Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «venuto», il significato, curiosità, forma del verbo «venire» associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Venuto

Forma verbale
Venuto è una forma del verbo venire (participio passato). Vedi anche: Coniugazione di venire.
Parole Collegate
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
arrivato (27%), andato (20%), mondo (13%), lontano (5%), partito (3%), casa (3%), via (2%), giunto (2%), meno (2%), nato (2%), benvenuto (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola venuto è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
Divisione in sillabe: ve-nù-to. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
venuto si può ottenere combinando le lettere di: ton + uve.
Componendo le lettere di venuto con quelle di un'altra parola si ottiene: +ama = aumentavo; +bel = benvolute; +can = convenuta; +col = convolute; +din = invenduto; +ace = nuocevate; +alt = nuvoletta; +dir = rivenduto; +sta = svuotante; +bar = turbonave; +tir = vetturino; +acca = accentuavo; +[lido, lodi] = devolution; +data = duettavano; +[atra, rata, tara] = eruttavano; +sala = esultavano; +[afri, fari, rifa'] = fuorviante; +[davi, diva] = inavveduto; +[acmi, cima, mica] = incutevamo; +[acni, cani, cina, ...] = incutevano; +vili = involutive; ...
Vedi anche: Anagrammi per venuto
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: tenuto, veduto, venato, veneto, venuta, venute, venuti.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: tenuta, tenute, tenuti.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: vento.
Altri scarti con resto non consecutivo: veto.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: svenuto, venduto.
Parole con "venuto"
Finiscono con "venuto": svenuto, avvenuto, divenuto, rivenuto, benvenuto, convenuto, pervenuto, prevenuto, provenuto, rinvenuto, risvenuto, sovvenuto, addivenuto, intervenuto, riconvenuto, sopravvenuto, contravvenuto.
»» Vedi parole che contengono venuto per la lista completa
Parole contenute in "venuto"
nut. Contenute all'inverso: une.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "venuto" si può ottenere dalle seguenti coppie: vedete/detenuto, vela/lanuto, vena/auto, venula/lato, venustà/stato.
Usando "venuto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: parvenu * = parto; cave * = canuto; lave * = lanuto; corvè * = cornuto; sveve * = svenuto; * tosta = venustà.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "venuto" si può ottenere dalle seguenti coppie: venia/aiuto, venula/alto.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "venuto" si può ottenere dalle seguenti coppie: venustà/tosta.
Usando "venuto" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: lanuto * = lave; * lanuto = vela; cornuto * = corvè; * lato = venula; parto * = parvenu; * stato = venustà.
Frasi con "venuto"
»» Vedi anche la pagina frasi con venuto per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Lo scorso anno, è venuto a trovarmi a casa un amico che non vedevo da trenta anni.
  • Quando è venuto al mondo il mio primo figlio, provavo una tenerezza indescrivibile nel tenere tra le braccia il mio esserino!
  • Alla festa di compleanno della mia amica Giovanna, il primo venuto è stato Pietro e le ha portato un bellissimo dono che ha molto gradito.
Espressioni e Modi di Dire
  • Non è il primo venuto
Libri
  • Venuto al mondo (Scritto da: Margaret Mazzantini; Anno 2009)
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Ben venuto, Venuto bene - «Il primo è un augurio, un complimento; il secondo, un'affermazione della buona venuta. Siate il ben venuto, siate benvenuto. Siete venuto bene col vapore?» Tommaseo.

Venuto bene, esprime una certa facilità o buona riuscita: un lavoro vien bene quando nell'esecuzione non s'incontrano difficoltà gravi, e perciò non perdita di tempo; ed eziandio quando riesce a seconda. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Venuto - Part. pass e Agg. Da VENIRE. [G.M.] Bocc. Nov. 9. g. 10. E l'ora della cena, venuta, con molti onorevoli compagni magnificamente cenarono. = Amet. 9. (C) Le compagne di Lia, vedutolo, a forza ritennero le vaghe risa, agli occhi già venute per dimostrarsi. E 28. Libera lasciando la mano, nella quale fiori colti per li venuti boschi portava (cioè, pe' boschi, per i quali era venuta). [G.M.] Morg. 12. 75. Evvi il Soldan con tutte sue bandiere, Venuto qua dal corno egiziano. (D. Par. 8. 61. Corno d'Ausonia.)

T. Vang. Venuti a lui, dissero… – Venuto di Giudea in Galilea. – Venuti a Cafarnao. – Venuto dal cielo.

T. Prov. Tosc. 69. Il cane in Chiesa fu sempre il mal venuto. E 131. Ben tardi venuto, per niente è tenuto.

T. A modo di Sost. Regolam. Sped. di S. Maria Nuova. Nella quale (polizza) deve essere scritto gl'Infermi della mattina, della sera, i venuti, partiti, morti, et il consumo delle piccie del pane.

2. Ben venuto; Maniera di salutare chi arriva. Bocc. Nov. 10. g. 2. Messere, voi siate il ben venuto. Lasc. Gelos. 1. 4. Buona notte, Alfonso mio; tu sii il molto ben venuto. [Cors.] Dial. S. Greg. 2. 16. Mandògli a dire come esso voleva venire a vederlo:… ed essendogli risposto… che egli fosse lo ben venuto… [G.M.] Morg. 1. 22. Disse l'abate: Il ben venuto sia; Di quel ch'io ho, volentier ti daremo. E 14. 41. E dêi pensar che la dama il saluta, E ch'e' rispose: Tu sia ben venuta. E 18. 14. Disse Morgante: Tu sia il ben venuto. E 22. 40. E rispondeva a questi, a' lor saluti: Voi siate in ogni modo i ben venuti. E 24. 160. Poi disse Carlo: Savio imbasciadore, Tu sia per molte cose il ben venuto.

E a modo di Sost., per Il saluto stesso. Dare il benvenuto. [Cors.] Bart. Grand. Crist. 21. (T. 2. p. 81.) Datogli in due parole il ben venuto.

3. † Nato, Sorto, o sim. Bocc. Nov. 7. g. 1. tit. (M.) Bergamino, con una novella di Primasso e dello Abate di Clignì, onestamente morde una avarizia nuova, venuta in Messer Can della Scala.

4. E per Venuto, Divenuto. Non com. Chiabr. Guerr. Got. 15. 9. (M.) E dal cordoglio e dal disdegno vinto, E dal timore in parte e dall'affanno, Venuto segno di nemica sorte, Consiglia di sua vita e di sua morte.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: venusiane, venusiani, venusiano, venustà, venuta, venute, venuti « venuto » vera, verace, veracemente, veraci, veracità, veramente, veranda
Parole di sei lettere: venuti « venuto » verace
Vocabolario inverso (per trovare le rime): sostenuto, risostenuto, attenuto, trattenuto, intrattenuto, ottenuto, riottenuto « venuto (otunev) » prevenuto, divenuto, addivenuto, rivenuto, benvenuto, rinvenuto, convenuto
Indice parole che: iniziano con V, con VE, iniziano con VEN, finiscono con O

Commenti sulla voce «venuto» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze