Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «malvagio», il significato, curiosità, aggettivo qualificativo, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Malvagio

Aggettivo
Malvagio è un aggettivo qualificativo. Forme per genere e per numero: malvagia (femminile singolare); malvagi (maschile plurale); malvagie (femminile plurale).
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di malvagio (maligno, crudele, cattivo, perfido, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Informazioni di base
La parola malvagio è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: mal-và-gio. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con malvagio per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Adalberto fu malvagio, perché non aveva aiutato Sara.
  • Chiamammo i carabinieri dopo che vedemmo un proprietario malvagio che picchiava il suo cane.
  • Fu accusato di essere malvagio perché non aveva soccorso il gattino ferito da un'autovettura.
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per malvagio
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: malvagia, malvagie.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: malvagi.
Altri scarti con resto non consecutivo: mala, mali, malo, magio, magi, mago, alvi, alvo, avio, lago, vago.
Parole contenute in "malvagio"
agi, mal, agio, vagì, malva, malvagi.
Incastri
Si può ottenere da malo e vagì (MALvagiO).
Lucchetti Alterni
Usando "malvagio" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * tao = malvagità.
Sciarade incatenate
La parola "malvagio" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: malva+agio, malvagi+agio.
Intarsi e sciarade alterne
"malvagio" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: mali/vago, magi/alvo, mago/alvi.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Cattivo, Malvagio, Tristo - Cattivo viene dal latino Captivus (schiavo), quasi dica schiavo del peccato, del vizio: il cattivo ha in sè l'idea del dappoco e del dispregevole, onde proprissimamente scrisse Dante:

. . . . . la setta de' cattivi
A Dio spiacenti ed a' nemici sui
.

- Malvagio è colui che è dedito al male, compresa l'idea di svergognatezza e di audacia. - Tristo è colui che non rifugge dal commettere qualsivoglia mala azione, con necessaria idea di malignità e di premeditazione. Gli astratti sono Cattività (e non Cattiveria come dicono alcuni), Malvagità, Tristizia. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Maligno, Malizioso, Malevolo, Malvagio, Cattivo, Pravo, Perverso, Iniquo, Reo, Rio - Malizioso, chi conosce il male più che l'età o l'esperienza non comporta; pare che lo conosca d'istinto o l'indovini: malevolo, chi vuol male; malvagio, chi lo fa; maligno, chi se ne compiace. Cattivo, in genere, chi non è buono; cattivo, chi fa il male quasi per necessità di natura; cattivo, in altro senso, prigioniero; e in questo, pare, chi è avvinto da necessità o da abito di fare il male. Pravo, chi è o fu guasto; perverso, chi ama il male, il disordine essenzialmente, chi non ha in sè nulla di buono, e pervertì per così dire l'immagine bellissima che Dio scolpì di sè in ogni uomo, creandolo. Iniquo, chi nega giustizia, chi fa ingiustizie: iniquo perciò l'ingrato; iniquo il figlio disumano che abbandona i genitori nel bisogno, o non corrisponde con egual tenerezza al loro amore: iniquità sono perciò detti in teologia i peccati perché accusano ingratitudine verso Dio. Reo, il colpevole riconosciuto: anima rea, quella macchiata di delitto, e che non esiterebbe a commetterne altri. Rio, affine a duro, a crudele: rio destino, ria sorte, mondo tristo e rio; è più della poesia che della prosa. Nel secolo scorso si agitò da' filosofi la quistione: se l'uomo sia stato creato essenzialmente cattivo: ma non è un pervertire l'idea che si deve avere di Dio, il supporre un tal fatto, e non è una iniquità il cercare a puntellarlo d'argomenti? Il maligno trova una sua particolare soddisfazione a veder altri soffrire: il malizioso sorride nel vederlo negli impicci; il malevolo cova l'odio, la gelosia, l'invidia; il malvagio opera a danno altrui, a dispetto, ad onta delle leggi civili ed umane, le quali tiene in non cale e come non avvenute: la malizia va colla malignità; la malevolenza, colla malvagità. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Malvagio - Agg. e S. m. Di pessima qualità; e dicesi oggidì segnatam. delle persone, e delle cose. Bocc. Nov. 23. 17. (C) Come il puo' tu negare, malvagio uomo? Filoc. 5. 270. Chi le malvage cose fugge, per conseguente segue le buone. Dant. Par. 17. La compagnia malvagia e scempia.

T. D. 1. 1. (La lupa, figura dell'avarizia) Ha natura sì malvagia e ria, Che mai non empie la bramosa voglia (Rio dice più; giacchè Malvagio aveva anche senso corp. Ma Reo nel senso giudic. mod., dice men di Malvagio). Vang. Io rendo testimonianza di lui che le opere sue son malvage. Prov. Tosc. 60. Non è malvagio eguale A quel che si compiace del far male. [Camp.] D. 2. 19. Nipote ho io di là che ha nome Alagia. Buona da sè, purchè la nostra casa Non faccia lei per esempio malvagia; E questa sola di là m'è rimasa.

2. Per Falso. Bocc. Nov. 1. 7. (C) Mettitor di malvagi dadi era solenne.

3. Per Infelice. Med. Cuor. 60. (Man.) Vita pessima e malvagia è andare albergando di casa in casa. Bocc. Nov. 36. 4. Nelle cose perverse e malvage, quantunque i sogni a quelle pajono favorevoli…, niuno se ne vuol credere.

4. Per iperb. Molesto, Importuno. Lab. 202. (Man.) Co' lumi in mano si metteano all'inchiesta della malvagia e perfida zenzara, turbatrice del riposo, e del buono e pacifico stato della lisciata donna.

5. [Val.] Di luogo Difficile, Pericoloso. Pucc. Centil. 7. 36. Fu dal Soldano ad un malvagio passo… sconfitto. = Bern. Orl. 2. 8. 40. (Man.) Quel cammino è sì malvagio e torto, Che mille volte errando sarìa morto.

T. D. 1. 34. La via è lunga e il cammino è malvagio, vale tra cattivo a senso del franc. Mauvais, e Difficile nel senso del volg. ant. Eccl. 1. Tutte le cose, che sono malvage, non le puote l'uomo spianare a parole.

6. Nocivo. Cr. 51. 1. (Man.) È da sapere che tutti (i funghi) generano nutrimento malvagio. [Val.] Cocch. Op. 1. 75. Medicamenti tutti, buoni e malvagi.

[Val.] D'arme. Micidiale, A tradimento lanciata. Pucc. Centil. 82. 79. Ferito fu d'un malvagio quadrello.

7. D'anim. Tes. Br. 5. 9. (C) Lo mezzano (astore) ha ale rossette, e piedi e corpo e unghie piccole, e malvage, e gli occhi grossi e scuri.

[T.] Non da Mal vaso, nè da Male agens, o da Malevolus, nè dal fr. Mauvais: ma è la desin. arius. che a noi fa aro e aio, e quindi la facile commutazione: come da Area Aia.

T. Senso mor. e soc. Come sost. B. Giamb. Oros. 426. Quinci il malvagio delle sue retadi (reità) è justamente punito. Bin. Bon. Perchè e' malvagi son multiplicati: Chi vuol ir netto non vi metta mano.

D'atti esterni e interni. T. Cronichett. 220. Io voleva questo dì sanicare questa città dalle malvagie tirannie di grandi e possenti uomini. – Arti malvagie. – Malvagi doni.

T. Gioia malvagia.

Senso corp. T. Cr. 5. 18. 4. Si dêe la corteccia circoncidere, acciocchè 'l vizio del malvagio umore n'esca fuori. – Potrebbe usarsi tuttavia non solo per cel. o per iperb., ma figuratam. dando le qualità delle pers. alle cose. V. anche MALVASCIO.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: malvacee, malvacei, malvaceo, malvagi, malvagia, malvagiamente, malvagie « malvagio » malvagità, malvarosa, malvarose, malvasia, malvasie, malvavischi, malvavischio
Parole di otto lettere: malvaceo, malvagia, malvagie « malvagio » malvasia, malvasie, malveina
Lista Aggettivi: maltese, maltrattato « malvagio » malvisto, mammario
Vocabolario inverso (per trovare le rime): nubifragio, naufragio, presagio, disagio, contagiò, contagio, bastagio « malvagio (oigavlam) » ciliegio, sacrilegio, florilegio, sortilegio, privilegio, privilegiò, collegio
Indice parole che: iniziano con M, con MA, parole che iniziano con MAL, finiscono con O

Commenti sulla voce «malvagio» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze