Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «navigare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Navigare

Verbo
Navigare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, intransitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è navigato. Il gerundio è navigando. Il participio presente è navigante. Vedi: coniugazione del verbo navigare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di navigare (veleggiare, andare per mare, viaggiare per mare, solcare il mare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani | Wikipedia

Foto taggate navigare

Vele

Imbarcazione al tramonto

Di tutti i tipi
Giochi di Parole
La parola navigare è formata da otto lettere, quattro vocali e quattro consonanti.
Divisione in sillabe: na-vi-gà-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
navigare si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): gin + avare; [evi] + [grana]; [eri] + vanga; nei + grava; nevi + [agra]; [neri] + vaga; [nervi] + agà; vige + rana; [ergi] + vana; grevi + ana; geni + [avrà]; vigne + ara; [negri] + ava; van + [agire]; rna + giave; [iva] + [grane]; [ari] + [vegan]; [riva] + nega; ani + [grave]; [ivan] + [agre]; vagì + [nera]; [agri] + [nave]; gina + [aver]; vigna + [era]; [grani] + [ave].
Componendo le lettere di navigare con quelle di un'altra parola si ottiene: +[tar, tra] = arringavate; +hiv = avvinghiare; +hiv = avvinghierà; +don = denigravano; +tan = ingranavate; +dir = ingravidare; +ton = integravano; +sos = navigassero; +ito = navigatorie; +ito = originavate; +top = pignoravate; +[ops, pos] = presagivano; +tao = ragionavate; +[ter, tre] = reintegrava; +sos = riassegnavo; +doc = ricongedava; +col = ricongelava; +tot = rigettavano; +zio = rinegoziava; +hit = ringhiavate; ...
Vedi anche: Anagrammi per navigare
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: navigate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: nave, naia, naie, avare, agre, vige.
Parole con "navigare"
Finiscono con "navigare": rinavigare, circumnavigare.
Parole contenute in "navigare"
are, avi, gare, navi, viga, naviga. Contenute all'inverso: agi, era, iva, van, ivan, agiva.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "navigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: navigai/ire, navigata/tare, navigatore/torere.
Usando "navigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: donavi * = dogare; frenavi * = fregare; allenavi * = allegare; lena * = levigare; * areata = navigata; * areate = navigate; * areati = navigati; * areato = navigato; sbrinavi * = sbrigare; * rendo = navigando; * resse = navigasse; * ressi = navigassi; * reste = navigaste; * resti = navigasti; * retore = navigatore; * retori = navigatori; * ressero = navigassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "navigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: navigli/ilare, navigata/atre, navigato/otre.
Usando "navigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = navigata; * erte = navigate; * erti = navigati; * erto = navigato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "navigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: naviga/area, navigata/areata, navigate/areate, navigati/areati, navigato/areato, navigai/rei, navigando/rendo, navigasse/resse, navigassero/ressero, navigassi/ressi, navigaste/reste, navigasti/resti, navigate/rete, navigati/reti, navigatore/retore, navigatori/retori.
Usando "navigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: levigare * = lena; dogare * = donavi; fregare * = frenavi; allegare * = allenavi; * torere = navigatore.
Sciarade e composizione
"navigare" è formata da: navi+gare.
Sciarade incatenate
La parola "navigare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: naviga+are, naviga+gare.
Intarsi e sciarade alterne
Intrecciando le lettere di "navigare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = navigatrice.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "navigare"
»» Vedi anche la pagina frasi con navigare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Navigare a vela con il mare molto mosso non è certo cosa prudente.
  • Navigare in Internet con lo smartphone è estenuante.
  • Navigare con un mare forza 9 è davvero molto pericoloso.
Espressioni e Modi di Dire
  • Navigare in cattive acque
  • Navigare a vista
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Dizionario dei sinonimi - Zecchini del 1860
Navigare, Andar per mare, Andar per barca, Solcar il mare - Navigare è generico; ma dicesi meglio di chi fa lunghi viaggi, e de' marinai che buona parte della vita menano sul mare, talchè di questi, per indicarne la professione, si suole anche dire semplicemente che navigano. Andar per mare ha per opposto andar per terra; e così andar per barca, ma questo s'intende del navigare sui fiumi per lo più. Il solcare il mare è proprio del bastimento; ma per estensione anco di chi lo dirige, o naviga su di esso. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Navigare - e † NAVICARE. S. m. Navigamento. (Fanf.) Petr. Son. 27. part. I. (C) Del lito occidental si muove un fiato, Che fa sicuro il navigar senz'arte. G. V. 10. 63. 2. Ma fecerlo per non perdere il navicare. T. Nard. Trad. Liv. I. 1. Gl'incerti errori del navigar loro. Dav. An. 4. 6. Accrebbe il navigare (l'atto e l'opera della navigazione). = Franc. Sacch. nov. 151. (C) Al fine egli era venuto 35 migliaja di miglia, che è de' maggiori navicari che si faccia.
Navigare - e † NAVICARE. V. n. ass. Andar con nave per acqua. Aureo lat. [Cont.] Mann. Pist. Arch. St. It. App. 7. 163. Navicherete dunque… verso Porto Pisano, nel quale luogo l'armata dei Viniziani essere si crede; dove se quella troverete, sia di vostro albitrio pigliare battaglia o non pigliare. = Dant. Inf. 21. (C) A rimpalmar li legni lor non sani, Che navicar non ponno. Bocc. Proem. Sol di sè nella mente m'ha presente lasciato quel piacere, che egli è usato di porgere a chi troppo non si mette ne' suoi più cupi pelaghi navicando. Vit. SS. Pad. 1. 89. Navigando egli per certe contrade…, insino da lungi s'udivano le boci del demonio che erano per le terre d'intorno. Serd. Stor. 6. 217. Vi corrono fiumi, che si navigano ancora con grosse navi. E Ist. Ind. l. 15. p. 650. ediz. fior. 1589. (Gh.) E, navigati (essendo) per lo spazio d'un mese, furono sbarcati amendue ad Arquico.

2. Saper navigare a ogni vento, dicesi proverb. di Chi sa adattarsi a' tempi, ubbidire agli accidenti. Cecch. Stiav. 5. 8. (C) Io intendo, e so che tu sei uomo, che hai ingegno, e sai essere in ogni lato, e navigare a ogni vento.

T. Prov. Tosc. 173. Chi disse navigare, disse disagio. E 136. Ognuno sa navigare col buon vento. I seg. anche fig.

T. Prov. Tosc. 84. Chi mal naviga, male arriva. (L'esito da ultimo è premio o pena de' mezzi adoprati.) T. Prov. Tosc. 280. Saper navigare. (Anche trasl. ben procedere nelle faccende, approfittando delle agevolezze, evitarne i pericoli.)

Tac. Dav. ann. 4. 59. (C) Massimamente a Nerone, primo a succedere, giovane modesto, ma non sapea navigare (cioè governare; il lat. ha:quid in praesentiarum conduceret, oblitum).

T. Modo quasi prov. Navigare a ogni vento, saper operare in ogni occorrenza e prospera e avversa.

3. Aver navigato, dicesi in proverb. di chi ha pratica del mondo. Lasc. Lez. Niccod. 36. (Man.)

4. [Val.] Navigare col vento a prua, fig. Riescir le cose sempre al contrario del desiderio. Fag. Rim. 3. 36. La farò colla voglia: sono avvezzo A navicar col vento sempre a prua.

5. Navigar per perduto, o perso, si dice di Chi essendo in estremo pericolo, o ridotto alla disperazione, si rimette interamente alla fortuna. Varch. Suoc. 4. 6. (C) Dio l'ajuti, ch'e' n'ha bisogno, e naviga per perduto. Buon. Fier. 1. 4. 6. E così navigando ognor per persi Detter poi fondo in questo asciutto porto.

Nello stesso senso dicesi anche Navigar per disperato. [F.] Panciat. scritt. var. 82. Mi metto a navigar per disperato.

6. [G.M.] Navigare fra due scogli, fig., Trovarsi stretto da difficoltà da una parte e dall'altra. Segner. Crist. Instr. 1. 3. Considerate che si naviga fra due scogli. Per una parte non ci conviene esser mai curiosi con Dio… Dall'altra banda, la fede cristiana non è una fede ignorante.

7. T. Navigare, ass. Viaggiar per mare, far la vita del marinaro.

T. Prov. Tosc. 174. Chi non naviga, non sa cosa sia timor di Dio. (Il pericolo insegna a temere sperando, ad amare temendo, a diffidare di sè).

8. Coll'A. Navigare a un luogo, o verso quello. Segner. Fatt. Arm. Aless. Farn. 23. (Gh.) Ma già il Ferumio avea navigato ad Anversa.

9. Navigare a seconda, o alla seconda, vale Navigare secondando il corso dell'acqua. [Cont.] Cit. Tipocosm. 328. Navicar fiumi, o a seconda, o contr'acqua; e quivi sarà il tirar l'alzana. = Agn. Pand. 10. (C) Ditemi; se voi foste in una barchetta, e navicaste alla seconda pel mezzo del fiume d'Arno, e, come accade, voi v'infangaste, sarebbe vostra quell'acqua, la qual voi adoperaste in lavarvi?

10. Navigare a remo, per forza di remi. [Giust.] Serd. Stor. Ind. Orient. 9. 20. Navigando a remo, lungo i ripari de' nemici, che gli traevano invano, arrivò al luogo dove si combatteva.

11. T. Navigare, coll'Essere. Non com. Chiabr. Lett. 115. Credo che le mie signore saranno navigate giocondamente.

12. Navigare secondo i venti; detto proverb., che vale Ubbidire agli accidenti, e Far della necessità virtù. V. Flos, 126. (C)

13. Att. nel primo signif. [Cont.] Agr. Geol. Min. Metall. 127. Alcuni altri hanno nel fonte loro un gran gorgo, nel quale concorrono più vene disuguali con tanta copia di acqua che si possono questi fiumi in fino al fonte loro navigare; come è il Clitumno ne la Umbria.[Camp.] D. 2. 1. Venimmo poi in sul lito diserto Che mai non vide navicar sue acque. E S. G. Gris. Om. Non vedi tu far navi, eleggere remicatori, dar le vele al vento, navicare il mare… [Val.] Tesorett. 11. 61. Io non trovo nessuno Che l'abbia navicato, Nè 'n quelle parti andato. = Car. En. 1. 114. (M.) Gente inimica a me, malgrado mio, Naviga il mar tirreno. E 3. 614. Acciò più franco Navighi i nostri mari.T. Car. En. VI. Così piangendo, disse; e navigando, Di Cuma in sen, l'Euboica riviera Si spinse a tutto corso. = Bocc. Filoc. l. 5. p. 275. (Gh.) Filocolo, che già tali mari avea navicati, a se medesimo pensando, di Galeone divenne pietoso e disse.

14. Trasportare in mare da luogo a luogo checchessia. [Cont.] Cat. P. Arch. I. 18. Comprar vile e vender caro, navigar mercanzie ed altre cose da molte lontane regioni alla loro città o ad altre, e così da quella trasportare ad altri luoghi discosto. = Urb. 37. (C) Nè anche aver fatto cosa, per la quale essa meritasse esser con tanta fretta navigata in paesi strani tra gente incognita. Cron. Vell. 65. (M.) Andonne a Vignone, e cominciò a comperare panni, e farne mercatanzía, e avendo una volta comperati panni per navicargli a Rodi… Sassett. lett.312. (Man.) I Mori che lo navigano (il pepe) a Mecca, se lo cavano di questa costa (che ne cavano molto), lo comprano del vecchio. Bart. Stor. As. Niun marinajo fosse ardito di navigare il P. Francesco. [Cors.] Gucc. Viag. 413. Delle quali se ne fa uve secche in gran parte, che si chiamano zabibo; e per ogni parte se ne navica.

15. [Cont.] Navigare in armata. Dicesi di più legni da guerra che vanno assieme sotto il comando d'un solo, per impresa guerresca. Stat. Cav. S. Stef. 94. Essere provisto d'armi a bastanza… Altrimenti non possa navigare in armata alcun legno di nostra religione; andando detti legni quadri in mercanzia se ne osservi quanto al buon giudizio e discrezione dell'ammiraglio, e del consiglio che le mandasse, parrà espediente; avvertendo sempre che vadano bene armate e corredate.

[T.] Correre le acque con nave o barca. T. Virg. Gente nemica a me naviga il mare Tirreno. – Navigare l'Ocean. = Semint. Metam 11. 27. (Gh.) Lo mare era navicato mezzo, o meno che mezzo… e l'una e l'altra terra era di lungi.

II. Ass. quasi neut. T. Car. Eneid. 1. 55. Eran di poco, e dal cospetto appena, Della Sicilia navigando usciti. Guid. G. Navigando per molte notti, sotto 'l conducimento del Tessagliese nocchiere. – Navigare per mari ignoti. – Navigò bene in queste acque. – Naviga su que' bastimenti.

III. Con partic. T. Ar. Fur. 9. 15. Che, quanto in fretta più potea, conchiuse, Di navigare a quell'iniquo regno. – Navigando dal regno. – Navigare verso la costa dalmatica. – Navigare oltre l'Adriatico.

IV. T. Arte e scienza. D. Acciaiolo. Arte di navigare 1580. – Ott. Com. Inf. 21. 376. Quivi stanno a racconciare i navilii e gli strumenti da navigare. – Carte da navigare.

V. Come sost. [Pol.] Gal. Lett. 7. 228. Bene spesso perdono le mercanzie, le navi, e lor medesimi; e pure non si dismette il navigare. T.Datosi al navigare, dice più che A navigare.

VI. Trasl. T. Navigare in cattive acque. – Navigare fra scogli.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: navigabilità, navigai, navigammo, navigando, navigano, navigante, naviganti « navigare » navigarono, navigasse, navigassero, navigassi, navigassimo, navigaste, navigasti
Parole di otto lettere: navigano « navigare » navigata
Lista Verbi: naufragare, nauseare « navigare » nazionalizzare, nebulizzare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): litigare, rilitigare, mitigare, castigare, investigare, istigare, fustigare « navigare (eragivan) » rinavigare, circumnavigare, levigare, zigare, malgare, volgare, bulgare
Indice parole che: iniziano con N, con NA, parole che iniziano con NAV, finiscono con E

Commenti sulla voce «navigare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze