Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «interrogazione», il significato, curiosità, sillabazione, frasi di esempio, definizioni da cruciverba, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Interrogazione

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Informazioni di base
La parola interrogazione è formata da quattordici lettere, sette vocali e sette consonanti. In particolare risulta avere una consonante doppia: rr. Divisione in sillabe: in-ter-ro-ga-zió-ne. È un esasillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Frasi e testi di esempio
»» Vedi anche la pagina frasi con interrogazione per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Questa sera devo studiare, domani ho l'interrogazione in classe.
  • Le affermazioni dell'onorevole Squizzo, durante l'interrogazione parlamentare, hanno suscitato in aula un vero putiferio.
  • Se all'interrogazione si ottiene un buon voto, vuol dire che lo studente ha studiato in maniera approfondita.
Citazioni da opere letterarie
I Viceré di Federico De Roberto (1894): Consalvo non aveva detto una sola parola, non aveva fatto un gesto durante la sfuriata del principe. Questi aveva un bell'arrestarsi, dopo un'interrogazione o una esclamazione, quasi per dargli il tempo di rispondere qualcosa, di giustificarsi: in piedi presso la finestra, il giovanotto guardava nel cortile di servizio le carrozze tirate fuori delle rimesse e i famigli intenti a ripulirle: se fosse stato solo nel suo salottino non sarebbe rimasto più impassibile. Ma alle ultime parole del principe, si voltò lentamente.

I promessi sposi di Alessandro Manzoni (1840): Il qual padre Cristoforo si fermò ritto sulla soglia, e, appena ebbe data un'occhiata alle donne, dovette accorgersi che i suoi presentimenti non eran falsi. Onde, con quel tono d'interrogazione che va incontro a una trista risposta, alzando la barba con un moto leggiero della testa all'indietro, disse: “ebbene?” Lucia rispose con uno scoppio di pianto.

L'isola di Arturo di Elsa Morante (1957): Ella si occupava di mio padre solo per servirlo e accudirlo (sempre, si capisce, alla sua maniera piuttosto elementare, giacché le qualità di una brava massaia, essa non le ha possedute mai). Non discuteva i suoi ordini, e accorreva ai suoi richiami volando; ma per tutto il resto, lo lasciava ai suoi pensieri, come fosse un pigionante tirannico e solitario. Piuttosto che a una passività umana, la sottomissione naturale, ch'essa manteneva al solito verso di lui, somigliava all'ignoranza fiduciosa degli animali, senza interrogazione, né ansietà.
Giochi di Parole
Giochi enigmistici, trasformazioni varie e curiosità. Vedi anche: Anagrammi per interrogazione
Definizioni da Cruciverba di cui è la soluzione
Definizioni da Cruciverba in cui è presente
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: interrogazioni.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: interrogai, interrogo, interrai, interra, interri, intero, interazione, intera, interzone, interi, interne, intere, inerzie, inezie, inazione, inane, inie, iterazione, iter, ieri, iene, irrogazione, irrogai, irroga, irrogo, iran, ioga, nerone, nero, nera, neri, nere, neon, negazione, negai, nega, nego, nozione, noie, none, nazione, nazi, naie, nane, terrone, terrai, terra, terrine, terre, terga, tergi, tergo, terge, terzine, terzi, terzo, terze, terio, teri, terne, teine, trogone, troie, trazione, trae, trio, trine, trie, toga, togo, tane, errai, erra, erri, erre, erogazione, erogai, eroga, erogo, eroine.
Parole contenute in "interrogazione"
ter, zio, erro, ione, inter, terrò, zione, azione, interro, interroga, rogazione. Contenute all'inverso: ago, noi.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "interrogazione" si può ottenere dalle seguenti coppie: intere/erogazione, interrogavi/aviazione, interrogano/nozione.
Lucchetti Alterni
Usando "interrogazione" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * nozione = interrogano; * aviazione = interrogavi.
Sciarade e composizione
"interrogazione" è formata da: inter+rogazione, interroga+zione.
Sciarade incatenate
La parola "interrogazione" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: interro+rogazione, interroga+azione, interroga+rogazione.
Intarsi e sciarade alterne
"interrogazione" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: interrogai/zone.
Quiz - indovina la soluzione
Definizioni da Cruciverba: Le interrogazioni a risposta immediata che i parlamentari rivolgono ai ministri, Li interrogavano le Sibille, Fioccano negli interrogatori, Termina con un punto interrogativo, Rivolgere interrogativi a se stessi.
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario grammaticale della lingua italiana del 1869
Punto d’interrogazione o interrogativo (?) - Questo segno s'adopera nelle proposizioni che significano una domanda - Es. O giovani, e perchè piangete voi? dove andate? donde venite? che gente siete? [immagine]
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Interrogazione, Interrogatorio - Interrogazione è il puro atto di domandare altrui una data cosa, aspettandone risposta; e specialmente si dice di quelle che fanno i maestri ai discepoli circa alle materie loro insegnate. - Interrogatorio è quella serie di domande che il giudice fa al reo ed ai testimonii. [immagine]
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Domandare, Interrogare, Chiedere, Richiedere, Cercare, Ricercare, Esigere, Domanda, Domandita, Chiesta, Richiesta, Ricerca, Petizione, Interrogazione, Quesito - Domandare è generico; gli altri non sono che specie del domandare: si domanda per sapere, per ottenere; domando scusa, domando che ora è; molti libri son fatti per domande e risposte. Chiedere è domandare con una certa premura e instanza: chiedere perdono; chiedere un impiego; la limosina: qui, domandare sarebbe meno efficace, e dimostrerebbe minor desiderio o necessità di ottenere. Richiedere è chiedere di nuovo, e quasi chiedere con doppio calore: uno richiede un favore, e già si fa promettere che gli verrà accordato: si richiede un imprestito, una parola di protezione, di interposizione che può salvare talvolta l'onore e la vita. L'interrogare è per avere una risposta: il domandare può avere per solo scopo la curiosità: l'interrogare è più grave: il giudice interroga l'accusato sulle circostanze del suo delitto; il padre interroga il figlio intorno a qualche sua scappata: l'interrogare, per conseguenza, dimostra una certa autorità, onde non si dirà molto propriamente, il figlio interrogò il padre; ma il figlio domandò, o al più chiese e richiese a suo padre. Per cercare, in questo senso, bisogna domandare dov'è l'oggetto cercato, e interrogare chi può averlo veduto: cercate e troverete; domandate e vi sarà dato: queste due frasi hanno senso affine, e stanno bene a questo modo in progressione del loro valore. Ricercare è più di cercare, è cercare accuratamente; è interrogare ogni angolo, ogni persona per avere o trovare la cosa voluta: fate, dicono i teologi, una diligente ricerca di tutti i vostri peccati; ed è come se dicessero: guardate bene nella vostra coscienza, interrogatela rigorosamente. Esigere, oltre il senso di riscuotere danaro, significa sempre volere o pretendere in ragione di una certa autorità o ragione legittima o illegittima che sia: l'orgoglioso esige rispetto; l'incivile cortesie; l'avaro, inviti e regali; si esige per lo più ciò che meno si è disposti a dare: altra delle anomalie che nell'uomo s'incontrano.

«In molti casi in cui cade il verbo chiedere, l'uso a chiesta sostituisce domanda. Domanda, diciamo, non: chiesta d'aiuto; domanda d'una grazia e simili. Domandita, in alcuni dialetti toscani, è l'atto del domandare, non in quanto è affine ad interrogare, ma in quanto è affine a chiedere. Chiesta ha qualche senso speciale. Chiesta d'una fanciulla in isposa: chiesta che fanno gl'impiegati al governo, della carta, della legna necessaria per gli uffizii. Richiesta è più forte. Le domande replicate e calde diventan richieste. Nelle cose importanti ha luogo richiesta assai meglio che domanda. Aver richiesta, aver molte richieste, dicesi delle cose che sono in credito, e sono desiderate e ricercate. Queste dicesi anco ricerca; se non che ricerca è più raro, e s'applica non a diritti, ma alle persone e alle cose soltanto. Ricerca poi dicesi delle indagini che si fanno di persone o di cose; le quali indagini suppongono di necessità molte domande e richieste, ma non sono tutt'uno con esse. Petizione, ognun sa che è domanda presentata all'autorità giudiziaria o civile (o a qualunque altra). Petizioncella, e petizioncina, e interrogazioncella direbbesi; gli atri non soffrono diminutivo». Tommaseo.

Il quesito è una domanda speciale, riguardante per lo più oggetto o proposizione scientifica, la quale richiede non una risposta in genere, ma una soluzione esatta secondo i principii della scienza, le regole dell'arte, o le giudiziose induzioni del criterio. Al quesito: quale sarebbe il mezzo o i mezzi di guarire radicalmente la società dalla piaga del pauperismo? Se io rispondo - non lo so - faccio si una risposta, ma non isciolgo il quesito. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Interrogazione - [T.] S. f. Azione e Atto e Modo dell'interrogare e Parole in cui l'interrogagazione si esprime. T. Alla domanda può essere sufficiente risposta un fatto; l'interrogazione richiede o parole o altri cenni. Ogni interrogazione è in qualche modo domanda; non ogni domanda è interrogazione.

2. Fatta dalla potestà. T. Interrogazione all'accusato. Tac. De' testimoni.

3. Le parole della interrogazione pronunziate e scritte; e, per estens., le risposte. T. Marzian. Presi i ladri, li interroghino de' complici, e le interrogazioni, sigillate, mandino al magistrato.

T. Titolo anche di scritto e di libro: Interrogazioni.

4. In senso prossimo a Esame. T. G. Gozz. Interrogazioni sulla lettura.

5. Di colloquio o familiare o scientif. T. M'ha fatto un monte d'interrogazioni, le quali dimostrano che non solo e' non sa nulla, ma che nulla gl'importa di sapere.

Di colloquio scientif. (Rosm.) Tra i sofismi che peccano contro la forma del sillogismo, è quel delle molte interrogazioni. T. Ma tale sofisma non è da mettere accanto a quel della petizione di principio, ch'è molto più grave, anco che s'intenda interrogazione per assunto della proposizione, cioè che confondansi le idee assumendo in uno più concetti distinti. = Vit. Plut. (C) E della interrogazion del sofista e della risposta. T. Cic. l'usa in senso di Argomentazione; giacchè l'argomentazione presentasi in forma di questione, e questa in forma d'Interrogazione; e anco perchè Tullio, che era principalmente oratore, s'ingegnava di dare forma oratoria alle stesse filosofiche dispute.

6. T. A' retori era figura, in quanto ne ripetevano l'uso o per dimostrare persuasione più ferma, o per avvolgere l'avversario nella necessità di molte risposte a un tratto. Quando domandasi non per avere risposta e sapere una cosa, ma per insistere sull'argomento, per incalzare l'avversario o l'interlocutore, dimostrandoci sicuri ch'egli non può rispondere se non come noi affermiamo e vogliamo, o deve, parlando o tacendo, darci ragione.

T. Interrogazione intitolavano i retori l'orazione di Cicerone contro Vatinio, perchè questa forma vi abbonda.

T. Tert. Leggere con accento d'interrogazione. Il punto che la denota, dicesi anco D'interrogazione; ma più com. Interrogativo.

7. Modi com. a parecchi de' sensi not. T. Breve, Accorta, Insidiosa. – Interrogazioni calzanti, che stringono; Incalzanti, che premono. Lettera piena, fitta di…

T. Procedere per via di interrogazioni, nella disputa, nella ricerca del vero.

T. Volgere interrogazione ad altri, a se stesso. – Fare. = Car. Lett. 1. 36. (Gh.) Il pover uomo ammuti per un poco; di poi si mise in su le interrogazioni. T. Quintil. Instare interrogatione. – Insistere nelle… Pigiare colle… Stringere colle… Rispondere alle…Eludere le… Sguizzare di sotto alle…
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: interrogatrici, interrogava, interrogavamo, interrogavano, interrogavate, interrogavi, interrogavo « interrogazione » interrogazioni, interrogherà, interrogherai, interrogheranno, interrogherebbe, interrogherebbero, interrogherei
Parole di quattordici lettere: interrogatorio, interrogatrice, interrogatrici « interrogazione » interrogazioni, interrogheremo, interrogherete
Vocabolario inverso (per trovare le rime): catalogazione, omologazione, rogazione, abrogazione, erogazione, supererogazione, arrogazione « interrogazione (enoizagorretni) » irrogazione, surrogazione, ignifugazione, centrifugazione, ultracentrifugazione, coniugazione, glaciazione
Indice parole che: iniziano con I, con IN, parole che iniziano con INT, finiscono con E

Commenti sulla voce «interrogazione» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2023 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze