Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «martire», il significato, curiosità, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Martire

Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia
Giochi di Parole
La parola martire è formata da sette lettere, tre vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: màr-ti-re. È un trisillabo sdrucciolo (accento sulla terzultima sillaba).
Anagrammi
Cambiando l'ordine delle lettere si possono avere queste parole: emartri, ritmare, ritmerà, ritrema.
martire si può ottenere combinando le lettere di: trim + [are, era, rea]; ter + [armi, mira, rami, ...]; rem + [atri, irta, rita, ...]; [eri, rei] + tram; [erti, irte, iter, ...] + ram; erri + mat; [meri, mire, remi, ...] + [tar, tra].
Componendo le lettere di martire con quelle di un'altra parola si ottiene: +[amo, moa] = ammiratore; +uno = antirumore; +una = armaturine; +abs = arrembasti; +bea = arrembiate; +ras = arrestarmi; +osa = arrestiamo; +[aro, ora] = arretriamo; +tao = atterriamo; +tir = atterrirmi; +bai = barimetria; +bei = barimetrie; +boa = barometria; +[beo, boe] = barometrie; +bis = bramiresti; +ace = catramerei; +oca = crematoria; +[ceo, eco] = crematorie; +[ciò, coi] = crematorii; +dee = demeritare; +dee = demeriterà; +dee = diramerete; ...
Vedi anche: Anagrammi per martire
Cambi
Cambiando una lettera sola si possono ottenere le seguenti parole: marcire, martiri, martore, partire.
Cambiando entrambi gli estremi della parola si possono avere: partirà, partirò.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: marte, mari, marre, mare, mate, maie, mire, arte, arie, arre, atre.
Parole con "martire"
Finiscono con "martire": protomartire.
Parole contenute in "martire"
ire, tir, arti. Contenute all'inverso: eri, ram, tra, tram.
Incastri
Si può ottenere da mare e tir (MARtirE).
Inserendo al suo interno rizza si ha MARTIrizzaRE; con rizzato si ha MARTIrizzatoRE.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "martire" si può ottenere dalle seguenti coppie: maso/sortire.
Usando "martire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: armarti * = arre; * tirerà = marra; chiamarti * = chiare; * rena = martina; * reni = martini; soma * = sortire; * renella = martinella; * renelle = martinelle.
Cerniere
Scartando le parti in comune (prima in capo e poi in coda), "martire" si può ottenere dalle seguenti coppie: amarti/rea, sistemarti/resiste.
Usando "martire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * sistemarti = resiste; resiste * = sistemarti.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "martire" si può ottenere dalle seguenti coppie: marra/tirerà, martina/rena, martinella/renella, martinelle/renelle, martini/reni.
Usando "martire" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * sortire = maso; sortire * = soma; arre * = armarti; martirizza * = rizzare; chiare * = chiamarti; * rizzare = martirizza.
Intarsi e sciarade alterne
"martire" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: mari/tre.
Intrecciando le lettere di "martire" (*) con un'altra parola si può ottenere: * ora = martoriare; * gote = margottiere; * oreste = martoriereste.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "martire"
»» Vedi anche la pagina frasi con martire per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Non sono disposto a fare il martire per nessuna ragione.
  • Nel cristianesimo il martire rappresenta la fede incrollabile per cui è disposto anche a morire.
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Martire - e † MÀRTORE. S. m. Quegli che è, od è stato martirizzato, Colui che perde la vita fra' tormenti o supplizi, piuttosto che rinnegare la fede. [G.M.] Gr. Μάρτυρ, Testimone; Chi rende testimonianza alla verità, a costo del sangue. È in S. Girol. e in Tert. = G. V. 11. 2. 17. (C) I suoi Apostoli e gli altri santi Martiri e Vergini. Vit. SS. Pad. 2. 246. var. (C) Andò egli al tempio alla festa de' santi martori Ciro e Giovanni.

T. S. Ambr. Il martire quando patisce non a sè solo ma a' suoi cittadini patisce; a sè in premio, a' cittadini in esempio; a sè in riposo, a' cittadini in salute. S. Gris. Il martire muore per Cristo una volta, il buon Pastore per il suo gregge mille.

2. Per estens. Cavalc. Frutt. ling. 14. 107. (C) Più sono gli martiri del diavolo, che quelli d'Iddio.

T. Così d'ogni cosa, che l'uomo attesti col fatto d'amare. Non solo la verità, ma la menzogna ha i suoi martiri, che attestando il falso col falso, puniscono se stessi e soffrono senza merito.

3. Fig. Alam. Gir. 8. 89. (C) Vuole oggi farne con crudele scempio Martir d'amore, e d'alta fede esempio. Red. Rim. Son. 36. Ed io, qual nuovo martire d'amore, Son dal volgo deriso e messo in giuoco. Filic. Rim. 319. (Gh.)

4. T. A modo d'Agg. Per estens. Nazione martire, fu detta la Polonia in quanto patisce e per la sua civiltà e per la sua religione dal Moscovita manigoldo.

5. Esser martire, si dice di persona occupata travagliosamente in checchessia. Sassett. Lett. 101. (Man.) Per un pezzo mi penso che 'l pover'uomo abbia ad essere martire.

[Mor.] Martire della fatica. Chi di buon animo dura gravi e continue fatiche. [G.M.] Martire dello studio.

[T.] Santi martiri. – Martire di Dio. – Martire di Gesù Cristo. Borgh. Vesc. Fior. 371. Fortissimo e glorioso martire. – Splendide battaglie de' martiri. – Atti de' Martiri. – Martire che consacrò col proprio sangue il fiore della giovanezza e della verginità. – Sangue glorioso de' martiri. Ott. Com. Par. 32. Li martiri furono in quello (battesimo) del sangue. – Fra i gigli della verginità e le palme de' martiri. – La Chiesa risplende de' trionfi de' martiri. – I cori de' martiri. – Beato martire.

T. La Chiesa a Cristo: Re glorioso de' martiri. Alla Vergine: Più generosa di tutti i martiri.

T. Altare di un martire. – Messa d'un martire. – Comune de' martiri.

Sost. femm. T. Lucia vergine e martire, Beata martire.

T. La causa fa il martire, non il dolore, anco che sia animosamente patito, dà il merito del martirio, nè merito alcuno; ma la ragione sacra, il fine alto per cui si patisce.

T. Non solo l'effusione del sangue fa il martire, ma ogni travaglio degnamente patito; anco l'intenzione sincera e umile del patire. Ci fu dunque, e c'è, e ci sarà, de' martiri di desiderio, de' martiri in ispirito; come, oltre ai battezzati nell'acque, de' battezzati nello spirito, de' battezzati nel sangue.

T. Martire della patria, non chiunque muore o soffre per essa, ma chi lo fa, non per lucro nè per vanità, nè per odio, nè per altra passione, e neanco per semplice ragione onesta, umana e civ.; sibbene chi dell'amor di patria fa religione, e alla sua fiducia dà per impulso la fede alle cose immortali.

T. Addesso c'è legioni di martiri, che hanno assaggiato qualche mese di carcere comoda per darsi a conoscere, e acquistare titoli a indennità pingui assai; c'è de' martiri gaudiosi. Quel di martire è diventato una specie di mestiere; e di tali può dirsi Fa il martire.

T. Fam. d'iperb. Soffre come un martire, anco di dolori corporei; anco senza merito.

T. Per estens., chi è martoriato da altri, e soffre, con rassegnazione o senza, È un martire. – Povero martire! Anco degli annoiati, pur troppo, Povero martire! Non solo la moglie da importuno marito, o il marito da moglie importuna, ma anco Scolaro, Maestro, Lettore, Uditore martire.

T. Martire di se stesso, Chi si tormenta senza pro, talvolta non senza colpa. – Martire, dunque, non solamente delle altrui, ma delle proprie passioni.
Martire - S. m. Tormento; e si usa anche per Affanno, Passion d'animo. Del verso. Petr. Sest. 8. 4. part. I. (C) Trarre o di vita o di martír quest'alma. Fior. Virt. A. M. 1. 12. Poco dorme, e manco mangia, e sempre sta in pensiero e in martíri, e in malinconia. Dant. Vit. Nuov. 45. Spesso avvenia che, per lo lungo continuar del pianto, d'intorno a loro si faceva un colore purpureo, lo quale suole apparire per alcuno martíre, che altri riceva. Lod. Mart. Rim. 26. Che quando ogni altro duol si disacerba Provo martíre a null'altro secondo. T. Ar. Fur. 21. 22. L'alma che sente il suo peccato immondo, Pate dentro di sè tal penitenzia, Ch'avanza ogni altro corporal martíre Che darmi possa alcun del mio fallire.

2. T. Il plur. per Tormenti e pene di morte. D. 1. 23. Consigliò i Farisei che convenia Porre un uom per lo popolo a' martíri. Jo. 11. Expedit ut moriatur.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: martinetto, martingala, martingale, martini, martinicca, martinicche, martino « martire » martiri, martirio, martirizza, martirizzai, martirizzammo, martirizzando, martirizzano
Parole di sette lettere: martino « martire » martiri
Vocabolario inverso (per trovare le rime): consentire, acconsentire, assentire, dissentire, intontire, rintontire, appuntire « martire (eritram) » protomartire, partire, bipartire, dipartire, ripartire, quadripartire, tripartire
Indice parole che: iniziano con M, con MA, iniziano con MAR, finiscono con E

Commenti sulla voce «martire» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2019 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze