Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «ritto», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Ritto

Aggettivo
Ritto è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: ritta (femminile singolare); ritti (maschile plurale); ritte (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di ritto (diritto, eretto, dritto, alzato, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola ritto è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: tt.
Divisione in sillabe: rìt-to. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: rotti (scambio di vocali), torti, trito (spostamento di una lettera), tritò (spostamento di una lettera).
Componendo le lettere di ritto con quelle di un'altra parola si ottiene: +bea = abortite; +boa = abortito; +gag = aggrotti; +[gai, già] = agriotti; +ani = anortiti; +una = antiurto; +dea = aridetto; +ava = attiravo; +[era, rea] = attirerò; +ani = attirino; +[ave, eva] = attiverò; +ani = attorini; +ano = attorino; +ano = attornio; +[tau, tua] = attutirò; +bea = batterio; +abs = bistorta; +sob = bistorto; +bel = broletti; +blu = brulotti; +can = contrita; +cap = criptato; ...
Vedi anche: Anagrammi per ritto
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: bitto, fitto, pitto, ratto, retto, ritmo, ritta, ritte, ritti, rotto, rutto, vitto, zitto.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: bitta, bitte, bitti, città, ditta, ditte, fitta, fitte, fitti, pitti, vitti, zitta, zitte, zitti, zittì.
Con il cambio di doppia si ha: ricco, rizzo.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere le seguenti parole: itto, rito.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: dritto, fritto.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: botti, cotti, dotti, lotti, motti, notti, rotti.
Parole con "ritto"
Iniziano con "ritto": rittochini, rittochino.
Finiscono con "ritto": dritto, fritto, diritto, scritto, ascritto, decritto, decrittò, iscritto, coscritto, descritto, inscritto, mandritto, piedritto, poscritto, riscritto, soffritto, prescritto, proscritto, trascritto, manoscritto, scolafritto, telescritto, circoscritto, retroscritto, sottoscritto, stenoscritto, controscritto, dattiloscritto.
Contengono "ritto": drittona, drittone, drittoni, scrittoio, scrittore, scrittori, trittongo, crittogama, crittogame, trittonghi, crittografa, crittografe, crittografi, crittografo, descrittore, descrittori, orittogenia, orittogenie, orittologia, orittologie, crittogamica, crittogamici, crittogamico, crittografia, crittografie, crittogramma, crittogrammi, orittognosia, orittognosie, quadrittongo, ...
»» Vedi parole che contengono ritto per la lista completa
Parole contenute in "ritto"
itto. Contenute all'inverso: tir.
Incastri
Inserito nella parola dna dà DrittoNA; in scio dà SCrittoIO.
Inserendo al suo interno ada si ha RIadaTTO; con fra si ha RIfraTTO; con emù si ha RITemuTO; con ira si ha RITiraTO; con tra si ha RItraTTO; con alla si ha RIallaTTO; con asse si ha RIasseTTO; con gole si ha RIgoleTTO; con arda si ha RITardaTO; con asta si ha RITastaTO; con orna si ha RITornaTO; con rema si ha RITremaTO; con rita si ha RITritaTO; con uffa si ha RITuffaTO; con corre si ha RIcorreTTO; con forma si ha RIformaTTO; con ratta si ha RITrattaTO; con ronca si ha RITroncaTO; con taglie si ha RItaglieTTO; con morchie si ha RImorchieTTO; ...
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "ritto" si può ottenere dalle seguenti coppie: ria/atto, riamare/amaretto, riami/amitto, ribaleno/balenotto, riballo/ballotto, ribasso/bassotto, ribelle/belletto, ricade/cadetto, ricamerò/camerotto, riconta/contatto, ricorre/corretto, ricorro/corrotto, ricorse/corsetto, ride/detto, ridire/diretto, ridirò/dirotto, rido/dotto, riduce/ducetto, riesame/esametto, rifa'/fatto, rifare/faretto...
Usando "ritto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: bari * = batto; buri * = butto; cori * = cotto; dori * = dotto; fari * = fatto; lori * = lotto; mari * = matto; meri * = metto; mori * = motto; neri * = netto; pari * = patto; peri * = petto; piri * = pitto; puri * = putto; rari * = ratto; * toma = ritma; * tomi = ritmi; * tomo = ritmo; seri * = setto; tari * = tatto; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "ritto" si può ottenere dalle seguenti coppie: riel/letto, rioda/adotto, riode/edotto.
Usando "ritto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ottone = rione; * ottoni = rioni; * ottusa = riusa; * ottusi = riusi; * ottuso = riuso; * otarda = ritarda; * ottusero = riuserò.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "ritto" si può ottenere dalle seguenti coppie: ritma/toma, ritmi/tomi, ritmino/tomino, ritmo/tomo, ritmografia/tomografia, ritmografie/tomografie, ritrite/torite, ritriti/toriti.
Usando "ritto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: batto * = bari; butto * = buri; fatto * = fari; lotto * = lori; matto * = mari; metto * = meri; motto * = mori; netto * = neri; patto * = pari; petto * = peri; putto * = puri; * fatto = rifa'; * fatto = rifà; * gatto = riga; * matto = rima; * metto = rime; * motto = rimo; * patto = ripa; * petto = ripe; * sotto = riso; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "ritto" (*) con un'altra parola si può ottenere: ago * = agriotto; ira * = irritato; poe * = proietto; * poa = ripotato; tag * = tragitto; cane * = cranietto; cica * = criticato; * essi = resistito; * dure = riduttore; * duri = riduttori; * meno = rimettono; * nana = rintanato; * pari = ripartito; * sala = risaltato; * seni = risentito; * sima = ristimato; * vola = rivoltato; spia * = spiritato; ceche * = cerchietto; gaffe * = graffietto; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "ritto"
»» Vedi anche la pagina frasi con ritto per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Cerca di camminare sempre ritto, altrimenti la tua postura diventa scoliotica.
  • Quel signore, ancora a digiuno per esami, sta ritto per miracolo.
  • Mio nonno quando aveva novant'anni faceva ancora lunghe passeggiate, camminando ritto e spavaldo come un giovanotto.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Diritto, Ritto - Usati come aggettivi di cosa o persona, differiscono assai tra loro. Diritto si contrappone a inclinato, curvo, torto; Ritto, a seduto, giacente, orizzontale, sdrajato, e simili. - Un bastone diritto si appoggia ritto al muro. La torre di Pisa non è diritta eppure è lì ritta da tanti anni. - Persona sdrajata è diritta se perfettamente supina o bocconi, non sta ritta: può esser ritta in piedi e non star diritta. - Uno che non si regge ritto dal troppo bere, si sforza di star diritto e di camminar diritto. - Uno sta diritto seduto al tavolino; alzandosi, non si regge più ritto dalla debolezza delle gambe rimaste troppo a lungo inerti. - Cosa piegata alquanto in arco, può mettersi ritta, ma non sarà mai diritta. - Star ritto davanti a' superiori e tenersi diritto è canone di civiltà. G. F. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Eretto, Ritto, Rizzato, Dritto - Ritto, chi non è nè coricato, nè seduto, nè sdraiato, nè accoccolato, nè in altra qualsiasi posizione che dallo stare ritto in piedi differisca. Dritto, chi o che non è storto, deviante, pendente. Rizzato, chi o che cambiò posizione mettendosi nella verticale, e ciò per virtù o forza propria, o per mano o coll'aiuto altrui: mi son rizzato; quando l'ebbi rizzato, o aiutato a rizzarsi, sono frasi d'uso comune. Eretto, come participio di erigere affine a fabbricare, meglio dicesi di monumenti che da terra si elevino e stiano. Ritto sta anche uno storto, sbilenco o gobbo, che dritti non sono. Dritto sta ancora un muro, resto di edifizio; una colonna, un avanzo di monumento che non sia ancora caduto a terra, e che certamente eretto di recente non è. Stare ritto ritto è stare stecchito e come palo: star dritto vale non cadere, tanto materialmente che moralmente; dicesi: un tale si tiene dritto per miracolo, non si sa come. [immagine]
Dirizzato, Diretto, Indiritto, Indirizzato, Drizzato, Ritto, Rizzato, Raddrizzato, Ridirizzato, Addirizzato, Eretto, Dritto - Dirizzato e drizzato dicesi di cosa già storta e che si è resa dritta: si drizza cosa malleabile, come un fil di ferro e cose simili. Ritto è chi sta in piedi; rizzato è chi s’è messo in piedi da seduto o sdraiato che prima era. Dritto è chi non è storto, nè gobbo, nè sbilenco; però si dice tanto d’uomo che di cose: muro, via, intenzione dritta ecc. Eretto è ciò che fu elevato in posizione verticale; dicesi dei monumenti; nell’erigere però sembra essere inclusa anche l’idea di dedica, d’intitolazione in onore o memoria di cui si erige: tempio eretto alla Madonna; arco di trionfo all’eroe; statua, monumento all’uomo grande; l’idea d’altezza nell’essere a cui si erige, e di elevazione del nostro pensiero a lui son rappresentate dall’altezza, dalla posizione verticale del monumento. Diretti a un luogo si è da sè, per volontà e impulso proprio: diretti negli affari, nelle liti, nelle cose dell’anima, da persona intelligente, o che crediamo essere tale; dagli avvocati, dal confessore e simili. Indirizzati si è da sè, e da altri: la direzione sta molte volte soltanto nella volontà, nell’intenzione; ma ciò non basta: un pellegrino per es. è diretto a Roma, ma non sa la strada: prende quella direzione, e poi cammin facendo va via via chiedendo indirizzo di paese in paese tanto che vi giunge: perciò indirizzare è non solo indicare il punto, ma mettere sulla strada e dar norme per seguitarla; e come ha senso traslato, si può dire che la filosofia indirizza l’uomo nella ricerca del vero, del buono, del bello; che gli institutori devono avere per primo ufficio non un insegnamento empirico, superficiale, ma bensì l’indirizzare con norme larghe, generali, giuste sul cammino della scienza, della virtù; talchè il precetto, anche morta la voce del maestro, sia sufficiente indirizzo a proseguire da sè nell’intrapresa carriera. Indiritto, dice Tommaseo, è la voce dell’uso; non ha senso traslato come indirizzare: onde diciam bene indirigersi verso un luogo; lettera indiritta; ma non indirigere altrui. Raddrizzato è più forte di dirizzato e drizzato: pare che indichi resistenza maggiore: poi si raddrizza ciò che era già dritto, o doveva essere, e che per accidente od incuria è andato incurvandosi, bistorcendosi: perciò ha senso traslato, poichè nell’ordine morale forse più cose, e più essenziali a raddrizzarsi, vi sono che non nell’ordine fisico: quante idee storte, quanti usi, quante costumanze, quanti pretesi diritti, quanti torti, diciamolo in una parola, da raddrizzare! Ridirizzare, poco usato, ma pure assai proprio, è dirizzare di nuovo. Addirizzare non ha che senso materiale; addirizzare il corso d’un fiume, la direzione d’una strada; addirizzare un campo; da questo potrebbe venire la dirizzatura di cui s’è discorso nel precedente articolo. [immagine]
Destro, Diritto, Dritto, Ritto - «Se v'han sinonimi nella lingua, certo son questi. Pure c'è da notar qualche caso, in cui l'uno non si potrebbe all'altro sostituire. Destro, intanto, è più acconcio in certi luoghi. Il Figlio, diciamo, siede alla destra del Padre; e non si direbbe altrimenti. Fianco, lato dritto non si direbbe, ma destro. Destra è sostantivo, per mano, senza che vi si sottintenda il contrapposto con sinistra: diritta e dritta suppone sempre un contrapposto. Diritta si usa d'ordinario elitticamente, e sottintendesi mano o parte. Così, diciamo voltare a diritta, piegare a diritta; avere, dar la diritta al passeggio, in carrozza, a sedere. Mano diritta, piè diritto è meno dell'uso che man diritta, piè diritto. Parte diritta, fianco diritto non suonerebbe bene. Ritto, in senso di destro, non soffre elissi che molto di rado: e non s'accoppia che a mano. Mano ritta, diciamo; non piè ritto, nè lato ritto. Ritto, dritto, diritto, non si prepongono al sostantivo; destro sì. Nessuno direbbe: ritta mano, dritta parte, diritto lato». Tommaseo. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: ritroviate, ritrovino, ritrovò, ritrovo, ritta, ritte, ritti « ritto » rittochini, rittochino, rituale, rituali, ritualismi, ritualismo, ritualista
Parole di cinque lettere: ritti « ritto » riudì
Lista Aggettivi: ritroso, ritrovato « ritto » rituale, riunito
Vocabolario inverso (per trovare le rime): afflitto, inflitto, conflitto, slittò, slitto, amitto, pitto « ritto (ottir) » decritto, decrittò, scritto, ascritto, trascritto, descritto, telescritto
Indice parole che: iniziano con R, con RI, iniziano con RIT, finiscono con O

Commenti sulla voce «ritto» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze