Dizy - dizionario Informazioni utili sulla parola italiana «tutto», il significato, curiosità, aggettivo indefinito, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. login/registrati

contest - guida

Tutto

Aggettivo
Tutto è un aggettivo indefinito. Forme per genere e per numero: tutta (femminile singolare); tutti (maschile plurale); tutte (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di tutto
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
niente (45%), ogni (5%), nulla (5%), intero (5%), compreso (4%), insieme (3%), mio (3%), poco (2%), sommato (2%), quanto (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monoconsonantiche [Tutti « * » Tutù]
Giochi di Parole
La parola tutto è formata da cinque lettere, due vocali e tre consonanti (tutte uguali, è monoconsonantica). In particolare risulta avere una consonante doppia: tt. Lettera maggiormente presente: ti (tre).
Divisione in sillabe: tùt-to.
Anagrammi
Componendo le lettere di tutto con quelle di un'altra parola si ottiene: +[ari, ira, ria] = attutirò; +tai = attutito; +[avi, iva, vai, ...] = attutivo; +dea = duettato; +[era, rea] = eruttato; +[far, fra] = fruttato; +sii = istituto; +nei = ottenuti; +[neo, noè] = ottenuto; +ara = otturata; +[era, rea] = otturate; +[ari, ira, ria] = otturati; +[aro, ora] = otturato; +[sai, sia] = ottusità; +[api, pia] = pattuito; +abs = sbattuto; +alé = tutelato; +[ari, ira, ria] = tutorati; +aro = tutorato; +babà = abbattuto; ...
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: butto, lutto, putto, rutto, tatto, tetto, tutta, tutte, tutti.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: butta, butti, lutti, putti, rutti.
Con il cambio di doppia si ha: tuffo.
Parole con "tutto"
Iniziano con "tutto": tuttora, tuttofare, tuttologa, tuttologi, tuttologo, tuttologhe, tuttologia, tuttologie, tuttoponte, tuttotondo.
Finiscono con "tutto": anzitutto, dopotutto, fuoritutto, oltretutto, passatutto, portatutto, toccatutto, tritatutto, aspiratutto, dappertutto, mangiatutto, pigliatutto, soprattutto, spaccatutto, attaccatutto, innanzitutto.
Contengono "tutto": contuttociò.
»» Vedi parole che contengono tutto per la lista completa
Incastri
Inserito nella parola concio dà CONtuttoCIO (contuttociò).
Inserendo al suo interno ora si ha TUToraTO; con bere si ha TUbereTTO; con more si ha TUmoreTTO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "tutto" si può ottenere dalle seguenti coppie: tua/atto, tuba/batto, tubare/baretto, tubasse/bassetto, tubi/bitto, tubo/botto, tucano/canotto, tue/etto, tufi/fitto, tuga/gatto, tughe/ghetto, tumula/mulatto, tumulo/mulotto, tuo/otto, tupi/pitto, tura/ratto, turasse/rassetto, turi/ritto, turo/rotto, tuta/tatto, tute/tetto...
Usando "tutto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * tosi = tutsi; * torici = tutrici; * oologia = tuttologia; * oologie = tuttologie.
Lucchetti Riflessi
Usando "tutto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ottona = tuona; * ottoni = tuoni; * ottono = tuono; scout * = scotto; * ottonai = tuonai; * ottonano = tuonano; * ottonare = tuonare; * ottonate = tuonate; * ottonato = tuonato; * ottonava = tuonava; * ottonavi = tuonavi; * ottonavo = tuonavo; * ottonerà = tuonerà; * ottonerò = tuonerò; * ottonino = tuonino; * ottriate = turiate; * ottonammo = tuonammo; * ottonando = tuonando; * ottonante = tuonante; * ottonasse = tuonasse; ...
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "tutto" si può ottenere dalle seguenti coppie: tutrici/torici, tutsi/tosi.
Usando "tutto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * batto = tuba; * bitto = tubi; * botto = tubo; * fitto = tufi; * gatto = tuga; * pitto = tupi; * ratto = tura; * ritto = turi; * rotto = turo; tuta * = tatto; tute * = tetto; * ghetto = tughe; * orto = tutor; * sito = tutsi; * zietto = tuzie; * baretto = tubare; * canotto = tucano; * mulatto = tumula; * mulotto = tumulo; * teletto = tutele; ...
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "tutto" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ambre = tamburetto; * ramare = tramutatore.
Definizioni da Cruciverba
  • Il cento per cento
  • Il contrario di niente
  • L'intero
  • L'intero quantitativo
Frasi con "tutto"
»» Vedi anche la pagina frasi con tutto per una lista di esempi
Esempi d'uso
  • Tutto fatto: finalmente ho portato a termine tutto il lavoro che mi era stato affidato!
  • Al matrimonio di una mia amica tutto è stato organizzato alla perfezione, nei minimi particolari.
  • Pensavo di aver messo in valigia tutto il necessario per le vacanze ma alla fine mi sono accorto di aver dimenticato il costume da bagno.
Proverbi
  • Quando c'è la salute, c'è tutto.
  • Buon tempo e mal tempo non dura tutto il tempo.
  • Con le buone maniere si ottiene tutto.
  • Tutto è bene quel che finisce bene.
  • Per una scopa formano un mercato tre donne e assordan tutto il vicinato.
  • Tutto il mondo è paese.
  • Nella vita si paga tutto.
  • Non tutto il male viene per nuocere.
  • Tutto s'accomoda fuorché l'osso del collo.
  • Quando non si ha voglia di nulla, si ha bisogno di tutto.
  • Chi ha tutto il suo in un loco, l'ha nel fuoco.
  • A tutto c'è rimedio fuorché alla morte.
  • Quello che si fa il primo dell'anno si fa tutto l'anno.
  • Fare e disfare è tutto un lavorare.
Espressioni e Modi di Dire
  • Tutto è puro per i puri
  • Tutto sommato
  • Tutto va bene, Madama la marchesa
  • A tutto vapore
  • Il che è tutto dire
Libri
  • Tutto il ferro della Tour Eiffel (Scritto da: Michele Mari; Anno 2002)
  • Tutto è bene quel che finisce bene (Scritto da: William Shakespeare; Anno 1623)
  • Riportando tutto a casa (Scritto da: Nicola Lagioia; Anno 2010)
Canzoni
  • Tutto è finito (Cantata da: Nilla Pizzi; Anno 1951)
  • Blue (Tutto è blu) (Cantata da: Sterling Saint-Jacques; Anno 1981)
  • Tutto da rifare (Cantata da: Caterina Caselli; Anno 1969)
  • Un sogno tutto mio (Cantata da: Caterina Caselli; Anno 1973)
  • Mentre tutto scorre (Cantata da: Negramaro; Anno 2005)
  • Tutto a posto (Cantata da: I Nomadi; Anno 1974)
  • Ho perso tutto (Cantata da: Mario Acquaviva; Anno 1983)
  • Tutto quello che un uomo (Cantata da: Sergio Cammariere; Anno 2003)
  • Prima di tutto (Cantata da: Biagio Antonacci; Anno 1993)
  • Eri tutto, eri niente, eri la mia mente (Cantata da: Pasetti, B. Besquet & Dallaglio; Anno 1973)
  • È tutto un attimo (Cantata da: Anna Oxa; Anno 1986)
  • Tutto da rifare (Cantata da: Velvet; Anno 2007)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Cosa, Ogni cosa, Tutt’ogni cosa, Il tutto - Dalla voce Cosa, che è generica di tutti gli oggetti considerati ciascuno per sè, fassene la locuzione Ogni cosa, che comprende tutte insieme quelle cose, le quali si sottintendono nel discorso che facciamo. - «Andò su al cassettone; e buttò all'aria ogni cosa.» - A modo d'iperbole il popolo dice Tutt'ogni cosa. - Spesso indica anche generalità, ma non mai assoluta; chè, a indicar questa, si dice Il tutto, come quando si dice Il tutto e Il nulla. Notino i giovani che l'Ogni cosa ha gli aggiunti mascolini: «Ogni cosa messo sossopra, ecc.» [immagine]
Tutto (il), Ogni cosa, Tutto ogni cosa - Tutto, con l'articolo che gli fa seguito, è quasi adjettivo indicante universalità collettiva. - « Tutte le gioje - tutti i casi. » - Quando si dice Il tutto vuol significarsi tutte le cose immaginabili, così in generale. - Quando si dice Ogni cosa, si considerano tutte quante, ma ciascuna per sè. - Tutto ogni cosa è detto per pura enfasi. La differenza tra Tutto e Ogni è questa: Tutto comprende l'intero, Ogni fa riguardare il tutto in ciscuna sua parte: per enfasi poi suol dirsi Tutto tutto, e Tutto quanto. [immagine]
Tutto (al), Del tutto, In tutto, In tutto e per tutto - Al tutto significa propriamente Remosso ogni ostacolo e ogni indugio. - «Gli comandò che al tutto dovesse venire» - Del tutto, significa In ciascuna parte, compiutamente. - «Gli è guarito del tutto.» - In tutto, è più raro nell'uso, ed ha meno efficacia di Del tutto; però acquista efficacia maggiore di tutti gli altri quando per enfasi si dice In tutto e per tutto, che importa Senza derogare o Senza che manchi un minimo che. [immagine]
Egoista, Tutto per sè - L'Egoista non solo è di sè, tutto di sè egli, ma vorrebbe altresì che altri fosse tutto di lui, e tenta di farsi centro di ogni affezione, di ogni riguardo, di ogni preferenza altrui, e smania e si rode se non vi riesce; vuol che tutto converga in sè e per sè, senza dar nulla in ricambio: l'uomo di sè, tutto per sè è meno esigente; si contenta di fare di sè un idolo, e di sacrificare a sè, unicamente a sè, tutte le sue affezioni; del mondo, dei suoi simili non gl'importa un bel nulla: è molto se sa che esistano: ben di sovente non se ne ricorda. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Ogni, Tutti, Tutti quanti, Ognuno, Ciascuno, Tutto - Tutti comprende l'insieme complessivo delle persone, delle cose di una categoria, di una specie sotto un'idea generale: tutti gli uomini hanno un'anima; tutti i cittadini hanno da amare la patria; tutte le città sono più o meno centri d'industria e di commercio: quanti dopo tutti parrebbe pleonasmo, poiché quando si è detto tutti, pare non si voglia lasciare dietro nessuno; pure il tutti quanti afferma meglio della totalità, non lascia nemmeno travedere l'idea anche lontana di eccezione o di scelta. Tutto dice l'interezza dell'individuo, persona o cosa che sia: vi sono de' pensieri che tengono assorto tutto l'uomo, e delle circostanze che lo sottomettono a dure necessità: tutto il giorno piovette; tutta la famiglia ne restò commossa. Ogni considera l'individuo, ma nella specie; perciò quasi aggettivo deve accoppiarsi col nome suo; ogni uomo, ogni cittadino, ogni città: ciascuno, ognuno, veri pronomi, puonno stare da sè: ciascuno ha i suoi difetti, ognuno pensa a suo modo. Detti così assolutamente si riferiscono a persona, senza che sia pure necessario che questa sia precedentemente nominata; l'elissi è chiara, evidente: se poi hanno da riferirsi a cosa è d'uopo che il nome di essa preceda o accompagni il pronome; e così parlando di vocaboli potrà dirsi, ognuno di essi ha il suo preciso significato: o ciascun vocabolo ha ecc. [immagine]
Tutto, Il tutto - Tutto è più generale; il tutto, dice una totalità determinata, a parte: chi giuoca eziandio per semplice divertimento, giuoca sovente il tutto; cioè que' pochi soldi o lire che espone sul tavoliere; i giuocatori di professione soltanto si giuocano tutto, averi ed onore. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: tutsi, tutta, tuttala, tuttasanta, tuttavia, tutte, tutti « tutto » tuttofare, tuttologa, tuttologhe, tuttologi, tuttologia, tuttologie, tuttologo
Parole di cinque lettere: tutti « tutto » tuzia
Lista Aggettivi: tutelato, tutsi « tutto » tuttofare, tv
Dizionario inverso (per trovare le rime): sfruttò, sfrutto, usufrutto, strutto, distrutto, semidistrutto, costrutto « tutto (ottut) » spaccatutto, attaccatutto, toccatutto, mangiatutto, pigliatutto, aspiratutto, passatutto
Indice parole che: iniziano con T, con TU, iniziano con TUT, finiscono con O

Commenti sulla voce «tutto» | sottoscrizione


Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.

 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze