Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «organo», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Organo

Parole Collegate
Nomi Alterati e Derivati
Diminutivi: organetto, organino, organello. Accrescitivi: organone. Vezzeggiativi: organuccio. Dispregiativi: organaccio.
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Treccani | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Strumenti Musicali [Ocarina « * » Ottacordo]

Foto taggate organo

Rosone della Chiesetta di Val di Casies

Musica sacra

Canne dorate
Giochi di Parole
La parola organo è formata da sei lettere, tre vocali e tre consonanti.
È una parola bifronte, la lettura all’inverso produce una parola di senso compiuto (onagro).
Divisione in sillabe: òr-ga-no. È un trisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: onagro (rovesciamento), orango (spostamento di una lettera).
Componendo le lettere di organo con quelle di un'altra parola si ottiene: +bei = aborigeno; +tai = agitarono; +[ami, mai] = agronomia; +[leu, lue] = alogenuro; +din = androgino; +dal = androloga; +uri = arguirono; +col = cronologa; +mie = ergonomia; +[ore, reo] = erogarono; +[ave, eva] = erogavano; +gel = gagnolerò; +the = gheronato; +[ciò, coi] = giocarono; +voi = giovarono; +uri = giurarono; +gel = gongolare; +gel = gongolerà; +zii = goriziano; +[ali, ila, lai] = granaiolo; +[sul, usl] = granuloso; ...
Vedi anche: Anagrammi per organo
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: argano, ergano, orfano, organi, orlano, ornano, urgano.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si può avere: argani.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: orno.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si possono ottenere le parole: origano, porgano, sorgano.
Parole con "organo"
Iniziano con "organo": organone, organoni, organologa, organologi, organologo, organologhe, organologia, organologie, organopatia, organopatie, organogenesi, organografia, organografie, organologica, organologici, organologico, organoscopia, organografica, organografici, organografico, organolettica, organolettici, organolettico, organologiche, organometalli, organometallo, organoterapia, organogenetica, organogenetici, organogenetico, ...
Finiscono con "organo": porgano, sorgano, scorgano, sgorgano, sporgano, insorgano, risorgano, multiorgano.
»» Vedi parole che contengono organo per la lista completa
Parole contenute in "organo"
ano. Contenute all'inverso: agro.
Incastri
Inserendo al suo interno ari si ha ORGANariO.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "organo" si può ottenere dalle seguenti coppie: ordiva/divagano, ornavi/navigano, orse/segano, orgasmi/smino.
Usando "organo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: può * = purgano; tao * = targano; * ozino = organzino; * oologia = organologia; * oologie = organologie; * oogenesi = organogenesi.
Lucchetti Riflessi
Usando "organo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: pigro * = piano; afro * = afgano; erro * = ergano; moro * = mogano; nero * = negano; paro * = pagano; varo * = vagano; vero * = vegano; viro * = vigano; allegro * = alleano; piero * = piegano; porro * = porgano; terrò * = tergano; verro * = vergano; irroro * = irrogano; riparo * = ripagano; scorro * = scorgano; spierò * = spiegano; collerò * = collegano; deterrò * = detergano; ...
Lucchetti Alterni
Usando "organo" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * segano = orse; * divagano = ordiva; * navigano = ornavi; organetti * = nettino; * smino = orgasmi; * nettino = organetti.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "organo" (*) con un'altra parola si può ottenere: cru * = corrugano; * ili = origliano; trii * = torrigiano; prova * = prorogavano; sveli * = sorvegliano.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "organo"
»» Vedi anche la pagina frasi con organo per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Da molto tempo suono il pianoforte e ora mi piacerebbe molto studiare anche l'organo, soprattutto per suonare le musiche di Bach.
  • I concerti per organo di J.S. Bach sono dei veri capolavori della musica classica.
  • Ascoltai un magnifico concerto d'organo in una chiesa della città di Passau qualche anno fa.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario delle invenzioni, origini e scoperte del 1850
Organo - Da oltre mille anni è noto l'organo in Francia; l'Oriente lo aveva inventato sino da' primi secoli della Chiesa. L'organo è il padre della musica moderna; sulla sua tastiera, ed a caso, furono trovati i primi segreti dell'armonia.

Nel 757 il re Pepino riceve da Costantinopoli un organo, dono prezioso dell'imperatore Costantino Copronimo; questo vien posto nella chiesa S. Cornelio di Compiegne, e cinquanta anni dopo si cominciava in Francia a cantare la messa in parti. Quell'organo di Compiegne era idraulico. Oggi non s'intende bene il senso di tal parola, ma secondo la versione più probabile, lo strumento idraulico era un istrumento a vapore. Era messa l'acqua in ebullizione in un serbatojo situato sotto i tubi, ed ogni volta che percuotendo un tasto si alzava l'animella la quale turava la parte inferiore di uno dei tubi, il vapore uscendo da quel cilindro di metallo produceva un suono. (*)

Questa specie d'istrumenti non fu in uso per molto tempo, e se n'è perduto affatto il segreto. Non si tardò a sostituire il vento al vapore. Il primo organo a mantice di cui sia fatta menzione in Occidente è quello che Luigi le Débonnaire fece collocare nella grande rotonda di Aquisgrana. Nel secolo X vi erano organi a mantice in Inghilterra, e fra gli altri uno nella vecchia chiesa di Westminster. Bensì il meccanismo doveva essere assai rozzo, giacchè per soli quattro cento tubi di cui componevasi l'istrumento abbisognavano venti sei mantici, e per mettere in moto questi occorrevano sessanta uomini robustissimi. La tastiera di quegli organi del medio evo era essa pure informe: per quanto pare, i tasti non avevano meno di cinque o sei pollici di larghezza, e le animelle erano così dure che facea d'uopo suonare con i pugni. L'estensione di quella tastiera era sul primo di un'ottava e mezza; indi si aggiunsero alcune note, e si pervenne finalmente a tre ottave.

Nel secolo XV l'organo era molto perfezionato; ma non sembra che avanti il regno di Enrico IV si fossero inventati i registri, pezzi di legno mobili, che introducendosi nel cassone o serbatojo del vento, intercettano a volontà una od altra serie di tubi, e non lasciano vibrare insieme che una data quantità di suoni. Innanzi a questa invenzione, tutti i giuochi dovevano parlare al tempo stesso, e ne risultava necessariamente una confusione spesse volte spiacevole. Immaginati che furono i registri, la fattura degli organi fece rapidi progressi: ogni giorno si trovarono nuovi giuochi, cioè nuove serie di tubi destinati ad imitare novelle specie d'istrumenti. Così s'imitò la trombetta, la cornetta, la tromba, il flauto tedesco, la zampogna, il piffero, il flageolet, le campane, gli uccelletti, il rosignuolo, la voce umana; vi furono dei giuochi a cui si pose il nome di Tremolante, nazard, cuculo, bombarda ec: In un organo costruito nel 1750 all'abbazia di Weingarten in Suabia, da Gabler, fabbricante di Ravensburg, si contavano fino a sessanta sei giuochi differenti, ed in conseguenza sessanta sei registri, che regolavano sei mila sei cento sessanta sei tubi. V'erano quattro tastiere per le mani, e più due tastiere a pedali per i piedi. Giunto a quel prodigioso grado di complicazione, l'organo non fu più un istrumento, ma sibbene un edifizio. Da lungo tempo gli si riserbava un vasto locale nella costruzione di tutte le chiese. Invece di collocarlo o nel coro, come nei secoli XI e XII, ovvero nella finestra o nelle inferriate della navata più vicine al coro, come nei due secoli successivi, erasi introdotto verso il XV l'uso di situarlo di sopra al portone a ponente della chiesa, in fondo alla navata, all'estremità opposta al coro. Da indi in poi si è conservato un tal costume.

Ma ad onta della sua ricchezza, e varietà, e possanza, l'organo non ha potuto fino adesso contrastare se non a suo svantaggio con la massa d'istrumenti che compongono un'orchestra, per mancanza di un dono, forse il più prezioso nella musica, quello cioè dell'espressione. Sebastiano Erard ha cercato il mezzo onde renderlo espressivo; ed a forza di lavoro e perseveranza ha raggiunto recentemente l'intento. In questo suo istrumento è veramente meravigliosa l'imitazione del flauto e del clarinetto. V'è anche un pedale, che produce effetti di tempesta con sorprendente naturalezza. Quest'invenzione deve immancabilmente portare una rivoluzione fra gli organisti.

(*) Il seguente squarcio citato da Ducange (ad voc organum) e ch'egli trasse da uno scrittore del secolo XII. Guglielmo di Malmesbury, non lascia più dubitare esser quella la vera definizione della parola idraulico:

«Extant etiam apud illem ecclesiam organa hydraulica, ubi mirum in modum aquae calefactae violentia ventus emergens implet concavitatem barbiti, et per multifuralites transitus oenoe fistulee modulatos clamores emittit.»

Quindi, sino dai primi secoli dell'era nostra si conosceva la forza del vapore aquae calefaelae violentiae, e ci volle più di un migliajo d'anni perchè un meccanista avesse l'idea di profittarne.
[immagine]
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: organizzi, organizziamo, organizziamoci, organizziate, organizzino, organizzò, organizzo « organo » organogenesi, organogenetica, organogenetiche, organogenetici, organogenetico, organografia, organografica
Parole di sei lettere: organi « organo » orgone
Vocabolario inverso (per trovare le rime): immergano, sommergano, aspergano, tergano, detergano, vergano, divergano « organo (onagro) » scorgano, sgorgano, multiorgano, porgano, sporgano, sorgano, risorgano
Indice parole che: iniziano con O, con OR, iniziano con ORG, finiscono con O

Commenti sulla voce «organo» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze