Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «scorrere», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Scorrere

Verbo
Scorrere è un verbo della 2ª coniugazione. È un verbo irregolare, sia transitivo che intransitivo. Ha come ausiliare sia avere che essere. Il participio passato è scorso. Il gerundio è scorrendo. Il participio presente è scorrente. Vedi: coniugazione del verbo scorrere.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di scorrere (fluire, fuoriuscire, defluire, scolare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Liste a cui appartiene
Verbi di movimento [Scivolare « * » Sedersi]
Giochi di Parole
La parola scorrere è formata da otto lettere, tre vocali e cinque consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: rr. Lettera maggiormente presente: erre (tre).
Divisione in sillabe: scór-re-re. È un trisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
Componendo le lettere di scorrere con quelle di un'altra parola si ottiene: +hot = orchestrerò; +psi = percorressi; +pet = percorreste; +psi = precorressi; +pet = precorreste; +vip = prescriverò; +vip = proscrivere; +uni = ricensurerò; +[sai, sia] = ricreassero; +sos = scorressero; +[ciò, coi] = soccorrerei; +tai = stercorarie; +[tace, teca] = accorrereste; +[cita, taci] = accorreresti; +[asco, caos, caso, ...] = accorressero; +casa = carcerassero; +[dosa, soda] = corredassero; +tede = corredereste; +[dite, tedi] = correderesti; ...
Vedi anche: Anagrammi per scorrere
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: scorgere, scorrerà, scorrerò, scorrete.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: correre.
Altri scarti con resto non consecutivo: sere, corree, core, cere.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: scorrerei, scorrerie.
Testacoda
Togliendo la lettera iniziale e aggiungendone una alla fine si può ottenere: correrei.
Parole con "scorrere"
Iniziano con "scorrere": scorrerei, scorreremo, scorrerete, scorrerebbe, scorreremmo, scorrereste, scorreresti, scorrerebbero.
Finiscono con "scorrere": discorrere, trascorrere, ritrascorrere.
Contengono "scorrere": discorrerei, discorreremo, discorrerete, trascorrerei, discorrerebbe, discorreremmo, discorrereste, discorreresti, trascorreremo, trascorrerete, trascorrerebbe, trascorreremmo, trascorrereste, trascorreresti, discorrerebbero, trascorrerebbero.
»» Vedi parole che contengono scorrere per la lista completa
Parole contenute in "scorrere"
ere, corre, scorre, correre. Contenute all'inverso: erro.
Incastri
Inserito nella parola dite dà DIscorrereTE; in disti dà DIscorrereSTI; in tramo dà TRAscorrereMO; in trasti dà TRAscorrereSTI.
Inserendo al suo interno est si ha SCORRERestE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "scorrere" si può ottenere dalle seguenti coppie: scorto/torere, scorrevole/volere.
Usando "scorrere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: discorre * = dire; * rete = scorrete; * rendo = scorrendo; * resse = scorresse; * ressi = scorressi; * reste = scorreste; * resti = scorresti; * retta = scorretta; * rette = scorrette; * retti = scorretti; * retto = scorretto; * ressero = scorressero; * rettamente = scorrettamente.
Lucchetti Riflessi
Usando "scorrere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erte = scorrete; * errai = scorrerai.
Lucchetti Alterni
Usando "scorrere" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * torere = scorto; dire * = discorre; * aie = scorrerai; * remore = scorreremo.
Sciarade incatenate
La parola "scorrere" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: scorre+ere, scorre+correre.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "scorrere" (*) con un'altra parola si può ottenere: * poi = scorporerei; * pomo = scorporeremo; * poté = scorporerete; * poste = scorporereste; * posti = scorporeresti.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "scorrere"
»» Vedi anche la pagina frasi con scorrere per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Lascio scorrere le giornate senza preoccuparmi che il tempo passa inesorabilmente e la mia vita si accorcia sempre di più!
  • Lo scorrere del tempo pur essendo sempre uguale a volte sembra più veloce.
  • Il mio cliente fa scorrere il tempo senza consultare il catalogo dei nuovi prodotti in promozione.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Correre, Scorrere, Percorrere - Correre è l'andare con molta velocità per fretta che si abbia o per gara. - Scorrere si dice massimamente de' corsi d'acqua o de' liquidi; ma è anche di periodo di tempo che passa: è parimente l'andar per un luogo senza troppa fretta e senza far minute osservazioni; è, per metafora, leggere un libro senza troppa attenzione. - Percorrere si riferisce a un determinato spazio per il quale si vada, o per diletto o per ufficio. - «In tre giorni percorsi tutta la Lunigiana;» e metaforicamente: «Percorse con lode tutti i gradi accademici.» [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Scorrere - V. n. ass. e att. Si dice propriamente il Correre, o Muoversi di quelle cose che, scappando dal loro ritegno, camminano troppo più velocemente di quel che bisognerebbe, come ruote, carrucole, e simili. Excurrere, aureo, e Decurrere. Cr. 2. 27. 1. (C) Il sito delle terre non sia piano, che faccia stagno; nè alto, nè dirupato, sicchè rovini e scorra giù. [G.M.] Fag. Commed. Corsi dopo subito al pozzo per attinger dell'acqua fresca e spruzzargliene nel viso. Che direste voi? Il canapo s'era incarrucolato, e non scorreva nè in su nè in giù; e io con pazienza a scarrucolarlo; e attinsi presto quattro o cinque mezzine d'acqua.

2. Per Trapassare con più o meno prestezza e velocità. Dant. Inf. 19. (C) Se di saper ch'io sia ti cal cotanto, Che tu abbi però la ripa scorsa. (Altri legge Corsa).

3. Passare più oltre. Car. En. 10. 529. (M.) Del grande Acate Graffiò la coscia (l'asta) lievemente, e scorse.

4. Detto del tempo, vale Trapassare, Lasciar che trapassi. Sassett. Lett. 93. (Man.) Mi disse essere con esso voi di parere d'andare scorrendo qualche mese. E 303. E ho giudicato migliore scorrere ancor un anno, che impiegar li danari in ogni modo in cose che non dessero gusto a V. A.

5. Per Andare o Venire all'ingiù, Cadere con agevolezza in basso, o Pendere. Cr. 2. 27. 1. (C) Di tutti questi siti si dêe cercar sempre l'utile e l'egual mezzo, cioè che 'l campo sia aperto, e che l'umor delle piove ne scorra fuori per la china, o colle dolcemente didotto e chinato per li lati, o valle. Soder. Colt. 8. Ne' poggi, ove la terra scorre Si posson far più giusti (parla de' magliuoli). E appresso: Altri dicono che ne' lati, dove scorra acqua, sia meglio piantargli d'autunno.

[G.M.] Scorrono i fiumi, i ruscelli. Segner. Quares. 19. 5. Ecco, pigliarono a dire, qual sia la fertilità del paese a cui Dio ne mena! Per verità che, a guisa d'acqua, vi scorrono il latte e il mele! (accennando alla terra promessa).

[G.M.] Scorre il sangue su un campo di battaglia. Anco per enf., di sangue versato in copia fuori di guerra. Alfier. Filip. sc. ult. Scorre di sangue, e di qual sangue, un rio.

[G.M.] Di liquido troppo denso: Inchiostro che non scorre.

6. Trasl. Petr. Canz. 2. 7. part. I. (C) Quando 'l bel parto giù nel mondo scorse. T. Non usit.; ma rammenta l'aureo lat. Labi. Virg. Coelo lapsa sereno Stella. – Stellas… coelo labi (qui Stelle cadenti). – Animis illabere nostris.

7. Altro trasl., per Mancare. Petr. Canz. 10. 3. part. I. (C) Lasso! così m'è scorso Lo mio dolce soccorso.

8. Per Lasciarsi trasportare, in mal senso. M. V. 6. 74. (C) Ricettati da' baroni, che erano scorsi a mal fare. Mor. S. Greg. 7. 25. (M.) Qualunque è quello che si lascia scorrere in parole ingiuriose, sì cade da ogni stato di dirittura. Sen. Declam. 43. Così tu eri tutto rotto e scorso nel peccato della lussuria. [Val.] Tesorett. 17. 28. E quando vi se' scorso (nella bugia) Se tu alle fiate Dicessi veritate, Non ti saria creduta.

9. Per Saccheggiare, Dare il guasto; che anche dicesi Fare scorrerie. G. V. 6. 29. 2. (C) Guasti i Tartari quelli paesi, scorsero infino in Alamagna. E 11. 6. 4. Si partirono Di su la piazza, scorrendo per la terra. Guicc. Stor. 17. 53. (M.) Passò… e condotto al Polesine, ancorchè si desiderasse non partisse di quivi per infestare l'alloggiamento di Firenzuola dove anche spesso scorreva il Luzzasco, si ridusse per più sicurtà a Torricella.

10. Fig., Passare, Ricercare col pensiero. Ar. Fur. 14. 79. (C) Seco pensa tra via, dove si cale Il celeste corsier per fallir meno… Vien scorrendo ov'egli abiti, ov'egli usi; E si accordaro in fin tutti i pensieri.

11. Per Leggere, Vedere, o Narrare con prestezza. Stor. Eur. 6. 131. (C) Imperocchè, per mostrare più aperto la sua grandezza, ci bisogna succintamente scorrere in prima l'origine e il fondamento primiero della stirpe di questo Conte. [Tor.] Dat. L. p. 16. Bisognerebbe scorrere diversi autori e particolarmente i Glossarii tutti quanti.

12. [Val.] Fig. di cel., aff. a Precedere. Crudel. Rim. 92. Oltre a questo ha un corpaccio, Che scorre innanzi a lui come un foriere.

13. Altri modi.

Scorrere col cervello, fig., vale Impazzare. Malm. 4. 18. (C) Che avrebbe caro esser tenuto D'aver piuttosto col cervello scorso.

14. Scorrere del letto, parlandosi di fiumi, vale Straripare, Dar fuori. Segner. Mann. Apr. 24. 1. (M.) Nella prosperità guardati di non far come i fiumi, che, quando abbondano, scorrono tosto gonfi del loro letto, e cominciano a deviare.

15. Scorrere il ragionamento, o sim., su una cosa, Di discorso, che sia o paia casuale. Segner. Lett. Cos. 202. (Man.) Vi fui, ed essendo scorso il ragionamento sulla Bolla del Nepotismo, mi disse che quel dì finirebbesi di copiare, e poi me la manderebbe.

16. Scorrere il ventre ad alcuno, vale Aver la scorrenza, che anche si dice Scorrere, ass. Pallad. Marz. 28. (C) Fanno loro scorrere il ventre, se tosto non si soccorrono (il testo lat. ha: solutionem ventris incurrunt). Mil. M. Pol. 41. (Man.) Le bestie ne beono (di cert'acqua) per gran forza e gran sete, e falle molto iscorrere.

17. Scorrer la cavallina o il paese, dicesi dell'Andar liberamente dove si vuole, come fa il cavallo quando è in libertà; e si dice per lo più de' giovani. Bern. Rim. 1. 31. (C) Che voi mandaste via quell'uom da bene, Per poter meglio scorrere il paese. T. (Il paese, è men com. oggidì La cavallina è immag. di cavallo sfrenato). = Malm. 1. 66. (C) Scorse in Firenze ognor la cavallina Ne' lupanari con gran pompa e fasto. [G.M.] Minucc. Not. ivi: Scorrer la cavallina; Pigliarsi tutti li suoi gusti liberamente, e senza riguardo alcuno. E Biscion. Scorrer la cavallina è scorrere all'uso de' cavalli che non sono imbrigliati, i quali possono correre per ogni dove a lor beneplacito… Poi, scorrer la cavallina significa quello appunto che i Greci dissero ἱππομανεῖν, che, sebbene da Sinesio fu tratto all'impazzare dietro a' cavalli; nulladimeno altro non significa che esser trasportato dalla libidine a guisa delle cavalle (anche dei cavalli). [Fanf.] Girolam. Leopar. Capit. Finimon. 74. Ho scorso ben anch'io la cavallina; Cappita! perchè un tratto m'azzuffai Fui condannato in tre sta' di farina.

18. Penna che scorre, fig., vale Errare scrivendo, Scrivere quel che non si vorrebbe. Nov. ant. 24. 2. (C) Lo tesoriere dinanzi a lui sì scrivea in escita; scorseli la penna, e scrisse tremila.

[T.] D'acqua corrente, può differenziare da Correre, in quanto può denotare più breve corso e meno continuo, e non personificare tutta la via ch'essa tiene dalla sorgente alla foce.

T. Gli scorrevano le lacrime in gran copia (non Correvano).

II. [Pol.] Parin. Matt. Umano sangue Non istimâr quel ch'oltre l'Oceàno Scorrea le umane membra. T. Qui meglio Correa. O, volendo del sangue, neutro meglio che att., Scorrere per le membra.

T. Poi Sangue che scorre da ferita o per morbo.

III. Fig. del tempo, segnatam. quando pare che scorra più rapido, o la sua misura non sia da noi avvertita. T. Quest'ora mi scorse non so come.

Più in gen. T. Il tempo scorrerà tranquillo. I giorni scorrono tristi.

IV. T. Di solido che passa sulla superficie d'altro solido più o meno agevolmente. Il rasoio scorra leggiero sulla barba. Bellin. Disc. Anat. 1. 15. Da tali scorrerie di ruota, ne segue l'affilamento del ferro. (Il nome così non si dice. Sibbene della ruota stessa o altro sim. che Scorre più o meno). Fosc. Lo scalpel sul marmo Scorrerà facilissimo.

Ass. T. Il rasoio non scorre. O altro corpo che dovrebbe andar malagevole senza resistenza e ne rincontra.

V. Att. T. Scorrer la fune, Farla scorrere. Come, att., Scender la fune, Passarla, Calarla.

VI. Fig. T. Le parole che scorrono dal suo labbro. Nell'omerico Più dolce del miele gli scorrea la parola, meglio che Correa; giacchè questo risica di significare il correre con troppa abbondanza e con poco pensamento. – Il suo verso scorre limpido e soave. E in gen. d'ogni armonia.

VII. T. Scorrere può dunque talvolta dire nel fig. il troppo correre, il trascorrere: questo secondo, però, lo dice più sovente e più chiaro. [Cors.]Segr. Fior. Disc. mor. Conobbe l'altissimo Iddio quanto fusse facile l'uomo a scorrere nel peccato. [Pol.] S. Greg. Omel. 20. 1. Chi scorre per illeciti desiderii, non ama Iddio. T. Qui Scorrere tiene del fig. Labi, aureo lat.

VIII. T. In senso buono. La memoria, La fantasia, il pensiero scorre per varii oggetti o soggetti. Il dicitore e lo scrittore nel discorso medesimo scorre per varii argomenti. Il dicitore o il ragionamento scorre per varie prove, per materie più o meno attenenti tra sè.

T. Att. La mente o l'uomo parlante, o anche l'occhio, scorre gli oggetti che gli stanno dinnanzi, con più o men agile movimento del senso e dello spirito. Scorre a una a una le cose dette dall'avversario per ribatterle. In questo e in altri sim. può essere velocità maestrevole e felice; può essere leggerezza; può vigore, e può debolezza.

T. Quindi in senso non buono: Scorrere per studii diversi, non fare un corso di studii. Scorrere qua e là con attenzione disattenta. Così s'attacca l'uso del presente numero col seg.

IX. T. Del fare scorrerie nemichevoli, più com. Correre att. [Pol.] Porz. Cong. Bar. lib. 1. Intendevano assediare Napoli, e scorrere Terra di Lavoro. T. Scorrere la campagna, potrebbe rendere italianamente il fr. Battre. E potrebbesi dire: Mandò cavalleggieri a scorrere per il paese come esploratori, per quindi correrlo coll'esercito e saccheggiare distruggere.

Ass. di scorrerie. T. Machiav. framm. Qualunque volta i Pisani scorressero. – Corressero, in questo senso, non si direbbe ass.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: scorre, scorremmo, scorrendo, scorrente, scorrerà, scorrerai, scorreranno « scorrere » scorrerebbe, scorrerebbero, scorrerei, scorreremmo, scorreremo, scorrereste, scorreresti
Parole di otto lettere: scorrerà « scorrere » scorrerò
Lista Verbi: scorporare, scorrazzare « scorrere » scortare, scortecciare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): ricorrere, incorrere, rincorrere, concorrere, percorrere, ripercorrere, intercorrere « scorrere (ererrocs) » trascorrere, ritrascorrere, discorrere, sere, misere, drosere, passere
Indice parole che: iniziano con S, con SC, iniziano con SCO, finiscono con E

Commenti sulla voce «scorrere» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze