Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «vicino», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, associazioni, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Vicino

Aggettivo
Vicino è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: vicina (femminile singolare); vicini (maschile plurale); vicine (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di vicino (prossimo, adiacente, contiguo, limitrofo, ...)
Nomi Alterati e Derivati
Superlativo: vicinissimo.
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
lontano (47%), casa (17%), accanto (5%), qui (4%), prossimo (3%), amico (2%), presso (2%), paese (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Avverbi di Luogo [Su « * ]
Giochi di Parole
La parola vicino è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte senza capo, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (onici).
Divisione in sillabe: vi-cì-no. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si può avere questa parola: nocivi.
vicino si può ottenere combinando le lettere di: ivi + con.
Componendo le lettere di vicino con quelle di un'altra parola si ottiene: +ala = aviolanci; +[abc, cab] = biconcavi; +[bau, bua] = biunivoca; +bui = biunivoci; +bea = cabinovie; +cra = cavicorni; +ace = cecoviani; +tag = cognitiva; +[gol, log] = coinvolgi; +sol = coinvolsi; +fan = confinavi; +dal = convalidi; +tre = convertii; +con = covoncini; +afa = fiocinava; +fai = fiocinavi; +[adì, dai, dia] = inacidivo; +ama = incaviamo; +[sul, usl] = inclusivo; +[eta, tea] = incoative; +tai = incoativi; +tao = incoativo; +rna = incrinavo; ...
Vedi anche: Anagrammi per vicino
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: micino, ricino, ticino, vicina, vicine, vicini, virino, visino, vizino, vocino.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: micina, micine, micini.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: vico, vino.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si possono ottenere: conici, fonici, ionici, sonici, tonici.
Parole con "vicino"
Finiscono con "vicino": avvicino, avvicinò, ravvicino, ravvicinò, riavvicino, riavvicinò, circonvicino.
Parole contenute in "vicino"
Contenute all'inverso: onici.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "vicino" si può ottenere dalle seguenti coppie: via/acino, vice/cecino, vino/nocino, viri/ricino, visconti/sconticino, viti/ticino, vivo/vocino.
Usando "vicino" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: calvi * = calcino; porvi * = porcino; ortivi * = orticino; fiorivi * = fioricino; ravvivi * = ravvicino.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "vicino" si può ottenere dalle seguenti coppie: filavi/cinofila, civici/noci, lavici/nola.
Usando "vicino" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * civici = noci; * lavici = nola; noci * = civici; cinofila * = filavi; nola * = lavici; * filavi = cinofila.
Lucchetti Alterni
Usando "vicino" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * nocino = vino; * vocino = vivo; calcino * = calvi; porcino * = porvi; vice * = cecino.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "vicino" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ha = vichiano; sol * = svicolino; aver * = avvicinerò.
Frasi con "vicino"
»» Vedi anche la pagina frasi con vicino per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Ti sono vicino in questi tuoi momenti di necessità. Conta su di me!
  • Mi piace mantenere buoni rapporti col vicino di casa: potremmo essere d'aiuto l'uno all'altro!
  • Mai stato così vicino a raggiungere l'obiettivo che mi ero prefisso.
Proverbi
  • Il bravo legale è cattivo vicino.
  • La gallina del vicino sembra un fagiano.
  • La paglia vicino al fuoco brucia.
  • Quando il treno passa vicino alla foglia, la foglia vola.
  • Vicino alla chiesa, lontano da Dio.
  • L'erba del vicino è sempre più verde.
  • Vai a letto presto, svegliati di buon mattino e desterai l'invidia del vicino.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Accanto, Accosto, Appresso, Presso, Vicino, Lungo, Rasente - Accanto accenna vicinanza dall'uno de' canti. Accosto, accenna vicinanza maggiore, quasi di cosa che ci sia alle coste. - « La chiesa è accanto a casa mia. - Sta sempre accosto a me. » - Appresso e Presso, accennano distanza breve, ma relativamente. - « Un paesello appresso, o presso Firenze. » - Vicino dà idea di lontananza maggiore, ma sempre relativa. - « Siedi vicino a me. - Rifredi è vicino a Firenze. » - Lungo accenna vicinanza, ma per ispazio continuato. - « Passeggio lungo il Mugnone. » - Rasente, infine, accenna la maggior vicinanza, quasi dica che si rade la cosa a cui siamo vicini. - « Camminava rasente al muro per non cader nel burrone. » [immagine]
Contiguo, Attiguo, Vicino, Prossimo - Contiguo indica contatto, e che l'una cosa appoggiasi con un lato sull'altra. - « La mia casa è contigua alla sua. » - Quando non c'è contatto immediato, ma non c'è altra cosa framezzo, allora si dice Attiguo. - La voce Vicino è relativa a cosa più lontana: Pistoja è vicina a Firenze, se ha relazione con Roma, che è molto più lontana. - Prossimo indica vicinanza assoluta, e vicinanza con piccolissimo spazio di distanza. [immagine]
Confinante, Vicino, Vicinante, Confinario - Il Confinante è propriamente colui che ha o podere o casa attigua al podere o alla casa di un altro. - «Siamo confinanti. - E' mio confinante.» - Chi abita o possiede beni non molto lungi da un altro, quegli è suo Vicino; e parlando di abitazioni cittadine, Vicinante; p. es.: «Tutti i vicinanti corsero al rumore.» Presso gli antichi la voce Vicino si trasportò a significare anche parentela e cittadinanza, come si trova nella Divina Commedia, nelle Rime di Cino, e altrove. - [Confinario, non comune, lo nota il Tommaseo per Abitante i confini di un paese, nel qual senso non sarebbe proprio Confinante. G. F.] [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Vicino, Confinante, Prossimo, Propinquo, Immediato - Vicino ciò che è a una portata discreta della mano o della voce; poi la vicinanza si misura altresì dalle circostanze di grandezza o d'importanza: i popoli vicini; la Corsica e più la Sicilia sono vicine alle coste dell'Italia continentale. Confinante, la casa, il podere, lo stato che pe' confini per qualche lembo si toccano. Vicino poi, rispetto a luogo, è alquanto meno che prossimo, rispetto a tempo invece parmi un po' meno; e invero due cose tanto si approssimano che poi si toccano; nel dire infatto: la prossima Pasqua, accenno a quella che deve venire, ne fossimo anche a qualche mese di distanza; ma se dico: la Pasqua è vicina, intendo che vi mancano pochi giorni. Propinquo è latinismo poco usitato; può venir bene nella poesia bernesca: nella frase, i parenti più propinqui, può stare però anco in prosa e nello stile serio. Immediato ciò che non ha tempo o altra circostanza in mezzo: di certe cause, od agenti immediato è l'effetto, ma come sempre alquanto precipitoso o violento, vanno applicati colla più severa e oculata prudenza. [immagine]
Contiguo, Attiguo, Vicino - Vicini si è relativamente ad altra cosa più lontana; contiguo indica contatto; attiguo, prossima vicinanza. Le case di una contrada, se si toccano, sono contigue; se sono divise da viottoli, diconsi attigue; le più prossime ad una, data per punto di partenza o di confronto, sono vicine. [immagine]
Vicino, Presso, Accosto - Presso dice più di vicino; accosto, ancor più: la vicinanza, come già dissi, è relativa all'importanza della cosa; quando invece una cosa è presso ad altra cosa, quasi la tocca, la preme; se v'è accosto la tocca proprio. Vicine possono essere due cose considerate in qualunque senso, o di fronte, o una dietro l'altra, o di costa; presso s'avvicina nella significazione ad appresso, dietro, dopo; accosto, proprio di fianco, di costa. [immagine]
Essere in punto di…, Al punto, Sul punto, Essere in procinto, Essere vicino, Essere lì lì - Essere in punto vale essere all'ordine, disposto o preparato a fare; suppone necessità o disposizione antecedente: essere in punto di morte. Al punto suppone i verbi giungere, arrivare; giungere, arrivare al punto prefisso; come spazio, e più come tempo, indica limite assai più ristretto; e così bene si dirà: essere, trovarsi, giungere al punto estremo, che in punto estremo non si direbbe; sul punto, come tempo, è proprio l'attimo in cui la cosa succede; come spazio, sarebbe il punto occupato dalla cosa stessa: in punto può significare vicinanza di momenti, d'ore; al punto, di un momento più o men lungo; sul punto, l'istante vero dell'azione. L'uomo che trovasi in punto di morte, pur si lusinga di non essere ancora al punto estremo, e proprio sul punto d'andarsene. Si mette al punto un fucile quando si vuol tirare il colpo: mettere un uomo al punto è stuzzicarne l'amor proprio, l'ira o altra passione onde risolverlo ad agire: essere al punto e sul punto significa anche impazienza o sdegno vicino a scoppiare. Essere in procinto indica risoluzione d'agire provocata da qualche motivo, ma che la riflessione ancora governa; la malevolenza, la calunnia mettono l'uomo in procinto di fare qualche brutto colpo. Esser vicino non significa se non che il tempo assai prossimo in cui si compirà qualche progetto; sono vicino a divenir autore, dice un tale che ha finito o quasi finito di scrivere un'opera e che si accinge a stamparla. Essere lì lì vale essere trattenuto appena da un ostacolo tanto tenue e fragile, che può rompersi da un momento all'altro, e dare libero sfogo alla piena: dicesi tanto dell'ira o di altra qualunque smania che gorgoglia nel cuore e trabocca, quanto del timore eccessivo di malanno che ci arrivi addosso, per cui sempre ci pare sia lì lì per colpirci. [immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: vicinato, vicine, vicini, vicinissima, vicinissime, vicinissimi, vicinissimo « vicino » vicissitudine, vicissitudini, vico, vicolacci, vicolaccio, vicoletti, vicoletto
Parole di sei lettere: vicini « vicino » vicoli
Lista Aggettivi: vicendevole, vicentino « vicino » video, viennese
Vocabolario inverso (per trovare le rime): sconticino, carticino, quarticino, orticino, posticino, fusticino, latticino « vicino (oniciv) » circonvicino, avvicino, avvicinò, riavvicino, riavvicinò, ravvicino, ravvicinò
Indice parole che: iniziano con V, con VI, iniziano con VIC, finiscono con O

Commenti sulla voce «vicino» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze