Dizy - dizionario

login/registrati
contest - guida

Informazioni utili online sulla parola italiana «castigare», il significato, curiosità, coniugazione del verbo, sillabazione, anagrammi, definizioni da cruciverba, frasi di esempio, definizioni storiche, rime, dizionario inverso. Cosa vuol dire.


Castigare

Verbo
Castigare è un verbo della 1ª coniugazione. È un verbo regolare, transitivo. Ha come ausiliare avere. Il participio passato è castigato. Il gerundio è castigando. Il participio presente è castigante. Vedi: coniugazione del verbo castigare.
Parole Collegate
»» Sinonimi e contrari di castigare (mettere in castigo, infliggere una punizione, punire, penalizzare, ...)
Utili Link
Significato su Dizionari ed Enciclopedie online
Hoepli | Sabatini Coletti | Treccani
Giochi di Parole
La parola castigare è formata da nove lettere, quattro vocali e cinque consonanti.
Divisione in sillabe: ca-sti-gà-re. È un quadrisillabo piano (accento sulla penultima sillaba).
Anagrammi
castigare si può ottenere combinando le lettere di (tra parentesi quadre le parole con anagrammi): tir + sagace; [ter] + [agisca]; gite + sacra; gesti + [arca]; [ergi] + [casta]; tic + [gasare]; [csi] + [argate]; cri + [gasate]; ceti + sagra; [esci] + [grata]; [cesti] + [agra]; certi + [gasa]; greci + asta; sta + grecia; [tar] + agisce; star + giace; [sita] + greca; tag + [recisa]; gas + [cerati]; [agi] + [cresta]; gita + sacre; gasi + [carte]; [agri] + [caste]; [grati] + [asce]; [gratis] + ace; sega + traci; [gesta] + [acri]; [agre] + cista; [grate] + [casi]; [sagre] + [cita]; [strage] + caì; ...
Componendo le lettere di castigare con quelle di un'altra parola si ottiene: +cui = asciugatrice; +sos = castigassero; +non = consegnatari; +[ero, ore, reo] = cosegretaria; +don = endogastrica; +sta = gastrectasia; +[est, set] = gastrectasie; +sol = graticolasse; +duo = guardiacoste; +uni = riasciugante; +[sui, usi] = riasciugaste; +non = riconsegnata; +gas = scarseggiata; +[tau, tua] = sciaguattare; +ong = scoraggiante; +nel = segnalatrice; +fon = stenografica; +gasi = assaggiatrice; +[lino, nilo, noli] = cartilaginose; +sten = cassintegrate; +[anno, nano, nona] = consegnataria; ...
Vedi anche: Anagrammi per castigare
Cambi
Cambiando una lettera sola si può ottenere: castigate.
Scarti
Scarti di lettere con resto non consecutivo: casta, caste, casi, casare, casa, case, catare, caia, caie, care, asta, aste, asia, atre, agre, stia, stie, stare, star, sire, tigre, tiare, tare.
Zeppe (e aggiunte)
Aggiungendo una sola lettera si può avere: castigarle.
Parole contenute in "castigare"
are, asti, cast, gare, casti, castiga. Contenute all'inverso: agi, era.
Lucchetti
Scartando le parti in comune (in coda e poi in capo), "castigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: caì/istigare, castine/negare, castigai/ire, castigata/tare, castigatore/torere.
Usando "castigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: zincasti * = zingare; stancasti * = stangare; * areata = castigata; * areate = castigate; * areati = castigati; * areato = castigato; * rendo = castigando; * resse = castigasse; * ressi = castigassi; * reste = castigaste; * resti = castigasti; * retore = castigatore; * retori = castigatori; * ressero = castigassero.
Lucchetti Riflessi
Scartando le parti in comune (in coda e il riflesso in capo), "castigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: cassi/istigare, castigata/atre, castigato/otre.
Usando "castigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * erta = castigata; * erte = castigate; * erti = castigati; * erto = castigato.
Lucchetti Alterni
Scartando le parti in comune (in coda oppure in capo), "castigare" si può ottenere dalle seguenti coppie: castiga/area, castigata/areata, castigate/areate, castigati/areati, castigato/areato, castigai/rei, castigando/rendo, castigasse/resse, castigassero/ressero, castigassi/ressi, castigaste/reste, castigasti/resti, castigate/rete, castigati/reti, castigatore/retore, castigatori/retori.
Usando "castigare" (*) si possono ottenere i seguenti risultati: * negare = castine; zingare * = zincasti; stangare * = stancasti; * torere = castigatore.
Sciarade e composizione
"castigare" è formata da: casti+gare.
Sciarade incatenate
La parola "castigare" si può ottenere (usando una volta sola la parte uguale) da: castiga+are, castiga+gare.
Intarsi e sciarade alterne
"castigare" si può ottenere intrecciando le lettere delle seguenti coppie di parole: casa/tigre.
Intrecciando le lettere di "castigare" (*) con un'altra parola si può ottenere: * tic = castigatrice.
Definizioni da Cruciverba
Frasi con "castigare"
»» Vedi anche la pagina frasi con castigare per una lista di esempi.
Esempi d'uso
  • Dovrei castigare il programmatore di questo gioco per tutte le volte che trovo un bug.
  • Dovremmo castigare i nostri figli più spesso, caro Osvaldo.
  • Non mi castigare: non è colpa mia se il treno si è rotto e non sono tornato puntuale a casa!
Definizioni da Cruciverba con soluzione
Definizioni da Dizionari Storici
Vocabolario dei sinonimi della lingua italiana del 1884
Castigare, Punire - Qui lasciamo parlare il bravo Grassi.

«Un padre castiga (1) amorevolmente i suoi figliuoli, un maestro i suoi discepoli; le leggi puniscono i malfattori; si castiga un ragazzo; si punisce un fellone.

Castigo è dunque minore di Punizione, che trae la sua origine da Pena e non va mai disgiunta da questa idea (2).

La benevolenza e la carità accompagnano sempre il castigo, ed abbiamo nel Vangelo che Iddio castiga chi ama: la severità e il rigore prescrivono le punizioni. I semplici falli meritano castigo, i delitti punizione. La ragione e l’esperienza castigano bene spesso gli uomini; i rimorsi li puniscono. Il fôro correzionale castiga; il criminale punisce; gli assassini sono puniti, non castigati, coi patiboli, poichè il castigo mira a correggere il colpevole, e la punizione a spaventare gli altri coll’esempio: e però ogni pena capitale è punizione e non castigo. La filosofia d’accordo coll’umanità grida da più anni ai legislatori di avvicinar la punizione al castigo. Iddio giustissimo castiga gli uomini in vita e li punisce dopo la morte.

Questa differenza da maggiore a minore, che è tra Punire e Castigare, è così chiara nei due vocaboli, che quello di Castigare viene anche adoperato per riprendere, per ammonire talvolta agramente e severamente, e talvolta con piacevolezza: la buona commedia castiga, ridendo, i costumi, non li punisce; come i leggiadri motti castigano soavemente gli uomini, e non li puniscono: di qui il modo di dire per figura, stile, idioma castigato, cioè regolato, corretto: nel qual modo la voce punito non potrebbe capire.

Punizione ne’ suoi effetti è pena nel corpo, nella roba, nell’onore; Castigo è leggiera pena talvolta nel corpo o nella roba, non mai nell’onore, ed è tanto leggiera che si contenta per lo più di parole: «Chi per dolci parole castigato (dicono gli ammaestramenti degli antichi) non si corregge, bisogna che aspramente sia ripreso.»

«La voce Castigare comprende pure in sè l’idea relativa di superiorità dal castigatore al castigato; ma non quella di punire, poichè nessuno può essere castigato se non da un superiore a lui, ma può essere punito da’ suoi pari, da’ suoi inferiori, dalla propria coscienza, dal caso, dalla sua colpa stessa.»

(1) Scrivo Castigare e Castigo, e non Gastigare e Gastigo, quantunque il Vocabolario, citando esempj dell’una e dell’altra maniera d’ortografizzare, sembri preferir Gastigo a Castigo; ma piglio volentieri occasione di questa differenza per dichiarare che nelle tante varietà ortografiche della lingua nostra io non trovai una scorta più fida e più sincera della forma originale della voce, e però preferisco Castigare, perchè più conforme al verbo latino dal quale procede.

(2) Punío da Poenio, dicono i grammatici latini. Vedi Festo. [immagine]
Dizionario Tommaseo-Bellini del 1865-1879
Castigare - V. a. Gastigare. Aureo lat. Bocc. Nov. 10. 9. (C) Maestro, assai bene e saviamente castigate n'avete della nostra presontuosa impresa. E Nov. 85. 17. Io voglio che tu vi venghi, e vegghilo, e castighil bene. Tolom. Lett. 4. 1. (Man.) Non mancò Antonin Pio di castigar severamente tutti coloro che si chiarivano scellerati. Car. Apol. 186. (Gh.) Vi replico che non voglio entrare ne' criminali, intendendo che questa mia sia per ora piuttosto una riprensione che una accusa, e solamente di quelle cose, che si puniscono co 'l biasimo, non di quelle che si castigano con la pena.

T. Prov. Tosc. 105. Tal castiga la moglie che non l'ha, Che quando l'ha, castigar non la sa. (Tutti son buoni a dire, ma bisogna trovarsi nel caso.) E 329. Chi un ne castiga, cento ne minaccia.

2. E fig. Dant. Inf. 5. (M.) Perch'io dissi: maestro, chi son quelle Genti che l'aer nero sì castiga?

In senso mor. T. S. Greg. Castigare se stesso con qualsia annegazione.

3. [Tigr.] Applicato alle cose inanimate, vale Offendere, Guastare. Il gelo a mezzo aprile castigo le viti.

4. Per Domare, Lavorare, Esercitare. Anguil. Metam. 8. 175. (Gh.) Alfin dá lieto il fuoco alla fucina; Poi con la force il ferro acceso prende; Sopra l'incude poi tanto il castiga, Che 'l fa venire in forma d'una riga.

5. (Agr.) [Tig.] Potare, Sfrondare. E bisognerà alla fin fine castigar le viti e succiderle a piana terra. S'intende far loro una gran potatura.

6. Dicesi anche della lingua, dello stile, e sim., vale Correggere, Emendare. Pierf. Giambullar. Appar. e Fest. (Vian.) Il Commodo d'Ant. Landi, Prolog. Dalle quali (persone discrete) accetteremo che ella (la commedia) sia limata e castigata. Ces. Dissert. 110. (Man.) Si vuole che le leggi di Toscana correggano, o castighino questa lingua d'Italia.

Castigare gli errori di stile, non com. Castigl. Corteg. 9. (Vian.)

7. E trasl. Per Domare, Assottigliare, Vincere. Fav. Esop. 157. (M.) Col mio forte dente (parla la lima)… castigo la grossezza di ciascun ferro, appianando qualunque aspro.

8. (Vet.) [Cont.] Nel signif. del § 2 di Castigo. Gris. Cav. 102. Il cavallo si può castigare in sette modi: di voce, di bacchetta, di briglia, di polpe di gambe, di staffa, di sproni, e di volta. Il castigo di voce, come prima v'ho detto, è quello che egli (il cavallo) più teme. E 10. v. Se il cavallo non si volesse avvicinare al poggio, per farsi cavalcare, e voi allora con un bastone fra le orecchie, e nella testa, e fuor che attorno agli occhi, in qualunque altra parte della persona vi sarà più commodo, mirabilmente, e senza rispetto lo castigarete.
Navigazione
Parole in ordine alfabetico: castigai, castigamatti, castigammo, castigando, castigano, castigante, castiganti « castigare » castigarla, castigarle, castigarli, castigarlo, castigarono, castigasse, castigassero
Parole di nove lettere: castigano « castigare » castigata
Lista Verbi: cascare, cassare « castigare » castrare, casualizzare
Vocabolario inverso (per trovare le rime): brigare, sbrigare, irrigare, intrigare, litigare, rilitigare, mitigare « castigare (eragitsac) » investigare, istigare, fustigare, navigare, rinavigare, circumnavigare, levigare
Indice parole che: iniziano con C, con CA, parole che iniziano con CAS, finiscono con E

Commenti sulla voce «castigare» | sottoscrizione

Scrivi un commento
I commenti devono essere in tema, costruttivi ed usare un linguaggio decoroso. Non sono ammessi commenti "fotocopia" o in maiuscolo.

Per inserire un commento effettua il login.


 
Dizy © 2013 - 2020 Prometheo Informativa Privacy - Avvertenze