Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «venerdì», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Venerdì

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Terminanti con la i accentata [Vagì « * » Vestì]
Giorni della settimana [Giovedì « * » Sabato]
Giochi di Parole
La parola venerdì è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: ve-ner-dì. È un trisillabo tronco (accento sull'ultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: dirvene, rendevi, rivende, rivendé, verdine.
venerdì si può ottenere combinando le lettere di: vere + din; neve + dir.
Componendo le lettere di venerdì con quelle di un'altra parola si ottiene: +[adì, dai, dia] = addivenire; +tac = decentravi; +poa = deperivano; +tap = deprivante; +oda = deridevano; +ano = devieranno; +tan = diventarne; +tai = diventerai; +osi = diversione; +mio = divineremo; +set = estendervi; +[amo, moa] = invaderemo; +[eta, tea] = invaderete; +don = inverdendo; +tai = inverdiate; +rii = inverdirei; +[csi, ics, sci] = inverdisce; +ton = invertendo; +ala = lavanderie; +tap = pervadenti; +pet = prevedenti; +tap = prevendita; +pet = prevendite; ...
Vedi anche: Anagrammi per venerdì
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: venerai, venerei.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: veneri.
Altri scarti con resto non consecutivo: vendi, verdi, veri, vedi, neri.
Parole contenute in "venerdi"
nerd, vene. Contenute all'inverso: idre, rene.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "venerdì" si può ottenere dalle seguenti coppie: veneta/tardi, veneto/tordi, venera/adì, venerano/anodi, venerasse/assedi, veneravi/avidi, venererò/erodi, veneri/idi, venero/odi.
Usando "venerdì" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * diano = venerano; * diate = venerate; * dianti = veneranti.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "venerdì" si può ottenere dalle seguenti coppie: venerea/aedi.
Usando "venerdì" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * idea = venerea; * idee = veneree; * idei = venerei; * ideo = venereo; * ideologia = venereologia; * ideologie = venereologie.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "venerdì" si può ottenere dalle seguenti coppie: venera/dia, venerano/diano, veneranti/dianti, venerate/diate, venero/dio.
Usando "venerdì" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * tardi = veneta; * tordi = veneto; * anodi = venerano; * avidi = veneravi; * erodi = venererò; * assedi = venerasse.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "venerdì"
»» Vedi anche la pagina frasi con venerdì per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Ho già messo in programma che il prossimo venerdì santo andrò a fare la Via Crucis al Colosseo.
Proverbi
  • Chi ride il venerdì piange la domenica.
Libri
  • Venerdì o il limbo del Pacifico (Scritto da: Michel Tournier; Anno 1967)
Titoli di Film
  • La signora del venerdì (Regia di Howard Hawks; Anno 1940)
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Venerdì - e † VENARDÌ. S. m. Il quinto giorno della settimana. Venardì odesi tuttavia nel contado tosc. Dies Veneris.

Bocc. Nov. 8. g. 5. (C) Avviene che ogni venerdì in su questa ora io la giungo qui, e qui ne fo lo strazio che vedrai. G. V. 7. 31. 1. Venuta in Firenze la novella in venerdì sera, il sabato mattina messer Giambertaldo… si partì di Firenze Maestruzz. 1. 39. Ancora il mercoledì, e 'l venardì, e il sabato. E 2. 25. Onde a uno Conte, che si fosse botato di digiunare il venardì in pane e acqua non basterebbe a edificare uno altare. Vit. SS. Pad. 2. 211. Ordinò che la quarta e sesta feria, cioè la mezzedima e 'l venerdì, gli fosse posto la sedia nella piazza dinanzi alla chiesa [G.M.] Guadagn. Poes. Se l'antico proverbio il ver parlò, Che tutto quel che in venerdì si fa. Un esito felice aver non può (pregiudizio del volgo). T. Prov. Tosc. 314. Il venerdì ammazza il sabato. – V. anco DÌ, § 19.

[G.M.] Il venerdì e il sabato sono giorni magri (si mangia di magro).

2. [G.M.] Mancare a uno un venerdì, qualche venerdì; Non avere tutti i suoi venerdì; Mod. fam. per dire che uno è un po' scemo di cervello. E anche dicesi: Non ha tutti i suoi giorni. – Non vi confondete con costui; si vede bene che gli manca un venerdì.

3. Venerdì Santo; Quello che precede alla Domenica della Pasqua di Risurrezione. T. La processione del Venerdì Santo. – Nel Venerdì Santo espongono alla pubblica adorazione la Santa Croce.

T. Profanazione del Venerdì Santo. (Eroismo loggiajuolo)
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: veneravamo, veneravano, veneravate, veneravi, veneravo, venerazione, venerazioni « venerdì » venere, venerea, veneree, venerei, venereo, venereologia, venereologie
Parole di sette lettere: venerai « venerdì » venerea
Vocabolario inverso (per trovare le rime): salvaguardi, riguardi, sguardi, baluardi, lanzardi, azzardi, nizzardi « venerdì (idrenev) » perdi, straperdi, vinciperdi, riperdi, disperdi, verdi, sempreverdi
Indice parole che: iniziano con V, con VE, iniziano con VEN, finiscono con I

Commenti sulla voce «venerdì» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze