Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «prodigo», il significato, curiosità, forma del verbo «prodigare» aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Prodigo

Forma verbale
Prodigo è una forma del verbo prodigare (prima persona singolare dell'indicativo presente). Vedi anche: Coniugazione di prodigare.
Aggettivo
Prodigo è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: prodiga (femminile singolare); prodighi (maschile plurale); prodighe (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di prodigo (dissipatore, spendaccione, scialacquatore, dilapidatore, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola prodigo è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: prò-di-go. È un trisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Parole con la stessa grafia, ma accentate: prodigò.
Anagrammi
prodigo si può ottenere combinando le lettere di: gip + [doro, rodo]; grip + odo.
Componendo le lettere di prodigo con quelle di un'altra parola si ottiene: +[dan, dna] = prodigando; +[sai, sia] = prodigiosa; +sei = prodigiose; +sii = prodigiosi; +osi = prodigioso; +tre = progredito; +[seta, tesa] = gasteropodi; +[nato, nota, onta] = gonadotropi; +nega = padroneggio; +nega = peggiorando; +[neri, reni] = perdigiorno; +lenì = prediligono; +vana = prodigavano; +tilt = proglottidi; +[arem, arme, erma, ...] = progrediamo; +inni = ridipingono; +sten = sporgendoti; +[ansie, asine, esani, ...] = dispiegarono; +[esiga, segai] = iperdosaggio; +ressa = prodigassero; +[massi, sisma] = prodigassimo; +tiasi = prodigiosità; +panna = propagandino; ...
Vedi anche: Anagrammi per prodigo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: prodiga, prodigi.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: podio, podi, pigo, rodio, rodo, rogo, rigo, odio.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: prodigio.
Parole contenute in "prodigo"
odi, pro, rodi, prodi.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "prodigo" si può ottenere dalle seguenti coppie: prore/redigo, prodieri/erigo, prodiero/erogo, prodine/nego.
Usando "prodigo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ohe = prodighe; * ohi = prodighi.
Lucchetti Alterni
Usando "prodigo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: prodigio * = giogo; * redigo = prore; * nego = prodine; * erogo = prodiero; * giogo = prodigio; * ateo = prodigate; * avio = prodigavi; * astio = prodigasti.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "prodigo" (*) con un'altra parola si può ottenere: * arno = prodigarono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "prodigo"
»» Vedi anche la pagina frasi con prodigo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Nella Bibbia puoi leggere la parabola del figliol prodigo.
  • Quando mi prodigo tra i fornelli, riesco a creare degli ottimi piatti.
  • Il mio amico è un'ottima persona ed è sempre prodigo di buoni consigli.
Proverbi
  • A padre avaro figliuol prodigo.
Espressioni e Modi di Dire
  • Figliol prodigo
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Prodigo, Dissipatore - Il Prodigo spende e spande, dona a questo e a quello senza pensare a risparmii. - Il Dissipatore spende dissennatamente e senza misura, dando fondo alle sue facoltà. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Prodigo, Profuso, Scialacquatore - Prodigo, l'uomo che dà, che spende senza una giusta misura; non è affatto scialacquatore, ma ne ha in sè un elemento. Profusa è la cosa che troppo si spande o dura; il prodigo, lo scialacquatore profondono i loro averi perchè li spandono qua e là, e durano in questo negozio finchè ne hanno: profuso è il discorso che dura più che ragionevolmente convengasi. [immagine]
Dissipare, Dilapidare, Prodigare, Prodigalizzare, Disperdere, Profondere, Scialacquare, Gettar via; Dissipatore, Prodigo - In dissipare è l'idea di diradare (quasi dissiepare); è far sì che i componenti di un tutto si allontanino gli uni dagli altri, e che perciò la cosa più non esista, come ente che abbia unità e forma propria. In disperdere quest'idea prende un carattere di perseveranza; si dissipano anche gli avanzi, i frantumi, sempre dividendoli in più minuti pezzi e facendoli aberrare gli uni dagli altri; onde ben progredisce il pensiero dicendo: si dissipa e si disperde. Profondere è vedere il fondo d'un tesoro, per esempio, e gettarlo, come da pazzo, in un abisso senza fondo, come sarebbe lo stravizzo, il giuoco: la prima idea però, quella cioè di vedere il fondo a cosa quasi inesauribile, è più latente nella parola. In dilapidare è l'idea di guastare, sconnettere; è più guastare che spendere. In prodigare è l'idea di dar via (do, das, dare), di essere liberale più che nol comportano le forze, la ragione; prodigalizzare è la stessa cosa; forse un po' più. Scialacquare è dissipar come l'acqua, dice Tommaseo; io soggiungo che mi pare comprendere anche l'idea di scialo, di allegria; onde lo scialacquare sarebbe spendere, dissipare allegramente o a dir meglio pazzamente. Gettar via non ha bisogno di commenti; è uno spendere così malamente il suo, che tanto varrebbe il gettarlo. Dissipatore ha sempre mal senso; prodigo può anche essere buono o almeno misto, perchè pare che il prodigo abbia da avere buon cuore. [immagine]
Generoso, Liberale, Benefico, Magnanimo, Largo, Prodigo, Elemosiniere, Splendido - Liberale, chi non esita a dare, a spendere in ogni circostanza: generoso, chi paga largamente, chi dà per Dio senza spilorceria: benefico, chi fa del bene in ogni modo, ma specialmente nel far limosina del suo: il liberale dà per impulso di natura; il generoso, per grandezza d'animo; il benefico, per amore della carità, per tenerezza verso i fratelli infelici. Una generosità tutta speciale si è quella di perdonare le ingiurie ricevute e non vendicarsene potendo. La generosità è una delle doti del magnanimo; ma questi non solo nel dare, nel perdonare, grandemente opera, ma in ogni cosa che fa, agisce con un disinteresse, con una confidenza tale, che dà a divedere di non temere l'inganno, la frode, la malizia; basse passioni tutte ch'egli crede indegne dell'uomo. Largo, nel dare e più nel promettere; se quest'ultimo non è fatto con malizia e per ingannare può essere difetto, ma proveniente da cuor grande, da innata magnanimità e liberalità di sentimenti. Splendido è chi spende, dà, vive con isfarzo, che fa molto per l'apparenza, e più forse che la grettezza naturale, o il censo, o la prudenza non vorrebbero. Il prodigo dà nell'eccesso; non ispende, spreca; non dà, getta; nella prodigalità smodata è pazzia, o almeno insania. L'elemosiniere dà molto in elemosine: se non ha obblighi più stretti verso figli o nipoti, se fa l'elemosina a chi è povero veramente o inabile al lavoro, l'elemosiniere è una provvidenza in terra; se la fa per ostentazione, se la prepone a doveri più stretti, è anch'egli un pazzo borioso, e l'elemosina non gli sarà computata. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Prodigo - e † PRODICO, Agg. Aff. al lat. aur. Prodigus. Che dà e spende eccessivamente, Scialacquatore. Tes. Br. 6. 34. (C) Colui, che dispende le cose come non dee, si è detto prodigo. Lab. 139. Sole le indovine, le lisciatrici, le mediche, e' frugatori, che lor piacciono, le fanno non cortesi, ma prodighe.

T. Prov. Tosc. 48. A padre avaro, figliuol prodigo.

La nota parabola del Vang. Pass. 33. (M.) Anche di quello figliuolo prodigo, e sviato, che ritornò al padre. Bus. 234. Il re Giovanni in larghezza prodico più che altro re de' Cristiani. E 238. Era molto prodico senza misura.

2. T. Fig. Prodigo della vita, del sangue proprio, dell'altrui. Sebbene Orazio Animaeque magnae Prodigum, meglio non l'usare in senso di bene. – Prodigo di parole. – Prodigo e della propria felicità e dell'altrui.

3. E a modo di sost. Guicc. Avvert. 43. (Man.) Piace senza dubbio più un principe che abbia del prodigo, che non ch'abbia dello stretto.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: prodigio, prodigiosa, prodigiosamente, prodigiose, prodigiosi, prodigiosità, prodigioso « prodigo » prodina, prodine, proditore, proditori, proditoria, proditoriamente, proditorie
Parole di sette lettere: prodigi « prodigo » prodina
Lista Aggettivi: prodigio, prodigioso « prodigo » prodotto, produttivo
Vocabolario inverso (per trovare le rime): fuggo, rifuggo, sfuggo, struggo, distruggo, bigo, redigo « prodigo (ogidorp) » pemfigo, obbligo, obbligò, riobbligo, riobbligò, prediligo, pigo
Indice parole che: iniziano con P, con PR, iniziano con PRO, finiscono con O

Commenti sulla voce «prodigo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze