Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «impresa», il significato, curiosità, associazioni, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Impresa

Parole Collegate
»» Aggettivi per descrivere impresa (edile, difficile, collettiva, eroica, ...)
Associate (la prima parola che viene a mente, su 100 persone)
edile (25%), ditta (11%), azienda (6%), difficile (3%), costruzioni (3%), semplice (3%), imprenditore (2%), fallita (2%), eroica (2%), privata (2%), società (2%)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola impresa è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: im-pré-sa. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: esprima, permasi, pesarmi, presami, sapermi.
impresa si può ottenere combinando le lettere di: psi + [arem, arme, erma, ...]; sim + [apre, arpe, pare, ...]; per + [mais, siam, sima]; sei + pram; [eri, ire, rei] + spam; [pesi, spie] + ram; [iper, peri, ripe] + mas; [mesi, mise, semi] + [par, rap]; [meri, mire, remi, ...] + spa; empi + ras.
Componendo le lettere di impresa con quelle di un'altra parola si ottiene: +dei = adempiersi; +[par, rap] = amperspira; +tap = appestarmi; +ago = aspergiamo; +[ero, ore, reo] = aspireremo; +oso = assopiremo; +tac = camperista; +tic = camperisti; +toc = comperasti; +[dio, odi] = disperiamo; +[suo, uso] = epurassimo; +tao = espatriamo; +avo = espiravamo; +[ire, rei] = esprimerai; +mio = esprimiamo; +ito = estirpiamo; +tic = impartisce; +tai = impasterai; +cui = impaurisce; +[sui, usi] = impaurisse; +gin = impegnarsi; +noi = impersonai; ...
Vedi anche: Anagrammi per impresa
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: impreca, imprese.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: pesa.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: impressa, impresta.
Parole con "impresa"
Iniziano con "impresa": impresari, impresaria, impresarie, impresario.
Parole contenute in "impresa"
resa, presa.
Incastri
Inserendo al suo interno ari si ha IMPRESariA; con tav si ha IMPREStavA.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "impresa" si può ottenere dalle seguenti coppie: impreca/casa, impreco/cosa, imprevisto/vistosa.
Usando "impresa" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: coi * = compresa; * sassi = impressi; * sasso = impresso; * atava = imprestava; * atavi = imprestavi; * atavo = imprestavo; * esaudente = imprudente.
Lucchetti Riflessi
Usando "impresa" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * asco = impreco; rimi * = ripresa; commi * = compresa; * aschi = imprechi.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "impresa" si può ottenere dalle seguenti coppie: imprudente/esaudente.
Usando "impresa" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * impressi = sassi; * impresso = sasso; impresta * = stasa; * casa = impreca; * cosa = impreco; * cosa = imprecò; * sia = impressi; * stasa = impresta; * aria = impresari; * vistosa = imprevisto.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "impresa" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ti = imprestai; * tre = imprestare; * cita = imprecisata; * citi = imprecisati; * cito = imprecisato; * teri = impresterai; * timo = imprestiamo; * trono = imprestarono.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "impresa"
»» Vedi anche la pagina frasi con impresa per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • L'impresa di pulizie del mio condominio si è dimessa e ne devo cercare un'altra.
  • E' stata una bell'impresa convincere il cane a lasciare la presa.
  • L'impresa dei Mille ha segnato una svolta importante nella storia dell'Italia.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
»» Vedi tutte le definizioni
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Bandiera, Insegna, Intrasegna, Impresa, Stendardo, Gonfalone, Vessillo, Pennone - Bandiera è propriamente insegna militare; la bandiera però della nazione è spiegata anche da ogni bastimento di quella, sia da guerra o mercantile; alla bandiera portata da vascelli da guerra si rendono fra nazione e nazione, fra vascello e vascello, sia ne' porti che in alto mare, certi convenuti onori. Insegna è parola generica; è segno o contrasegno qualunque indicante quella tal cosa cui è destinato; insegna di mercante, d'osteria ecc.; insegne militari. Impresa era motto e simbolo che il cavaliere adottava onde dichiarare quali erano o intendeva fossero le meglio imprese sue; la portava scritta o figurata sullo scudo principalmente: divenuta poi quella della sua famiglia e discendenti, era come chi dicesse l'insegna della casa, in quei tempi in ispecie in cui ogni signorotto ne' suoi contorni era sovrano. Stendardo è più generalmente l'insegna che le compagnie religiose o secolari portano nelle processioni; è differente dal gonfalone in quanto quello è attaccato all'asta a modo di bandiera cioè dall'uno de' lati, e si porta coll'asta alquanto inclinata, onde resti steso e si veda ciò che rappresenta; il gonfalone invece è appeso per il mezzo del lato superiore a un'asta, che si porta diritta, onde resti spiegato; il lato superiore è fisso a un traverso di legno: il gonfalone era anco l'insegna del Comune e portavasi nelle battaglie; il gonfaloniere era, ed è tuttora in qualche parte d'Italia, uno de' primi magistrati. Vessillo è voce dello stile nobile; il vessillo del re, dell'imperatore; la croce è il vessillo della cristianità tutta. Pennone è una piccola banderuola, finente in due punte, attaccata o in cima della lancia, o dell'albero maggiore delle navi; questo serve il più sovente a indicare da qual parte spira il vento.

«Insegna semplice non è intrasegna, perché intrasegne sono le figure o segni varii di cui si compone un'insegna. Malespini, cap.48. «Per lo suo amore portavano e ritennono la sua insegna addogata bianca e rossa con diverse intrasegne». Polidori [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Impresa - S. f. Quello che l'uomo piglia, o si mette a fare, o ha in animo di fare. T. Sost. dall'agg. per ell., sottint. Cosa, o sim., come Gesta. = Bocc. Nov. 93. 10. (C) Nobile uomo fu il tuo padre, dal quale tu non vuogli degenerare, sì alta impresa avendo fatta, come hai. Lab. 97. Da tale impresa non poco, ma molto turbato mi ritenne. Dant. Inf. 2. Perchè, pensando, consumai la 'mpresa, Che fu nel cominciar cotanto tosta. Petr. Son. 5. Raddoppia all'alta impresa il mio valore. E 7. Non lassar la magnanima tua impresa. Varch. Lez. 473. Chiamasi impresa toscanamente quello che i Latini dicono inceptum, cioè ogni cosa che s'imprende o piglia a fare o a dire. Red. Lett. 2. 169. Soli si accinsero alla gloriosa impresa. Guicc. Avvert. 109. (M.) Farsi animo, nè ritirarsi dalle imprese virili ed onorevoli per paura di tutti i pericoli. [G.M.] Petr. Son. Piacciati omai (o Padre del cielo) che col tuo lume io torni A nuova vita ed a più belle imprese (morali). T. Imprese d'amore. – Imprese d'un viaggio. [B.] Ar. Fur. 1. 1. Audaci. E 15. 35. Cesaree. E. 33. 44. Magne. E 49. Mal successe. E 34. 38. Strane. E 36. 61. Gloriose.

[B.] Ar. Fur. 17. 87. Sostenere. E 104. Avere. E 14. 32. Pigliare una. E 26. 95. Ajutare una. E 38. 60. Durare in una. E 45. 54. Dare l'impresa. E 55. Accettare. E 46. 14. Lasciare l'impresa. T. Accingersi a impresa. – Ritirarsi dall'impresa. [Tor.] Rondin. Descr. Cort. 60. Dove sono huomini e denari si conduce a fine ogni mal'agevole impresa. T. Impresa non leggiera. Ardua. [B.] Ar. Fur. 4. 57. Degna. E 5. 80. Favorita. E 20. Vana. E 12. 79. Dura e forte. E 17. 24. Nuova. E 19. 14. Ria. E 22. 18. Gloriosa. E 23. 7. Mala. E 66. Nè facile nè onesta. E 33. 22. Infelice. E 35. 39. Dura e perigliosa. E 38. 67. Onorata.

T. Prov. Tosc. 162. Chi guida imprese, persuada e faccia.

T. Quasi prov. È più la spesa dell'impresa, di cosa qualsiasi, anche piccola, che non abbia il prezzo dell'opera.

2. Nota uso di questa voce. G. V. 8. 96. (M.) Questo messer Corso (Donati) fu il più savio e più valente cavaliere…, e di maggiore impresa ch'al suo tempo fosse in Italia (cioè, Uomo da far cose grandi).

3. T. Senso milit. Sansov. Conc. Pol. Nelle imprese d'importanza, non è saviezza mettere un esercito di soldati giovani e inesperti a petto a un campo di veterani. Ivi: Tutto il guadagno delle grandi imprese consiste nel consiglio. – La gloria dell'imprese. – Imprese liberatrici. Migl. Cres. St. It. Insolente impresa, fatta contro il Papa da' Colonnesi. [G.Fal.] Ben. Varch. Stor. Fior. lib. II. p. 105. Osarono di manomettere la famiglia del capitano della piazza,… senza che i Signori Otto ardissero di farne impresa o dimostrazione alcuna. [Val.] Pucc. Centil. 22. 72. Allor Pier dell'impresa si pente, E pensasi dell'isola partire.

4. [Camp.] Smarrire alcuno da un'impresa, per Torgli l'animo di recarla in atto, e sim. Ces. Com. Perchè tanto onore alla cittade Edua apportava, con ogni modo reprimere Dinorix e smarrirlo da quella impresa si pensava (deterrendum quibuscumque rebus).

5. Per Commissione. Ar. Fur. 24. 39. (Man.) Punito esser debb'io, che cieco fui, Cieco a dargliene impresa. E 45. 54. E crede ben, s'a lui ne dá l'impresa, Che ne fia vinta Bradamante e presa. Car. Lett. 2. 259. Di che ho dato impresa a Madonna Laura.

6. Per Cura, Incarico. Belc. Vit. Colom. C. 260. (M.) Mandò loro a dire come non gli era lecito pigliare alcuna impresa senza la volontà e consiglio de' suoi fratelli. E 262. Se pure uno di voi contradicesse, non farei l'impresa (cioè, non accetterei l'incarico). Dep. Decam. 36. (Man.) Ma chi piglia impresa di biasimare altrui, dovrebbe prima fondarsi bene,…

Onde Tor per impresa di fare checchessia vale Assumere l'incarico, Impegnarsi di far checchessia. Car. Apol. 186. (Man.) E peggio, ch'abbiate tolto per impresa di far che i vizi sieno virtù, e che 'l falso sia verità.

7. Per Lavoro, Travaglio. Instr. Canc. 43. (M.) Essendo artisti, si devono questi che attualmente si esercitassero nell'impresa di dette terre, e non in altro, reputare, come se fossero un uomo solo per famiglia.

8. Fare impresa, per Cultivare, Fare cultivazioni; onde Fare grande impresa vale Fare cultivazioni in grande, cultivazioni d'averne gran ricolto. Soder. Ort. e Giard. 104. (Gh.) Volendone fare grande impresa (di fave), farai che nel campo dove l'hai destinate, sia a' suoi tempi tre volte arata la terra. E 131. Deesene (de' garofani) farne impresa nelle prode degli orti che sieno bene in pendio a prendere il sole. E 169. (Man.) E si può farne (della maggiorana) impresa, per dar via del suo seme per abbonar la cervogia a' Tedeschi. [Tor.] Vett. P. Colt. Uliv. 41. Farebbesi anchora contra al precetto di Vergilio, buono et vero, a far questo, il quale non vuole a patto alcuno, che noi facciamo impresa d'annestare ulivi salvatichi, ponendoci innanzi a gli occhi il pericolo, al quale sono sottoposti.

9. T. Insegna e motto che scrivesi sulle insegne, e titolo o soprannome che ne viene a chi la porta. Dallo spiegarsi le insegne andando a un'impresa milit., e dall'indicarvi con parole e con segni quel che si intende di fare. Varch. St. 1. Poca prudenza, ancorchè egli avesse per impresa, e si facesse chiamare il Moro.

Disc. Calc. 16. (C) Adornando le berrette con penne e con imprese a suo talento. (Qui cimieri.) Bern. Orl. 3. 1. 39. Poi d'una giubba, che avea molte imprese, Di sua man veste il cavalier gentile. Malm. 1. 58. Ha per impresa un lanzo a due brachette, Che il molle insegna trar delle mazzette. Vasar. (Mt.) Partimenti d'impresa che si dipignevano nelle barde de' cavalli. Bald. Voc. dis. L'emblema ha di più che vi si ammettono i corpi umani che sono esclusi dall'impresa. Serd. Vit. Inn. 7. (Man.) Gli fu donata l'impresa del pavone col motto in francese Loyauté passe lout, che suona in nostra lingua, Lealtà sorpassa tutto.

10. T. Di cose economiche, a cottimo o all'asta. Impresa del gas (dell'illuminare a gas la città). – Impresa d'un teatro; del dare rappresentazioni e condurre gli attori.

[G.M.] L'impresa del giuoco del lotto, L'impresa maggiore (a cui si spediscono i registri di tutte le giocate).

11. A tutte imprese, post. avverb., vale Continuamente. Bern. Rim. burl. 2. 2. (Mt.) Queste pive si ponno a tutte imprese Usar, a nozze, a feste, giorno e notte.

12. [Cors.] Per impresa, usato avverb., vale Di proposito, Ex professo. Pallav. Stor. Conc. 12. 10. 28. Che nella materia della giustificazione era convenuto già toccar molte cose della penitenza…, ma che abbondando tanto gli errori intoro alla seconda, bisognava insegnarne di nuovo per impresa.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: imprenditrici, impreparata, impreparate, impreparati, impreparato, impreparazione, impreparazioni « impresa » impresari, impresaria, impresarie, impresario, imprescindibile, imprescindibili, imprescindibilmente
Parole di sette lettere: impreco « impresa » imprese
Vocabolario inverso (per trovare le rime): fresa, presa, intrapresa, cinepresa, ripresa, teleripresa, videoripresa « impresa (aserpmi) » compresa, ricompresa, incompresa, appresa, rappresa, sorpresa, arresa
Indice parole che: iniziano con I, con IM, iniziano con IMP, finiscono con A

Commenti sulla voce «impresa» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2018 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze