Dizy - dizionario

login/registrati

contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «serpe», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Serpe

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Wikipedia
Liste a cui appartiene
Parole Monovocaliche [Sergente « * » Serpeggerebbe]
Giochi di Parole
La parola serpe è formata da cinque lettere, due vocali (tutte uguali, è monovocalica) e tre consonanti.
Divisione in sillabe: sèr-pe. È un bisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: perse (scambio di consonanti), prese.
Componendo le lettere di serpe con quelle di un'altra parola si ottiene: +alt = alpestre; +poa = appesero; +[ami, mai, mia] = aspermie; +tai = atrepsie; +tac = crepaste; +tac = crespate; +odo = deposero; +[dio, odi] = dipesero; +[sua, usa] = epurasse; +[tau, tua] = epuraste; +[sai, sia] = esasperi; +osa = esaspero; +rei = esperire; +[ari, ria] = espirare; +tai = espirate; +[ari, ira, ria] = espirerà; +[ori, rio] = espirerò; +[ori, rio] = esporrei; +oso = esposero; +sos = espresso; ...
Vedi anche: Anagrammi per serpe
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: seppe, serbe, serie, serpa, serpi, serre, serve.
Scarti
Rimuovendo una sola lettera si può avere: sere.
Antipodi (con o senza cambio)
Spostando la prima lettera in fondo (eventualmente cambiandola) e invertendo il tutto si può avere: lepre.
Antipodi inversi: se si sposta l'ultima lettera all'inizio (con eventuale cambio) e si inverte il tutto si possono ottenere: presa, prese, presi, preso.
Parole con "serpe"
Iniziano con "serpe": serpeggi, serpente, serpenti, serpetta, serpette, serpeggia, serpeggio, serpeggiò, serpeggerà, serpeggerò, serpeggiai, serpeggino, serpentari, serpentina, serpentine, serpentini, serpentino, serpentone, serpettina, serpettine, serpeggerai, serpeggerei, serpeggiamo, serpeggiano, serpeggiare, serpeggiata, serpeggiate, serpeggiati, serpeggiato, serpeggiava, ...
»» Vedi parole che contengono serpe per la lista completa
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "serpe" si può ottenere dalle seguenti coppie: sesti/stirpe, sera/ape, serra/rape, serri/ripe, serti/tipe.
Usando "serpe" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: case * = carpe; * pera = serra; * pere = serre; * peri = serri; * pero = serro; * peti = serti; * peto = serto; * pepai = serpai; * peretta = serretta; * perette = serrette; * periamo = serriamo; * periate = serriate.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "serpe" si può ottenere dalle seguenti coppie: serra/arpe.
Usando "serpe" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * epica = serica; * epici = serici; * epico = serico; * epiche = seriche; * epigrafia = serigrafia; * epigrafie = serigrafie; * epigrafica = serigrafica; * epigrafici = serigrafici; * epigrafico = serigrafico; * epigrafiche = serigrafiche.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "serpe" si può ottenere dalle seguenti coppie: laser/pela.
Usando "serpe" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * laser = pela; pela * = laser.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "serpe" si può ottenere dalle seguenti coppie: serra/pera, serre/pere, serretta/peretta, serrette/perette, serri/peri, serriamo/periamo, serriate/periate, serro/pero, serti/peti, serto/peto.
Usando "serpe" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * serpai = pepai; * rape = serra; * ripe = serri; * tipe = serti; * stirpe = sesti; * aie = serpai.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "serpe" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ai = serapei; * pro = sperpero; * tai = sterpaie; * prati = sperperati; * prato = sperperato; * tagli = sterpaglie; * prassi = sperperassi.
Frasi con "serpe"
»» Vedi anche la pagina frasi con serpe per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • La serpe è il simbolo che viene portato in processione per la festa di San Domenico a Cocullo.
  • Giovanni giura di aver visto una lunga serpe nel bosco.
Espressioni e Modi di Dire
  • Allevare una serpe in seno
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Serpe, Cassetta - Ne' vocabolarii non mi sembrano ben distinte le due voci, forse perché anche nell'uso di certe parlate si scambiano, ma c'è differenza, per quanto almeno ho potuto accertarmi parlando in Toscana con gente del mestiere. - Cassetta è quella parte della carrozza sul davanti, e sempre scoperta, sulla quale siede chi guida i cavalli. Quindi le frasi Andare, Stare, Sedere a cassetta per Guidare i cavalli. - «Il conte stava a cassetta da sè.» - Valgono anche Stare sulla cassetta accanto a chi guida. - «Faccia entrar dentro la signora e io anderò - starò a cassetta - sederò a cassetta.» - La Serpe è piuttosto quel luogo dove sta chi guida diligenze od omnibus da campagna. Talora la Serpe è una specie di panchetta, con o senza spalliera, vicino a' cavalli, e vi sta chi guida, mentre in panchette o in sedili più alti ci stanno i viaggiatori che non vogliono entrare dentro l'omnibus o dentro la diligenza, sia perchè fuori si paga meno o perché si gode di più. Queste non son Cassette, come non son Serpi quelle delle carrozze di gala. - Ma Serpe par più proprio di quel Sederino nelle diligenze destinate a lunghi viaggi, capace di due o più persone, per lo più da un mantice e soprastante talora al luogo dove siede chi guida i cavalli. G. F. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Serpente, Serpe, Angue, idra, Cerasta, Colubro, Drago, Dragone, Biscia, Aspide, Basilisco - La biscia è il serpe comune delle nostre campagne. Serpe è il nome generico dell'ordine ofidi, fra i rettili; vale a significare ogni animale senza piedi che striscia sulla terra e che per portarsi da un luogo all'altro appunto serpeggia. Serpente è grossa serpe; di questo genere sono i boa; i pitoni, i serpenti a sonaglio, e i giganti tutti del genere. Colubro era pe' Latini serpe de' boschi; e angue serpe acquatico; ma ora son voci poetiche: indicano però specie lunghe e sottili assai; da ciò le furie anguicrinite. Cerasta è, dirò così, il nome poetico della biscia; il Tommaseo la dice specie di serpente cornuto. L'aspide è piccolissima serpe d'acqua, giallognola, e di morso potentemente velenoso. Idra, dal nome, serpente d'acqua, o di luogo fangoso; la mitologica decapitata da Ercole aveva sette teste. Drago, specie di serpente, o a meglio dire di grande lucerta alata; innocua affatto, malgrado l'orribile nome e la tremenda fama; così dragone, che è o che era nell'immaginazione de' nostri avi gran drago o drago più vecchio e perciò più malefico. Il basilisco, animale favoloso anch'esso, si credeva una specie di grosso gallo che dagli occhi sprizzasse veleno, o che piuttosto cogli occhi ammaliasse la persona rendendola dissennata per quindi saltargli sopra e farne suo pasto. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Serpe - S. com. (Zool.) [Bell.] Nome generico che si riferisce a tutti i Rettili Ofidii, o Serpenti di non grandi dimensioni, e preferibilmente alle specie non velenose. = Dant. Inf. 25. (C) Da indi in qua mi fûr le serpi amiche, Perch'una gli si avvolse allora al collo… E un'altra alle braccia, e rilegollo.

Per enf. Dant. Inf. 13. (C) Ben dovrebb'esser la tua man più pia, Se state fossim'anime di serpi. Bocc. Nov. 7. g. 8. Te non colomba, ma velenosa serpe conoscendo…, con tutta la forza di perseguire intendo. E ivi: Tu, da questo caldo scorticata, non altramenti rimarrai bella, come faccia la serpe, lasciando il vecchio cuojo. Fiamm. 7. 50. Vengonmi ancora nella mente talvolta le pietose lagrime di Licurgo, e della sua casa, meritamente avute del morto Archemoro dal serpe. Dittam.2. 12. Non credo un serpe, che ha 'l cor cotanto Acerbo. Bell. Man. Giust. Cont. 101. Se 'l serpe, che guardava il mio tesoro, Fusse dal sonno stato allor più desto. Franc. Sacch. Nov. 106. Deh, dimmi, buona femmina, che ti par essere santa Veridiana che dava mangiare alle serpi? [G.M.] Segner. Crist. instr. 3. 26. 21. Le serpi infide.

Prov. Allevarsi o Rilevarsi la serpe in seno; e vale Beneficare uno, che poi beneficato abbia a nuocerti. Buon. Fier. 2. 2. 10. (C) Veggo quel che s'alleva in sen la serpe. Salvin. Disc. 1. 363. Conoscendo quanto gli uomini sien ingrati e sconoscenti, e quanto s'avvantaggino delle altrui fatiche, per non allevarsi, come si dice, la serpe in seno, non fa allievi. [Val.] Fag. Comm. 6. 95. Io, come suol dirsi, mi rileverei la serpe in seno. [G.M.] Serdon. Prov. Nutrirsi il serpe in seno; Colubrum in sinu fovere. Men com. T. Prov. Tosc. 158. Nutri la serpe in seno, ti renderà veleno (o Ci lascerà veleno).

Prov. Come disse lo spinoso alla serpe. (C) V. SPINOSO.

Prov. Essere o Far la serpe tra le anguille, dicesi di Chi essendo accorto tratta co' semplici. (M.) V. ANGUILLA, § 5. Altro prov.[Val.] Mala serpe tra le anguille. Persona di mal affare tra gli onesti. Pucc. Centil. 90. 68. Se quivi entrate fosser sue faville, Potevan ben po' dir nostri Reggenti, Che mala serpe fosse tra l'anguille. = Altro prov. Mettere o Mescolare la serpe tra l'anguille; dicesi dell'Accompagnare un astuto con una brigata semplice. Pataff. 4. (C) La serpe è mescolata coll'anguilla.Buon. Fier. 2. 3. 9. Come s'è mescolata (Or me n'avveggio) quella serpe bigia Tra quelle belle anguille?

Prov. Ogni serpe ha il suo veleno; e vale Ognuno ha la sua ira. Varch. Suoc. 5. 3. (C) Non guardate ch'io stia con altri, chè ogni serpe ha 'l suo veleno. (Non sempre. E questo c'insegni a non far giudizii generali, specialm. temerarii).

[G.M.] Altri prov. Morta la serpe, spento il veleno; Bisogna togliere la causa del male; ma non sempre si toglie levando di mezzo la pers. T. Prov. Tosc. 356. [G.M.] Le cose lunhe diventar serpi; Indugiando soverchiamente, si perdono le opportunità.T. Prov. Tosc. 281. Andar come la serpe all'incanto; Far checchessia di mala voglia o con sospetto. Fag. Rim. Come serpe all'incanto v'andrete.

2. [Cont.] Delle tortuosità de' fiumi. Michel. Dir. fiumi, XXXIII. Sono le tortuosità de' fiumi di due sorte, alcune sono piccole, e poco deviano dalla rettitudine; altre sono grandi fatte a via di serpe.

Fig. Serpe, per Fiume. [Fanf.] Dittam. 3. 11. 51. Lo maggior serpe ch'abbia questa terra È l'Eridan, che nasce tanto oso, Che con trenta figliuo' nel mar si serra.

3. Serpe. Term. de' Razzai. Sorta di salterello che si spicca come ondeggiando da' fuochi artifiziati. (M.)

4. Serpe. Term. de' Distillatori. Canna con più ritorte ad uso di distillare. [Cont.] Ora dicesi Serpentino. Biring. Pirot. IX. 2. La canna detta la serpe, la quale fan passare per un refreddatorio d'acqua, e all'uscita della canna mettono il recipiente. =Magal. Lett. scient. 83. (M.) Una campana di piombo duri a stillare dieci anni, non imparerà mai a farmi quelle separazioni che mi farà un bagno, che mi farà una serpe.

5. (Mus.) [Ross.] Serpe, Pezzo della serpe (nel fagotto) è Il primo pezzo, il cui capo superiore riceve dalla serpe il fiato spinto dal sonatore nella bocchetta, e l'inferior capo è piantato nel sacco.

6. [Cont.] De' cerchi coi quali son cerchiati i pezzi d'artiglieria. Dudleo, Arc. mare, IV. 7. Il terzo pezzo poi è d'un mezzo cannone di 30 della seconda sorta senza camera; ed è di tre palle grosso, con l'anima, alla culatta; ma però con i cerchi a serpe conforme li precedenti; ed a gli orecchioni, con il cerchio, sarà di sette ottavi di metallo per banda al solito, ed al collo quattro ottavi con il cerchio ancora. I cerchi del pezzo saranno da due diti larghi, e tanto per il vano fra i detti cerchi, ed il fondo del cerchio sarà un dito; e così questo mezzo cannone non peserà più di 3000 libbre e sarà pezzo sicuro… I cerchi (del cannone di 40) devono essere a serpe ancora, due dita inglesi lunghi, e tanto il vano, ed il fondo de' cerchi sarà un dito solamente.

7. [G.M.] Serpe, Il sederino o cassetta su cui sta il cocchiere a guidare i cavalli, forse così detta dai due ferri ricurvi che la sostengono. Ero sulla serpe perchè in carrozza non ci si entrava. – Stare, Montare in serpe, sulla serpe.

[T.] Serpe nel pr. più com. di Serpente, che ha usi enf. o trasl. suoi proprii. T. Li unisce Virt. Ramerino: Non temerai che ti possa nuocere serpente nè serpe nè scorpione nè altro velenoso animale. E poi: Se serpe o serpente fusse in alcuno luogo…

II. Proverbi. T. Prov. Tosc. 180. Al primo tuon di marzo, esce fuori tutte le serpi. E ivi. E 324. Vicino alla serpe c'è il biacco (Vicino a un pericolo o impaccio, un altro. [L.B.] Allato a un cattivo ce n'è un peggiore). T. Salvin. Georg. 4. 236. Un acquaiola serpe Stempiata, che le ripe ivi guardava, Nell'erba alta non vide avanti ai piedi La damigella che dovea morire. Virg. Immanem hydrum. Prov. Tosc. 238. Al tempo delle serpi, le lucertole fanno paura. Ivi: Chi è inciampato nelle serpi, ha paura delle lucertole. E 307. Chi d'estate secca serpi, nell'inverno mangia anguille. ([L.B.] risparmio previdente anco di cose che non parrebbero utili, e viene il tempo che trovano uso.) T. E 252. Nelle belle muraglie si genera il serpe (apparenze pericolose). E 325. Sulla pelle della serpe nessun guarda alle macchie (ai torti di pers. macchiate si bada meno). E 346. Saliva d'uomo, ogni serpe doma (il senno e la volontà e la buona intenzione, vince ogni cosa).

III. Modi enf. T. Micidiale come serpe. Prov. Tosc. 371. Striscia come una serpe. E 370. Si divincola come una serpe troncata. Virg. Deprensus in aggere serpens… quem obliquum rota transiit… longos fugiens dat corpore tortus… Nexantem nodos, seque in sua membra plicantem.

IV. Modi fig. e simbolici. T. Vang., dice G. C. del padre al figliuolo chiedente: Invece di pesce gli darà forse una serpe? E:Camminare sopra serpi e scorpioni.

V. Per simil. T. Cordoni a serpe, cioè fatti a treccia e anche a spighetta.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: serotini, serotino, serotonina, serotonine, serpa, serpai, serpaio « serpe » serpeggerà, serpeggerai, serpeggeranno, serpeggerebbe, serpeggerebbero, serpeggerei, serpeggeremmo
Parole di cinque lettere: serpa « serpe » serpi
Vocabolario inverso (per trovare le rime): lustrascarpe, calzascarpe, pulisciscarpe, tendiscarpe, controscarpe, sottoscarpe, sciarpe « serpe (epres) » stirpe, turpe, raspe, crespe, vespe, cispe, vispe
Indice parole che: iniziano con S, con SE, iniziano con SER, finiscono con E

Commenti sulla voce «serpe» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2017 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze