspare, lampare, lappare, mappare, ovipare, palpare, pappare, pompare, poppare, pulpare, raspare, ruspare, salpare, scopare, stipare, tappare, tarpare, toppare, unipare, volpare, ...
Contengono "pare": sparerà, sparerò, imparerà, imparerò, riparerà, riparerò, separerà, separerò, spareggi, sparendo, sparente, sparerai, sparerei, apparendo, apparenta, apparente, apparenti, apparento, apparentò, apparenza, apparenze, comparerà, comparerò, emiparesi, imparerai, imparerei, preparerà, preparerò, riparerai, riparerei, ...
»» Vedi parole che contengono pare per la lista completa
Parole contenute in "pare"
par. Contenute all'inverso: era, rap.
Incastri
Inserito nella parola sera dà SEpareRA (separerà); in emisi dà EMIpareSI.
Inserendo al suo interno app si ha PappARE; con est si ha PARestE; con gol si ha PARgolE; con tir si ha PARtirE; con sto si ha PAstoRE; con est si ha PestARE; con gaia si ha PAgaiaRE; con lesa si ha PAlesaRE; con erme si ha PermeARE; con oggi si ha PoggiARE; con remi si ha PremiARE; con scola si ha PAscolaRE; con reggia si ha PAreggiaRE; con estesi si ha PARestesiE; con rocchi si ha PARrocchiE; con alpeggi si ha PalpeggiARE; con raffina si ha PAraffinaRE; con atteggi si ha PatteggiARE; con osteggi si ha PosteggiARE; con archeggi si ha ParcheggiARE; ...
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "pare" si può ottenere dalle seguenti coppie: pacata/catare, pace/cere, paesiste/esistere, paga/gare, pago/gore, pagode/godere, pala/lare, palato/latore, palette/lettere, paletto/lettore, pali/lire, pane/nere, papati/patire, papesca/pescare, papilla/pillare, pascià/sciare, pascola/scolare, pasta/stare, pastella/stellare, pastiglia/stigliare, pasto/store...
Usando "pare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: arpa * = arre; cupa * = cure; nepa * = nere; * relè = pale; * rene = pane; * reni = pani; * rete = paté; * reti = patì; pepa * = pere; pupa * = pure; rapa * = rare; tapa * = tare; cappa * = capre; coppa * = copre; gip * = giare; * reggi = paggi; * renda = panda; * renna = panna; * renne = panne; * eco = parco; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "pare" si può ottenere dalle seguenti coppie: paga/agre, pagella/allegre, papa/apre.
Usando "pare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erga = paga; * ergo = pago; * erte = paté; * erti = patì; * ernia = pania; * ernie = panie; * errai = parai; * ergano = pagano; * ernica = panica; * ernici = panici; * ernico = panico; * errano = parano; * errare = parare; * errata = parata; * errate = parate; * errati = parati; * errato = parato; * errava = parava; * erravi = paravi; * erravo = paravo; ...
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "pare" si può ottenere dalle seguenti coppie: nepa/rene, stipa/resti, tipa/reti.
Usando "pare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: rene * = nepa; * nepa = rene; * tipa = reti; reti * = tipa; * cap = areca; * rap = arerà; * stipa = resti; resti * = stipa.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "pare" si può ottenere dalle seguenti coppie: pacata/recata, pacate/recate, pacati/recati, pacato/recato, pachino/rechino, pagata/regata, paggi/reggi, paggio/reggio, pagina/regina, pagine/regine, paginetta/reginetta, paginette/reginette, pale/relè, panato/renato, panda/renda, pandano/rendano, pane/rene, pani/reni, panna/renna, panne/renne, passa/ressa...
Usando "pare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: arre * = arpa; cure * = cupa; nere * = nepa; * cere = pace; * gore = pago; * lire = pali; * nere = pane; * vere = pavé; pere * = pepa; pure * = pupa; par * = arare; capre * = cappa; copre * = coppa; * aie = parai; * vie = parvi; * store = pasto; serre * = serpa; * godere = pagode; * latore = palato; * patire = papati; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "pare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ti = patrie; si * = spiare; coi * = copiare; lui * = luparie; * don = padrone; * gal = pagarle; pii * = pipiare; * odi = podarie; sai * = spaiare; san * = spanare; sir * = sparire; sir * = spirare; sos * = sposare; apri * = apparire; dina * = dipanare; echi * = eparchie; iman * = impanare; * peon = paperone; * arto = paratore; * artù = parature; ...
Frasi con "pare"
»» Vedi anche la pagina frasi con pare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • A prima vista mi pare che tu abbia sempre ragione!
  • Fai sempre come ti pare, tanto la vinci immancabilmente tu!
Citazioni
  • Il sonetto del sommo poeta Dante Alighieri, contenuto nel XXVI capitolo della Vita Nova, scritta nel 1283, recita: "Tanto gentile e tanto onesta pare la donna mia, quand'ella altrui saluta, ch'ogne lingua devèn, tremando, muta, e li occhi no l'ardiscon di guardare".
  • L'11 settembre 2013, il quotidiano la Repubblica, riportando le dichiarazioni di Ivano Bosco, segretario della Camera del Lavoro di Genova, sulla vicenda della banca Carige, scrive: "Pare che il problema sia solo quello della governance, che è importante, ci mancherebbe altro, ma non è esclusiva".
Proverbi
  • Rosso e giallaccio pare bello ad ogni faccia, verde e turchino si deve essere più che bellino.
  • Chi tutti sprezza, offende, insulta e sfida, pare che vada cercando uno che l'uccida.
Canzoni
  • Ogni volta che mi pare (Cantata da: Alberto Feri; Anno 1973)
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Talento (a), A piacere, A voglia, A volontà; A modo, Secondo il modo; Come vi piace, A vostro piacere, Come mi pare, Come mi piace - A talento si riferisce meglio all'idea, alla persuasione; a piacere, meglio al senso; a voglia, meglio al desiderio; a volontà, meglio al volere assoluto: quest'ultimo è più dispotico; il primo lo è forse altrettanto ma è temperato da una certa ragionevolezza almeno apparente; il secondo è più libero o almeno più arbitrario; il terzo più dubbioso, irresoluto come il desiderio appunto che per troppo abbracciare nulla viene a stringere: il padre dispone a suo talento delle cose riguardanti la famiglia; il figlio, a piacer suo e del tempo, e del danaro consacrato a' suoi divertimenti; le cose però non riescono mai pienamente a voglia dell'uno nè dell'altro, perchè far proprio e assolutamente a sua volontà a questo mondo è dato a nessuno, meno in qualche caso speciale. Fare a modo vale con buona grazia, senza sciupare o guastare; fare secondo il modo vale ora, secondo le regole prestabilite, ora, secondo le circostanze che le modificano: fate a modo, a modino, cioè bel bello, e riuscirete. Come vi piace è concessione più generale; a vostro piacere è più speciale e del caso; la prima può essere anche espressione di dispetto, ovvero anche di convenienza; l'altra mi pare e più sincera e più cordiale: fate come vi piace, dirà serio e brusco un padre a quel figlio che non vuol cedere a preghiere, a ragionamenti; fate a vostro piacere, cioè servitevi, accomodatevi di quel poco che c'è, ma di buon cuore, dirà chi mette sè e la casa sua a disposizione dell'amico. Come mi pare significa, secondo la penso, o la vedo, o la capisco: chi fa come gli pare può avere, anche nel fallare, una scusa. Come mi piace, vale secondo il mio comodo, il voler mio, il capriccio; però da sè, come troppo dispotico, dirò così, questo modo non è molto usitato, e si corregge o si convalida con l'altro dicendosi ordinariamente: faccio come mi pare e piace. [immagine]
Quel che voglio, Quel che mi pare - È o pare naturale di volere quello che piace; ma pur troppo sono le volte che piace quello che non si può volere, o che si vuole ciò che piacere non dovrebbe. Quello che pare talvolta non è; eppure il senso illuso, o l'amor proprio incaponito in una cosa fanno piacere e volere cosa o non bella o non giusta; ed è frequente assai la protesta così concepita: voglio fare quel che mi pare e piace. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: parchettisti, parchi, parchimetro, parco, pardaloti, pardaloto, pardon « pare » parecchi, parecchie, parecchio, pareggerà, pareggerai, pareggeranno, pareggerebbe
Parole di quattro lettere: para « pare » pari
Vocabolario inverso (per trovare le rime): sottolunare, interlunare, cislunare, translunare, accomunare, abbrunare, importunare « pare (erap) » decapare, rapare, derapare, assiepare, pepare, impepare, crepare
Indice parole che: iniziano con P, con PA, iniziano con PAR, finiscono con E

Commenti sulla voce «pare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze