Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «vigilia», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Vigilia

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Informazioni di base
La parola vigilia è formata da sette lettere, quattro vocali e tre consonanti. Lettera maggiormente presente: i (tre). Divisione in sillabe: vi-gì-lia. È un trisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con vigilia per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • La vigilia di Natale, la tradizione vuole che si mangi di magro.
  • Nella mia famiglia, alla vigilia di Natale, è consuetudine scambiarsi i regali accanto all'albero addobbato.
  • Finalmente, dopo una estenuante attesa, siamo arrivati alla vigilia del grande evento.
Citazioni da opere letterarie
Il Dio dei viventi di Grazia Deledda (1922): Era la vigilia di San Giovanni. Dopo una notte calda e afosa, Bellia non volle alzarsi di letto; si sentiva fiacco, stroncato dall'insonnia e dallo scirocco, e diceva di aver la febbre: la madre cacciò via dalla stanza le mosche col suo grembiale, poi chiuso gli scurini e andò anche lei a buttarsi come un sacco vuoto sulla sedia ove il figlio soleva passare le sue ore di ozio e di noia.

Azzurro tenebra di Giovanni Arpino (1977): «Faresti bene a scendere anche tu a Ludwigsburg» sussurrò Bibì. Arp cancellò col dito nell'aria. «Neanche per un milione di dollari» rispose sottovoce: «La vigilia è sempre finta. Bugie senza pudor. Abbracci generali. Auguroni. L'Italia s'è desta. Lascia che ci caschino gli altri. A me, non mi cuccano. Farò un salto dagli argentini prima di scrivere. Non li ho ancora visti. E poi devo aspettare Gauloise.»

Arabella di Emilio De Marchi (1888): Fu la natura primitiva che la vinse sulle ragioni dell'interesse? Fu una seduzione misteriosa, a cui il vecchio spirito dell'affarista cedette alla vigilia del suo trionfo? Fu il desiderio che qualche cosa di bello e di gentile entrasse a popolare la casa vuota di un uomo vicino a ereditare quasi un mezzo milione? A non molto andare, in seguito all'eredità Ratta, che non poteva tardare un pezzo e di cui teneva già in mano i frutti e la caparra, egli veniva a coronare un grandioso edificio, lavoro di vent'anni di pazienza, e in questo edificio bisognava collocare qualche cosa.
Proverbi
  • Quando tu senti nominar Maria non domandare se vigilia sia.
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per vigilia
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si possono ottenere i vocaboli: vigila, vigili.
Altri scarti con resto non consecutivo: viga, vili, glia.
Parole con "vigilia"
Iniziano con "vigilia": vigiliamo, vigiliate.
Finiscono con "vigilia": antivigilia.
Parole contenute in "vigilia"
ili, vigili. Contenute all'inverso: ligi.
Incastri
Si può ottenere da viga e ili (VIGiliA).
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "vigilia" si può ottenere dalle seguenti coppie: vigila/aia.
Usando "vigilia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * ano = vigilino.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "vigilia" si può ottenere dalle seguenti coppie: vigilavo/ovaia.
Usando "vigilia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * aiata = vigilata; * aiate = vigilate.
Lucchetti Alterni
Usando "vigilia" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * atea = vigiliate.
Intarsi e sciarade alterne
"vigilia" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: vili/già.
Intrecciando le lettere di "vigilia" (*) con un'altra parola si può ottenere: * rna = virgiliana.
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Vigilia - S. f. Il vegliare la notte a studio o a meditazione, o per dolore che tolga i sonni. È in Cic., Ces. e Plaut.

Bocc. Nov. 4. g. 1. (C) Il vigor della quale nè la freschezza, nè i digiuni nè le vigilie potevan macerare. E nov. 3. g. 7. Credonsi che altri non conosca, oltr'alla sottil vita, le vigilie lunghe, l'orare e il disciplinarsi dover gli uomini pallidi e afflitti rendere. Cavalc. Med. cuor. 37. var. Non cura nostre vigilie, perchè egli non dorme mai: nè cura nostre astinenze o nostre castità.

[Camp.] D. 2. 15. Così convien frugare (stimolare) i pigri, lenti Ad usar la vigilia, quando riede (quando torna l'ora dello star desti). [G.M.] Segner Quares. 16. 3. Le notturne vigilie da voi costantemente durate, o meditando le Scritture, o spiegandole. T. Pap. Cons. Med. 2. 291. Nottolata di vigilia e di tosse. – Protrarre le vigilie e le orazioni a molta notte. [P.Occell.] Capor. Vit. Mecen. X. Dottrina, inver, che ritrovar non ponno, Se non quei che studiato hanno il Graziano, Sopra quel testo di vigilia e sonno.

Nel seg. è L'atto dello svegliarsi. [Camp.] D. 3. 26. E lo svegliato, ciò che vede, abborre; Sì nescia è la sua súbita vigilia; Finchè la stimativa nol soccorre.

[P. Occell.] Tass. Lett. 88. (vol. 1. p. 225. ediz. Le Monnier) Su l'alba, in sogno, mi nacque questo dubbio… Ma a questo dubbio ripensando poi ne la vigilia, ho trovato che facilmente si solve.

[G.M.] Onde il modo dell'uso: Fra il sonno e la vigilia; di chi è fra addormentato e desto. [Val.] Buon. Ajon. 3. 13. Si trattien… Fra 'l sonno e la vigilia co' compagni.

2. Per simil. Dant. Inf. 26. (C) O frati, dissi, che per cento milia Perigli siete giunti all'occidente; A questa tanto picciola vigilia De' vostri sensi, ch'è del rimanente, Non vogliate negar l'esperïenza, Diretro al Sol, del mondo senza gente. But. ivi: Piccola vigilia de' vostri sensi, cioè, a questo così poco di vita. (T. Picciola vigilia: la vita è breve vigilia al sonno della morte. Alla vita che rimane non negate l'esperienza degli antipodi.) [G.M.] Segner. Mann. Magg. 17. I giusti, in vita, come sai, tutti vegliano… E però la morte si chiama sonno, perchè allora cominciano a riposare dalle fatiche incessanti della vigilia.

3. Digiuno che si fa il giorno avanti alla festa di alcuni Santi, o di alcune solennità. [G.M.] Magr. Notiz. Vocab. eccles. Vigilia: così vien chiamato nella Chiesa il giorno precedente a qualche solennità, perchè si vegliava la notte nelle chiese in onore del Santo, consumando quel tempo in sacri e devoti canti, e in udire ragionamenti spirituali e in salmeggiare: che però da Tertulliano furono chiamate queste radunanze Nocturnae convocationes. Fu poi mutato questo costume nel digiuno, come oggidì si usa, ritenendo il nome di vigilia.

Ott. Com. Inf. 5. 69. (C) Oh quante vigilie vanno innanzi a questa poca festa! Bocc. Nov. 10. g. 2. Senza mai guardar festa o vigilia,… lavorarono. Ciriff. Calv. 2. 64. E fu vigilia di cattiva festa. Morg. 17. 49. Abbiam senza vigilia digiunato, Chè ci partimmo per tempo jermattina. [G.M.] Segner. Crist. instr. 3. 20. 16. Ho in riguardo tutte le vigilie della Madonna, quantunque non comandate.

[G.M.] Domani è vigilia. – Nella vigilia di san Giuseppe sono proibiti anco i latticinii. – Osservare le vigilie. – Non voglio guastare la vigilia per un po' di carne.

[G.M.] Far delle vigilie non comandate; Modo dell'uso, tra il serio e il faceto; detto di chi non ha di che cibarsi. Fag. Commed. Fa vigilie non comandate. – E così il seg. Fag. Rim. Intanto fa vigilie la famiglia, Che il lunario non l'ha sulle sue note.

T. Prov. Tosc. 197. Tra Pasqua e Pasqua non è vigilia fatta (tra pasqua d'Uovo e quella di Rose). E 235. Chi vuol goder la festa, digiuni la vigilia. E 272. Quando tu senti nominar Maria, non domandare se vigilia sia.

[G.M.] Altro prov. dell'uso. Chi non digiuna la vigilia di Natale, corpo di lupo, e anima di cane.

4. [G.M.] Dal precedere la vigilia immediatamente alla festa, venne a significare nell'uso idea di prossimità. Siamo alla vigilia del fallimento. – Siamo alla vigilia di pagar la pigione, e non c'è danaro. È negli Scherz. Com dello Zannoni.

T. Prov. Tosc. 94. Il promettere è la vigilia del dare. E 255. Il promettere è la vigilia del non attendere.

[G.M.] Anco il giuoco del lotto, in tanta solennità di progresso, ha le sue vigilie; chè così chiama il popolo i numeri accanto. Aveva giocato un terno; ed ha avuto un numero e due vigilie. – In una quaderna, mi sono venuti tre numeri e una vigilia.

5. (T. stor.) La prima, la seconda, la terza, la quarta vigilia; era un modo di contare le ore notturne della guardia de' soldati, che davansi la muta, ed anche con tal modo accennarasi semplicemente a qual punto fosse inoltrata la notte. [Fanf.] Fino nel secolo XVII si mutavano le sentinelle quattro volte per notte. V. Lorini, Fortific. pag. 143. cap. 15.

Serd. Stor. 3. 133. (C) Vi giunse intorno alla quarta vigilia. Ar. Fur. 31. 49. Ma consiglia l'assalto differire (Che vi par gran vantaggio) a notte oscura, Nella terza vigilia o nella quarta.

[Cors.] Dial. S. Greg. 2. 39. Sulla prima vigilia della notte, guardando, vide una luce mandata di sopra. = Bocc. Nov. 2. g. 9. (C) Tra sè le vigilie e le guardie segretamente partirono per incoglier costei. (Qui per simil.) [Camp.] Ces. Com. Circa la terza vigilia, con tre legioni degli alloggiamenti uscito, a quelli aggiunse…

E per La sentinella stessa che stava di guardia la notte. [Camp.] S. Ag. Lett. a Paulin. Nè permettevano le vigilie, nè le crudeli guardie, di sotterrare occultamente alcuno, come certifica quella medesima storia.

6. † L'assistenza che fanno i religiosi intorno a' corpi de' morti innanzi che si sotterrino. Bocc. Nov. 1. g. 1. (C) E mandatolo a dire al luogo de' frati, e che essi vi venissero la sera a far la vigilia,… ogni cosa a ciò opportuna dispuosero. E ivi: La sera andati tutti là, dove il corpo di ser Ciappelletto giaceva, sopr'esso fecero una grande e solenne vigilia.

7. † Salmi cantati o recitati di notte sopra un morto. Vit. S. Franc. 238. (M.) Ragunati i suoi parenti li cherici, acciocchè dicessono sopra lo detto corpo la vigilia… Dav. Scism. 71. (C) Fanno da cotali giovanacci fare esequie giocose, portandogli per le bare nella città in piazza a farne belli falò, cantando la vigilia. [Tor.] Rondin. Descr. Cont. 41. I preti gli cantarono la vigilia.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: vigilereste, vigileresti, vigilerete, vigilerò, vigilessa, vigilesse, vigili « vigilia » vigiliamo, vigiliate, vigilino, vigilo, vigilò, vigliacca, vigliaccamente
Parole di sette lettere: vigenze, vigesse, vigilai « vigilia » vignata, vignate, vignati
Vocabolario inverso (per trovare le rime): nitrofilia, claustrofilia, neutrofilia, ipsofilia, talassofilia, gerontofilia, slavofilia « vigilia (ailigiv) » antivigilia, ipochilia, macrochilia, trochilia, iperchilia, emilia, umilia
Indice parole che: iniziano con V, con VI, parole che iniziano con VIG, finiscono con A

Commenti sulla voce «vigilia» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2022 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze