Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «peculio», il significato, curiosità, anagrammi, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Peculio

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola peculio è formata da sette lettere, quattro vocali e tre consonanti.
Anagrammi
peculio si può ottenere combinando le lettere di: può + [celi, cile, elci]; più + celo; [pio, poi] + luce; [ilo, oli] + cupe; poe + luci; [leu, lue] + copi; [lupe, pule] + [ciò, coi]; olé + cupi; pie + [clou, culo]; [ile, lei] + cupo.
Componendo le lettere di peculio con quelle di un'altra parola si ottiene: +[tar, tra] = apicolture; +[tar, tra] = apicultore; +bar = bruciapelo; +san = casupoline; +tav = copulative; +[eta, tea] = leucopatie; +[abc, cab] = occupabile; +tir = pleuritico; +mas = speculiamo; +[arto, atro, rota, ...] = copulatorie; +zona = copulazione; +aids = diploacusie; +[alti, lati, tali] = eucaliptoli; +[alto, lato] = eucaliptolo; +sala = leucoplasia; +[elsa, lesa, sale] = leucoplasie; +slat = leucoplasti; +soie = leucopoiesi; ...
Vedi anche: Anagrammi per peculio
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: peculi.
Altri scarti con resto non consecutivo: peci, peli, pelo, pulì, elio, culo.
Parole contenute in "peculio"
culi, peculi. Contenute all'inverso: luce.
Intarsi e sciarade alterne
"peculio" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: pelo/cui, pulì/eco.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
† Peculio - e † PECUGLIO. S. m. Mandria, Gregge, Bestiame. Cr. 9. 68. 2. (C) Portano i pastori con seco i graticci, ovvero le reti, e tutte l'altre masserizie, con le quali dividono i pecugli delle pecore. Dant. Purg. 27. E quale il mandrian, che fuori alberga, Lungo 'l pecuglio suo queto pernotta, Guardando, perchè fiera non lo sperga,… Libr. Maccab. M. Quivi stettono eglino e le loro donne, e lo loro pecuglio. Ott. Com. Par. 3. 40. Le pecorelle seguono le vestigia delle prime del suo peculio, così faceano quelle anime; e come addiviene per alcuno accidente, che le prime pecorelle del pecuglio s'arrestano, e l'altre… Agn. Pand. 34. Darei modo d'avere possessione…, ove facessi allevare pecugli, polli, colombi, e ancora pesci.

2. † E fig. Di greggia spirit. Dant. Purg. 11. (C) Ma 'l suo peculio di nuova vivanda È fatto ghiotto sì, ch'esser non puote Che per diversi salti non si spanda. But. ivi: Ma 'l suo peculio, cioè li suoi frati (di san Domenico). [Camp.] Bib. Esod. 19. Se voi adunque udirete la boce mia, e guarderete lo patto mio, a me sarete il peculio di tutti li popoli (cioè, la parte più diletta).
Peculio - S. m. T. Proprietà di beni. Aureo lat. Perchè la prima ricchezza fu degli animali nutriti perchè nutriscano. Quindi nelle prime monete impressa una pecora; che rimase stampata in tutta la civiltà. Virg. Nec spes libertatis erat nec cura peculi. – Un grosso peculio. – Con tenue peculio.

Aver fatto un po' di peculio, si dice generalmente dell'Avere coll'industria raunato alquanto di pecunia. (Fanf.)

Fig. [G.M.] Segner. Crist. Instr. 2. 7. 3. L'ira di Dio non cresce mai nella sua essenza; cresce sol ne' suoi effetti; i quali sono ora più ampi, ora meno, secondo il peculio dei meriti accumulati.

(Leg.) [Can.] Peculio, si dice la sostanza della quale il figlio di famiglia ha la sola amministrazione o la sola proprietà, o l'una e l'altra insieme. Varie erano presso i Romani le specie di peculio, secondo la varia fonte per cui si acquistavano al figlio di famiglia. Anche i servi avevano il loro peculio. [Val.] Fortig. Ricciard. 6. 113. Ond'è che grave non mi par che sia… Se poco peculio m'è restato. [G.M.] Fag. Commed. Con notabil danno del mio peculio.

Peculio castrense. Rosm. Fil. del Dir. vol. 1. p. 604. not. della p. 603. Il primo peculio che si riconoscesse presso i Romani fu quello che si disse castrense, e formavasi da ciò che donavano i parenti o cognati a chi stava militando, e da ciò che lo stesso figliuolo di famiglia s'acquistava durante la milizia, nè si sarebbe acquistato se militato non avesse, come dice Pomponio (Dig. L. XLIX. tit. XVII. leg. II.).

Maestruzz. 2. 11. 5. (C) Questo medesimo è de' servi, de' religiosi, e de' figliuoli, che non hanno peculio castrense. E 2. 28. 2. L'uno si è peculio, il quale è detto castrense, quando da' parenti, o da altre persone si dona alcuna cosa per cagione di cavalleria, ovvero che egli se l'acquista nella cavalleria.

Peculio quasi castrense. Rosm. Fil. del Dir. v. I. p. 604. not della p. 603. Venne appresso il peculio quasi castrense, quello che s'acquistava il figlio nella milizia palatina o togata, a somiglianza del peculio militare, secondo la definizione d'Ulpiano (Dig. L. XXXVII. tit. VI. leg. 1. e tit. I. leg. 3.).
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: pectine, peculati, peculato, peculi, peculiare, peculiari, peculiarità « peculio » pecunia, pecuniari, pecuniaria, pecuniariamente, pecuniarie, pecuniario, pedaggi
Parole di sette lettere: pectine « peculio » pecunia
Vocabolario inverso (per trovare le rime): diavolio, scodinzolio, ampliò, amplio, enoplio, nauplio, metanauplio « peculio (oilucep) » giulio, tulio, mio, lamio, epitalamio, wolframio, cadmio
Indice parole che: iniziano con P, con PE, iniziano con PEC, finiscono con O

Commenti sulla voce «peculio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze