Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «tema», il significato, curiosità, forma del verbo «temere» associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Tema

Forma verbale
Tema è una forma del verbo temere (prima, seconda e terza persona singolare del congiuntivo presente; terza persona singolare dell'imperativo presente). Vedi anche: Coniugazione di temere.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
scuola (13%), svolgimento (10%), fuori (7%), compito (5%), scritto (5%), italiano (4%), esame (4%), libero (4%), classe (4%), argomento (4%), scolastico (3%), giganti (2%), svolto (2%), riassunto (2%), quaderno (2%), problema (2%), composizione (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Articoli interessanti e pagine web
Consigli Regali: Il tema per il matrimonio
Giochi di Parole
La parola tema è formata da quattro lettere, due vocali e due consonanti.
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (me).
Divisione in sillabe: tè-ma / té-ma.
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: mate, meta (scambio di consonanti), metà (scambio di consonanti), team (spostamento di una lettera).
Componendo le lettere di tema con quelle di un'altra parola si ottiene: +[aro, ora] = amatore; +bar = ambrate; +ree = amerete; +lui = amuleti; +ani = anatemi; +noi = antemio; +[pio, poi] = apotemi; +rii = aritmie; +rna = armante; +ras = armaste; +[ira, ria] = armiate; +[eri, ire, rei] = artemie; +[sai, sia] = astemia; +sei = astemie; +osi = astemio; +sii = ateismi; +osi = ateismo; +[ori, rio] = ateromi; +una = aumenta; +uni = aumenti; +uno = aumento; +bar = bramate; ...
Vedi anche: Anagrammi per tema
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: gema, rema, sema, teca, teda, tela, teme, temi, temo, tesa, teta, toma.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: demo, geme, gemi, gemo, gemé, meme, memo, remi, remo, remò, seme, semi.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: tea.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: trema.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: dame, fame, game, lame, rame, zame.
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si possono ottenere: meta, mete.
Parole con "tema"
Iniziano con "tema": temano, temacci, temaccio, tematica, tematici, tematico, tematiche, tematizza, tematizzi, tematizzo, tematizzò, tematizzai, tematizzano, tematizzare, tematizzata, tematizzate, tematizzati, tematizzato, tematizzava, tematizzavi, tematizzavo, tematizzerà, tematizzerò, tematizzino, tematizzammo, tematizzando, tematizzante, tematizzanti, tematizzasse, tematizzassi, ...
Finiscono con "tema": patema, anatema, apotema, epitema, eritema, sintema, sistema, apostema, diastema, enantema, esantema, meristema, risistema, biosistema, diasistema, ecosistema, agrosistema, antisistema, servosistema, sottosistema, videosistema, agroecosistema.
Contengono "tema": sistemai, atematica, atematici, atematico, guatemala, sistemalo, sistemano, sistemare, sistemata, sistemate, sistemati, sistemato, sistemava, sistemavi, sistemavo, antemarcia, atematiche, bitematica, bitematici, bitematico, matematica, matematici, matematico, risistemai, sistemammo, sistemando, sistemante, sistemanti, sistemarci, sistemarla, ...
»» Vedi parole che contengono tema per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola politica dà POLItemaTICA; in politici dà POLItemaTICI; in politico dà POLItemaTICO; in politiche dà POLItemaTICHE.
Inserendo al suo interno per si ha TEMperA; con ore si ha TEoreMA.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "tema" si può ottenere dalle seguenti coppie: tea/ama, teda/dama, tedi/dima, tediaste/diastema, tela/lama, teli/lima, teri/rima, tese/sema, tesi/sima, tesiste/sistema, teso/soma, testi/stima, tetra/trama, tetre/trema.
Usando "tema" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alte * = alma; arte * = arma; aste * = asma; date * = dama; dite * = dima; dote * = doma; erte * = erma; fate * = fama; fute * = fuma; lite * = lima; mite * = mima; note * = noma; rete * = rema; rote * = roma; sete * = sema; site * = sima; * mala = tela; * male = tele; * mali = teli; * malo = telo; ...
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "tema" si può ottenere dalle seguenti coppie: teina/anima, tela/alma, teoreta/ateroma, tesa/asma.
Usando "tema" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ammesse = temesse; * ammessi = temessi; * ammette = temette; * ammetti = temetti; * ammetterò = temettero.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "tema" si può ottenere dalle seguenti coppie: cabrate/macabra, cerate/macera, cistite/macisti, diate/madia, diete/madie, estate/maestà, gite/magi, gote/mago, grate/magra, ialite/maiali, laccate/malacca, lesserete/malessere, lite/mali, liete/malie, lignite/maligni, mite/mami, nettate/manetta, note/mano, poté/mapo, rete/mare, rinate/marina...
Usando "tema" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: magi * = gite; mago * = gote; mali * = lite; * gite = magi; * gote = mago; * lite = mali; * mite = mami; * note = mano; * poté = mapo; * rete = mare; * rote = marò; mami * = mite; mano * = note; mapo * = poté; mare * = rete; marò * = rote; madia * = diate; madie * = diete; magra * = grate; malie * = liete; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "tema" si può ottenere dalle seguenti coppie: tedia/madia, teglia/maglia, teglie/maglie, teglietta/maglietta, tegliette/magliette, tegliettina/magliettina, tegliettine/magliettine, teglina/maglina, tegline/magline, teglione/maglione, teglioni/maglioni, tela/mala, telata/malata, telate/malate, telati/malati, telato/malato, tele/male, telecopie/malecopie, telesiana/malesiana, teli/mali, telo/malo...
Usando "tema" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: alma * = alte; arma * = arte; asma * = aste; dama * = date; dima * = dite; doma * = dote; erma * = erte; fama * = fate; fuma * = fute; lima * = lite; mima * = mite; noma * = note; roma * = rote; sima * = site; * dama = teda; * dima = tedi; * lama = tela; * lima = teli; * rima = teri; * sima = tesi; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "tema" (*) con un'altra parola si può ottenere: ari * = artemia; aro * = ateroma; oso * = osteoma; * eri = temerai; * erri = temerari; * peri = temperai; * pile = tempiale; * rana = teramana; * rane = teramane; * riti = termitai; * rimo = tremiamo; censi * = centesima; diari * = diatermia; speri * = stemperai; * perno = temperano; * pesti = tempestai; * porle = temporale; * porli = temporali; * primo = tempriamo; erogai * = eterogamia; ...
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "tema"
»» Vedi anche la pagina frasi con tema per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • I titoli del tema di maturità, quest'anno, sono stati particolarmente impegnativi.
  • Ho partecipato ad un congresso che aveva per tema l'architettura contemporanea.
  • Quest'anno, per il concorso letterario, abbiamo introdotto una variazione all'ormai solito tema principale.
Libri
  • Tema dell'addio (Scritto da: Milo De Angelis; Anno 2005)
Canzoni
  • Il tema del soldato eterno e degli aironi (Cantata da: Roberto Vecchioni; Anno 1991)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Tema, Temenza - Il primo non è della lingua familiare, che vi sostituisce Timore, Paura, Temenza, secondo i casi. Negli scritti, Tema par proprio di cosa non presente. Temenza nell'uso vivo è leggiero timore che viene da soggezione. - Si noti che in senso affine a Timore, Tema si pronunzia con e stretta, e in senso affine ad Argomento, con la e larga. G. F. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Timore, Paura, Spavento, Terrore, Orrore, Apprensione, Tema, Temenza, Timidità, Timidezza, Trepidazione, Timido, Timoroso, Timorato; Temere, Timidarsi, Peritarsi - Il timore è sentimento non odioso; è anzi una specie d'amore alquanto ritroso e pavido: chi teme ama; è proverbio antico. La paura invece è tremebonda e diffidente, moti ripulsivi affatto; lo spavento è paura eccessiva; l'orrore è avversione e ripugnanza estrema: chi ha orrore del vizio, certo ha in sè una pressochè sufficiente garanzia di non lasciarvisi andare. La tema è principio di timore; la temenza è disposizione a temere, a diffidare di sè quanto e più che d'altri. La timidità è quel certo timore pudico che ci fa star addietro, non osare: il timido si astiene dalle cose che fanno chiasso, rifugge dal mettersi in pretensione, e ciò non per vero timore, ma per modestia, per umiltà; il timoroso invece teme proprio di più; in lui agisce l'apprensione di far danno ad altri o a se stesso. Timorato non si usa che in timorato di Dio, ed ha buon senso: timido invece vuol dire talora pusillanime, e timoroso, diffidente di troppo. La timidezza è proprio l'abito del temere; ma veramente tra timidità e timidezza non ci vedo gran differenza, se non che l'ultimo è meno usato. Trepidazione è timore e tremore, è affanno, è paura effettiva per cui si paventa male imminente e non facile a schivarsi. Trepidare è un temere tremando o vacillando: si teme e per sè e per altri; si teme il male, e in certi casi anco l'eccesso del bene; si è trepidanti per sè soli, o al più pe' carissimi; perché in questa sensazione più che il sentimento agisce un malessere fisico o l'apprensione di esso: perciò intrepido chi non teme, chi non trema del pericolo. Peritarsi (dal gredo peri molto, e treo io tremo, così in dizion. di Napoli) sarebbe un temer molto e a segno di tremare; ma è pià un vergognarsi, avere quel certo timore di non far bene che ha chi diffida di sè, per non saper bene, o per non avere pratica o quell'assicuranza che viene anco da coraggio naturale; è un dubitare dell'esito delle cose per causa nostra. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Tema - S. f. Da TEMERE. Timore, Paura, Temenza. Si pronunzia coll'i stretto, perchè dal lat. Timor. Bocc. Introd. (C) Mossi non meno da tema, che la corruzione de' morti non gli offendesse, che da carità. E nov. 7. g. 2. Per tema delle reprensioni del padre, e che la donna rubata non gli fosse tolta. Nov. ant. 59. 4. Per tema di ciò, che era avvenuto, che non avvenisse. Dant. Inf. 2. Di questa tema acciò che tu ti solve, Dirotti perch' i' venni. [G.M.] E 27. Senza tema d'infamia ti rispondo. E Purg. 33 Da tema e da vergogna Voglio che tu omai ti disviluppe. = E Inf. 3. (C) Sì che la tema si volge in desio. Albert. cap. 50. La tema di Domeneddio sia procacciamento tuo, e verratti guadagno senza fatica, perciocchè la tema d'Iddio è chiave ad ogni bene, ed èe condotto ad aver parte della gloria. Giambon. Mis. Uom. 60. Meglio è un poco acquistato con tema di Dio, che non sono molte ricchezze guadagnate in mal modo. T. Vannoz. 1. 7. Non aver di lui tema Vang. Non si turbi il cuor vostro di tema. [Camp.] D. 2. 15. Perchè s'appuntano i vostri desiri Dove per compagnia parte si scema, Invidia move 'l mantaco a' sospiri; Ma se l'amor della spera suprema Torcesse 'n suso il desiderio vostro, Non vi sarebbe al petto quella tema. (Qui per estens. tema nascente da invidia.)
Tema - S. m. Materia di componimento, di ragionamento, e sim. Thema, in Sen, dal gr. Θέω, Τιθημι. Petr. cap. 6. (C) Ma per non seguir più sì lungo tema; Tempo è ch'io torni al mio primo lavoro. Dant. Inf. 4. Perocchè sì mi caccia il lungo tema, Che molte volte al fatto il dir vien meno. [Camp.] E 3. 30. Più che giammai da punto di suo tema Soprato (superato) fosse comico o tragedo. = Bocc. g. 6. f. 3. (C) Io dubito che io non avessi gran pezza penato a trovar tema da ragionare. Fior. S. Franc. 18. Per tema del sermone propuose queste parole. Galat. 23. Non si dêe anco pigliar tema molto sottile, nè troppo squisito, perciocchè con fatica s'intende da' più. [Camp.] Pass. Med. G. C. Chi have orecchie da intendere, intenda. Torniamo al nostro tema.

T. Immiserire il tema; Trattarlo grettamente.

2. † Trovasi anche qualche volta al genere femm. Bocc. g. 9. f. 4. (C) La tema piacque alla lieta brigata. Dittam. 1. 15. E seguir oltre alla mia lunga tema. Fior. S. Franc. 102. Cominciò a predicare, proponendo per tema della sua predica,… E sopra questa tema… predicò sì divotamente,… [Camp.] Bib. Prol. Ester. Siccome è usato di fare nelle discipline delli scolari, e imprese di pensare una tema (sumpto themate).

3. Tema, per Radice, Origine; term. gramm. Salvin. Disc. 1. 222. (C) È strano veramente il carattere ebraico…, l'aspra e gutturale pronunzia, il ridurre i verbi al suo tema, o principale radice.

4. Per Esempio, Azione. Non usit. – Ar. Fur. 37. 54. (M.) Ma perchè avea dinanzi agli occhi il tema Del suo fratel, che n'era stato morto.

5. Escir di tema. Deviar dall' argomento. Malm. 2. 47. (C) Che quei ch'esce di tema nel rispondere, Convien che 'l pegno subito depositi. [Val.] Fag. Rim. 6. 217. Si rimescola a un tratto, esce di tema.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: telone, telonei, teloneo, teloni, teloslitta, teloslitte, telson « tema » temacci, temaccio, temano, tematica, tematicamente, tematiche, tematici
Parole di quattro lettere: telo « tema » teme
Vocabolario inverso (per trovare le rime): sema, enfisema, episema, nosema, tassema, lessema, glossema « tema (amet) » anatema, patema, epitema, eritema, enantema, esantema, sintema
Indice parole che: iniziano con T, con TE, iniziano con TEM, finiscono con A

Commenti sulla voce «tema» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze