Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «nottata», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Nottata

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Informazioni di base
La parola nottata è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: tt. Lettera maggiormente presente: ti (tre).
È una parola bifronte senza capo né coda, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (tatto). Divisione in sillabe: not-tà-ta. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con nottata per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Ho trascorso la nottata in giro per la città vuota.
  • E' stata una nottata divertente, ma stamattina... che sonno!
  • La nottata deve passare, prendiamola con filosofia noi lavoratori del terzo turno, dormiremo al mattino.
Citazioni da opere letterarie
Mastro-don Gesualdo di Giovanni Verga (1890): C'era già don Ferdinando Trao al capezzale, come una mummia, e la zia Macrì, la quale asciugava il viso alla nipote con un fazzoletto di tela fine. Le Zacco erano pallide della nottata persa, e donna Lavinia non si reggeva più in piedi. Sopraggiunse il marchese Limòli insieme al confessore. Donna Agrippina allora li mise fuori tutti quanti. Don Gesualdo, dietro a quell'uscio chiuso, si sentiva un gruppo alla gola, quasi gli togliessero prima del tempo la sua povera moglie.

Carthago di Franco Forte (2009): Le stelle brillavano più del solito, nonostante la luna sfolgorante nel cielo, ormai quasi piena. La luce che emanavano era così intensa che Himilce pensò che non avrebbe potuto scegliere nottata peggiore per mettersi in viaggio. Occhi attenti avrebbero potuto individuare lei e il suo carro da grande distanza, anche se la polvere smossa dalle ruote, che alle sue spalle saliva come un turbine, restava pressoché invisibile. Diede un'altra scrollata alle redini, pur sapendo che il cavallo era ormai allo stremo delle forze, e cercò di non guardarsi attorno.

La Madonna d’Imbevera di Cesare Cantù (1878): E perché don Alessandro se ne scusava allegando il bisogno d'essere al più presto di ritorno, — Già già (soggiungeva quegli con un ostentato sorriso) due sposi novelli si fanno rincrescere di passare una nottata sotto altro baldacchino. Certo però non vorranno farmi rifiuto di quel che posso sui due piedi offrir loro, una partita di caccia. Qui il mio guardiano ha notato la pesta di un porco selvatico e, se c'è, lo vogliamo scovare».
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per nottata
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: lottata, nettata, nottate.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: lottate, lottati, lottato.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: notata.
Altri scarti con resto non consecutivo: nota, nata.
Parole con "nottata"
Iniziano con "nottata": nottatacce, nottataccia.
Finiscono con "nottata": pernottata.
Parole contenute in "nottata"
tata. Contenute all'inverso: ton, atto, tatto.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "nottata" si può ottenere dalle seguenti coppie: nolo/lottata, none/nettata, noria/riattata, notabili/abilitata, notasse/assetata, nottole/oleata.
Usando "nottata" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: pienotta * = pietà; gino * = gittata; seno * = settata; grano * = grattata; trono * = trottata; affino * = affittata; alleno * = allettata; barano * = barattata; riceno * = ricettata; contano * = contattata; formano * = formattata; scaleno * = scalettata; riformano * = riformattata.
Lucchetti Riflessi
Usando "nottata" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: buon * = buttata; neon * = nettata.
Lucchetti Alterni
Usando "nottata" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: gittata * = gino; * nettata = none; settata * = seno; grattata * = grano; * riattata = noria; affittata * = affino; allettata * = alleno; barattata * = barano; ricettata * = riceno; contattata * = contano; formattata * = formano; * assetata = notasse; * oleata = nottole; scalettata * = scaleno; * abilitata = notabili; pietà * = pienotta; riformattata * = riformano.
Quiz - indovina la soluzione
Definizioni da Cruciverba: Le fa piccole il nottambulo, Un locale per nottambuli, Così è la notte, Sono tra i pomeriggi e le notti, È notoriamente nera.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Notte, Nottata, Nottolata - Notte è quella parte del corso diurno che il sole sta nascosto a noi, e sul nostro orizzonte è bujo. - Nottata è il corso della notte: «E' piovuto tutta la nottata;» e la frase Far nottata indica il passar la notte senza dormire, o per lavorare, o per assister malati. Passar la nottata in un luogo è lo starvi per il corso della notte, anche a dormire. - Nottolata è lo stesso che Nottata, salvo che è dell'uso contadinesco; ed erra il Tommaseo ponendo il divario di significato tra queste due voci. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Nottata, Nottolata - Nottolata, famigliarmente, dicesi l'impiego della notte; nottata lo spazio intero di essa. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Nottata - S. f. Lo spazio d'un'intera notte, che dissesi, e in contado si dice tutt'ora Nottolata. (Fanf.) T. Le lunghe nottate d'inverno s'abbreviano con qualche lavoro meglio che col trastullo. – Saccent. Rim. 2. 28. (Gh.) V'è il Casin per chi ha gusto alla primiera, All'ombre, alle minchiate ed altri giuochi, Da consumarvi la nottata intera. Nelli J. A. Comed. 2. 281. Passa le intere nottate a diacer (giacer) sulla soglia della porta della sua amante.

2. T. Non solo del tempo della notte, ma del modo di passarlo. Come ha egli l'ammalato passato la nottata? – Ha passato una buona, una cattiva nottata.

Aver buona o cattiva nottata. Passar bene o male la notte. (Fanf.)

3. Fare nottata. Vegliar tutta la notte per adempiere qualche ufficio, o finire qualche lavoro. (Fanf.) T. Bisognerà far nottata. – Il malato peggiora. – Trovate chi gli faccia nottata. In questo senso Nocticustos, Gl. Gr. Lat., da leggere meglio che Noctianus.

Fare nottata a un infermo. Vegliar tutta la notte per assisterlo. Va fargli nottata. (Fanf.)
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: notorio, nottambula, nottambule, nottambuli, nottambulismi, nottambulismo, nottambulo « nottata » nottatacce, nottataccia, nottate, notte, nottetempo, notti, nottilucente
Parole di sette lettere: notoria, notorie, notorio « nottata » nottate, nottola, nottole
Vocabolario inverso (per trovare le rime): infagottata, sgottata, biliottata, scimmiottata, lottata, gloglottata, sballottata « nottata (atatton) » pernottata, cappottata, incappottata, incerottata, aggrottata, dirottata, trottata
Indice parole che: iniziano con N, con NO, parole che iniziano con NOT, finiscono con A

Commenti sulla voce «nottata» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2023 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze